"
"Se la pace fosse un valore in sé, allora chi resistesse all'aggressore, anche opponendosi in modo non violento, sarebbe colpevole di lesa pace quanto l'aggressore stesso. Perciò il pacifismo è impotente contro la prepotenza colonialistica che consiste nel fomentare conflitti locali, per poi presentarsi come pacificatrice."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 17/12/2020 @ 00:12:05, in Commentario 2020, linkato 6322 volte)
La concezione pseudo-razionalistica del potere ce lo descrive come un rapporto negoziale asimmetrico, cioè con un contraente forte ed un altro contraente debole o debolissimo: se non rispetti le leggi ti sbatto in galera, se non paghi la bolletta ti taglio la corrente, se non studi ti boccio, se non paghi il pizzo t’incendio la bottega, eccetera. La base del potere sarebbe quindi una concreta minaccia con la conseguente paura del minacciato.
Se la questione fosse così lineare, non si starebbe da millenni ad interrogarsi sulla natura del potere. La realtà è che se non rispetti le leggi puoi incorrere in sanzioni, ma se cerchi di rispettarle il potere può anche trattarti molto peggio. Anche l’idea che il potere si fondi sulla paura ha ovviamente dei riscontri oggettivi, ma alla paura ci si abitua, ed inoltre la paura può anche essere razionalizzata.
Analizzare razionalmente il potere non vuol dire affatto accettare supinamente che il potere sia razionale; al contrario, il nonsenso e l’autosmentita rappresentano la costante del suo comportamento e della sua comunicazione, per cui il potere risulta schizogeno e schizocratico. La politica economica di questi ultimi decenni è stata fondata su vari ossimori, tra cui la “austerità espansiva”. È vero che il capitalismo è deflazionista e pauperista, ma nella “stagnazione secolare” come si potranno mai pagare le tasse e i debiti?
Il riferimento alla conflittualità interimperialistica e intercapitalistica può spiegare alcune incongruenze a cui assistiamo, ma non si scorge traccia di tale conflitto allorché si mettono a confronto le varie politiche economiche. Se davvero il cialtrone Trump voleva difendere i capitali più nazionali contro quelli transnazionali, che senso aveva ridurre indiscriminatamente le tasse a tutte le corporation?
Il potere non vive di progettualità ma di potere, quindi nella beata irresponsabilità. In termini di puro dominio, il nonsenso paga; poiché il nonsenso è più seduttivo della paura. Al presidente USA Harry Truman è attribuita la sentenza in cui è sintetizzato il principio della psicoguerra: “Se non puoi convincerli, confondili”. Nella realtà vediamo che il potere preferisce confondere piuttosto che convincere, poiché le convinzioni possono cambiare. Sia il dominio fondato sulla paura, sia il consenso basato sul convincimento, risultano incerti e transitori, mentre uno stato confusionale può perpetuarsi indefinitamente nel tempo, stabilendo un senso di smarrimento e di fragilità permanente e quindi una dipendenza duratura.
Ci sono psicopatici, che sebbene non si trovino in posizione di forza, possono ugualmente stabilire rapporti di dominio su altre persone; ciò attraverso uno schema comportamentale in cui si alterna l’atteggiamento di dare una esagerata importanza all’altro, con un atteggiamento esattamente opposto, di disprezzo e irrisione. In tal modo si instilla nella vittima la persuasione di aver perduto la benevolenza dell’altro a causa di qualche proprio errore o mancanza. Mentre la paura può essere razionalizzata, lo stato confusionale spinge invece ad un’acritica identificazione col proprio aggressore.

Vediamo come nella gestione dell’emergenza Covid il potere si è comportato come quegli psicopatici, alternando un’attenzione esagerata per la salute e la vita dei cittadini con un disprezzo assoluto per la loro sopravvivenza economica. Già di per sé l’emergenza rappresenta una plateale autosmentita del potere, che esibisce oscenamente la propria inettitudine e la propria incapacità, per poi utilizzarle invece come pretesti per riaffermare il proprio dominio. Persino i più sordidi business connessi all’emergenza vengono sbattuti in faccia all’opinione pubblica con la tecnica comunicativa già rilevata da fra Cristoforo; per cui il potere “può adirarsi che tu mostri sospetto di lui e, al tempo stesso, farti sentire che quello di che tu sospetti è certo”.
Il cosiddetto cittadino comune oggi non sa cosa voglia il potere da lui. Il cittadino si sforza di seguire alla lettera le regole più assurde, prima draconiane, poi falsamente permissive (ti lascio uscire a patto che non esci); ma più ci si sforza di fare i bravi bambini per accontentare la mamma, più ci si trova caricati di minacce per il futuro. Questa situazione suscita solo scarse velleità di ribellione, mentre rafforza nei più la sensazione di avere in sé qualcosa di sbagliato. Uno stato confusionale crea perciò molta più dipendenza della paura o del consenso.
Questo potere a personalità bipolare ci indica mete di salvezza, ci impone l’icona mariana della Merkel per prostrarci e mostrare eterna gratitudine, ci raffigura il banchetto dei duecentonove miliardi del Recovery Fund (pochissimi in effetti per l’entità del disastro economico) che dovrebbero risolvere tutti i nostri problemi; ma, contemporaneamente, ci anticipa che non saremo affatto capaci di spendere quei soldi, perché non abbiamo i progetti; abbiamo invece la burocrazia inefficiente e siamo pure corrotti, evasori, mafiosi, e chi più ne ha più ne metta.

La psicoguerra contro i propri stessi sudditi, e persino contro lo stesso personale politico, è quindi intimamente connessa alla pratica del potere. Creando continuamente confusione e caos, ogni sistema di potere va incontro all’autointossicazione. Il sistema si droga di emergenza, caricandola di attese palingenetiche. Molti ricorderanno le frasi di Romano Prodi e Mario Monti sulle crisi mandate dalla Provvidenza per consentire al progetto europeo di avanzare, magari verso il baratro. L’emergenzialismo palingenetico ha contagiato anche molti soggetti della “sinistra radicale”, che hanno visto nel Covid una “occasione”.
Per questo motivo la categoria del tradimento è invocata troppo spesso per inquadrare o spiegare i continui cedimenti alle ingerenze coloniali, rischiando di banalizzare il problema. Il Grande Fratello è un mito ed il potere è pur sempre gestito da esseri umani, per cui si è contemporaneamente attori e vittime della psicoguerra. Ci si affeziona morbosamente ai nonsensi ed agli ossimori come se fossero il segnale di una ricchezza e di un’apertura di pensiero.
Il MES è insensato dal punto di vista economico e finanziario, per cui si tratta di una tipica operazione bellica di conquista coloniale, nella linea storica del “vincolo esterno”; un vincolo che è invocato da gran parte del nostro ceto politico per ovviare alle presunte tare storiche dell’Italia. Le oligarchie del Nord sognano persino di usare il commissariamento europeo come una sorta di veicolo per la secessione. Ma l’autocolonialismo è una tipica operazione schizofrenica, un sogno di potenza da realizzare non attraverso forze proprie, bensì nella puerile identificazione con un idealizzato padrone, che però non potrà mai accettare di condividere le sue glorie con i Paesi sudditi; e poi anche il padrone deve vedersela con altri padroni.
Un po’ di psicoguerra non la si fa mancare nemmeno nei confronti dei mitici Tedeschi. Il Consiglio d’Europa ha sede a Strasburgo ma non c’entra con l’Unione Europea, ed è un organo sovranazionale di più diretta obbedienza agli USA. Ora il Consiglio d’Europa si è accorto improvvisamente che il governo e la legislazione della Germania sono troppo manipolati dalle lobby e chiede “più trasparenza”. Anche questa richiesta appare un po’ schizofrenica: chiedere trasparenza alle lobby è come chiedere al Conte Dracula di esporsi al sole, cioè di svanire.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 24/12/2020 @ 00:05:34, in Commentario 2020, linkato 6937 volte)
Il duo Conte-Di Maio ha gravissime corresponsabilità nell’aver trascinato l’Italia nell’avventura senza ritorno dell’emergenza Covid; ma, nel caso dei pescatori di Mazara del Vallo, ha fatto ciò che poteva e doveva fare per salvare delle vite umane. Anche dal punto di vista diplomatico l’iniziativa del duo di incontrare il signore della guerra Haftar, è stata un successo, poiché ha dimostrato che un leader locale in difficoltà, ed a rischio di isolamento, ha immediatamente cercato una sponda nel governo italiano; ciò ad indicare che l’influenza coloniale dell’Italia sulla Libia regge ancora, nonostante nove anni di aggressione da parte di altri attori imperialistici ben più forti.
L’iniziativa è stata però quasi unanimemente narrata come un’umiliazione da parte dei media e persino i commentatori meno conformisti hanno rimproverato il governo di non aver almeno minacciato l’uso della forza nella circostanza, come già aveva fatto la Turchia in circostanze analoghe. Si tratta di argomenti che ricordano una battuta di un famoso film di Massimo Troisi: il figlio dei vicini è sempre più bravo di te. I Tedeschi sono più efficienti di te, i Polacchi sono più bravi di te a spendere i fondi europei, i Turchi sanno come farsi rispettare e tu no; e così via.
Dieci anni fa l’Italia aveva in Libia una posizione di dominio coloniale che pareva inattaccabile, eppure anche allora i media nostrani (compresi quelli di proprietà del Buffone di Arcore) narravano la situazione con accenti razzistici, come se si trattasse della sottomissione italiana al “beduino” Gheddafi. Nel 2009, in occasione della visita di Gheddafi in Italia, furono proprio i partiti di governo a scatenare la campagna razzistica.
In Italia l’opinione pubblica ha scoperto che la Libia sino al 2011 era una colonia italiana solo molto dopo averla persa; prima di allora i media italiani non si erano mai scomodati a comunicarglielo, anzi, avevano spacciato l’aggressione anglo-francese alla Libia come una questione “umanitaria”. Il Buffone di Arcore era (ed è) fuori di testa, perciò sbracava pubblicamente con i baciamano a Gheddafi, ma le sue performance rientravano appunto nella narrazione ufficiale.
I paragoni con la Turchia in realtà non sono proponibili, poiché Ankara può vantare uno status nella gerarchia internazionale che le consente l’uso autonomo della forza militare. Da sempre la Turchia è autorizzata dalla NATO a massacrare la propria popolazione curda ed anche ad aggredire i Paesi vicini, come nel caso della Grecia (un “alleato” della NATO!?) e della Siria. Ora la Turchia si sta allargando troppo e pare che gli USA pensino di ridimensionarla, ma comunque Erdogan ha agito per anni in base ad uno status internazionale riconosciuto.
Al contrario, l’Italia non ha una posizione nella gerarchia internazionale che le consenta di agire militarmente in proprio, di usare la forza o di minacciarne l’uso, senza accodarsi a qualcun altro. Non è questione di forza militare, che in astratto l’Italia, con le sue tante portaerei, avrebbe; anzi, l’Italia è presente militarmente in una miriade di scenari, ma sempre a rimorchio altrui. Non è neppure una questione di semplice rapporto di forza, bensì di gerarchia internazionale, per cui nessun altro Stato sarebbe disposto a concedere all’Italia il privilegio dell’uso autonomo della forza.

A settantacinque anni dalla fine della seconda guerra mondiale l’Italia porta ancora le stimmate del Paese sconfitto; ed occorre ricordarsi che i cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell’ONU sono i Paesi vincitori della guerra; come a dire che il dopoguerra non è mai finito. L’altro grande Paese sconfitto della seconda guerra mondiale, la Germania, ha recuperato presto uno status internazionale grazie alla guerra fredda, di cui si può considerare vincitrice dopo la caduta del Muro di Berlino e la riunificazione. Ciò consente alla Germania di esibire il suo impero coloniale in Europa, ma continua anche per Berlino la preclusione per l'uso autonomo della forza militare.
Nel 2015 sembrò che gli USA avessero autorizzato l’Italia ad agire autonomamente in Libia ed il governo Renzi era sul punto di cascarci; ma si trattava di una trappola diplomatica, poiché l’Italia avrebbe dovuto scontrarsi con i Russi, ormai presenti in Libia; quindi gli stessi militari indussero Renzi a recedere. Il fatto di ritrovarsi precluso l’uso autonomo della forza rappresenta però anche un vantaggio, poiché i leader libici possono trattare con l’Italia senza l’incognita del ritrovarsi aggrediti. Nel 2011 Gheddafi fu ucciso dai Francesi mentre era andato a trattare con loro; esattamente come era accaduto al suo idolo Omar al Mukhtar, ucciso da Mussolini e Graziani dopo essere stato attirato in un agguato con la promessa di un negoziato. La proditoria uccisione di Gheddafi fu al momento dissimulata dai Francesi con un ridicolo video-linciaggio fasullo, confezionato in Photoshop; ma quella buffonata fu presa sul serio solo dai commentatori italiani per ricamarci sopra improbabili e pretestuosi paralleli con la fine del Duce.
L’Italia rimane un punto di riferimento in Libia a dispetto della sua debolezza e della sua insipienza, poiché anche la debolezza è accattivante nei rapporti internazionali, dato che genera meno timori. C’è pure una rete di rapporti personali sperimentati e sedimentati, perciò i locali sanno come prenderti e come spillarti quattrini o favori. L’ENI attuale non è più quello di Enrico Mattei, anzi, si dà arie da multinazionale ed ha in gran parte dimenticato la lezione del fondatore, il quale aveva ben chiaro che l’avarizia è un lusso dei ricchi e che un imperialismo povero come quello italiano non può permettersela. Anche l’ENI si giova però del fatto di essere una piccola multinazionale, ed è un partner interessante per le oligarchie locali proprio per la sua minore forza contrattuale. Il colonialismo non è mai del tutto separabile da fenomeni di autocolonizzazione, per cui le oligarchie locali favoriscono un soggetto imperialistico a scapito di qualche altro. Di autocolonialismo l’Italia del resto è un’esperta, visto che lo pratica ampiamente con la sua sfrenata ricerca del “vincolo esterno”.

L’ultimo orpello a cui il nostro ceto politico si attaccava per accreditare un improbabile status internazionale dell’Italia, era l’appartenenza al G7, ma ora anche quel pomposo consesso ha perso ogni prestigio. La posizione dell’Italia in Nord-Africa rappresenta però una smentita dell’assetto gerarchico internazionale; una smentita che i media tendono a dissimulare con una narrazione che ristabilisca le gerarchie. Non che i giornalisti parlino sempre in consapevole malafede, dato che la gerarchia è come un occhiale che filtra e deforma ogni percezione. È un’esperienza comune che in ogni sistema gerarchico, dalla famiglia al luogo di lavoro, tutto ciò che viene ottenuto da soggetti privi di status sia sminuito o addirittura ignorato, rimosso dal quadro generale e persino dimenticato, perché poi il tutto sia narrato in forma riveduta e corretta secondo i canoni della gerarchia vigente.
Insomma, chi occupa i gradi infimi della gerarchia sociale e internazionale, qualunque cosa faccia, ha sempre torto. Ma, come diceva Bertolt Brecht: “Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano già occupati”. Agire a livello internazionale accettando consapevolmente di “stare dalla parte del torto”, comporterebbe però passare da una posizione di imperialismo debole ad un vero e proprio antimperialismo. Aspettarsi un salto del genere da Conte e Di Maio sarebbe decisamente un po’ troppo.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (5)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (52)
Commentario 2020 (54)
Commentario 2021 (48)
Commenti Flash (61)
Documenti (30)
Emergenze Morali (1)
Falso Movimento (10)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (23)
Links (1)
Manuale del piccolo colonialista (18)
Storia (9)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


03/12/2021 @ 19:59:34
script eseguito in 91 ms