"
"L'elettoralismo risulta così euforizzante perché è una forma di pornografia, attiene cioè al desiderio puro, magari con quella dose di squallore che serve a conferire un alone di realismo alla rappresentazione. Ma i desideri, i programmi e le promesse elettorali non sono la realtà, che è invece scandita dalle emergenze. L'emergenza determina un fatto compiuto che azzera ogni impegno precedente, ed a cui ogni altra istanza va sacrificata, come ad un Moloc. Carl Schmitt diceva che è sovrano chi può decidere sullo stato di eccezione. Ma nella democrazia occidentale vige uno stato di emergenza cronica, cioè uno stato di eccezione permanente, l'eccezione diventa la regola."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 25/01/2006 @ 17:33:56, in Commentario 2006, linkato 960 volte)
Il ritorno mediatico di Osama Bin Laden di qualche giorno fa ha lasciato uno strascico di commenti giornalistici, per stabilire se questa sua sortita debba essere catalogata come un segno di forza oppure di debolezza. Questa discussione è già di per sé dimostrativa del fatto che l'effetto terrorizzante dell'icona di Bin Laden è pressoché inesistente, tanto da rendere fondato il sospetto che l'uso propagandistico di questa icona da parte degli Stati Uniti rientri in una generale visione colonialistica dei rapporti internazionali.
Bin Laden è un'icona razzistica, una sorta di simbolo di impurità razziale. Femmineo e mellifluo, ma barbuto, mezzo bianco e mezzo scuro, Bin Laden svolge il ruolo di suscitare non terrore, ma orrore, nel pubblico occidentale. Egli è l'ibrido ribelle che non vuole ammettere il giusto diritto del dominatore bianco.
Quando si parla di razzismo, si va oltre la semplice propaganda, si affronta uno dei miti costitutivi delle oligarchie e delle gerarchie sociali. Quindi il razzismo non si applica soltanto alle diversità razziali esistenti; il razzismo cerca, crea ed inventa queste diversità. Il razzismo americano, ad esempio, non è nato soltanto in funzione della sottomissione della gente di colore, ma anche per organizzare e giustificare la discriminazione fra gli stessi bianchi.
Uno dei Padri Fondatori degli Stati Uniti, Benjamin Franklin, per sostenere che gli anglosassoni fossero "il nucleo principale del popolo bianco", del "popolo puramente bianco" ("purely white people"), affermava che "Spagnoli, italiani, francesi, russi e svedesi generalmente tendono a essere di colore vagamente scuro" (Benjamin Franklin, Writings, Library of America, New York 1987, p.374). Se Franklin non esitava a scorgere tendenze negroidi persino negli svedesi, è evidente che il suo obiettivo era di formalizzare una gerarchia anche tra i popoli occidentali.
L'icona di Bin Laden è un inquietante messaggio subliminale che la propaganda statunitense lancia per fomentare non solo il razzismo, ma anche l'autorazzismo, degli occidentali.
Il problema è che non si è mai abbastanza bianchi. Lo zelo fanatico di alcuni filoamericani - da Oriana Fallaci a Giuliano Ferrara - non è dovuto soltanto ai vantaggi materiali che ne ricevono, ma al desiderio di riscattarsi dalla condizione di mezzi bianchi che la mitologia statunitense gli ha assegnato.
Comidad, 25 gennaio 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 14/01/2006 @ 22:44:18, in Commentario 2006, linkato 829 volte)
La crisi dell'industria automobilistica americana sembra essere la punta di un iceberg dove i rapporti di lavoro vanno assumendo sempre più i caratteri del terrorismo economico. In un sistema come quello statunitense, dove il controllo sociale fa ampiamente a meno del welfare, questa non è certo una novità. Solo nel 1935, con il "Wagner Act" [la legge nazionale sui rapporti di lavoro] gli operai USA ottennero il diritto di organizzarsi (in Europa questo diritto esisteva già da mezzo secolo). Naturalmente la legge non era fatta per favorire gli operai e, se da un lato sanciva il fatto che essi erano riusciti comunque ad organizzarsi, dall'altro tendeva a far loro abbassare le difese ed a scatenare le ondate di licenziamenti che effettivamente seguirono. Alcuni recenti episodi ci ricordano come il terrorismo economico, praticato dal sistema di dominio, non possa essere separato dal terrorismo antioperaio tout court.
- Con la complicità delle aziende automobilistiche, viene messa in atto la desertificazione di una città di media grandezza come Detroit, che è passata nel giro di pochi anni da 2.500.000 abitanti a circa 900.000. Detroit era una città a forte composizione operaia, una delle capitali della cultura musicale afro-americana (qualcuno ricorderà la famosa casa discografica di rhythm and blues "Motown", quella di Marvin Gaye, delle Supremes ecc., e il cui nome era appunto l'abbreviazione di Motor Town, la città dei motori.)
- Alla luce delle notizie più recenti sull'uragano che ha colpito New Orleans, le prime impressioni sembrano confermate. I quartieri poveri e periferici di New Orleans sono un vasto territorio strappato al lago che lo circonda col sistema delle pompe come in Olanda. L'uragano c'entra poco o niente: gli argini che separavano questi quartieri dal lago sono stati abbandonati e lasciati senza manutenzione per anni. Ormai è certo che delle decine e forse centinaia di migliaia di persone sfollate dopo il disastro, ben poche riusciranno a tornare a New Orleans. Il ritardo dei soccorsi e l'invio di militari "antisciacallaggio" è stato sicuramente pianificato. Il fatto che i quartieri ricchi, quelli del turismo dei bianchi, si trovassero su di una collina e che non siano stati colpiti dalla rottura degli argini, fa pensare ad una pianificazione anche dell'inondazione stessa.
- » di pochi giorni fa la notizia che 12 dei minatori intrappolati in un tunnel della Virginia sono morti per le esalazioni dei soliti gas. Uno solo è riuscito a salvarsi, pare. Altro che i minatori del "Germinal" di Zola. Ancora una volta i soccorsi sono arrivati con più di due ore di ritardo. Ma si è poi saputo che le condizioni in cui lavoravano i minatori non offrivano da anni alcuna garanzia, i sistemi di aerazione, di soccorso, di allarme, erano inesistenti. Ultima beffa: i padroni danno l'annuncio che tutti i minatori sono salvi, per poi smentire qualche ora dopo.
Sembra dunque che Bush e la banda di criminali al governo negli USA sia molto attiva anche sul fronte interno dell'aggressione anti-operaia. A proposito di terrore ed economia, dopo l'11 settembre, The Economist ammetteva candidamente : "Molte imprese hanno preso l'11 settembre come scusa per operare delle riduzioni costi che esse già prevedevano. Quasi due terzi hanno addossato la responsabilità dei loro problemi agli attentati terroristici, cosa non molto plausibile, ma comoda."
Quello che non solo è plausibile, ma ormai sicuro, è che ci ha pensato Bush a rendergliela comoda.
Comidad, 14 gennaio 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (33)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


18/08/2019 @ 21:42:46
script eseguito in 75 ms