"
"La privatizzazione è un saccheggio delle risorse pubbliche, ma deve essere fatta passare come un salvataggio dell’economia, e i rapinati devono essere messi nello stato d’animo dei profughi a cui è stato offerto il conforto di una zuppa calda. Spesso la psico-guerra induce nelle vittime persino il timore di difendersi, come se per essere degni di resistere al rapinatore fosse necessario poter vantare una sorta di perfezione morale."

Comidad (2009)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 24/03/2022 @ 00:15:36, in Commentario 2022, linkato 6308 volte)
Mentre la Russia sta facendo una guerra cercando di spendere il meno possibile, gli USA, pur ufficialmente non in guerra, cercano invece di spenderci il più possibile. Il presidente Biden invia 800 milioni di dollari di “aiuti” all’Ucraina e, nel frattempo, cerca di silurare i negoziati e di inasprire la situazione dando del criminale di guerra a Putin. Non è neppure certo che esista davvero la mitica resistenza ucraina di cui narrano i media, per cui la lentezza russa potrebbe essere una normale precauzione per ripulire preventivamente il terreno da eventuali cecchini e campi minati. Il vero destinatario delle armi americane ed europee dovrebbe essere perciò la Polonia; per cui a Zelensky, forse già rifugiato a Varsavia, spetta di proseguire la sceneggiata finché i contratti di fornitura militare non saranno stati firmati.
L’aspetto più interessante però è capire chi si giovi effettivamente di quegli 800 milioni, e non solo di quelli. In questo periodo molti osservatori estranei al contesto della propaganda ufficiale, hanno individuato, come personaggio centrale della guerra ucraina, il sottosegretario di Stato USA Victoria Nuland, diventata famosa per due episodi, uno del 2014 ed un altro recentissimo. Nel 2014 circolò una frase icasticamente liquidatoria della Nuland sul ruolo dell’Unione Europea nella crisi Ucraina; pochi giorni fa la stessa Nuland, in un’audizione al senato statunitense, ha ammesso l’esistenza sul suolo ucraino di laboratori di bio-ricerca finanziati dagli USA, in pratica armi biologiche. Il giornalista investigativo americano Robert Parry, scomparso qualche anno fa, ha dedicato alla Nuland (ed anche a suo marito, l’ideologo neocon Robert Kagan) un documentato articolo dal titolo molto espressivo: “Un business di famiglia della guerra perpetua”, nel quale si trattava diffusamente della destabilizzazione operata dalla coppia in Ucraina.
Si parla spesso, del tutto a sproposito, di “impero americano”, mentre in realtà non si riscontra alcuna strategia imperiale, dato che non ha avuto alcun senso strategico favorire l’avvicinamento di Russia, Cina ed Iran, che sarebbero invece potenze naturalmente concorrenti tra loro. Ancora più assurdo è che si stia fomentando il revanscismo polacco, poiché Russia e Germania, al di là delle partnership commerciali alla Gerhard Schroeder, rimarrebbero comunque potenze rivali, salvo convergere, da sempre, su un unico interesse politico in comune, cioè stroncare le velleità imperiali della Polonia.
In realtà la politica USA è un imperialismo meramente affaristico gestito da lobby trasversali al pubblico ed al privato. La Nuland è un caso clamoroso di porta girevole, sia tra gli schieramenti politici, sia tra il pubblico ed il privato. Ha collaborato con l’amministrazione repubblicana di Bush Jr., con l’amministrazione Obama, ed ora con Biden. La Nuland però entra ed esce da anni da una società privata di consulenza diplomatica e commerciale, l’Albright Stonebridge Group (ASG), fondato da un’altra esponente politico di spicco, Madeleine Albright, segretario di Stato durante la seconda presidenza Clinton.

Nata a Praga, la Albright ha preso la cittadinanza americana adottando un nome di anglosassone ridondanza, ma ha coltivato i suoi contatti nell’Europa dell’Est, poiché ha capito che il rancore (peraltro comprensibilissimo) dei suoi conterranei nei confronti della Russia poteva essere trasformato in un grande business di guerra infinita. Se un personaggio come lei vivesse in Russia, verrebbe definita dai media una “oligarca”, ma, visto che ora è americana, le spetta sicuramente il titolo di “miliardaria filantropa”, infatti la Albright ha sempre tenuto ad informarci che lei fa “scelte morali”. All’ex cancelliere tedesco Schroeder si contesta il suo conflitto di interessi per Gazprom; ma forse il suo business viene considerato immorale solo perché non ha implicazioni guerrafondaie. Come diceva Nietzsche, le guerre non hanno bisogno di essere giuste, anzi, è la guerra a giustificare tutto.
L’Albright Stonebridge Group può essere considerato un monumento alla porta girevole ed al conflitto di interessi. Ai propri clienti l’ASG fa sapere che riserverà loro un trattamento personalizzato, come a dire: in base al vostro particolare business, vi confezioniamo una guerra ad hoc.
Un saggio notevole sull’argomento del conflitto di interessi nel business bellico, è “The revolving door and the entrenchment of the permanent war economy” di Thomas K. Duncan, del dipartimento di economia della Radford University. L’analisi di Duncan illustra la gestione dei business bellici da parte di personaggi che ricoprono un doppio ruolo pubblico e privato, e ammantano i loro business di slogan idealistici che fanno appello ai “valori occidentali”, secondo uno schema collaudato dai Neocon, che ora sono transitati dall’area del Partito Repubblicano al Partito Democratico.
La leggenda sui Neocon attribuisce un’origine trotzkista a molti suoi esponenti, ma in effetti era ovvio che, per impadronirsi appieno del linguaggio “idealista” e rivoluzionario da riutilizzare a scopi pubblicitari, si frequentassero anche ambienti dell’estrema sinistra antistalinista. La potenza del lobbying consiste nel suo automatismo, nell’essere una macchina affaristica e pubblicitaria che schiaccia con gli slogan e i fatti compiuti ogni elaborazione politica, che richiederebbe tempi più lunghi.
L’ASG infatti è presente, e invadente, nella crisi Ucraina praticamente da sempre, sia attraverso la Nuland, sia in forma diretta. Nel 2014 la stessa fondatrice del gruppo, Madeleine Albright, dichiarò ai media le linee di condotta da adottare per la politica estera USA nella questione ucraina, che ora sono le stesse seguite da Biden.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 17/03/2022 @ 00:07:21, in Commentario 2022, linkato 6298 volte)
Il “soft power” è molto bravo a fare pubblicità a se stesso. Ci è stato raccontato che i film di Rocky, la serie televisiva “Dallas” e la febbre del sabato sera sono stati decisivi per la vittoria dell’Occidente sul comunismo. I giornalisti vanno pazzi per queste cose. Ma se davvero i messaggi individualistici o edonistici hanno fatto mancare il terreno sotto i piedi all’ideologia comunista, è anche più vero che il Sacro Occidente non si fa mancare all’occorrenza l’etica del sacrificio dell’individuo al Bene supremo della collettività. Un ex comunista come Piero Fassino perciò torna utile per ammonirci e ricondurci sulla retta via. Voi egoisti volevate riscaldarvi la casa e mantenervi il posto di lavoro? No, non si deve subordinare il rispetto dei valori alle forniture di gas. Pensavate di essere dei fessi qualsiasi? Invece siete degli Occidentali. Soffrite dunque gioiosi per la vittoria dei valori del Sacro Occidente. Fassino sembra ormai la fotocopia di Shel Shapiro nella parte di Pietro l’Eremita nel film “Brancaleone alla Crociate” di Monicelli. Del resto Fassino fa di nome Piero, quindi era destino che venisse proprio lui a chiamarci ad una nuova crociata.
L’etica sacrificale viene imposta ai poveri, però non esclude il sano egoismo dei ricchi e i loro business ai fini del bene comune. Ancora Fassino corre ad ammaestrarci: è giusto inviare armi all’Ucraina, perché le sanzioni alla Russia non fermano le pallottole.
Gli affari sulle armi si sono rivelati provvidi e preventivi. L’Ucraina è povera in canna, dipendente in gran parte dalle rimesse dei suoi emigranti, eppure è stata costretta a comprare armi americane, prima da Trump e poi da Biden. Gli stessi americani ammettono che imbottire un Paese di armi non basta a rafforzarlo militarmente, basti pensare alle grame prove belliche dell’armatissima Arabia Saudita. Non importa. Le armi sono “etiche”, e se non sono servite a scoraggiare l’invasione, serviranno invece per alimentare la “resistenza”. L’Unione Europea perciò si adegua e la solita “sinistra interventista” esulta. Non ci si risparmia il consueto classico dei pacifisti abusivi: io sono pacifista, però stavolta …
Hillary Clinton ci fa sapere che gli USA vogliono trasformare l’Ucraina in un nuovo Afghanistan in cui infognare la Russia. Idea generosa e rassicurante verso gli Ucraini, ed anche verso i Paesi limitrofi della NATO, che dovrebbero fare da retrovia ad un conflitto infinito (ammesso che rimangano solo retrovia). Insieme con le armi forse la Clinton fornirà ai partigiani ucraini anche le montagne e le caverne con cui i Talebani si sono riparati dai satelliti spia e dai droni. O la Clinton pensa che i partigiani ucraini possano nascondersi nei campi di grano e nelle distese di girasoli?

Dato che non è affatto detto che gli Ucraini siano così altruisti da sacrificarsi per la Clinton (c’è molto cinismo anche da quelle parti), allora si è già trovata l’alternativa: far affluire in Ucraina i jihadisti che i Russi hanno sfrattato dalla Cecenia, dalla Siria e dalla Cirenaica. Secondo un articolo datato 8 luglio 2015 del New York Times, i jihadisti sono utilizzati, e bene accetti, dalle forze armate ucraine sin dall’inizio della repressione in Donbass, dato che i soldati di origine ucraina non dimostravano una gran voglia di impegnarsi in quella guerra civile. Sono notizie di oltre sei anni fa, quindi, a proposito della retorica sulla mitica resistenza ucraina, non siamo neppure sicuri che le forze armate ucraine non siano state da tempo soppiantate da mercenari stranieri. Ed è anche un po’ tardi per raccontarci che i jihadisti presenti sul suolo ucraino, ce li abbia portati adesso Putin. Chi ci assicura poi che i jihadisti, invece di combattere i Russi, non si facciano il loro staterello nel cuore dell’Europa? Forse finirà che gli Europei dovranno rivolgersi proprio al militarismo russo per farsi proteggere.
A guerre in corso è assolutamente impossibile ricevere notizie certe, o quantomeno attendibili, poiché tutto è disinformazione, ed a volte occorre aspettare anni per sapere un po’ come sono andate le cose. L’esperienza passata dovrebbe però insegnare qualcosa; e, a proposito della Clinton, sarebbe il caso di considerare gli esiti di un’operazione gestita da lei: l’eliminazione di Gheddafi. Leggendo il testo integrale della lettera congiunta di Obama, Cameron e Sarkozy dell’aprile del 2011 per giustificare la loro aggressione alla Libia, a distanza di undici anni si può dire che non ne hanno azzeccata una. La Libia oggi è nel caos, ed ovviamente delle sofferenze del popolo libico ai nostri leader occidentali non gliene può fregare di meno. Più preoccupante invece per i loro interessi è che i Russi oggi siano a Tobruk, a pochi chilometri dalla Sicilia e dalle sue basi militari americane. Giusto per non farsi mancare niente, i Turchi ora occupano la Tripolitania, riprendendosi un pezzo dell’Impero Ottomano che Giolitti gli aveva strappato nel 1911.
Ma lasciamo perdere le sottigliezze e pensiamo alle buone notizie per gli affari degli USA. Grazie alle sanzioni alla Russia il petrolio e il gas di scisto degli USA, così costosi che sino a poco tempo fa non li voleva nessuno, ora stanno attraversando un momento magico, con vendite e prezzi alle stelle. Sanzioni o meno, con questi prezzi delle materie prime, anche Gazprom farà profitti. Tanto le bollette le paghiamo noi, e Piero Fassino l’Eremita dice che non dobbiamo lamentarci perché facciamo solo il nostro sacro dovere di Occidentali.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (5)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (52)
Commentario 2020 (54)
Commentario 2021 (52)
Commentario 2022 (26)
Commenti Flash (61)
Documenti (30)
Emergenze Morali (1)
Falso Movimento (10)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (25)
Links (1)
Manuale del piccolo colonialista (18)
Storia (9)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


30/06/2022 @ 06:07:14
script eseguito in 91 ms