"
"La privatizzazione è un saccheggio delle risorse pubbliche, ma deve essere fatta passare come un salvataggio dell’economia, e i rapinati devono essere messi nello stato d’animo dei profughi a cui è stato offerto il conforto di una zuppa calda. Spesso la psico-guerra induce nelle vittime persino il timore di difendersi, come se per essere degni di resistere al rapinatore fosse necessario poter vantare una sorta di perfezione morale."

Comidad (2009)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

La diffusione del virus in Italia porta conferme e novità in politica, economia e lavoro: uno storico passo lungo verso il futuro. Aspetti curiosi e paradossali e un grande cambiamento epocale.

In politica
In Toscana per solidarietà ai cinesi il governatore-presidente Enrico Rossi compie eroico e dovuto atto di solidarietà con la comunità cinese per un principio di non-discriminazione, tacciando fascioleghista chi lo critica.
D’altra parte la Lega vanta di amministrare le regioni con la miglior sanità d’Italia, come la Lombardia. Davvero brutta notizia al Policlinico di Milano dove uno dei contagiati è proprio un dottore, e neanche l’ultimo novizio bensì uno che coordina degli specializzandi.
Passa qualche giorno e mentre il governo litigarella con le regioni per prendere in mano la sanità, si ammala una persona che collabora col governatore lombardo Attilio Fontana il quale si autoisola e mette la mascherina facendo un self-video che è come dire “guardate noi lumbard siamo coscienziosi, attivi e reattivi di fronte all’emergenza, mica quei cialtroni che stanno al governo”: peccato che il tono della comunicazione qualifichi cialtrone pure lui.

La realtà la intuisce chiunque, per scoprirla avevamo bisogno del contributo di un esimio professore:
1. dall’estero sono ritornati in Italia tante persone, qualcuna ha portato il virus
2. al nord c'è più movimento, gira più gente, c'è più probabilità di diffusione che al sud
3. gli ospedali, ovunque siano, sono il luogo dove se entra un virus allora è un disastro si diffonde al massimo
In parole povere: meno movimento, tutti a casa, meglio è.

D’altra parte la situazione è veramente mal decifrabile. Le notizie sono contrastanti e le azioni del governo sembra seguano l’umore della giornata.
• Prima “non cediamo all’allarmismo” e si fanno blandi controlli su coloro che rientrano.
• Poi “scoppia il focolaio” e nel lodigiano ti trovi 35 posti di blocco con i militari dell’esercito e nessuno può uscire
• Quindi tutta una serie di provvedimenti casual tipo chiusura scuole, partite sospese, lavoro da casa, con sempre e comunque strascico di polemiche che fanno gastrite.
• Poi la mortalità percentuale è comunque bassa quindi torniamo alla normalità.
• Nel mentre non ci mancano le cose ganze: il neologismo “infodemia” cioè l’epidemia che si diffonde con l’informazione; e flash mob in varie città per “combattere” il coronavirus

La questione vera è: questo maledetto virus è così grave oppure no?
• A vedere le scene tv dalla Cina, sì.
• A vedere la risposta italiana: un giorno sì e un giorno no.
Del resto è sempre facile criticare, ma che cosa avrebbe fatto ciascuno di noi se fosse stato al potere? Fermare il paese come in Cina oppure andare avanti in qualche modo accettando sconosciute conseguenze e sperando bene?
Assumendo la buona fede di chi ci governa (ma anche ragionevolmente assumendo una certa dose di viltà collegata al ruolo istituzionale) si può desumere:
• che questo virus non è così terribile
• che da noi non è come in altre parti del mondo, per davvero
• che le conoscenze scientifiche acquisite giorno dopo giorno ridimensionano il problema
Insomma, un declassamento d’ufficio del problema: da uragano tropicale a vento forte.

In economia
Il fatto è che il virus porta conseguenze economiche. Sarebbe devastante fermare il paese già in recessione tecnica. Da considerare che le prime stime di impatto della crisi sono dell’ordine di mezzo punto percentuale in meno sul PIL, una decina di miliardi volati via come niente.
Queste stime sono da verificare sui singoli settori:
• settori esposti come viaggi e turismo, disastro
• la gran parte dei settori economici, un po’ male
• settore sanitario, bene assai
• il più cinicamente goloso risvolto del virus è lo sviluppo del vaccino: farà miliardi la prima biotech che lo mette sul mercato
• in generale, comunque, nella settimana 21-28 febbraio le principali borse registrano perdite per oltre il dieci per cento
Ci sarebbe da dire: ma come, le borse crollano per una epidemia … declassata a forte influenza? Quel che appare è: i due fenomeni sono solo incidentalmente collegati. Le quotazioni borsistiche da anni sono eccessivamente alte per causa del “flood money” delle banche centrali, da tempo si attendeva lo scoppio della bolla. Che questo avvenga adesso, lo scopriremo nei prossimi giorni. Riserviamo l’esatta previsione ad analisti più competenti e documentati, ma l’impressione di chi scrive è che ci sarà un riallineamento dei valori di borsa un poco sotto i livelli precedenti.

Al lavoro (nel terziario-servizi specialmente)
Se il contagio si trasmette per contatto tra persone, eliminare il contatto significa eliminare il contagio. Ecco dunque che il mondo del lavoro non si ferma grazie allo smart working applicato specialmente presso grandi aziende del settore servizi-terziario: ecco che cosa accade lunedì 24 febbraio primo giorno dell’emergenza in Italia.
• Prima del coronavirus ne usufruivano circa mezzo milione di lavoratori
• Guardando al futuro, in ottica di estensione le stime sono tra cinque e dieci milioni di lavoratori
“Smart” significa “intelligence, furbo, sveglio”. “Working” significa lavorare. Per la normativa italiana in materia, non si sa come la legge 81/2017 agli articoli da 18 a 24 ha tradotto il termine in “ lavoro agile”
Ci sarebbe da questionare sul significato di questa scelta, “agile” forse è più adatta agli sportivi professionisti, ma tralasciamo e andiamo al sodo. La legge norma la possibilità di condurre il lavoro in modalità innovative rispetto al passato: “articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato". Ecco una breve guida alle previsioni normative.
Nella pratica concreta il lavoro agile era finora la possibilità di lavorare da casa un giorno ogni tanto (es. un giorno al mese, ma anche un giorno alla settimana) connettendosi in rete e usando strumenti aziendali come il notebook.
Alcune note:
• sebbene lavoro agile e lavoro da casa siano in pratica sinonimi, il lavoro agile si può fare anche in qualsiasialtro luogo
• è l’azienda che propone al lavoratore il lavoro da casa come gentil concessione, il lavoratore può anche rifiutare
• il lavoratore ha dritto alla disconnessione cioè nell’ambito di un accordo di organizzazione del lavoro può in determinate modalità disconnettersi dal computer/cellulare (un diritto palesemente difficile da garantire, per ovvie ragioni)
• il lavoro agile è differente dal telelavoro, quest’ultimo caratterizzato come lavoro sempre a distanza ed eccezionalmente in modalità diretta
• Il lavoro agile necessita di un accordo tra datore di lavoro e lavoratori, generalmente previsto nei contratti di lavoro nazionali.
• Con riferimento al punto precedente, al fine di risolvere la situazione di blocco del nord Italia, il governo il giorno 25 febbraio ha fatto (bene) un decreto che estende la possibilità d lavoro agile anche dove non c'è l’accordo, provvisoriamente fino a 15 marzo per tutto il Nord Italia
La combinazione del coronavirus con il decreto di urgenza del 25 febbraio ha determinato una realtà lavorativa incredibile.
Molti giorni a casa a lavorare e molti lavoratori rispetto al totale addetti (anche oltre 50%)
Per tre settimane la parte più popolata e produttiva del paese sperimenta in modo massiccio e diffuso il lavoro agile / da casa.
Questa sperimentazione forzata determinerà sicuramente un cambio di passo nella percezione e nella applicazione del lavoro agile.
• il lavoro da casa è immediatamente un vantaggio per il lavoratore perché permette di non viaggiare risparmiando soldi, tempo, disagi; permette anche il c.d. work life balance cioè stare dietro a esigenze proprie-familiari
• il lavoro da casa sarà sempre più ben visto e accettato da parte delle aziende, non è difficile immaginare un futuro ribaltato cioè 4 giorni a casa e 1 in sede, con buona pace della definizione di telelavoro
• ci si rende conto che non serve aggregare tanta gente a lavorare in sedi aziendali, anzi per l’azienda è complessivamente più economico far lavorare propri dipendenti da casa
• ci si rende ulteriormente conto che tanta parte del lavoro attuale, specialmente nel terziario, produce poco o niente e, se lo elimini, lo scostamento sulla produzione complessiva è poca cosa
• si stima che lavorare da casa permetta +15% produttività: in che modo azienda e lavoratore suddivideranno la maggior produzione?
• il diritto alla disconnessione appare subito per quel che é: per ovvie ragioni di contesto è poco realizzabile
• separare i dipendenti dalla sede fisica di lavoro significa di fatto estraniare le persone da un luogo simbolico di appartenenza
• come non cogliere al balzo l’idea di rimodulare il contratto di lavoro magari statuendo che chi lavora da casa è in qualche modo di serie B mentre i pochi che lavoreranno in sede saranno in serie A

Questi ed altri cambiamenti a mio avviso configurano un “passo lungo” della storia del lavoro.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 05/03/2020 @ 00:10:23, in Commentario 2020, linkato 6628 volte)
I discorsi astratti sulla “sovranità” fanno perdere di vista il fatto che il potere si costituisce sulle emergenze e si riproduce per emergenze. Ciò senza bisogno di alcuna cospirazione ma per riflesso condizionato: allo stesso modo in cui i poveri cani di Pavlov salivavano al suono della campanella che annunciava il cibo, così al potere viene l’acquolina in bocca non appena intravede la possibilità di cavalcare un’emergenza.
L’emergenza Corona Virus ha rappresentato per le Regioni separatiste del Nord una ghiotta occasione, da cogliere al volo, per mettere in atto una sorta di colpo di Stato, scavalcando il governo e mettendolo di fronte al fatto compiuto. Alla fine di gennaio, prima che il Governo avesse assunto una linea riguardo alla questione del virus, la Regione Lombardia aveva già allestito una “task force” per fronteggiare un ‘emergenza che non c’era, di cui anzi si negava l’esistenza.
Lo stile comunicativo della Regione Lombardia ha continuato a rivendicare questa “primazia”, tanto che nei comunicati ufficiali la dizione è diventata “La Regione Lombardia e il Governo”. L’istituzione governativa è stata posposta a quella regionale, rovesciando le gerarchie istituzionali.
Che non si trattasse di mero stile comunicativo, è diventato chiaro quando il Governo, stanco di essere scavalcato e di trovarsi sempre messo di fronte al fatto compiuto, ha minacciato le Regioni di varare un provvedimento per irreggimentarle ad un unico protocollo. Il Presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha colto ancora una volta al volo l’occasione per rivendicare la propria autonomia d’azione, definendo “irricevibile” l’ammonimento del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.
L’insolenza di Fontana non è velleitaria, poiché può approfittare del fatto che sulla questione dell’autonomia differenziata per le Regioni del Nord, il Governo ha la coda di paglia, ha il polpo nella manica, insomma ha la coscienza sporca. È stato infatti proprio il Governo Conte bis a concedere alla Lega tutto il concedibile in termini di autonomia differenziata, anche perché si trovava incalzato dagli autonomisti dello stesso PD, come il Presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini. Per tacitare le Regioni del Sud, da sempre psicologicamente prone, al ministro piddino Francesco Boccia è bastato cavarsela con qualche vaga promessa di garanzie.

Nella giornata di ieri il Governo, messo ormai con le spalle al muro, ha dovuto decidersi ad avallare pienamente l’emergenza virus ed a farsene carico in prima persona, decidendo di sospendere le lezioni scolastiche in tutta Italia, in modo da evitare che provvedimenti del genere venissero presi autonomamente dalle Regioni. Per mostrare di contare ancora qualcosa, il Governo ha dovuto far propria la linea della Regione Lombardia, cioè del nucleo puro e duro del gruppo dirigente della Lega.
Nei decenni i media hanno costruito attorno alla Lega una sorta di mitologia leninista, come se si trattasse di una specie di partito bolscevico dei ceti medi del Nord. In realtà l’organizzazione è troppo spesso il paravento, l’apparato illusionistico, di qualcosa di più cogente e invadente: il denaro. Ciò che appare all’esterno come disciplina di partito è in effetti un flusso di finanziamento che si rivolge sempre ai soggetti da preservare come capi. Il modo in cui a suo tempo Umberto Bossi liquidò il gruppo dirigente di quello che appariva il gruppo più forte e strutturato della aggregazione leghista, la Liga Veneta, può rappresentare un esempio paradigmatico. L’autonomismo veneto e l’autonomismo lombardo non sono complementari ma concorrenziali. Se il conflitto latente non è esploso, è perché i finanziatori hanno fatto sinora scelte univoche.

La sicumera del gruppo dirigente della Lega (il gruppo dirigente vero, non Matteo Salvini) ha quindi il suo fondamento nella certezza di storici e saldi agganci internazionali. Si tratta di rapporti con l’autonomismo bavarese ma anche con le destre autonomiste austriache, come quella della Carinzia.
Il dato curioso è che le notizie a riguardo sono soprattutto di diretta fonte leghista, dato che i media continuano a perpetuare la finzione salviniana della Lega partito “nazionale”. Un esempio per tutti, la celebrazione leghista dello scomparso leader austriaco Joerg Haider, ovviamente grande “amico della Padania”.
Sia Haider che la Lega hanno però avuto a disposizione un benefattore comune, l’Intereg di Monaco di Baviera. È da questo “centro studi” internazionale sulle autonomie regionali che partono i finanziamenti per le formazioni politiche autonomiste di tutta Europa. Stranamente, pur da posizioni radicalmente (o apparentemente?) opposte a quelle della Open Society Foundation di George Soros, l’Intereg di Monaco di Baviera rappresenta un modello del tutto analogo di manipolazione e destabilizzazione interna ai vari Stati.

Ringraziamo “Cassandre” per la collaborazione e le segnalazioni.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (52)
Commentario 2020 (22)
Commenti Flash (61)
Documenti (45)
Falso Movimento (6)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (12)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


26/05/2020 @ 22:10:48
script eseguito in 78 ms