"
"Propaganda e guerra psicologica sono concetti distinti, anche se non separabili. La funzione della guerra psicologica è di far crollare il morale del nemico, provocargli uno stato confusionale tale da abbassare le sue difese e la sua volontà di resistenza all’aggressione. La guerra psicologica ha raggiunto il suo scopo, quando l’aggressore viene percepito come un salvatore."

Comidad (2009)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 11/05/2006 @ 22:03:00, in Commentario 2006, linkato 954 volte)
Da sempre la propaganda svolge la funzione di occultare i dati di fatto, facendo passare da "dietrologo" chi cerchi di riportarli in evidenza. Nella controversia nucleare il governo iraniano si gioca oggi un potere contrattuale che deve proprio agli Stati Uniti ed alla sua occupazione coloniale dell'Iraq. La collaborazione del governo iraniano è stata decisiva per consentire agli Stati Uniti una rapida occupazione del territorio, ma lo è anche adesso, per mediare con la comunità islamica sciita, maggioritaria nel sud dell'Iraq.
Ovviamente l'Iran si trova ad essere il bersaglio della propaganda araba e sunnita, che lo accusa di collaborazionismo con gli Stati Uniti. Ciò spiega le tante dichiarazioni "folli" del Presidente iraniano, il quale deve respingere davanti all'opinione pubblica araba questo marchio di alleato del colonialismo statunitense.
Anche gli Stati Uniti, a loro volta, devono dissimulare questa pur evidente alleanza tattica, e perciò sembrano porsi come i capofila dei sostenitori delle sanzioni, mentre alla Russia spetta il ruolo di chi frena la collera di Bush. La semplice voce di possibili sanzioni, o addirittura di una guerra, è sufficiente a spingere sempre più in alto il prezzo del petrolio, e ciò corrisponde all'interesse immediato sia degli Stati Uniti, che devono far fruttare al massimo il petrolio che stanno saccheggiando in Iraq, sia della Russia, che è uno dei principali Paesi produttori di materie prime.
Se si considera che anche l'Iran è uno dei maggiori produttori di petrolio, ci si rende conto che questo stato di artificiosa tensione corrisponde ad un suo interesse economico e non solo propagandistico.
Anche sull'Afganistan l'uccisione, pochi giorni fa, di soldati italiani in un attentato, è stata l'occasione per riciclare il solito quadro propagandistico dai toni allarmati e vittimistici, secondo il quale il potere reale del governo afgano sarebbe limitato alla sola capitale Kabul, mentre il resto del territorio sarebbe tornato sotto il controllo dei Talebani. Queste confessioni di impotenza sono sempre sospette e contraddicono il dato di fatto secondo il quale i poteri tribali afgani hanno accettato, almeno per il momento, l'occupazione e la tutela coloniale degli Stati Uniti in cambio della possibilità di cogestire il business del traffico d'oppio.
Il mito dello "scontro di civiltà" serve a celare che esistono una politica ed una economia sfacciatamente colonialistiche, rese possibili da un intreccio politico/affaristico con settori dei popoli colonizzati.
Comidad, 11 maggio 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 04/05/2006 @ 22:00:33, in Commentario 2006, linkato 892 volte)
Una delle regole fondamentali della propaganda è che quando la propria posizione sia diventata insostenibile, occorre inventare una contro-posizione fittizia, che risulti ancora più insostenibile, e che serva sia a distrarre l'attenzione, sia a far recuperare credito.
La seconda strage di Nassiriya è stata infatti accompagnata da polemiche sullo slogan che sarebbe stato lanciato mesi fa in alcune manifestazioni e, recentemente, persino in occasione del 25 aprile: "Dieci, cento, mille Nassiriya". Lo slogan sarebbe stato nuovamente gridato in altre manifestazioni avvenute dopo l'attentato in cui sono morti quattro militari, di cui tre italiani.
Additando i soliti cattivi al ludibrio della pubblica opinione, il governo Berlusconi ha cercato di mettere in secondo piano le proprie dirette responsabilità nell'accaduto. Era ovvio infatti che annunciare il ritiro delle truppe italiane per poi dilazionarlo nel tempo, non avrebbe potuto evitare altri attacchi, perché le variabili in campo erano troppe, e non riguardavano soltanto i rischi connessi alla competizione tra i vari gruppi della resistenza.
Le altre variabili riguardavano gli stessi "alleati" dell'Italia, i quali hanno oggettivamente tutto il vantaggio a mettere in difficoltà le ipotesi di ritiro, presentandole come una resa di fronte al terrorismo. Non a caso questa tesi è stata ripresa dai commentatori delle grandi testate giornalistiche, a dimostrare ancora una volta la verità di quanto sosteneva già ottant'anni fa Francesco Saverio Nitti, e cioè che la stampa italiana rappresenta la voce della subordinazione coloniale dell'Italia ad altre potenze.
Non che Stati Uniti e Gran Bretagna abbiano effettivamente bisogno sul campo della presenza dei soldati italiani, ma la loro eventuale partenza rischierebbe di isolarli ulteriormente. L'aspetto curioso della vicenda è che i soldati del contingente italiano, compresi i loro comandanti, sembrano essere i più ansiosi di andarsene. È da rilevare infatti che nel loro rapporto sull'attentato, le autorità militari non hanno fatto nulla per accreditare l'esistenza del fantomatico soggetto politico detto "terrorismo" e, con sommo dispiacere dei giornalisti, hanno sgombrato subito l'ipotesi kamikaze, parlando di un ordigno collocato sul tragitto, secondo i normali canoni della guerriglia. È chiaro che sarebbe bastato anche solo ventilare l'ipotesi dell'azione di un kamikaze perché l'attentato diventasse automaticamente simbolo dello scontro di civiltà.
Coloro che di fatto auspicano altre "dieci, cento, mille Nassiriya" sono quelli che lavorano per ritardare il ritiro dei soldati italiani. Era questo che si voleva mettere in ombra quando si sono mandati dei provocatori a gridare quello slogan nelle piazze.
Comidad, 4 maggio 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


13/12/2018 @ 20:06:58
script eseguito in 91 ms