"
"Propaganda e guerra psicologica sono concetti distinti, anche se non separabili. La funzione della guerra psicologica è di far crollare il morale del nemico, provocargli uno stato confusionale tale da abbassare le sue difese e la sua volontà di resistenza all’aggressione. La guerra psicologica ha raggiunto il suo scopo, quando l’aggressore viene percepito come un salvatore."

Comidad (2009)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 10/08/2006 @ 21:53:00, in Commentario 2006, linkato 848 volte)
È significativo che la testata giornalistica che ha sostenuto con più enfasi - e contro ogni evidenza - la tesi della simmetria del conflitto tra Israele ed Hezbollah sia "La Repubblica", cioè un giornale che si rivolge ad un'opinione di sinistra. L'aggressività e la spacconeria propagandistica della destra "neocons" statunitense trovano dunque la copertura di una "sinistra" intimidita da tanta arroganza. Una copertura che consiste nel non fornire l'informazione chiave, e cioè che tutte le notizie di carattere militare che provengono da Israele - immagini comprese - sono prodotte o mediate dall'esercito israeliano, e ciò in base non ad un arbitrio momentaneo, bensì ad una legge vigente.
Tutta la questione della presunta pioggia di missili che cadrebbe sulle città israeliane di confine, andrebbe riletta alla luce di questo semplice dato, e cioè che i giornalisti inviati in Israele non hanno alcuna possibilità di verifica diretta.
Per settimane i media hanno sostenuto disciplinatamente l'irrealistica tesi dei lanci di razzi Katiusha, poi, dopo che la notizia risultava screditata su Internet, si è ripiegato sui missili Fajar, di fabbricazione iraniana.
Perché non dirlo subito, dato che, già ai tempi in cui era ancora primo ministro Sharon, Israele "denunciò" uno spiegamento di missili Fajar ai confini con il Libano? Perché costringere i giornalisti a ripetere per tanto tempo la stupidaggine dei katiusha.
Il fatto è che anche questa ultima versione ufficiale ha una durata limitata, dato che i missili Fajar hanno tutta una serie di difetti che ne rendono facilmente individuabili le rampe di lancio. Di fronte alla schiacciante superiorità aerea israeliana, le rampe potevano avere qualche giorno di funzionalità, ma certo non un mese.
Quando anche la versione ufficiale dei Fajar si sarà logorata, allora se ne tirerà fuori un'altra, e un'altra. Nel frattempo i bombardamenti israeliani sulla popolazione civile libanese potranno continuare sotto l'alibi morale di uno scontro quasi alla pari.
E intanto crescerà la pressione dell'ONU e dell'Unione Europea sulla Siria perché accetti di "rassicurare" Israele, cioè accetti di disarmarsi, esponendosi così ad un attacco statunitense.
È chiaro che finché la stampa "di sinistra" non si deciderà a "rivelarci" che ogni informazione di carattere militare che provenga da Israele è strutturalmente inattendibile - inattendibile a norma di legge -, questo gioco propagandistico potrà andare avanti.
Comidad, 10 agosto 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 03/08/2006 @ 21:54:52, in Commentario 2006, linkato 1046 volte)
Nel sud del Libano la guerra sul campo non è andata bene per l'esercito israeliano, nonostante la presenza di consulenti del Pentagono durante le operazioni militari (o, forse, anche per questo). Un esercito numeroso, e armato nel modo più moderno, ha incontrato enormi difficoltà contro poche migliaia di miliziani Hezbollah che si muovevano in un territorio esposto e ridottissimo. I soldati israeliani si sono dimostrati disabituati a contrastare un avversario in grado di difendersi, in quanto da anni svolgono esclusivamente il ruolo di carnefici.
La propaganda israeliana, con la storia dei due soldati "rapiti" dai terroristi, non ha certo favorito il morale del proprio esercito, presentato come una schiera di scolaretti vittime del mostro al parco pubblico. Le immagini della CNN, in cui appariva la popolazione israeliana in stato di disperazione di fronte a qualche crepa nel muro, ha contribuito a questo eccesso di vittimismo che va a scapito di una mentalità di combattimento.
Ma la strategia statunitense ha dato la priorità proprio alla guerra psicologica rispetto a quella sul campo, perciò la demoralizzazione del fantoccio israeliano non è vista come un grave inconveniente.
Tutte le formazioni politiche di opposizione sono disposte ad ammettere in astratto che esista una guerra psicologica, salvo poi negare il problema caso per caso. In tal modo, la guerra psicologica ha raggiunto i suoi obiettivi, e quindi la dottrina ufficiale della "reazione sproporzionata" da parte di Israele si è affermata nell'opinione pubblica internazionale. Dato che gli Israeliani hanno ormai i nervi scossi, allora bisogna fermare e disarmare gli Hezbollah ed i loro protettori siriani e iraniani: questa è ormai la parola d'ordine che circola, ed è questo ormai l'obiettivo dell'ONU e della Unione Europea.
In realtà nulla prova che Israele stia reagendo a qualcosa, dato che incursioni e sconfinamenti dell'esercito israeliano in Libano non sono mai cessati dopo l'invasione del 1982. Allora il partito e la milizia Hezbollah non esistevano per niente. Il fatto è che l'esercito israeliano era entrato in Libano con il pretesto di bloccare i Katiusha dei Palestinesi (anche allora!), ma si era portato dietro migliaia di coloni che avrebbero dovuto occupare stabilmente il territorio libanese. Gli Hezbollah sono nati dopo l'occupazione coloniale del Libano, e sono riusciti in alcuni anni a sloggiare gli Israeliani, e cercano ora di impedire ulteriori occupazioni.
Questa storia di Israele che "reagisce" sempre è uno schema propagandistico onnicomprensivo che falsa e oscura tutti i dati storici, anche se disponibilissimi sui libri e su Internet. Ancora in questi giorni è riecheggiata la data del 1948 come anno della nascita di Israele, per suggerire che Israele stesso costituisca una "reazione" al genocidio nazista della seconda guerra mondiale.
In realtà Israele è una delle cause del genocidio nazista, dato che nel 1920 la Gran Bretagna presentò la concessione ai sionisti di una patria in Palestina come compenso di un - peraltro inesistente - contributo degli Ebrei alla sconfitta della Germania nella prima guerra mondiale. La Germania aveva allora la comunità ebraica più integrata del mondo, con un gran numero di Ebrei negli alti gradi dell'esercito. Era stato inoltre un chimico ebreo (un premio Nobel), Fritz Haber, a consentire alla Germania di usare per prima i gas in battaglia. Eppure i Tedeschi abboccarono ugualmente alla provocazione della Gran Bretagna.
Anche allora, evidentemente, la guerra psicologica non era tenuta sufficientemente in conto, sebbene un Presidente del Consiglio italiano dell'epoca - Francesco Saverio Nitti - avesse detto che "la propaganda è un'arma micidiale, come i gas asfissianti". Fritz Haber morì nel 1934, additato, in quanto ebreo, come nemico della Germania, lui che era un acceso nazionalista tedesco. Quindi Nitti si sbagliava: la propaganda è molto più micidiale dei gas asfissianti.
Oggi che è manovrato dagli Stati Uniti, il fantoccio sionista è usato per indurre la Siria al disarmo chimico, in modo che gli stessi Stati Uniti possano attaccarla senza rischi, secondo lo stesso copione già seguito con l'Irak. Anche stavolta la propaganda vincerà sui gas?
Comidad, 3 agosto 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (42)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (4)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


19/10/2019 @ 14:29:05
script eseguito in 106 ms