"
"La privatizzazione è un saccheggio delle risorse pubbliche, ma deve essere fatta passare come un salvataggio dell’economia, e i rapinati devono essere messi nello stato d’animo dei profughi a cui è stato offerto il conforto di una zuppa calda. Spesso la psico-guerra induce nelle vittime persino il timore di difendersi, come se per essere degni di resistere al rapinatore fosse necessario poter vantare una sorta di perfezione morale."

Comidad (2009)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 10/09/2020 @ 00:02:45, in Commentario 2020, linkato 5404 volte)
L’apparato mediatico si era attivato per liquidare la manifestazione berlinese del 29 agosto scorso contro il lockdown e il “distanziamento sociale” nei termini del politicamente corretto, cioè come un’adunata di “negazionisti”, complottisti, terrapiattisti e nazisti. Ciò in sé non costituirebbe un dato molto rilevante, poiché solo in base ad una visione ingenua si potrebbe pensare alla possibilità di un potere disposto a confrontarsi col dissenso in termini aperti.
In realtà tutti i poteri, anche i micropoteri più informali e insignificanti, possono ammettere il dissenso solo in astratto, salvo poi ricorrere alla ridicolizzazione ed alla criminalizzazione non appena si esercita in concreto. Non esistono poteri buoni e neanche poteri mezzo-cattivi; la pericolosità di un potere è data dalla potenza materiale in termini militari, finanziari e mediatici che è in grado di esprimere. Ogni emergenza diventa una cordata di affari e dietro all’emergenza-Covid si è formata una coalizione di interessi che va dalle multinazionali finanziarie sino a quelle farmaceutiche e del digitale. Siamo quindi di fronte ad una notevole “potenza di fuoco” che è in grado di spaventare le masse molto più del Covid; tanto che molti ormai ostentano la loro mascherina anche fuori dagli orari di obbligo, solo per allontanare da sé qualsiasi sospetto di essere dei “negazionisti”.
L’aspetto curioso nel tentativo mediatico di esorcizzare il dissenso nei canoni consolidati del politicamente corretto, è che evidentemente non ci si aspettava che gli organizzatori della manifestazione berlinese fossero in grado di contrapporre ai media addirittura un’icona del politicamente corretto, cioè Robert Kennedy Junior, il figlio del senatore assassinato a Los Angeles nel 1968.
La sorpresa è stata del tutto fuori luogo, dato che oggi il liberalismo/occidentalismo, nella moderna versione del politicorretto, rappresenta l’ideologia unica e dominante, tanto che neppure le opposizioni vi sfuggono. Nei canoni del politicorretto rientra anche il fatto che Robert Kennedy Jr. sia un miliardario, come Soros e Trump, poiché i miliardari che “vanno incontro al popolo” sono i nuovi “santi” della religione politicorretta. Oggi il loro miliardario di riferimento non ce l’hanno solo i globalisti e i “sovranisti” ma anche gli oppositori che vorrebbero non farsi ingabbiare in quella fittizia dicotomia.
I media hanno cercato di correre ai ripari in modo un po’ goffo, presentando Robert Jr. come lo scemo di famiglia. Risulta però davvero poco realistico che un Kennedy, cioè un esponente dell’oligarchia statunitense (per quanto in standby), potesse partire per parlare dal palco di Berlino senza delle garanzie sulla qualità e quantità del pubblico che avrebbe dovuto trovarsi davanti e, soprattutto, senza delle coperture all’interno dell’establishment statunitense. Del resto il fatto che le autorità tedesche siano state costrette a smentirsi ed a concedere la manifestazione, indica che qualcosa nei rapporti di forza si è modificato. Il politicorretto prevede infatti la possibilità di schierarsi dalla parte del più debole, ma soltanto nel caso che il debole abbia già uno molto forte alle spalle.

Con vibrante oratoria in tipico stile kennediano, Robert Jr ha detto al suo pubblico ciò che questo voleva ascoltare, dandogli anche in pasto i soggetti più sputtanati nella vicenda Covid per i loro sfacciati conflitti di interessi: Bill Gates, Anthony Fauci e Big Pharma. Robert Jr. ha detto però anche ciò che interessava a lui ed all’establishment USA, quando ha fatto riferimento al discorso pronunciato da suo zio John a Berlino il 26 giugno del 1963. Il senso di quel discorso del ’63, rivolto ai Russi ma anche ai Tedeschi, era piuttosto chiaro. Dire “sono un cittadino di Berlino”, per bocca di un presidente USA, significava: qua ci stiamo e qua rimaniamo. Il senso delle parole di Robert Jr., rivolte al governo tedesco, non era molto diverso. Magari quel senso è sfuggito a coloro che erano in piazza a Berlino ed ai media, ma sicuramente non è risultato oscuro ai veri destinatari.
L’emergenza Covid è partita dalla Regione Lombardia, con lo scopo evidente di accelerare l’integrazione del Nord Italia nell’orbita tedesco-bavarese. A colpi di insulti e fatti compiuti i biogolpisti della Regione Lombardia hanno forzato la mano al governo Conte, che sino a febbraio era apparso molto riluttante a proclamare il lockdown, anche se successivamente ci ha preso fin troppo gusto.
Le oligarchie del Nord Italia, eredi storiche dei vecchi “austriacanti” dell’800, sono infatti le prime vessillifere del colonialismo tedesco, con lo scopo di creare un’aggregazione delle Regioni “ricche” dell’Europa. Non era difficile prevedere che l’istituzione dell’Eusalp, la macroregione alpina a guida bavarese e che integra il Nord Italia, avrebbe sortito effetti destabilizzanti.
A proposito di destabilizzazione, anche il Recovery Fund, i cui effetti di “aiuto” sono praticamente nulli, va in realtà nella direzione della crescente dipendenza dalla Germania, alla quale, nella fiaba ufficiale, spetterebbe la missione di salvare l’Italia dal disastro economico dovuto al lockdown. L’emergenza Covid è stata quindi un episodio di guerra imperialistica “a bassa intensità”, attuata cioè con strumenti di boicottaggio economico e di guerra psicologica.
Tramite Robert Kennedy Jr. l’oligarchia statunitense ha lanciato però un monito per “raffreddare” le velleità neo-imperialistiche della Germania e dei suoi zelanti alleati del Nord Italia, che devono sempre ricordarsi di chi comanda davvero in Europa. Non a caso l’emergenza Covid è sempre più sotto tutela della NATO, che ha già irreggimentato le strutture sanitarie italiane per ciò che riguarda i test diagnostici.

Ringraziamo Mario C. “Passatempo” e Cassandre per le segnalazioni.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 03/09/2020 @ 00:26:06, in Commentario 2020, linkato 5494 volte)
Jerome Powell, il presidente della banca centrale statunitense, la Federal Reserve, ha annunciato la scorsa settimana che d’ora in poi il suo obbiettivo istituzionale non sarà più di mantenere un tasso fisso di inflazione al 2%, bensì questa percentuale sarà considerata come tasso medio. Secondo il presidente della Fed questa nuova politica monetaria andrebbe a privilegiare l’occupazione invece che la stabilità dei prezzi. L’annuncio di Powell è stato considerato una “svolta epocale” non solo dalla stampa europea ma anche da quella americana.
Siamo in piena deflazione, cioè crollo dei prezzi e dell’occupazione, perciò non preoccuparsi dell’inflazione sarebbe puro buonsenso. In realtà, l’annuncio di Powell sa del classico “troppo bello per essere vero”. Anzitutto indicare il 2% di inflazione come tasso medio, vuol dire sì che si potrà sforare al 3% oppure al 4% ma significa anche che, per recuperare la media stabilita, occorrerà scendere all’1%, o addirittura allo zero. C’è poi da rilevare che la deflazione comporta una condizione di schiavitù per debiti, sia per gli Stati, sia per le famiglie. La deflazione determina infatti un crollo dei redditi e delle entrate fiscali, con una conseguente maggiore dipendenza dal debito, senza peraltro alcuna prospettiva che i creditori vedano eroso il valore dei loro crediti dall’inflazione.
Risulta quindi ovvio che esista una lobby della deflazione, cioè una lobby dei creditori, una coalizione di interessi delle grandi multinazionali del credito, che fa le sue fortune in deflazione e che non ha voglia che le cose cambino. Se si pensa che i gruppi industriali la pensino molto diversamente a riguardo, si è in errore, poiché la deflazione azzera il potere contrattuale del lavoro ed abbatte i salari.
Il punto è che il monopolio ideologico della lobby della deflazione non si esprime nella formula “la deflazione è bella”, ma in forme più insidiose e indirette. Ad esempio, in Europa l’Italia passa per essere il Paese che con più convinzione si batte contro le politiche di austerità che alimentano la deflazione e la disoccupazione. Gli enunciati però si scontrano con un retroterra ideologico molto diverso che implica risultati spesso opposti a quelli che ci si aspetterebbe.
La deflazione e l’austerità non si presentano come obbiettivi desiderabili in sé, bensì come una strada dolorosa ma obbligata, come “una medicina amara ma necessaria” per rimediare alle colpe passate di popoli che “hanno vissuto al di sopra dei propri mezzi”. Il tono dolente è funzionale all’intento doloso. Questi popoli che non hanno saputo amministrarsi, devono rimanere in soggezione per essere “educati” ad accedere, in un futuro molto ipotetico, alle “virtù” che consentano di governarsi da soli. Questa operazione ideologica non ci viene imposta dall’esterno ma, al contrario, è tutta “made in Italy”. Si tratta del plurisecolare mito del “Paese Senza”, secondo il titolo del noto saggio del 1980 di Alberto Arbasino; un saggio che si ispirava appunto a quella lunga tradizione del pensiero italiano.

L’Italia si presenta a se stessa come una nazione incompiuta, poiché non ha avuto la Riforma Protestante e non ha avuto neppure la Rivoluzione Borghese, quindi non avrebbe nemmeno un vero capitalismo. L’Italia sarebbe il Paese delle mancate riforme, della “mancanza” tout-court. Ciò che ha reso automaticamente credibili le emergenze finanziarie del 1976, del 1992 e del 2011 è appunto l’idea radicata che vi sia un atavico passato colpevole ed omissivo che incombe sul presente e sul futuro del Paese. L’espiazione sociale, i “sacrifici”, rappresenterebbero perciò la scontata, inevitabile, conseguenza delle tare ereditarie della nazione.
Lo schema propagandistico della “Europa bella, austerità brutta” si rivela perciò piuttosto ipocrita, in quanto l’europeismo, cioè l’autocolonialismo della ricerca del ”vincolo esterno”, si concretizza in un preciso strumento di pauperizzazione sia del ceto lavoratore, sia del ceto medio. Proclamare la propria inferiorità e inadeguatezza come popolo, comporta per i ceti dominanti dei notevoli vantaggi nella gestione dell’oppressione di classe.
Il Recovery Fund è stato presentato come una svolta solidaristica dell’Unione Europea ed effettivamente sembrerebbe una risposta di Germania e Francia alle pressioni dell’Italia, in quanto comporta anche l’istituzione di una sorta di Eurobond. Il problema è che però, mentre gli effetti in termini di aiuto del Recovery Fund sono tutti da verificare, i dati certi riguardano l’allargamento del bilancio comunitario, quindi un esborso immediato da parte dell’Italia, oltre che un crescente controllo esterno sulle proprie finanze. L’effetto certo è quindi un rafforzamento del “vincolo esterno”.

L’ideologia è tale perché genera non un semplice conformismo ma una vera e propria falsa coscienza, perciò nulla esclude che i nostri governanti siano persino sinceri quando affermano di combattere contro l’austerità. Ma la questione non è stabilire se i nostri governanti si salveranno o meno l’anima.
Germania e Francia hanno rivendicato il Recovery Fund come una propria creatura ma, a ben vedere, il ruolo del motore in tutta la vicenda è stato svolto dall’Italia, che, dal punto di vista ideologico, è il vero Paese leader dell’Unione Europea. L’azione dell’Italia ha finito per assegnare anche le parti in commedia ai vari membri dell’Unione: le “cicale e le formiche”, gli “spendaccioni” e i “frugali”.
La ricerca storica si è molto concentrata su ciò che è “mancato” all’Italia, su ciò che l’Italia non ha fatto e avrebbe dovuto fare. L’attenzione eccessiva a ciò che sarebbe mancato, ha fatto sfuggire ciò che invece c’è, anzi, che incombe. L’Italia non è solo un “Paese senza”, è soprattutto un “Paese con”. Un Paese con una lobby della deflazione molto agguerrita, una lobby che è riuscita a colonizzare la cultura e le coscienze persino degli “oppositori”. L’Italia spacciata per frivola e spendacciona, è di fatto l’unico Paese al mondo che abbia portato alla Presidenza della Repubblica due eroi della deflazione, cioè due ex Governatori della Banca d’Italia: Luigi Einaudi e Carlo Azeglio Ciampi.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (52)
Commentario 2020 (49)
Commenti Flash (61)
Documenti (45)
Falso Movimento (7)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (14)
Links (1)
Manuale del piccolo colonialista (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


29/11/2020 @ 07:56:23
script eseguito in 419 ms