"
"Il capitalismo non è altro che il rubare ai poveri per dare ai ricchi, e lo scopo della guerra psicologica è quello di far passare il vampiro per un donatore di sangue; perciò il circondarsi di folle di bisognosi da accarezzare, può risultare utile ad alimentare la mistificazione."

Comidad (2009)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 23/10/2006 @ 21:01:36, in Documenti, linkato 1050 volte)

Il colonialismo è una tecnica di dominio che si riproduce con precise costanti nel corso della Storia. Queste prime voci costituiscono l'avvio della stesura di un manuale a riguardo. Chi fosse interessato, può anche fornire il suo contributo. Comidad - 23 0ttobre 2006

1 - All'inizio del XIX secolo, Thomas Jefferson, secondo presidente degli Stati Uniti e proprietario di schiavi seppur tormetato dalla cattiva coscienza, raccomandava di sterminare gli Indiani o di deportarli il più lontano possibile. Un secolo più tardi, Theodor Roosevelt gli faceva eco dichiarando: "Non arriverò a dire che un un buon Indiano è un Indiano morto, ma insomma è questo il caso per nove su dieci di loro, e non starò a perdere il mio tempo col decimo."

2 - La colonizzazione dell'Australia e il massacro sistematico di decine di migliaia di aborigeni, veniva giustificato dagli inglesi con la tesi della "terra nullius", terra disabitata. Ma nel 1838, lo Stato inglese, per affermare la sua autorità proibisce... il genocidio. Ecco come il "Sydney Morning Herald" risolve la contraddizione tra terra nullius e proibizione del genocidio: "Questo vasto paese non era per loro [gli Aborigeni] che un territorio in comune - non dedicavano nessun lavoro alla terra -, la loro proprietà, il loro diritto non valevano più di quelli che dell'emù o del canguro. Non dedicavano nessun lavoro alla terra e questo - questo soltanto - è ciò che dà un diritto alla sua proprietà [...]. Il popolo britannico[...] ne ha preso possesso[...] e aveva perfettamente il diritto di farlo, proprio per autorità divina, secondo la quale è ordinato all'uomo di andare avanti, di popolare e coltivare la terra."

3 - "L'invenzione della tradizione"
L'invenzione di realtà fittizie con cui confrontarsi è una delle tecniche più note del sistema di dominio. L'invenzione del passato è stata frequente e diffusa in tutta la colonizzazione della fine del XIX secolo. In India, ad esempio era attraverso i letterati bramini che filtravano le informazioni sul passato e sulla concezione del mondo, che erano ascoltati perché facevano eco alla visione orientalista degli ufficiali britannici. La missione rigeneratrice della civilizzazione non era così concettualizzata come l'imposizione di una norma cristiana, ma come il recupero della verità delle tradizioni indigene. In questa direzione va pure l'invenzione di un "diritto tradizionale" relativo ai costumi locali.

Nel 1984, la Corte Suprema indiana rifiutò di abolire la "restituzione del diritto coniugale": in nome delle tradizioni induiste e della necessità di lottare contro il "male del secolo", il divorzio, le donne si vedevano costrette a ritornare dal loro marito, foss'anche accompagnate dalla polizia. Ora la restituzione del diritto coniugale non esisteva nel costume indiano, ed era stata introdotta solo nel 1857, quando le alte corti dei tribunali inglesi e indiani erano state fuse.

Il caso è esemplare dell'"invenzione della tradizione", ovvero della legittimazione di un insieme di pratiche facenti riferimento alla continuità con il passato, quando invece sono recenti o persino inventate, e che introducono rigidità laddove c'era elasticità. Questa operazione permette di legittimare il potere coloniale inserendolo nelle tradizioni del paese colonizzato pur lasciando profittare alcuni colonizzati di una posizione intermedia o di potere.

D'altro canto, gli interventi coloniali giustificati ufficialmente dalla lotta contro pratiche poco difendibili, come la cremazione delle vedove (sati), il matrimonio di bambini, il matrimonio forzato, il levirato ecc. se avevano pochi effetti pratici in questo senso, erano molto più utili a marcare la sedicente superiorità morale dei colonizzatori e a legittimare il loro dominio più che assicurare una libertà femminile che nella stessa Europa era ancora lontana.


Cfr. Hosbawm-Ranger, The invention of Tradition, Cambridge University Press, 1983

Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 19/10/2006 @ 22:40:11, in Commentario 2006, linkato 1340 volte)
Il 17 ottobre le agenzie di stampa hanno diffuso le foto dei bambini nordcoreani colpiti dalla carestia provocata dal tirannico governo stalinista, il quale, mentre la popolazione muore di fame, impegna le sue risorse in costosissimi programmi nucleari. Nel 1991, durante la prima guerra del Golfo, le agenzie diffusero le immagini del cormorano inzaccherato dal petrolio fuoriuscito a causa dei bombardamenti iracheni, e, verso la fine della guerra, la scena del prigioniero iracheno che si inginocchiava davanti al soldato americano che gli portava da mangiare. A distanza di qualche anno abbiamo saputo che quelle immagini erano dei falsi. Come pure era falsa la notizia dei soldati iracheni che rubavano le incubatrici dagli ospedali del Kuwait, gettando via i neonati che ancora contenevano. » risultata poi falsa anche la notizia del genocidio da parte dei Serbi in Kossovo, che giustificò l'attacco della NATO alla Serbia.
A distanza di qualche anno, le stesse agenzie di stampa che diffondono le false notizie, poi riportano, anche se in modo molto meno eclatante, la smentita di quelle stesse notizie. Ciò dovrebbe indurre oggi ad una prudenza nell'accettare le notizie e le immagini sulla carestia in Corea del Nord, ma c'è poco da sperarci. Anche da parte di molti oppositori, ogni dubbio a riguardo verrebbe indicato come uno schierarsi con un governo tirannico, con il quale non si deve essere confusi. Ciò spiega anche perché non vi sia stata nessuna esitazione a prendere come oro colato i rapporti di un'organizzazione ambigua come Amnesty International a proposito delle presunte atrocità commesse dagli Hezbollah.
Ecco perché il Potere lascia che alla fine la verità venga alla luce. Coprire in ogni modo la verità sarebbe infatti inutilmente costoso. Cosa ha cambiato, infatti, la scoperta che le armi di distruzione di massa di Saddam non esistevano più? Nulla.
Il carabiniere saltato in aria nella sua caserma mentre confezionava una bomba, ha fatto poi dubitare qualche compagno in più sull'autenticità dei pacchi bomba "anarcoinsurrezionalisti"? Non risulta.
Cambierebbe qualcosa quando si accertasse che tutta la versione ufficiale sull'11 settembre è un falso? Probabilmente, no. Anzi, quasi tutti - oppositori compresi - sarebbero, almeno inizialmente, disposti a credere al prossimo 11 settembre.
Il problema è che, nel conflitto di classe la comunicazione non è nient'altro che un'arma. Due autori così diversi come Max Stirner ed Alessandro Manzoni (per bocca di fra Cristoforo, ne "I Promessi Sposi", cap. VII) hanno messo in evidenza come nel campo di battaglia della comunicazione non vi sia nulla di più irrilevante della verità.
Il sistema giuridico statunitense ha addirittura formalizzato l'irrilevanza della verità, perciò, anche se un condannato riesce a dimostrare la sua innocenza, il fatto di per sé non è un motivo sufficiente per scagionarlo, ma è condizionato a motivi di opportunità.
Non soltanto la verità è irrilevante, ma più la menzogna è sfacciata, più la notizia è palesemente assurda, più essa diviene un segnale di forza. La posizione di forza non serve soltanto a imporre le false notizie, ma anche a farne mancare di vere. » chiaro che nel momento in cui Putin ha dato il suo determinante voto nel Consiglio di Sicurezza dell'ONU alla risoluzione voluta da Bush, deve avere ottenuto qualcosa in cambio, magari l'omertà dei media europei e americani su quanto avverrà in Cecenia nei prossimi giorni.
Il vero messaggio della propaganda perciò non è la sofferenza del bambino o del cormorano, ma la posizione di forza di chi impone la notizia o la non notizia. Ed è esattamente questo il messaggio che viene recepito.
La comunicazione nasce da premesse gerarchiche e serve a creare gerarchie, e la stessa opposizione tende spesso a non sfidare queste gerarchie. Questo comportamento di alcuni oppositori non va ritenuto in sé contraddittorio o incoerente, dato che la stessa posizione di oppositore può essere da loro interpretata e vissuta come un ruolo subordinato nella gerarchia; un ruolo magari provvisorio in attesa di carriera e promozioni. Non è un caso quindi, e neppure semplice incoerenza, se molti propagandisti ufficiali provengono dalle file della sinistra o dell'estrema sinistra.
Le gerarchie della comunicazione sono dei contenitori i cui contenuti possono cambiare, solo lo schema rimane inalterato. Ad esempio, l'antisemitismo oggi è reato, ma lo schema propagandistico secondo cui un'organizzazione di privati possa permettersi di sfidare il mondo nasce proprio nell'ambito dell'antisemitismo. L'antenato di Al Qaeda è i Sette Savi di Sion. Oggi l'Occidente sarebbe minacciato dal fondamentalismo islamico, allo stesso modo in cui un secolo fa il mondo era minacciato dall'Ebreo Internazionale. Gli Ebrei costituiscono un soggetto labile ed indeterminato quanto gli Islamici, ma ciò non ha impedito ad Henry Ford di scrivere della minaccia ebraica ne " L'ebreo Internazionale", o a Oriana Fallaci di scrivere della minaccia islamica ne "La rabbia e l'orgoglio".
Molti si sono chiesti come si sia potuto dare credito ad un falso grossolano come i Protocolli dei Sette Savi di Sion. Ma perché, il video di Bin Laden che parla dei suoi sogni non è un falso altrettanto grossolano ?
Il problema è che l'attendibilità di una notizia viene valutata non in base alla sua veridicità, ma in base alla gerarchia che la esprime.
Comidad, 19 ottobre 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (21)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


27/05/2019 @ 12:07:35
script eseguito in 76 ms