"
"La malevolenza costituisce pur sempre l'unica attenzione che la maggior parte degli esseri umani potrà mai ricevere da altri esseri umani."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

1. Delusione :
“Ricordo bene il momento in cui ho smesso di simpatizzare per gli israeliani. […] L’attacco aereo e terrestre di Israele contro Gaza ha riempito quel breve interregno di bombe e cadaveri. Tutte quelle vittime civili, e quei bambini sotto le macerie, mi hanno dato il voltastomaco.”

2. Hamas:
“Certo, sapevo che Hamas mescolava deliberatamente miliziani e civili e che nei mesi precedenti aveva sparato migliaia di razzi contro il sud di Israele.”

3. Gli USA
“[il presidente USA] Si è limitato a chiedere di favorire un nuovo processo di pace fermando la costruzione di nuovi insediamenti illegali in Cisgiordania a Gerusalemme Est.

4. Israele
“Rilanciare i negoziati e al tempo stesso fermare gli insediamenti era una richiesta legittima da parte dell’alleato che fornisce a Israele tre miliardi di dollari di aiuti all’anno.
Ma il governo israeliano di Benjamin Netanyahu […] non ha sospeso gli insediamenti. Anzi, ha approvato nuove costruzioni a Gerusalemme Est […]”

5. Cambiamenti
“Un tempo a Washington il giornalismo d’opinione era dominato da pochi organi di stampa, quasi tutti fanaticamente a favore di Israele. Il Washington Post, il New Republic, il Weekly Standard e il National Review erano tutti neoconservatori su questo argomento. E il New York Times non era molto diverso. Oggi è emersa una nuova generazione di giovani giornalisti, ebrei e non, che ha consentito l’avvio di un vero e proprio dibattito.

6. Antisemitismo.
“Certo, se qualcuno osa criticare Israele sui mezzi di informazione statunitensi viene Ancora definito antisemita. Ma ormai quest’accusa è stata usata così spesso che (purtroppo) ha perso quasi significato.”

7. tutto cambia
“Ma alla fine quello che conta sono le nuove idee e le nuove generazioni. Il vecchio rapporto speciale tra gli Stati Uniti e Israele è finito. Da cosa sarà sostituito, se mai lo sarà, lo scopriremo presto.”

La curiosità sta nel fatto che i brani riportati sono tratti da un articolo scritto e pubblicato nel giugno del 2010. Lo schema narrativo attuale, più che sostituire quello precedente, sembra essersi andato stratificando negli anni.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 18/01/2024 @ 00:02:28, in Commentario 2024, linkato 8133 volte)
Sono apparse un po’ arzigogolate le motivazioni addotte in parlamento dal ministro Crosetto per giustificare l’ennesimo invio di armi all’Ucraina. Forse avrebbe potuto cavarsela con un più lapidario: “Se non mando le armi non guadagno”. Bisogna comunque riconoscere che ci sono nell’intervento del ministro anche non trascurabili passaggi di umorismo involontario; come quando afferma di non capire come l’azione diplomatica possa fermare missili e droni. In realtà l’azione diplomatica dovrebbe servire per convincere a fermarsi quel governo che ordina ai suoi militari di lanciare missili e droni. D’altra parte davanti ad un ragionamento con tanti passaggi, la mente di Crosetto non poteva che vacillare.
Il problema semmai è che oggi gli spazi per un’azione diplomatica non ci sono più, dato che tra aprile e maggio del 2022 furono boicottate tutte le ipotesi di accordo. Il quotidiano “La Stampa” ci faceva sapere che il fronte dei falchi era guidato dal primo ministro britannico Boris Johnson e che la strada da scegliere per la NATO non era arrivare ad un compromesso, bensì di aiutare l’Ucraina a sconfiggere la Russia. Nel 2022 si spacciava come realistica l’ipotesi di una vittoria della NATO e dell’Ucraina ed una disfatta della Russia. Quella era la narrativa pubblicitaria imposta dalla lobby delle armi.
Pare che Mattarella ad ottant’anni abbia scoperto che il mondo è cattivo. Nel novembre scorso egli ci avvisò che stavano riemergendo i fantasmi dell’imperialismo. Secondo il nostro superpresidente l’imperialismo va contrastato con la cooperazione ed il dialogo, cioè mandando armi all’Ucraina che, grazie a quelle, ci ha già rimesso mezzo milione di cittadini morti, altrettanti invalidi e oltre dieci milioni scappati dal paese. La Russia è un impero e, di solito, gli imperi sono imperialisti, per cui non c’era da sorprendersi che Mosca pretendesse di avere una zona cuscinetto ai suoi confini. Ancora una volta il problema riguarda il delirio di onnipotenza della narrativa del Sacro Occidente, per il quale non esistono rapporti di forza. L’unico problema di USA e NATO starebbe invece nel rischio di essere troppo buoni, cioè nella preoccupazione di evitare escalation dei conflitti. Come dicono i Neocon americani e nostrani: estendiamo il conflitto finché non abbiamo imposto a tutti i paesi i regimi che ci piacciono; costi quello che costi. Ma questa non è strategia, e neppure ideologia, semmai uno spot per le armi che ammicca all’adolescente/bullo annidato nell’animo di ognuno, quello che si racconta di poter risanare il mondo umiliando i deboli.

Il cattivissimo imperialismo russo è stato ridotto per decenni sulla difensiva, eppure ha continuato a ragionare in termini imperiali, infatti non ha mai smantellato la sua industria militare e ne ha preservato il carattere interamente pubblico. Gli imperialisti buoni (o troppo buoni) di USA e NATO appaiono invece un po’ più schizofrenici, dato che mescolano troppo la guerra imperialista con la guerra di classe interna. Proprio il conflitto in atto in Ucraina ha messo in evidenza che i paesi della NATO si sono deindustrializzati, per cui non riusciranno ad inviare a Kiev il milione di munizioni promesso entro il prossimo marzo. Per produrre mine e proiettili ci vogliono tantissime fabbrichette metalmeccaniche del vecchio tipo, che purtroppo rendono poco; mentre i veri affaroni si fanno con le produzioni ipertecnologiche ad altissimo valore aggiunto per fabbricare giocattoli talmente sofisticati e costosi da risultare inutilizzabili, come il caccia F-35.
Lo sviluppo industriale di base non consente profitti paragonabili per entità e rapidità ai profitti della finanza, per cui si è visto in questi ultimi decenni che privatizzare equivaleva a deindustrializzare. La cosa non ha turbato più di tanto; anzi, i due alfieri della privatizzazione/deindustrializzazione italiana, cioè i banchieri Guido Carli e Mario Draghi, sono stati addirittura santificati. Era giusto così, dato che Carli e Draghi hanno liberato il nostro establishment da quel fastidioso intralcio rappresentato dalla forza delle grandi concentrazioni operaie. Abbiamo visto come il draghiano “Whatever it takes” sia stato applicato soprattutto alle privatizzazioni, attuate ad ogni costo ed in pura perdita per il bilancio statale. La fine dei regolari approvvigionamenti energetici dalla Russia ha persino accelerato la deindustrializzazione dell’Europa e della mitica Germania; ma anche questa constatazione non ha rappresentato un motivo per raffreddare gli ardori bellicisti ed anti-russi.
Una delle domande più frequenti (e più stupide) è se la guerra abbia o meno motivazioni economiche. Il dilemma è assolutamente privo di senso, poiché quello di economia è un concetto vago e astratto, che può comprendere interessi assolutamente opposti; perciò i soggetti concreti in campo sono le lobby d’affari. Per ottenere un cessate il fuoco e l’ingresso di aiuti umanitari a Gaza, i guerriglieri Houti stanno attaccando nel Mar Rosso le navi di paesi occidentali, quelli che supportano Israele. La risposta angloamericana è stata di estendere il conflitto attaccando presunti siti dei guerriglieri nello Yemen. In realtà il bombardamento era stato ampiamente annunciato, quindi gli Houti hanno avuto tutto il tempo di nascondere o dislocare le proprie postazioni, per cui, come al solito, i bersagli sono state le città ed i civili. Rappresaglie del genere hanno anche il fiato corto, dato che i missili da lanciare costano milioni di dollari l’uno; inoltre le scorte non sono infinite, ed infatti si prospettano altri bei contratti per le multinazionali del settore. L’escalation militare ha contribuito a far lievitare ancora di più le tariffe assicurative ed a scoraggiare ulteriormente il passaggio per il Mar Rosso. Molte produzioni industriali si stanno fermando, a causa del conflitto, oppure prendendo a pretesto il conflitto; comunque sia, l’effetto dello spot militarista nel Mar Rosso è lo stesso della guerra in Ucraina, cioè la deindustrializzazione dell’Europa e dell’Occidente in generale.
Oggi prevalgono lobby finanziarie e lobby militari, spesso tra loro intrecciate. Sono lobby, cosche d’affari, e quindi non hanno una visione strategica ma agiscono per riflessi condizionati, perciò non percepiscono la deindustrializzazione come un problema; anzi per loro rappresenta uno stimolo che le fa salivare, poiché promette di aumentare la loro ricchezza e i loro privilegi. Lo abbiamo verificato in epoca Covid, quando i lockdown hanno determinato un macello di piccole imprese industriali, artigianali e commerciali. La psicopandemia è stata condotta all’insegna della metafora bellica, e gli effetti sono stati analoghi, cioè la deindustrializzazione e la pauperizzazione. I lockdown hanno aumentato la povertà e favorito la concentrazione della ricchezza in un’oligarchia ristretta e la concentrazione dei capitali in poche multinazionali finanziarie. Si è trattato di un grande trasferimento di reddito dai poveri ai ricchi; si è accertato infatti che c’è stato un drastico aumento delle disuguaglianze. Il concetto di economia quindi non è soltanto astratto ma anche interclassista.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587 588 589 590

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (5)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (52)
Commentario 2020 (54)
Commentario 2021 (52)
Commentario 2022 (53)
Commentario 2023 (53)
Commentario 2024 (14)
Commenti Flash (61)
Documenti (30)
Emergenze Morali (1)
Falso Movimento (11)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (33)
Links (1)
Manuale del piccolo colonialista (19)
Riceviamo e pubblichiamo (1)
Storia (9)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


16/04/2024 @ 10:17:22
script eseguito in 124 ms