"
"La ricerca scientifica è una attività umana, perciò merita, come ogni attività umana, tutto lo scetticismo possibile; altrimenti cesserebbe di essere ricerca per costituirsi come religione inquisitoria."

Comidad (2005)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 03/11/2005 @ 21:20:05, in Commentario 2005, linkato 936 volte)
Le recenti e ripetute dichiarazioni del Presidente iraniano sulla necessità di far scomparire Israele dalla carta geografica, sono state da molti definite come "follie". Come sempre accade, però, la propaganda fornisce un quadro rovesciato rispetto a quello reale. » un fatto che oggi gli Stati Uniti dipendano anche dall'Iran per poter mantenere la loro occupazione dell'Iraq.
Bush ha potuto realizzare l'occupazione coloniale dell'Iraq grazie alla collaborazione della comunità sciita, che sta regolando i conti con gli antichi padroni: i Sunniti.
La storica guerra civile irakena fra Arabi Sunniti e Arabi Sciiti costituisce per gli Stati Uniti anche l'alibi per un'occupazione a tempo indeterminato dell'Iraq, perciò Bush ha tutto l'interesse a tenere viva la faida etnico-religiosa, come indica la macchina propagandistica messa in atto con il processo a Saddam Hussein. Ma la comunità sciita irakena ha come protettore l'Iran - paese non arabo, ma islamico/sciita - , anzi molti Sciiti irakeni sono da poco rientrati proprio dall'Iran, dove erano rimasti in esilio dopo la fallita rivolta contro Saddam Hussein del 1991.
A voler valutare in base alla propaganda ufficiale, oggi gli Stati Uniti e l'Iran sembrerebbero ai ferri corti, a causa della volontà iraniana di dotarsi di armi atomiche. La propaganda copre, però, una realtà diversa, nella quale Stati Uniti ed Iran risultano oggettivamente e soggettivamente alleati per spartirsi il potere in Iraq.
» una situazione che ha delle analogie con quella del 1939, in cui Germania nazista ed Unione Sovietica si spartirono la Polonia. Analogia per analogia, si potrebbe pensare che alla fine Stati Uniti ed Iran vengano a confronto come fecero Germania ed URSS: ma il fatto che nella Storia si presentino spesso situazioni già viste, non vuol dire che poi tutto avvenga secondo le medesime forme. Bush somiglia molto ad Hitler, ma ciò non vuol dire che Bush sia il nuovo Hitler, soprattutto perché, a differenza di Hitler, Bush non è disposto a cimentarsi né in una guerra totale, né in una "guerra infinita".
La propaganda conferisce alla politica aggressiva degli Stati Uniti un alone di strapotenza, mentre in effetti si tratta solo di spregiudicatezza. Oggi gli Stati Uniti non possono e non vogliono affrontare i costi di una vera guerra sul campo, ma devono affidarsi alle faide locali per trovare alleati, così come è accaduto anche in Afganistan.
Non c'è da stupirsi se anche il governo iraniano faccia la sua propaganda per accreditarsi come il più intransigente avversario del colonialismo occidentale, e ciò proprio nel momento in cui in realtà ne è alleato. Per mascherare i suoi interessi regionali e per difendersi dalle accuse di collaborazionismo che gli arrivano dal mondo Arabo, l'Iran oggi è costretto a fare da sponda alla propaganda occidentale, avallando l'immagine del fanatismo islamico. Accadde così che nella propaganda la situazione internazionale sembri possedere una coerenza che, nella realtà, non ha.
Comidad, Napoli 3 novembre 2005
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 25/10/2005 @ 21:21:53, in Commentario 2005, linkato 879 volte)
Non sono mancati in questi giorni i commentatori che, a volte con ironia, hanno espresso perplessità nei confronti del processo contro Saddam Hussein. Si è fatto notare l'assurdo giuridico di un processo che non prevede l'eventualità della assoluzione dell'imputato. Si è detto anche che il processo rischia di attizzare gli odi etnici in Iraq, e persino di mettere in evidenza le responsabilità della CIA, e di Bush padre, nel sostenere il governo di Saddam Hussein.
Questi commenti hanno un loro fondamento, ma non tengono conto del fatto che la finta ingenuità costituisce, da sempre, un elemento essenziale della propaganda statunitense. Bush ha già dichiarato che le truppe americane potranno andarsene dall'Iraq quando questo sarà pacificato. Questa dichiarazione ha un significato preciso: l'Iraq non deve essere pacificato ed anzi la guerra civile - aperta o strisciante - tra le varie etnie deve essere mantenuta viva, ciò per giustificare un'occupazione militare statunitense a tempo indeterminato.
Ciò che nella propaganda statunitense sembra ingenuità, o rozzo idealismo, costituisce in realtà un tipo di comunicazione che ha lo scopo di creare sconcerto, confusione e insicurezza in coloro a cui la comunicazione è diretta. Il corrispettivo politico della confusione comunicativa è la destabilizzazione permanente, necessaria per legittimare ogni sorta di interventismo militare.
Confusione-destabilizzazione-aggressione: questi sono i tre fondamenti di una politica colonialistica. Per questo motivo Bush figlio non ha nessuna difficoltà a far sì che vengano messe in piazza le responsabilità di Bush padre nel sostegno a Saddam. Anche gli "errori passati" sono, infatti, un ottimo alibi per le aggressioni presenti e future: se è stato un errore aver appoggiato Saddam prima, allora è giusto averlo abbattuto dopo.
» il modello di un dominio arbitrario, che non si lascia prendere le misure, né dal punto di vista legale, né dal punto di vista politico, né dal punto di vista comunicativo.
Comidad, Napoli 25 ottobre 2005
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (42)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (4)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


18/10/2019 @ 07:00:15
script eseguito in 80 ms