"
"La privatizzazione è un saccheggio delle risorse pubbliche, ma deve essere fatta passare come un salvataggio dell’economia, e i rapinati devono essere messi nello stato d’animo dei profughi a cui è stato offerto il conforto di una zuppa calda. Spesso la psico-guerra induce nelle vittime persino il timore di difendersi, come se per essere degni di resistere al rapinatore fosse necessario poter vantare una sorta di perfezione morale."

Comidad (2009)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 22/12/2005 @ 18:12:26, in Commentario 2005, linkato 860 volte)
A volte le ironie del caso e le coincidenze sarcastiche esistono davvero. Negli stessi giorni in cui alla Banca d'Italia si consumava la Caduta degli Dei, con le dimissioni del Governatore Fazio, la prima rete della RAI trasmetteva in prima serata uno sceneggiato televisivo di argomento storico sui Templari, i monaci cavalieri medievali resi popolari dal romanzo/pasticcio di Dan Brown.
La soppressione dell'Ordine dei Templari da parte di Filippo il Bello, re di Francia, dimostra come anche altre volte nella Storia, nel corso delle sue faide interne, il Potere sia stato costretto a dissacrarsi. Non c'è dubbio che Filippo il Bello sia stato uno degli attori principali del processo di secolarizzazione che avviò la fine della teocrazia medievale. Il re di Francia riuscì dapprima ad umiliare il papato e ad asservirlo, e poi liquidò addirittura i Templari. La Curia di Roma e l'ordine dei monaci cavalieri Templari costituivano le principali potenze finanziarie dell'epoca, perciò, nei primi anni del XIV secolo quasi più nulla sembrava contrastare il predominio della monarchia francese.
Sennonché un nuovo potere economico e politico si stava affacciando: le banche. Nate nei Comuni dell'Italia Centrale e Settentrionale, le banche divennero nel corso del'300 le principali finanziatrici dei re e quindi della guerra. La monarchia francese rimase così invischiata nella Guerra dei Cento Anni contro la monarchia inglese. I banchieri italiani prestavano denaro ad entrambi i contendenti, dissanguandoli entrambi.
Sino a pochi decenni prima, il prestito ad interesse era ancora considerato dalla Chiesa Cattolica un peccato mortale, un atto contro natura (si veda il Canto XI de "L'Inferno" di Dante); ma i banchieri riuscirono ad imporre al papato un cambiamento ufficiale della morale religiosa.
La dissacrazione non è mai definitiva, come se il potere del denaro avesse sempre bisogno di passare per il sacro. In pochi secoli, la banca è infatti riuscita a passare da una condizione peccaminosa ad un ruolo sacrale. Alle loro banche centrali, le nazioni hanno sempre tributato una devozione esasperata sino alla venerazione.
Sino a pochi mesi fa l'opinione pubblica italiana era indotta ad onorare una sorta di casta sacerdotale: i funzionari della Banca d'Italia. Anzi, in un'Italia in cui tutti sono consapevoli della venalità dei preti, tutti erano però disposti a credere che esistessero dei sacerdoti della lira capaci di curarne le sorti per puro spirito di servizio, senza cedere ad alcuna tentazione.
La scomparsa della lira - scalzata dal marco tedesco, camuffato da euro - ha distrutto anche il carisma del suo Sommo Sacerdote, Fazio. Infatti già si parla di un nuovo Governatore della Banca d'Italia, non soltanto con un mandato a termine, ma addirittura di nomina governativa. La svolta sarebbe epocale, se si pensa che sino a ieri la nomina del Governatore della Banca d'Italia si svolgeva in un alone di mistero al confronto del quale sfigurava anche il Conclave dei cardinali.
In una Roma in cui regna un papa eletto per opera della finanza tedesca, colui che era il papa della lira - Fazio -, è caduto vittima della stessa finanza tedesca.
Il 21 dicembre Fazio, insieme con la sua famiglia, era a Piazza San Pietro ad ascoltare le parole del suo ex collega Ratzinger, che era bardato con una berretta che sembrava uscita da un ritratto rinascimentale. Forse l'ex Governatore era andato a compiere atto di sottomissione nei confronti della finanza tedesca che lo aveva appena spodestato, inchinandosi davanti al suo più prestigioso esponente oggi risiedente in Italia.
Comidad, 22 dicembre 2005
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 15/12/2005 @ 18:14:08, in Commentario 2005, linkato 902 volte)
Il fatto che il governo, che ha imposto una sedicente riforma federalistica della Costituzione, sia anche lo stesso governo che ha allestito l'aggressione coloniale in Val di Susa, non costituisce una semplice coincidenza o un'ironia del caso. C'è sempre un preciso nesso consequenziale tra la realtà e la sua rappresentazione mistificata dall'ideologia dominante.
Il federalismo è una forma di unione in cui si precisano preventivamente le regole e le garanzie reciproche. Il federalismo vero è quindi un rapporto sociale comprendente tutti gli aspetti della convivenza, e non è necessariamente da ricondurre - e ridurre - alla categoria di territorio.
Il finto federalismo pubblicizzato in questi ultimi anni, punta invece sul mito dell'autogoverno locale, riducendo tutte le persone a delle identità locali e particolaristiche, cioè a componenti di un territorio, come i servitori della gleba di medievale e feudale memoria. In altre parole, la condizione di inferiorità e sudditanza viene fatta vivere con un fittizio senso di orgoglio di appartenenza.
Nel frattempo il potere centrale si assume l'onere del punto di vista generale contro la frammentazione delle ottiche locali. Nel caso della Val di Susa, il governo e i suoi manganelli pretendevano di rappresentare il "progresso" contro le resistenze localistiche.
D'altra parte, la propaganda ufficiale ha ottenuto il suo effetto, e infatti, in queste settimane, non sono mancate le solite ambiguità persino fra coloro che pur dichiaravano di sostenere la lotta degli abitanti della Val di Susa.
Mentre si affermava di comprendere le ragioni degli abitanti della Val di Susa, gli si rimproverava contemporaneamente di saper dire solo dei no e di non farsi carico delle esigenze del progresso tecnologico. Nella mente di molti sedicenti oppositori, le astrazioni purtroppo soffocano le alternative concrete e la credulità nei confronti della propaganda ufficiale viene da loro rivendicata come un distintivo di libero pensatore.
In realtà il "progresso" è solo un'utile astrazione e non una parte in causa, e tantomeno un giudice.
Oggi in Val di Susa il problema concreto è lo stesso di più di quaranta anni fa nel Vajont: chi controllerà i controllori?
Comidad, 15 dicembre 2005
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (33)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
Fenętre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


18/08/2019 @ 20:58:01
script eseguito in 63 ms