"
""Napoli" è una di quelle parole chiave della comunicazione, in grado di attivare nel pubblico un'attenzione talmente malevola da congedare ogni senso critico, per cui tutto risulta credibile."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 28/01/2021 @ 00:09:50, in Commentario 2021, linkato 6565 volte)
Agli inizi del 2016 la stampa diffuse la notizia che un film biografico sul campione olimpico Jesse Owens, vincitore di quattro medaglie d’oro alle Olimpiadi di Berlino del 1936, ripristinava la verità storica sul famoso aneddoto secondo cui Hitler si sarebbe rifiutato di stringere la mano al “negro” Owens. Sulla base della testimonianza e dei documenti fotografici forniti dallo stesso Owens, si è potuto ricostruire che in realtà Hitler strinse la mano al campione olimpico statunitense; fu invece proprio il presidente USA Franklin Delano Roosevelt a rifiutarsi di ricevere Owens alla Casa Bianca.
Le anticipazioni di stampa sul film furono poi smentite dai fatti, poiché si vide che la trama di “Race” continuava ad attenersi alla vecchia e falsa versione ufficiale, e non faceva alcun cenno alla discriminazione da parte di Roosevelt. I produttori di “Race” avevano investito una montagna di soldi, per cui non potevano correre il rischio di ritrovarsi il film emarginato dalla distribuzione. Anche tutti i tentativi di Owens di convincere i giornalisti a pubblicare la vera versione dei fatti, avevano ottenuto solo comprensione umana, poiché nessun giornalista se l’era sentita di giocarsi la carriera narrando di un Roosevelt più razzista persino di Hitler.
Eppure quegli avvenimenti, se inquadrati storicamente, risultano del tutto logici. Hitler non aveva nulla da perdere a compiere quel gesto ipocrita di stringere la mano ad Owens; anzi aveva tutto l’interesse a non sollevare incidenti diplomatici e ad accreditare l’immagine rassicurante che la Germania nazista voleva offrire di sé nel 1936. Al contrario, Roosevelt con quell’ipocrisia avrebbe irritato il suo elettorato democratico del Sud, che era rigidamente segregazionista. Oggi negli USA il Partito Democratico è il partito delle minoranze etniche, ma sino agli anni ‘50 era stato molto più zelante del Partito Repubblicano nel difendere le leggi segregazioniste. Ciò fa comprendere quanto sia ridicolo da parte dei commentatori europei attribuire le categorie ideologiche di destra e sinistra ai partiti statunitensi, che sono meri comitati elettorali.
L’intervento statunitense nella seconda guerra mondiale non assunse alcuna connotazione ideologica in senso antirazzista, e le regole segregazioniste rimasero in vigore all’interno delle forze armate. Quella connotazione ideologica antirazzista fu attribuita solo a posteriori in funzione della guerra fredda e del confronto ideologico con il comunismo sovietico. Alla vigilia di un intervento militare nel Sud-Est asiatico, gli USA non potevano più permettersi di concedere alla propaganda sovietica quell’argomento sul razzismo americano, che sarebbe stato molto efficace nei confronti di popoli di colore.

Kennedy e il suo successore Johnson formalizzarono l’abolizione delle leggi segregazioniste. Nonostante le resistenze violente da parte dei segregazionisti, il processo riuscì ad andare avanti, e non solo per gli interessi imperialistici in gioco, ma anche per un motivo interno alla società statunitense. Lo sviluppo economico consentiva infatti un aumento dei redditi ed un ascensore sociale agli americani “bianchi”, per cui le gerarchie erano comunque preservate e garantite dal divario nell’incremento del reddito, in media decisamente più basso per le minoranze etniche, che vedevano comunque anch’esse un certo miglioramento delle proprie condizioni.
Dal punto di vista delle oligarchie quella crescita del reddito dei ceti più bassi fu percepita però come un pericolo per l’assetto gerarchico, poiché per i ricchi il divario razziale non si focalizza sul colore della pelle ma soprattutto sulla ricchezza: sono i poveri ad essere considerati la razza inferiore, cioè la differenza di reddito segna la superiorità o l’inferiorità anche sul piano antropologico. Il “disagio” dei ricchi fu espresso in un documento della Commissione Trilaterale del 1975, “La Crisi della Democrazia”, un vero e proprio manifesto del vittimismo padronale. Ad essere sotto accusa nel documento non era realmente la “democrazia”, che non è mai esistita, bensì quella mediazione politica che aveva consentito ai redditi più bassi di crescere. Era quindi lo sviluppo economico a dover essere frenato, in modo da impoverire le classi subalterne, mentre l’accumulo delle ricchezze dei pochi doveva essere assicurato dalla finanza.
Già alla fine degli anni ’70 l’incremento del reddito delle classi medie e lavoratrici si arrestò e, con la vittoria statunitense nella guerra fredda, si è avviato un processo inverso, addirittura di pauperizzazione. Da circa trenta anni il reddito degli americani “bianchi”, la cosiddetta “middle class”, che negli USA si identifica in gran parte con la classe lavoratrice, tende a precipitare e ad avvicinarsi pericolosamente a quello delle minoranze etniche. Ecco che allora rinasce prepotentemente il problema per i bianchi poveri di “essere almeno meglio dei negri e degli ispanici”.

Nella società gerarchica il non discriminare le minoranze diventa così un lusso, o un vezzo, di chi sta ai vertici della gerarchia sociale, mentre il “popolo” non può più permettersi di non discriminare, se non a prezzo di declassarsi nella scala gerarchica. Il politicamente corretto affronta il dramma della “middle class” con un analogo schema gerarchico, ma ci aggiunge anche un tocco simile a quello della infelice battuta ingiustamente attribuita alla ignara e inconsapevole Maria Antonietta: “Se non hanno pane, perché non mangiano brioche?”. Dalla “middle class” che vede sprofondare le sue aspettative di benessere, il politicorretto pretenderebbe infatti che non rimanga attaccata al proprio passato, che non sia nazionalista e “reazionaria”, bensì che diventi aperta, progressista come i miliardari filantropi.
All’animabellismo dei politicorretti si è falsamente “contrapposto” l’animabruttismo del cialtrone Trump, che però, guarda caso, è anche lui un miliardario e un oligarca, quindi un “santo” della religione politicorretta; perciò anche il suo “rimedio” è consistito nel beneficare i ricchi, perché potessero, bontà loro, dar lavoro ai poveri.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 24/01/2021 @ 00:06:38, in Aforismi, linkato 2727 volte)
“Mi viene l’idea di far loro eleggere il capoclasse, e tutti pongono la propria candidatura. Io spiego il sistema, di come debbono concentrare i loro voti, della metà più uno eccetera. Tempo perso. Al primo scrutinio risulta che ciascuno ha votato per sé. Pare si rendano conto che a questo modo non si può. Ma il risultato della seconda votazione differisce dal primo soltanto per il fatto che tre o quattro voti si concentrano su un solo nome. Alla terza i voti concentrati diventano cinque o sei. Dopo mezza giornata di votare vien fuori un capoclasse eletto con appena la metà più uno dei voti.
Dopo qualche giorno tutti a gran voce mi propongono di destituirlo; il ragazzo si riteneva investito dell’incarico di picchiare i compagni, anche fuori della scuola; con minacce e piccole torture chiedeva tributi. Lo dichiariamo decaduto. La destituzione lo abbatte, gli mette dentro rancore.
Non credo mi verrà più l’idea di far eleggere un capoclasse”

(L. Sciascia, Le parrocchie di Regalpetra)


“C’è un tragico difetto nella nostra preziosa Costituzione, e non so come vi si possa rimediare. È questo: solo gli scoppiati vogliono candidarsi alla presidenza. Ed era così già alle superiori. Solo gli alunni più palesemente disturbati si proponevano per fare i rappresentanti di classe. Si potrebbero fare esaminare tutti i candidati da alcuni psichiatri. Ma chi vorrebbe mai fare lo psichiatra, se non uno scoppiato?”

Kurt Vonnegut


"La differenza tra Democrazia e Dittatura è che in Democrazia prima si vota e poi si prendono ordini; in una Dittatura non c'è bisogno di sprecare il tempo andando a votare."

Charles Bukowski

Ringraziamo "Cassandre" per la collaborazione
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (4)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (52)
Commentario 2020 (54)
Commentario 2021 (8)
Commenti Flash (61)
Documenti (29)
Falso Movimento (7)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (18)
Links (1)
Manuale del piccolo colonialista (17)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


03/03/2021 @ 12:51:39
script eseguito in 83 ms