"
"Un'idea che non sia pericolosa non merita affatto di essere chiamata idea."

Oscar Wilde
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 25/06/2015 @ 00:31:36, in Commentario 2015, linkato 1571 volte)
L'Expo di Milano pare stia diventando l'esposizione delle figuracce di Renzi. Alla perenne ricerca di "sponde" in campo internazionale, Renzi incassa un diniego dopo l'altro, spesso con l'aggiunta di umilianti prese per i fondelli. Il primo ministro britannico Cameron non solo ha dichiarato che nessun immigrato metterà piede nel Regno Unito, ma ha anche conferito a Renzi lo status dell'incapace, offrendogli assistenza navale e di "intelligence". Renzi, che si è posto di sua iniziativa nell'imbarazzante posizione del postulante, è costretto ad incassare il calcio nel sedere, ed a ringraziare pure.
Sembrano distanti secoli i titoli dei giornali dell'ottobre scorso, quando Cameron faceva eco alle polemiche di Renzi contro i diktat della Commissione Europea. I media nostrani plaudivano alla presunta intesa tra governo italiano e governo britannico, ma senza spiegare che il Regno Unito in Europa ha sempre fatto il proprio comodo e, se a Cameron è riconosciuto il privilegio di ignorare la Commissione Europea, non altrettanto è mai stato concesso a Paesi minori come l'Italia.
Ancora più lontano appare l'asse di Renzi con il presidente francese Hollande, un asse che i media celebravano trionfalmente nel marzo dell'anno scorso. L'identità di vedute fra i due "statisti" si stagliava luminosa a rischiarare il cammino europeo dell'Italia, alla vigilia della tappa tedesca e dell'incontro con la cancelliera Merkel, la quale invece scaricò su Renzi la solita valanga di dinieghi.
Un "asse" non è mai stato negato a nessuno da Hollande, il quale, nel suo stile apparentemente dimesso, si è dimostrato un grande dispensatore di chiacchiere. A suo tempo anche Mario Monti beneficiò di questa carità pelosa di Hollande, e nel 2012 i media cantarono la nascita di un asse tra la Francia e l'Italia sulla questione dell'euro. Che fine abbiano poi fatto queste intese così ferree, nessuno ce l'ha spiegato, ma basterebbe rovistare in qualche cassonetto.
Tanto per cambiare, anche Hollande ha colto l'occasione dell'Expo per esporre a Renzi i suoi dinieghi sulla questione dell'immigrazione. La settimana scorsa il ministro degli Interni Alfano dava per acquisita l'intesa europea sulle quote di immigrati e, secondo lui, c'era da mettersi d'accordo solo sui numeri finali. Detto da Alfano c'era proprio da crederci. Hollande infatti ha dichiarato che le quote sono insensate. Col piglio dello stratega, Hollande ha annunciato che i problemi si risolvono alla radice, e cioè nei teatri di guerra in Siria e Libia. Visto che il casino in Siria l'ha combinato lui, ed in Libia il suo predecessore Sarkozy, c'è proprio da dormire sonni tranquilli.
In base al criterio del "mal comune, mezzo gaudio", le esibizioni penose di Cameron e Hollande avrebbero dovuto disappannare l'immagine di Renzi, ma l'attuale disastro della politica estera italiana ha spinto alcuni a considerare i tempi del ministro Frattini come una sorta di paradiso perduto. In realtà ciò che fa testo è la continuità tra il governo Renzi ed i suoi predecessori, che avevano già viste sequestrate la politica estera e la politica economica dagli organismi sovranazionali.
L'Unione Europea è tutta una colonia USA, ed è nel suo complesso sottoposta alla disciplina della NATO e del Fondo Monetario Internazionale; ma anche tra le varie colonie vige una gerarchia. Vi sono colonie di serie A e colonie di serie B, perciò in Europa vi sono ancora Paesi che beneficiano di certi privilegi, come Germania, Regno Unito e Francia, mentre per l'Italia il termine "Europa" evoca solo vincoli e bidoni. Contrariamente a ciò che pretende il tipico assioma-alibi dei reazionari, la gerarchizzazione non si identifica affatto con l'ordine. Stabilire e ribadire le gerarchie comporta infatti un'incessante competizione, anche tra servi, quindi una destabilizzazione permanente, in un crescendo di agguati e sgambetti reciproci, in cui ovviamente sono i più deboli a subire di più e di peggio. Il fatto di aderire alla NATO ed alla UE non assicura per niente all'Italia la continuità e la stabilità delle relazioni internazionali, ma solo l'esporsi ad ingerenze e sopraffazioni.
Rispetto al passato, lo sfrenato velleitarismo renziano ha soltanto posto ancora più in evidenza la condizione di emarginazione e di soggezione internazionale dell'Italia, che non trova più "sponde" negli altri Paesi, e neppure le proprie sponde le appartengono più. La stupidità di Renzi appare però sempre meno come un prodotto naturale, tanto che sorge il sospetto che l'attuale Presidente del Consiglio sia un cretino creato in laboratorio, ad uso delle lobby multinazionali.
L'ultima notizia è infatti che la presidenza del residuo istituto bancario nelle mani del governo, la Cassa Depositi e Prestiti, è stata affidata ad una mezza figura, tale Claudio Costamagna, che non può vantare altra distinzione nel suo curriculum se non l'aver lavorato per Goldman Sachs. Il presidente in carica sino alla settimana scorsa, Bassanini, è stato spinto a dimettersi con la promessa di un incarico governativo "prestigioso", cioè il ruolo di "consulente" di Renzi. Tacitato Bassanini con uno stipendio d'oro per un posto fittizio, il governo non ha ritenuto di fornire alcuna spiegazione decente per l'avvicendamento, che si configura come una mera operazione di lobbying.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 18/06/2015 @ 01:51:36, in Commentario 2015, linkato 1245 volte)
Il Renzi ultra-occidentale e guerrafondaio del febbraio scorso, quello deciso ad intervenire in Libia e che aveva promesso un decreto a riguardo per il marzo successivo, nel giro di tre mesi sembra aver invertito la rotta di centottanta gradi, diventando anch'egli "amico" di Putin, e pregandolo di collaborare alla lotta contro l'ISIS. La svolta della politica estera italiana sembrerebbe davvero radicale, se si considera che l'intervento militare in Libia promesso da Renzi appariva oggettivamente come un modo per contrastare l'influenza che sta assumendo la Russia sull'Egitto e sul governo libico di Tobruk. La metamorfosi è avvenuta proprio agli inizi del fatidico marzo, con un viaggio di Renzi a Mosca, una trasferta che ha assunto quasi i toni del pellegrinaggio. Nell'occasione Renzi ha deposto un mazzo di fiori per onorare la memoria di Boris Nemtsov, un oppositore di destra al regime per la cui uccisione i media occidentali ovviamente incolpano Putin, in base a ciò che impongono gli inesorabili schemi della propaganda NATO. Non sono mancate osservazioni imbarazzate da parte di commentatori ufficiali per il fatto che Renzi incontrasse un Putin con le mani ancora sporche di sangue, e ciò è stato giustificato come realpolitik.
La visita di Renzi è stata ricambiata nei giorni scorsi da Putin, che ha onorato un Expo di Milano altrimenti ignorato da tutti. Nell'occasione Putin e Renzi hanno invocato insieme il ritiro delle sanzioni economiche contro la Russia. In questi giorni i media italiani hanno ricordato il danno che le sanzioni contro la Russia stanno infliggendo alle esportazioni italiane. Messa così la questione appare un po' troppo generica, poiché è difficile pensare che il governo si sarebbe lasciato commuovere dalle difficoltà della nostra economia, dato che si tratta dello stesso governo che, mentre parla di "crescita", compie continue scelte depressive. La realtà è che ad essere coinvolti negli affari con la Russia, sono i residui colossi dell'economia italiana, e non si tratta soltanto del solito ENI, dato che anche Finmeccanica trova nella Russia uno dei suoi principali clienti. Ma c'è anche l'ENEL, della quale l'opinione pubblica italiana ignora il ruolo di multinazionale. Oggi l'ENEL è la maggiore azienda elettrica in Spagna, mentre in Russia gestisce quattro centrali, con una potenza installata di 9107 Mw ed una produzione di 42,4 Twh. Si tratta di quote non determinanti, viste anche le dimensioni della Russia, ma che delineano già i contorni di un business significativo ed in via di ulteriore crescita, poiché si tratta di utilizzare in loco materie prime come petrolio, e soprattutto gas, che sarebbero difficili da trasportare, mentre l'energia elettrica si trasporta molto più facilmente.
Tra le grosse aziende italiane che hanno interessi in Russia c'è persino la multinazionale dell'edilizia Salini Impregilo, proprio quella della mega-truffa del ponte sullo Stretto di Messina. Nonostante questi precedenti poco rassicuranti (o forse proprio grazie a quelli), Salini Impregilo è riuscita a conquistare addirittura l'appalto per la metropolitana di San Pietroburgo.
In Italia dunque opera una sostanziosa lobby contraria alle sanzioni contro la Russia, una lobby che è riuscita a condizionare il governo Renzi, così come aveva condizionato tutti i governi precedenti. Ma al peso che ENI, Finmeccanica, ENEL e Salini Impregilo vantano in Italia, non corrisponde altrettanto potere in campo internazionale, poiché si tratta pur sempre di multinazionali di serie B rispetto a quelle anglo-americane. Sta di fatto perciò che lo stesso Renzi non appare per niente in grado di sfuggire alla disciplina occidentalistica. Dal G7 tenutosi in Germania poco più di una settimana fa, è stato annunciato da Obama un ulteriore inasprimento delle sanzioni contro la Russia, ed il governo italiano si è allineato con la coda tra le gambe. A proposito di questo G7, i media non hanno mancato di fornirci un dettaglio prezioso, e cioè che Obama avrebbe suggerito una ricetta per superare la crisi economica, ricetta che consisterebbe nell'aumentare i posti di lavoro. Per questa tautologica trovata, Obama, dopo aver già ottenuto il premio Nobel per la Pace, ora potrebbe presentarsi a riscuotere il Nobel per l'economia, e con la stessa attendibilità. Visto il livello penoso dei pronunciamenti di questi vertici internazionali, si comprende che essi non hanno altro scopo che fare propaganda e ricompattare il conformismo occidentalistico.
La contraddizione di Renzi è stata sottolineata in un articolo di Renato Brunetta su "Il Giornale". Brunetta ha messo su un confronto tra l'insipienza di Renzi e la presunta lungimiranza del Buffone di Arcore, sempre inesauribile a chiacchiere, in base alle quali si è presentato come un inflessibile avversario delle sanzioni. Il Buffone inoltre sarebbe ancora oggetto di caldi abbracci da parte di Putin, a fronte della freddezza riservata a Renzi.
Dall'articolo però risulta soprattutto l'insipienza di Brunetta, il quale dice di auspicare una politica estera ispirata agli interessi del nostro Paese, ma poi non mette in discussione nessuno dei vincoli che la impediscono, a cominciare dall'appartenenza dell'Italia alla NATO, la quale, oltre che un'istituzione militare, è la centrale del lobbying delle multinazionali anglo-americane. Il Buffone di Arcore è ancora adesso presentato dai media della destra come il campione dell'indipendenza energetica dell'Italia, un'indipendenza nazionale sostenibile, attuata cioè nel rispetto dei trattati e delle alleanze occidentali. Il mito si alimenta di una ricostruzione romanzata sulla caduta dello stesso Buffone, dimenticando di quando il presidente Napolitano, alla fine del 2010 salvò il suo governo rimandando il voto di sfiducia che avrebbe sancito l'uscita dalla maggioranza del nuovo partito di Gianfranco Fini. Napolitano giustificò quell'atto d'imperio sul parlamento con la necessità di approvare in tempo la legge finanziaria, ma di fatto in tal modo si fornì al governo il tempo per ricomprarsi una maggioranza.
Neanche il mito dell'indipendenza nazionale sostenibile può essere considerato però una trovata originale del berlusconismo, dato che lo stesso mito risale agli anni '80, cioè al governo Craxi. L'eclisse dell'antimperialismo che, sino alla metà degli anni '70 era stato una bandiera del PCI, determinò la creazione di uno spazio politico - o meglio, propagandistico - alla destra dello stesso PCI, uno spazio che venne riempito con l'idea, o con l'illusione, di un'indipendenza nazionale nel quadro dell'appartenenza occidentale dell'Italia. Il Craxi di Sigonella e dell'amicizia con il leader palestinese Arafat sembrò dare sostanza al mito, che però naufragò ben presto di fronte alle scelte craxiane di accettare l'installazione dei missili Pershing e Cruise, e poi, all'inizio degli anni '90, di aderire entusiasticamente alla prima Guerra del Golfo. Sulla caduta di Craxi si sono attuati gli stessi ricami romanzeschi che oggi ci vengono propinati a proposito della defenestrazione del Buffone di Arcore. Sta di fatto però che la liquidazione dell'intera classe politica della cosiddetta prima repubblica era funzionale alle privatizzazioni imposte dal trattato di Maastricht, un trattato firmato da quella stessa classe politica. Ai tempi di Craxi c'erano ancora la sovranità monetaria (sebbene già sottomessa al Sistema Monetario Europeo) ed anche un esercito di leva, ma scelte di indipendenza non ve ne furono, se non quelle dettate dagli affari di ENI e Finmeccanica, esattamente come avviene ora.
Lo scorso anno le scaramucce polemiche di Renzi con il presidente della Commissione Europea, Juncker, hanno di nuovo alimentato un fervore mediatico circa la prospettiva di uno slancio negoziale italiano che mettesse fine alla disciplina ai trattati. Il tutto si è risolto in una bolla di sapone, poiché lo stesso Renzi ha sempre ribadito la necessità di sottoporsi ai vincoli di bilancio in nome della "credibilità". In effetti, per essere davvero credibile, Renzi avrebbe dovuto polemizzare meno ed ignorare silenziosamente i vincoli europei al bilancio.
La lobby nostrana degli affari con la Russia è in grado di determinare cicliche deroghe e furbizie nei confronti della disciplina "occidentale", ma non riesce a cambiare il quadro complessivo della politica estera italiana, che è di continuità occidentalistica e disciplina NATO. Ciò era vero ai tempi dei governi di Craxi e del Buffone di Arcore, ma anche di quelli di Prodi, Letta e dello stesso Renzi. Così come non è mai veramente esistito a suo tempo un "asse" Berlusconi-Putin, allo stesso modo non si intravede niente del genere con l'attuale governo.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


15/12/2018 @ 09:38:51
script eseguito in 68 ms