"
""Napoli" è una di quelle parole chiave della comunicazione, in grado di attivare nel pubblico un'attenzione talmente malevola da congedare ogni senso critico, per cui tutto risulta credibile."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 25/05/2006 @ 22:07:06, in Commentario 2006, linkato 1005 volte)
Lo stato confusionale della sinistra italiana è messo drasticamente in evidenza dal dibattito sulla fondazione di un "partito democratico" in cui confluiscano le attuali formazioni dei DS e della Margherita. Quale che sia l'esito pratico di questo dibattito, esso già di per sé dimostra che il colonialismo USA è riuscito in un suo obiettivo storico, cioè azzerare in Italia - come è già accaduto nei Paesi Latino Americani - le tradizioni politiche, ingenerando una piatta imitazione dei modelli statunitensi.
Ma la domanda è: esistono davvero questi modelli?
Il problema è che identificare il Partito Democratico statunitense con la sinistra dello schieramento politico, è soggetto ad una tale serie di eccezioni e distinguo, che l'identificazione diventa del tutto arbitraria. Nel sud degli Stati Uniti il Partito Democratico è storicamente il più vicino al Ku Klux Klan, al punto da costituirne soltanto il braccio politico/legale. Il governatore razzista dell'Alabama, Wallace - quello che fu sparato nel 1972, rimanendo paralizzato - era del Partito Democratico. Clamorosa era stata la sua pubblica presa di posizione a favore degli assassini di una donna attivista dei diritti civili. Gli assassini erano ovviamente del Klan.
Qualcuno ricorderà che l'attentato a Wallace è uno degli episodi del film "Forrest Gump", che a suo tempo fece piangere di commozione Walter Veltroni. Il protagonista del film portava appunto il nome del fondatore del Klan, il generale Forrest, il quale, nello stesso film, è presentato come il capo di una banda di zuzzurelloni. Il nome della setta derivava dalla corruzione del greco "kuklos" (circolo), con l'aggiunta dello scozzese Klan. Del resto tutto l'armamentario ideologico e mitologico del Klan è costituito da una miscellanea di suggestioni riprese dagli ambiti culturali più diversi, tenuti insieme da un apparato magico/esoterico.
Negli Stati Uniti vi è un affollamento di società segrete, tante quante, proporzionalmente, potevano essercene in Europa nel XVII secolo. La mancanza di tradizioni politiche consolidate e riconoscibili costituisce una porta aperta all'aggregazione sulla base di messaggi irrazionalistici. Non sarebbe fondato ritenere che queste tradizioni politiche manchino a causa di una presunta "diversità culturale" della popolazione degli Stati Uniti.
Sino agli inizi del '900 vi sono stati invece numerosi tentativi di costituire in America dei partiti operai e socialisti di massa, tentativi che apparivano riusciti, ma sono stati poi stroncati da una violenza capillare che si è servita di apparati repressivi paralleli ed illegali. L'oligarchia statunitense non ha mai esitato a liquidare fisicamente le opposizioni politiche e sociali, salvo poi sostituirle con nuova immigrazione.
Uno dei vantaggi della posizione di predominio colonialistico è quello di poter far sapere agli altri soltanto ciò che ti fa comodo. Questo è il motivo per cui nel mondo, nonostante tutto, sopravvive il mito degli Stati Uniti, che, al di là "dei loro errori e dei loro eccessi", sarebbero il faro della democrazia.
Comidad, 25 maggio 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 18/05/2006 @ 22:05:02, in Commentario 2006, linkato 864 volte)
Il sindaco di Roma, Walter Veltroni, il diessino "dal volto umano", si è fatto carico di avviare la riabilitazione delle legge Biagi, che istituzionalizza il precariato. Sacrificato dal sistema di dominio per santificare il precariato, oggi Marco Biagi ha a Roma una strada intitolatagli da Veltroni.
Gli slogan adoperati da Veltroni ricalcano quelli che ha usato l'ex governo durante la campagna elettorale appena trascorsa: sarebbe grazie alla legge Biagi che centinaia di migliaia di giovani avrebbero potuto uscire dalla disoccupazione e dal lavoro nero per accedere ad un rapporto di lavoro legalizzato, anche se a tempo determinato.
Una cinquantina di anni fa, durante la repressione francese in Algeria, Don Lorenzo Milani così descriveva l'atteggiamento della gerarchia cattolica nei confronti delle torture: dire coglione è un peccato, metterci un elettrodo no. Per quelli come Veltroni è la stessa cosa: tutto è ammissibile - precariato, apartheid, servitù della gleba, schiavismo -, basta non dire volgarità come Berlusconi e Calderoli. La differenza tra destra e sinistra è ormai questione di toni e non di contenuti.
In realtà le cosiddette argomentazioni a favore della legge che porta il nome di Biagi - che ne sia poi effettivamente lui l'autore, è tutto da dimostrare -, si basano su evidenti forzature. » vero infatti che l'entrata in vigore delle legge ha sbloccato le assunzioni, ma quelle stesse assunzioni erano rimaste in sospeso proprio perché agli imprenditori era stato detto di attendere finché non fosse stata approvata la legge.
Perché mai gli imprenditori avrebbero dovuto assumere lavoratori alle vecchie condizioni, quando gliene erano state promesse delle nuove, molto più vantaggiose? La realtà, che nemmeno le statistiche sono riuscite ad occultare, è che la propaganda sulla "flessibilità" e le aspettative che ne sono derivate, hanno avuto degli effetti di rallentamento sull'economia, scoraggiando gli investimenti.
Ancora una volta è accaduto ciò che gli schemi marxistici non sono in grado di vedere, e cioè che la logica del profitto è inserita in un contesto di gerarchizzazione sociale, perciò, come già diceva Montaigne, le leggi possono avere come movente il semplice odio contro l'uguaglianza.
Ratzinger ha detto che i poveri, per essere graditi a Dio, devono vivere la loro condizione senza rancore e senza invidia, altrimenti rischiano pure di andare all'Inferno. Anche Marx, nei "Manoscritti economico-filosofici", ha avallato questo luogo comune secondo cui esisterebbe un socialismo dettato dall'invidia dei poveri verso i ricchi.
Ma per essere oggetto di invidia non è affatto necessario avere qualcosa, basta che gli altri pensino che tu possa averlo. Nella società e nell'economia, le aspettative fanno realtà.
Comidad, 18 maggio 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


15/12/2018 @ 11:02:46
script eseguito in 62 ms