"
"Ridurre l'anarchismo alla nozione di "autogoverno", significa depotenziarlo come critica sociale e come alternativa sociale, che consistono nella demistificazione della funzione di governo, individuata come fattore di disordine."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 17/12/2015 @ 01:32:42, in Commentario 2015, linkato 1113 volte)
Il rapporto del Censis di De Rita ci fa sapere che l’Italia, con una crescita dello zero virgola, se non è al declino poco ci manca, e la colpa non è degli attentati terroristici, ma dello stile di vita degli Italiani, troppo pigri e prudenti. Non si mettono in gioco fino in fondo, non rischiano, mentre “nelle banche giace inoperosa una montagna di risparmi, un cash cautelativo, che supera i 4.000 miliardi, molti depositi e contanti, sempre meno azioni e partecipazioni”.
Certamente dovranno cambiare "stile di vita" i centotrentamila bidonati dalle quattro banche salvate da Renzi, che hanno imparato a loro spese che fidarsi delle banche non è un rischio: è sempre e comunque una fregatura. Il Censis, si sa, non è un vero centro studi, ma essenzialmente un organo di propaganda, perciò questa colpevolizzazione dei risparmiatori risulta funzionale al chiamarli a pagare per l'insolvenza delle banche.
Nella vicenda di quelle che in gergo finanziario sono chiamate "sofferenze" bancarie, il governo tedesco si è comportato come il Don Giovanni di Molière: dopo aver foraggiato con i soldi dei contribuenti i banchieri in crisi, ora si atteggia a censore nei confronti dei governi europei che volessero fare altrettanto, e tempo fa ha costretto l'Unione Europea ad approvare le regole del cosiddetto "bail in", cioè la garanzia interna delle banche a spese dei loro risparmiatori. In tal modo il governo Merkel cerca di favorire l'acquisizione da parte delle multinazionali tedesche di istituti bancari in crisi in altri Paesi europei. Per la verità il governo italiano appare il più preparato ad adeguarsi alle nuove regole, dato che in Italia l'assistenzialismo per banchieri è stato finanziato soprattutto a spese dell'utenza. Il governo Monti impose ai pensionati di aprire un conto corrente per poter riscuotere la pensione, ed altrettanto fu imposto a centinaia di migliaia di dipendenti pubblici che percepivano direttamente il loro cash agli sportelli della Banca d'Italia. "Bail in" o "bail out", la regola aurea non cambia: sono sempre i poveri a dover versare l'elemosina ai ricchi. I banchieri non devono infatti temere più di tanto, dato che per loro c'è il Meccanismo Europeo di Stabilità, o Fondo Salva Stati - che ha in effetti salvato solo banche -, un fondo finanziato dagli Stati, cioè dai contribuenti, ma i cui aiuti per le banche, chissà perché, non sono considerati aiuto statale. Poi per le banche ci sono anche i prestiti ad interessi zero della BCE. Insomma, un bengodi. Peccato che alle banche non basti mai ed, anzi, continuino a "soffrire".
La colpevolizzazione del risparmio assume però anche una valenza propagandistica in chiave di rilancio del consumismo. Uno dei mantra più diffusi della propaganda in tempi di ISIS, soprattutto dopo gli attentati di Parigi, sembra avere come argomentazione quella della contrapposizione degli stili di vita fra "occidentali" e mussulmani o, come si dice oggi, "islamici". Si tratta di un tipo di propaganda piuttosto rozza, ma che funziona sempre. Ci viene narrato che gli islamisti odiano la vita e, a maggior ragione, la “dolce vita” degli "occidentali", la loro cultura, i loro divertimenti blasfemi. I leader occidentali promettono misure spietate contro i barbari bigotti, ma allo stesso tempo lanciano appelli accorati ai cittadini perché non si rinchiudano in casa, ma vadano a teatro, al ristorante o, semplicemente, a fare shopping, solo per dimostrare all’ISIS che non ha vinto.
Già nel 1939 il film "Ninotchka" di Ernst Lubitsch metteva a confronto le dolcezze dello stile di vita occidentale e capitalistico con quello di un bigottismo sovietico retrogrado. Anche se il film era di produzione americana, era però ambientato proprio a Parigi come luogo elettivo della dolcezza di vivere “occidentale”. Nel 2012 è uscito un film, ufficialmente di produzione saudita, "La Bicicletta Verde", che riprendeva la tesi del consumismo come via di scampo alle strettoie del bigottismo, in quel caso bigottismo islamico. Il film era chiaramente di marca CIA-Mossad, ed il fatto che si sia cercato di far credere che l'autore fosse una donna costituiva un'esca per i "progressisti" occidentali, sempre troppo proni di fronte alle parodie del "politically correct".
Lo schema propagandistico di questo tipo di film si basa sul confronto tra la "naturalezza" dell'edonismo capitalistico e le forzature ideologiche del comunismo o del fanatismo religioso. In realtà poi si è visto che gli slogan del capitalismo sono intercambiabili, perciò, quando serve, si ricorre al moralismo più vieto e bacchettone, ed arriva il Fondo Monetario Internazionale a colpevolizzare l'edonismo di chi vorrebbe "vivere al di sopra dei suoi mezzi". Sia che il capitalismo si presenti nella versione libertino-licenziosa dell'edonista, oppure nei panni severi del "calvinista", lo scopo della propaganda è comunque quello di costringere le opposizioni a sottostare a dei giochi di ruolo, impedendo così di andare a smascherare di volta in volta i camuffamenti del solito assistenzialismo per ricchi. Uno dei maggiori paradossi legati al terrorismo interno costruito dalla Nato e dai suoi alleati delle petromonarchie del Golfo Persico, è che, se da un lato si ottengono con questa solita vecchia formula degli effetti disciplinari ben sperimentati, legati ad un aumento indiscriminato (se mai potesse esisterne uno discriminato…) dei controlli, della presenza di polizia ed esercito nelle strade, delle restrizioni dei diritti formali del cittadino (basti ricordare il Patriot Act dopo l'11settembre); dall’altro lato c’è il rischio di un calo dei consumi già ridotti al lumicino dalla crisi, e quindi che le persone la smettano di indebitarsi sempre di più per merci di qualità sempre peggiore. Se è lecito nutrire qualche dubbio sul numero di disoccupati o lavoratori in difficoltà che la sera siano disposti a correre a teatro o al ristorante, è vero pure che i più terrorizzati sembrano essere gli addetti allo shopping e al marketing. In altri termini è bene terrorizzare la popolazione, ma bisogna evitare che smetta di indebitarsi per poter comprare. Anzi, bisogna far sì che il terrorismo venga percepito come incentivo ai consumi. Un terrorismo in funzione pubblicitaria.
Non mancano i precedenti della tesi che lo "stile di vita" da salvaguardare contro la minaccia terroristica sia proprio quello dello shopping. Nel suo secondo discorso alla nazione dopo l’attacco dell’11 settembre, il presidente Bush invitava gli statunitensi a mostrarsi forti e incitava “ad avere fiducia e a sostenere l’economia americana”. Il consumismo viene quindi fatto passare come un'espressione di eroismo civile, un'indomita difesa dei valori "occidentali" contro la minaccia della barbarie.
Il vicepresidente, Dick Cheney, era stato anche più diretto nel rappresentare questa mitologia del consumatore/eroe, e in televisione aveva espresso la sua personale speranza che: “gli americani reagiscano sbattendo in faccia ai terroristi il loro ottimismo”, e “non permettano in alcun modo che gli avvenimenti incidano sulla loro abituale attività economica”.
A New York, un giorno solo dopo la caduta delle torri, il sindaco Rudolph Giuliani ha raccomandato ai suoi elettori sgomenti : “Fate vedere che non siete spaventati. Andate al ristorante. Uscite a fare shopping.” Quando qualcuno nel mondo ha chiesto in che modo avrebbe potuto rendersi utile, lui ha risposto : “Venite qui a spendere i vostri soldi”.
A quando l'uso dello spauracchio del terrorismo anche nelle televendite?
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 10/12/2015 @ 00:21:09, in Commentario 2015, linkato 1448 volte)
La strage del 2 dicembre a San Bernardino in California ed il clamore mediatico sulla scontata, quanto inconsistente, "rivendicazione" di marca ISIS, hanno riproposto la questione del false flag. Qualcuno ha osservato che l'obiettivo di San Bernardino appare troppo caratterizzato e preciso (un centro per disabili, gestito come un business), e non basta certo una presunta frasetta su Facebook di uno dei presunti attentatori per contrastare questo dato.
La mistificazione potrebbe aver riguardato l'intera organizzazione della strage, oppure potrebbe essere consistita nel far passare come un attentato una delle tante uccisioni di massa della cronaca statunitense; oppure nell'aver creato falsi collegamenti tra eventi diversi. In questi ultimi due casi si tratterebbe di un false flag a posteriori, ciò che si potrebbe anche definire un depistaggio. Rimangono infatti irrisolte anche molte incongruenze della versione ufficiale. Prima si è parlato di tre "attentatori" poi di due, i quali sarebbero stati eliminati dalla polizia lontano dal luogo della strage; perciò anche il legame tra le due sparatorie non è affidato a elementi oggettivi, ma interamente alle dichiarazioni ufficiali. Sta di fatto che sulla dinamica dell'attentato al centro disabili, ed anche sulle circostanze della successiva sparatoria con la polizia, è calato il black-out informativo, e i media si sono interamente dedicati alla caricatura dei particolari biografici dei due presunti attentatori.
A questo punto però la domanda non è più se ci sia qualcosa di falso, ma se sia rimasto in giro ancora qualcosa di vero. La stessa città di San Bernardino in California era immersa in questo contesto di falsificazione già da prima della strage. Nel 2012 le agenzie di stampa titolavano con tono allarmistico sulla bancarotta della città di San Bernardino, la quale dichiarava un deficit di quarantasei milioni di dollari e debiti per un miliardo di dollari. I contenziosi giudiziari del municipio di San Bernardino con i suoi creditori sono peraltro tuttora in corso.
San Bernardino era la terza città della California a trovarsi in default, ma, dal 2011, i giornali ci avevano fatto sapere che l'intero Stato della California si trovava ad un passo dal baratro finanziario. Macché. Nel 2013 il quotidiano "Il Sole-24 ore" titolava trionfalmente che lo Stato della California, che solo due anni prima era dato per spacciato, in base alle dichiarazioni del nuovo governatore democratico, si avviava invece verso il pareggio di bilancio, almeno secondo le "proiezioni" finanziarie.
Quale sarebbe poi il motivo di questa improvvisa resurrezione finanziaria? I soliti "tagli"? Ci sarebbe anche una novità, cioè gli introiti fiscali sulla cannabis, appena legalizzata in California ad opera del precedente governatore repubblicano, l'attore Arnold Schwarzenegger. Peccato che i Greci non ci abbiano pensato. A dare voce a questa "notizia"-fiaba, confezionata apposta per far da esca ai palati "progressisti", provvedeva anche il quotidiano "il Manifesto".
Prima non si è data alcuna spiegazione del fatto che uno degli Stati a più alta produttività industriale e agricola del mondo fosse a rischio di insolvenza, e poi si è cercato di far credere che una tassa sulla cannabis abbia risolto tutto. Se questa è la qualità dell'informazione sulla situazione finanziaria della California, non si può certo pretendere che per gli attentati avvenga qualcosa di diverso.
Il codice penale prevede del resto uno specifico reato, l'aggiotaggio, cioè un particolare tipo di frode che consiste nel diffondere notizie false, o talmente esagerate, da determinare una grave alterazione dei prezzi. Il codice penale, si sa, è alquanto "complottista", poiché prevede anche reati come l'associazione a delinquere: sembra una descrizione del potere.
Le notizie sulla condizione delle finanze dello Stato della California forse erano false tre anni fa, oppure potrebbero essere false adesso, o persino risultare false sia allora che adesso. Il problema è che l'interesse a mentire era, ed è, potenzialmente enorme, dato che tutto ciò ha inciso sui tassi di interesse delle obbligazioni emesse sia dallo Stato della California che dai singoli municipi. Ciò che vale per la finanza, vale anche per la politica, tanto più che l'una non può esistere senza l'altra.
L'intreccio fraudolento tra politica e finanza è riscontrabile anche nel più famoso false flag della storia americana, il Boston Tea Party del 1773, allorché un gruppo di coloni americani, travestiti da indiani Mohawk, assalì nel porto di Boston alcune navi della Compagnia britannica delle Indie Orientali, gettando in mare il carico di tè. A posteriori il Boston Tea party è stato fatto passare come un mero episodio di rivolta fiscale ed il travestimento da indiani come una casuale mascherata. In realtà nel 1773 i Mohawk avevano uno status ufficiale e legalizzato di alleati della Corona britannica, e si occupavano di commercio di pellicce e di pesca, perciò una loro presenza nel porto di Boston sarebbe stata del tutto plausibile, dando quindi credibilità al false flag; anche se poi le autorità britanniche non ci cascarono. Inoltre la Compagnia delle Indie Orientali era in quel periodo in piena tempesta finanziaria, e l'attentato di Boston andò ad incidere proprio su quel contesto.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (49)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


11/12/2018 @ 13:16:48
script eseguito in 78 ms