"
"Ridurre l'anarchismo alla nozione di "autogoverno", significa depotenziarlo come critica sociale e come alternativa sociale, che consistono nella demistificazione della funzione di governo, individuata come fattore di disordine."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Č significativa la coincidenza temporale dei grandi scioperi in Francia ed in Gran Bretagna, le cui motivazioni sono soltanto apparentemente diverse. Il governo francese pretende di rendere strutturalmente precario il lavoro giovanile, mentre il governo inglese tende a rendere incerta e precaria la pensione. Siamo di fronte ad un progetto di complessiva precarizzazione, che investe tutti gli aspetti della vita sociale. Punto per punto, con il pretesto di questa o quella emergenza, le garanzie sociali vengono sostituite con insicurezze sociali.
L'opposizione sociale è riuscita a farsi sentire, e questo è certamente importante. Ma la tenuta di questa opposizione non riguarda soltanto i rapporti di forza in campo. Occorre infatti anche la percezione di cosa realmente si sta combattendo: non una serie di scelte strettamente economiche, per quanto inique, ma una strategia politica di destabilizzazione, che è dovuta soprattutto ad un movente di potere.
Tutti i blocchi sociali che potrebbero in qualche modo limitare il potere delle oligarchie sono infatti sotto attacco. Č possibile resistere a questi attacchi soltanto se ci si comincia ad immunizzare dal ricatto costante dell'emergenza, cioè se si individuano le varie emergenze - da quella economica, a quella terroristica, a quella sanitaria - come motivo per liquidare ora questa ed ora quella garanzia giuridica o sociale.
Il paravento ideologico di questa generale destabilizzazione, è la falsa identità "occidentale", cioè lo sciovinismo, il senso di superiorità morale che il cosiddetto Occidente può accampare nei confronti dei barbari che lo assediano. La guerra fittizia dello "scontro di civiltà" è diventata il collante ideologico di una società che vede mancarsi ogni altro punto di riferimento.
La guerra simulata sostituisce la guerra reale, che oggi il sistema di dominio non si sente più in grado di sostenere. A distanza di tre anni, ormai risulta chiaro che non c'è stata nessuna guerra tra USA ed Iraq, e che il cosiddetto conflitto è durato precisamente il tempo necessario alle truppe statunitensi per occupare il territorio di un Paese privato di qualsiasi possibilità di difesa da dieci anni di sanzioni economiche.
Ciononostante, vengono prese sul serio le minacce di Bush all'Iran, come se gli Stati Uniti fossero davvero in grado di sostenere lo sforzo di sottomettere un vero avversario. Non è da escludere che in questa credulità giochi anche il fascino del catastrofismo, cioè la speranza che Bush commetta quella "cazzata" di troppo che ne faccia finalmente vacillare il potere.
Ma questa illusione che la salvezza possa provenire da una catastrofe, costituisce appunto un effetto secondario del clima di precarietà ed emergenza permanenti. Non saranno gli oppressori a salvarci dagli oppressori.
Comidad, 30 marzo 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 23/03/2006 @ 17:49:50, in Commentario 2006, linkato 915 volte)
La giunta comunale di Milano ha rimosso da Piazza Fontana la targa alla memoria di Giuseppe Pinelli. Non è il primo attacco alla sua memoria che si è verificato in questi anni. Basti pensare alle dichiarazioni di Craxi di circa quindici anni fa, in cui venivano lanciate insinuazioni del tutto prive di senso circa un coinvolgimento dello stesso Pinelli nell'attentato di Piazza Fontana. Stavolta, però, si è andati oltre il mero esercizio d'opinione, andando a toccare un simbolo materiale della memoria di Pinelli. Il problema è che non è affatto vero che la giunta di destra si trovasse nel suo pieno diritto quando ha ritenuto di rimuovere la targa. C'erano, invece, tutti gli estremi per una vertenza legale.
Č proprio questo il punto. Dov'era la sinistra "legalitaria" in questi giorni? Dov'erano i "democratici e antifascisti" che hanno eretto la targa? Si trovavano impegnati in altre priorità. Dovevano difendere l'onore non di un innocente assassinato, bensì di un esponente di Confindustria sbertucciato dal Presidente del Consiglio in carica. Dapprima la sinistra istituzionale si è appropriata della memoria dell'anarchico Pinelli, facendone un'icona legalitaria, ora però lascia gli anarchici soli a difendere quell'icona dagli attacchi della destra. La stessa cosa è avvenuta recentemente anche con le figure di Sacco e Vanzetti, quando la stampa statunitense di destra ha lanciato una campagna a proposito di inconsistenti "prove" circa la colpevolezza dei due anarchici italiani condannati alla sedia elettrica. Anche in quel caso non vi sono state significative reazioni, se non da parte di uno scrittore di prestigio, ma politicamente isolato, come l'americano Kurt Vonnegut.
Creare un'icona solo per esporla all'iconoclastia, costituisce un gesto ambiguo, significa depotenziare una figura del suo vero significato, rendendola così più vulnerabile alla propaganda avversaria. Il fatto è che l'antifascismo non può non risultare ambiguo, in quanto ambigua è la democrazia stessa. L'antifascismo di facciata - di cui ha dato un altro esempio in questi giorni il sindaco di Bologna Cofferati -, cerca ancora di accreditare l'esistenza di una incolmabile distanza morale tra fascismo e democrazia. Ma il fascismo non costituisce una anti-democrazia, esso è una latenza del regime democratico, un suo "doppio" complementare, che convive al suo interno.
Lo Stato di Diritto è intermittente, c'è qualche volta, ma può essere sospeso in ogni momento, ed è esattamente ciò che la vicenda di Pinelli - ucciso negli uffici della Questura di Milano - ha dimostrato.
Comidad, 23 marzo 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (24)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
Fenętre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


16/06/2019 @ 01:13:02
script eseguito in 75 ms