"
"Il Congresso nega nel principio il diritto legislativo" "In nessun caso la maggioranza di qualsiasi Congresso potrà imporre le sue decisioni alla minoranza"

Congresso Antiautoritario Internazionale di Saint Imier, 1872
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 21/09/2006 @ 21:42:19, in Commentario 2006, linkato 979 volte)
Da agente provocatore qual è, Ratzinger ha dato in questi giorni il suo contributo alla messinscena del presunto scontro tra cristiani e musulmani. » la risposta propagandistica del sistema coloniale alla opposizione che si sta delineando contro la missione militare in Libano.
Tutta la rappresentazione mediatica tende a mettere in contraddizione gli occidentali progressisti e terzomondisti, ponendo loro il quesito capzioso e paternalistico se l'antiamericanismo e l'antisionismo siano ragioni sufficienti per appoggiare i movimenti di resistenza islamica. La manifestazione contro la missione militare in Libano che si prepara per il 30 settembre, per quanto apprezzabile negli scopi e nelle intenzioni, si presenta ancora una volta vulnerabile a questa ulteriore offensiva ideologica del dominio, proprio perché non riesce ad uscire dalla trappola della falsa identità occidentale.
La questione è che il colonialismo non consiste in uno scontro di civiltà e neppure in uno scontro tra popoli, e neanche può essere ricondotto a generiche cause economiche. Il colonialismo è uno specifico modello di aggressione politico/affaristico/criminale che funziona anche all'interno dei paesi colonizzatori, modello per il quale il governo statunitense ha avuto lo stesso approccio sia a Baghdad che a New Orleans. Anche il business dell'emigrazione si fonda sulla contestuale distruzione del tessuto economico e sociale sia dei Paesi di provenienza degli emigrati, sia dei Paesi dove essi vengono deportati.
La falsa coscienza indotta dal colonialismo è invece quella di spezzettarti la realtà in tanti "problemi": il problema palestinese, il problema della emigrazione, il problema del precariato, il problema dei soccorsi, ecc.; ma, se si va a vedere, la costante dei problemi è unica, e riguarda un approccio economico che si preoccupa preliminarmente di far terra bruciata del contesto economico/sociale/ambientale precedente.
Il bombardamento a tappeto del Libano, inspiegabile sul piano strettamente militare, è la indispensabile premessa di una futura dipendenza economica del Libano, la condizione per eliminare i rapporti sociali e produttivi esistenti, per poi soppiantarli. In questo senso, le "missioni di pace" sono anche l'aggancio per un affarismo connesso alla ricostruzione.
Ma anche la Tratta ad Alta Velocità distrugge un ambiente in modo irreversibile, rendendo un'intera valle economicamente dipendente da una tecnologia di cui la popolazione non potrà mai avere la gestione e il controllo. Perciò la TAV si rivela un pretesto per dominare e colonizzare un territorio, una colonizzazione che persisterà persino quando la TAV sarà riconosciuta come antieconomica e quindi abbandonata.
Ciò che il paternalismo occidentalista impedisce di vedere, è che il terzo mondo siamo anche noi.
Comidad, 21 settembre 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 14/09/2006 @ 21:44:13, in Commentario 2006, linkato 917 volte)
Il tratto comune alle varie commemorazioni (stavamo per dire: "celebrazioni") dell'11 settembre avvenute in questi giorni, è stata la mancanza di serietà. Questa osservazione prescinde dalla questione se si sia trattato o meno di un auto-attentato, questione ormai tanto dibattuta e popolare da essere arrivata alla comunicazione ufficiale, anche se solo per esservi screditata.
Secondo queste commemorazioni/celebrazioni, l'11 settembre del 2001 gli Americani si sarebbero improvvisamente accorti che nel mondo esiste una immotivata ostilità nei loro confronti. Insomma, gli Americani avrebbero scoperto di essere odiati, e non si sa bene il perché: forse perché sono liberi, sono ricchi o, semplicemente, perché vogliono aiutare gli altri.
Ora, questa mancanza di serietà non costituisce un dato episodico, ma è l'ideologia stessa del colonialismo. I nemici del colonialismo sono sempre dei barbari, dei fanatici, dei criminali, cosa del resto non difficile da dimostrare ogni volta, dato che l'umanità in genere è quello che è.
Questo tipo di valutazione è fatta molto spesso anche dagli avversari del colonialismo. Marx riprendeva acriticamente le tesi britanniche circa le rivolte in Cina, non considerate mai come iniziative patriottiche, ma come pura manifestazione di barbarie.
Esiste infatti nel cosiddetto Occidente un falso anticolonialismo, che consiste non nel riconoscere ai colonizzati il diritto di difendersi, ma solo nel criticare gli "eccessi" dei colonizzatori. » la dottrina ripresa di recente da D'Alema: la "reazione sproporzionata". Sono sempre i "barbari" ad attaccare, dato che i pacifici occidentali non ci penserebbero mai. Alle volte gli occidentali esagerano nelle ritorsioni, ed è questo oggi il tema scottante del dibattito da parte degli opinionisti delle maggiori testate giornalistiche.
» giusto ricorrere alla tortura per garantire la sicurezza dei cittadini? » giusto erigere muri che separano i popoli? Insomma, qual è il giusto compromesso tra la libertà e la sicurezza?
Che dei poveri osservatori ONU ci abbiano rimesso la pelle solo perché avevano relazionato che le provocazioni e le aggressioni oltre confine erano compiute dall'esercito israeliano, non conta nulla. Agli atti c'è ormai che la guerra in Libano è avvenuta perché due soldati israeliani sarebbero stati "rapiti" ( e forse violentati ) dai barbari.
Quando il barbaro, invece di fare da vittima passiva della cosiddetta "reazione sproporzionata", si difende e respinge l'aggressore occidentale, il finto anticolonialista allora si sente in difficoltà, e si chiede se sia giusto sostenere quelli che in fondo sono dei barbari e dei fanatici. » inutile spiegare al falso anticolonialista che qui non si tratta di sostenere nessuno, e neppure di avallare ideologie o di fare aperture di credito a futuri governi; si tratta semplicemente di stabilire chi sia davvero l'aggressore e chi l'aggredito.
Il finto anticolonialista non può accettare questo tipo di ragionamenti, perché è troppo convinto della superiorità dell'Occidente, della sua superiore razionalità in confronto ai barbari fanatici e superstiziosi. Che poi in Occidente le classi dirigenti siano allevate da secoli nei riti e nei miti massonici, è un dettaglio che non fa sospettare al finto anticolonialista che l'oscurantismo forse non sia un male esclusivo dei barbari.
Comidad, 14 settembre 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (29)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


21/07/2019 @ 08:46:50
script eseguito in 74 ms