"
"Le decisioni del Congresso Generale saranno obbligatorie solo per le federazioni che le accettano."

Congresso Antiautoritario Internazionale di Ginevra, 1873
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 07/01/2016 @ 02:57:03, in Commentario 2016, linkato 1382 volte)
Tra i filoni mediatici più praticati, e più fortunati, c'è quello dei commenti falsamente critici nei confronti dell'establishment. La situazione in Libia è talmente confusa e disastrata che non si può certo fingere di ritenere salvifica l'aggressione della NATO del 2011 che ha dato il via alla destabilizzazione del Paese, perciò, in un articolo su "Il Fatto Quotidiano", dai toni irriverenti e sbarazzini, l'economista Loretta Napoleoni non esita a parlare di "fiasco" della NATO, e si spinge a considerare del tutto strumentale agli interessi economici dell'Occidente l'accordo fatto firmare ai due governi in guerra tra loro in Libia, quello di Tripoli e quello di Tobruk. La Napoleoni conclude il suo commento esprimendo scetticismo nei confronti delle posizioni del governo di Tobruk, il quale non chiede interventi militari esterni per stabilizzare il Paese, ma solo di potersi dotare di armamenti più adeguati.
Se la Napoleoni fosse contraria per principio alle vendite di armi, la sua posizione avrebbe un senso, ma, per come si presenta, non fa altro che adagiarsi nei paradossi della posizione occidentale. Il governo di Tobruk è infatti quello ufficialmente riconosciuto dai governi occidentali, con l'eccezione della Turchia, la quale invece rifornisce di armi il governo di Tripoli, il più legato alle formazioni sedicenti jihadiste. La Napoleoni avrebbe potuto cercare di spiegarci che senso abbia riconoscere un governo e poi tenerlo sotto embargo di fornitura di armi, tanto più che l'altro governo le armi le riceve, eccome; per di più da Paesi nostri "alleati", come la Turchia, il Qatar e l'Arabia Saudita. Certo, gli embarghi e le sanzioni sono anche un business, perciò almeno una parte di quelle armi che non si potrebbero vendere, poi arriva lo stesso, magari per farsela pagare dieci volte tanto. Sta di fatto però che il business è a spese del governo di Tobruk, cioè il governo ufficialmente considerato come "amico" dall'Occidente.
Ci sono quindi tutti gli elementi per ritenere che l'intervento della NATO del 2011 non sia stato affatto un "fiasco", ma abbia raggiunto tutti i suoi obiettivi, che non consistevano soltanto nella caduta di Gheddafi, ma soprattutto nella destabilizzazione della Libia. La NATO ha applicato, e sta continuando ad applicare, alla Libia, come alla Siria, il "modello Congo", cioè la colonizzazione diretta di un territorio, le cui istituzioni abbiano solo un ruolo di facciata, ed i cui governi non estendano il loro effettivo potere oltre il quartiere di residenza. Si tratta di trasformare questi Paesi in paradisi delle multinazionali, che possono così rinverdire i fasti delle Compagnie Commerciali del XVII secolo. Le Compagnie Commerciali gestivano direttamente i territori in cui si insediavano, finanziando ed allevando milizie mercenarie locali. Un vecchio film, ma è tornato in prima visione.
Nel 2011 il dibattito della sinistra si impantanò in termini come "diritti umani", "democrazia" e "dittatura", rimuovendo completamente il concetto di colonialismo. Si fu quindi costretti ad assistere allo spettacolo di una "sinistra" entusiasticamente, o talvolta tiepidamente, interventista, in nome dell'appoggio alle cosiddette "primavere arabe".
Il fatto è che il razzismo si è dimostrato un'ideologia molto duttile, e con un altissimo potenziale mistificatorio. Quello che lo scrittore inglese Rudyard Kipling, in una sua poesia del 1899, chiamava "il fardello dell'Uomo Bianco", ora è diventato il tema dei "diritti umani", con un proliferare di ONG che fanno da battistrada alle aggressioni della NATO. La retorica sui "popoli minorenni" dell'altro grande cantore del colonialismo britannico, il filosofo John Stuart Mill, si è riciclata come orrore nei confronti dei "dittatori" che opprimono i popoli inferiori; popoli che vedrebbero nelle cosiddette "libertà occidentali" il loro faro, peraltro sempre irraggiungibile, appunto a causa della loro irrimediabile inferiorità.
Il sistema occidentale è maestro di dissimulazione, ed i suoi popoli vivono beatamente inconsapevoli del grado di militarizzazione della propria vita. Ci si ricorda del militarismo quando ci sono le guerre, e si ignora che è militarizzata la pace. L'Unione Europea e l'euro sono stati creati per esigenze di disciplina NATO, in base all'articolo 2 del Patto Atlantico, che impone l'integrazione economica dei suoi membri. Intanto le tecnologie elaborate dal Pentagono vengono commercializzate dai grandi prestanome, i Bill Gates, gli Steve Jobs ed i Mark Zuckerberg, con tutto il contorno di fiabe che avvolge questi nuovi santini. In fondo chi sta più inguaiato? Chi crede alla capanna di Betlemme, o chi crede al garage di Steve Jobs?
L'Occidente "filantropico" ed "umanitario" ci fa anche credere di andare alla guerra sempre controvoglia, per rispondere al "grido di dolore" dei popoli bisognosi. La retorica del soccorso occidentale nei confronti dei "popoli minorenni" ha le sue implicazioni sfacciatamente militari, ma anche quelle diplomatiche. Visto che il governo di Tobruk dimostra crescenti simpatie verso la Russia, e dato che la stessa Russia ha cominciato a fare sul serio in Siria, decidendosi a restituire stabilità al regime di Assad, ecco che la NATO, tramite l'ONU, dà il via all'ipocrita balletto diplomatico degli "accordi" in Libia, simulando un senso di responsabilità che in realtà non ha, e non ha mai avuto. Ma l'opzione dell'aggressione militare diretta rimane sempre sul tavolo, e se non c'è un "grido di dolore", ce lo si inventa. Visto che il governo di Tobruk non è d'accordo, adesso ci si fa credere che sia la compagnia petrolifera libica ad invocare soccorso contro l'ISIS.
In questa situazione ai governi italiani è riservato il consueto ruolo del fantoccio che si dà importanza. I giornali titolano, nientemeno, che l'Italia guiderà una coalizione per un nuovo intervento in Libia, ufficialmente contro l'ISIS, ma poi si precisa che le truppe non saranno italiane. E allora a chi obbediranno? A Renzi e alla Pinotti?
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 31/12/2015 @ 01:14:17, in Commentario 2015, linkato 1429 volte)
Quando si dice "logica del profitto" si pensa spesso di esprimere una critica del capitalismo, mentre in effetti se ne sta offrendo un'immagine edulcorata e rassicurante. La prassi del capitalismo è infatti più spesso ispirata a criteri fraudolenti e predatori. Nella vicenda delle quattro banche salvate dal governo Renzi a spese dei risparmiatori, l'attenzione dei media si è concentrata sull'atteggiamento non trasparente delle banche nel vendere i loro titoli, o sulla mancanza di controlli sulle banche stesse, quando invece nell'occasione è stato proprio il governo a manifestare più di tutti una logica criminale a tutto tondo.
Concedere la buona fede ai potenti vuol dire concedergli tutto; ed è accaduto così che tanti che si definiscono "oppositori", sempre pronti a fare il processo alle intenzioni ai mussulmani delle periferie, poi non hanno notato che il governo ha voluto drammatizzare artificiosamente l'emergenza legata alle quattro banche, ciò con la scelta arbitraria ed illegittima di applicare immediatamente quelle regole del "bail in" che dovrebbero decorrere solo dal prossimo gennaio. La scelta governativa corrisponde ad una logica di "cannibalismo bancario", poiché genera le condizioni di panico utili ad estendere la crisi ad altre banche locali, costringendole quindi ad agganciarsi al carro dei maggiori istituti di credito. La "riforma" del sistema bancario varata dal governo Renzi nel marzo scorso, già andava in tal senso, poiché costringeva le piccole banche a trasformarsi in SPA, rendendole quindi vulnerabili alle scalate. L'emergenza provocata dal governo nelle settimane scorse, è servita evidentemente ad accelerare il processo già iniziato di accorpamento/saccheggio dei piccoli istituti di credito.
Molte banche di provincia e tante casse rurali possono ancora vantare una discreta situazione patrimoniale, e ciò le rende interessanti come possibili prede da parte delle banche più grandi. Per un governo che si attacca tanto agli "zero virgola" per dimostrare l'uscita dalla recessione, risulta palesemente incoerente questa drastica scelta recessiva, che va a compromettere ulteriormente, in un momento già difficile, il rapporto delle banche locali con le piccole e medie imprese del loro territorio.
Tra l'altro non si può essere neanche certi che questo cannibalismo bancario vada a vantaggio esclusivo dei grossi gruppi finanziari italiani. Il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, infatti non perde occasione per ribadire il proprio legame con le organizzazioni da cui proviene, cioè il Fondo Monetario Internazionale e la sua diretta emanazione, cioè l'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico. Nell'ottobre scorso Padoan ha commissionato a FMI ed OCSE uno studio per scoprire in tutto il mondo "buone pratiche fiscali" da applicare anche all'Italia. La notizia era ufficiale, ma monca, dato che non si chiariva quanto sarebbe costato all'erario italiano appaltare questa ridicola ricerca ad organizzazioni esterne. Un altro bel caso di conflitto di interessi di un ministro dell'attuale governo, un caso ovviamente sfuggito ai nostri media.
Il FMI e l'OCSE sono l'espressione di lobby multinazionali in cui la finanza italiana è scarsamente rappresentata, e quindi il fatto che a dirigere le attuali operazioni di cannibalismo bancario in Italia ci sia un Padoan, indica che il "bail in" si configura come un ulteriore espediente di colonizzazione. I solerti commentatori dei media ufficiali hanno avuto la faccia tosta di attribuire l'adozione a livello europeo del "bail in"- cioè i salvataggi bancari a spese dei risparmiatori -, alla pressione di movimenti d'opinione come "Occupy Wall Street", cioè all'insofferenza verso la pratica di scaricare sui contribuenti i costi delle crisi bancarie. A parte il fatto che l'assistenza del pubblico denaro nei confronti delle banche maggiori continua tranquillamente attraverso il Meccanismo Europeo di Stabilità, il punto è che il "bail in" si pone come una fonte di approvvigionamento non alternativa, ma aggiuntiva, per le multinazionali del credito.
In Europa la banca attualmente più inguaiata è il maggior istituto di credito tedesco, Deutsche Bank, definita, non a caso: " il buco con la banca intorno". Risulta quindi logico che il governo tedesco pensi ad una cura ricostituente per Deutsche Bank; una cura basata sul lasciarle mangiare migliaia di piccole banche locali in Europa. Schauble può permettersi di fare il bullo in Europa perché la NATO non consente a nessun Paese di scapparsene dall'Unione Europea. Il sub-imperialismo tedesco sull'Europa non deriva quindi da forza propria della Germania, ma dalla rendita di posizione che le proviene dalla disciplina NATO. Nel 1989 è finita la Guerra Fredda ed è cominciata una fase di aggressione unilaterale della NATO contro la Russia, e la costituzione dell'Unione Europea nel 1992 è stata un momento decisivo di questa aggressione. Il problema è che questa aggressione costa, e va quindi scaricata sul contribuente. Le "rivoluzioni" anticomuniste nell'Europa dell'Est erano state finanziate da George Soros, finanziere ed agente della CIA. Dopo aver sostenuto le spese, Soros passò all'incasso nel settembre del 1992, speculando sulla sterlina e sulla lira, largamente sopravvalutate a causa dei vincoli del Sistema Monetario Europeo, basato sulla moneta virtuale ECU, da cui sarebbe poi nato l'euro. La Banca d'Inghilterra e la Banca d'Italia diedero fondo alle riserve valutarie per arginare la crisi. In Italia il governo di Giuliano Amato si inventò tasse come l'ICI e persino il prelievo forzoso sui conti correnti. In tal modo quel ceto medio, che nei decenni precedenti era stato la base sociale dell'anticomunismo, venne chiamato a pagare i costi di quello stesso anticomunismo. E a tutt'oggi non sta smettendo di pagare, perché, anche se non c'è più il comunismo, c'è ancora la Russia da far fuori.
Il 15 dicembre scorso Obama e la Merkel hanno deciso di rinnovare per altri sei mesi le sanzioni economiche contro la Russia. Si dice spesso che queste sanzioni non danneggiano solo Paesi come l'Italia, ma soprattutto la stessa Germania, ed è vero. Ma alla Germania è possibile ciò che ad altri è precluso, cioè rivalersi sui "partner" europei.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


16/12/2018 @ 19:45:44
script eseguito in 70 ms