"
"La nozione di imperialismo americano non si deve intendere come dominio tout court degli Stati Uniti, ma come la guerra mondiale dei ricchi contro i poveri, nella quale gli USA costituiscono il riferimento ed il supporto ideologico-militare per gli affaristi e i reazionari di tutto il pianeta."

Comidad (2012)
"
 
\\ Home Page : Articolo
GREEN PASS: LA LOBBY DELLE APP IN SINERGIA CON I DROGATI DI LINCIAGGIO
Di comidad (del 29/07/2021 @ 00:08:47, in Commentario 2021, linkato 7525 volte)
In uno Stato di Diritto un cittadino che rispetta la legge dovrebbe essere lasciato in pace. La vaccinazione anti-Covid non è obbligatoria, quindi non hanno un senso giuridico le vessazioni contro i non vaccinati e, tantomeno, le vessazioni analoghe contro i vaccinati, costretti a girare con un pass. Purtroppo lo Stato di Diritto non esiste, non è mai esistito, è rimasto allo stadio di astrazione e chimera giuridica.
Nel periodo in cui si è cominciato a parlare di green pass, già si annunciava una carenza delle forniture delle dosi di vaccino nei mesi estivi. Molti hub vaccinali sono deserti solo perché mancano i vaccini, come confermato dalle attuali lamentele di più presidenti di Regione nei confronti del super-generale Figliuolo. Draghi invita gli Italiani a vaccinarsi subito, ma questa possibilità di vaccinarsi subito non c’è. L'accanimento contro i non vaccinati per indurli a vaccinarsi non può avere alcun effetto rispetto allo scopo dichiarato, perciò si è inventata pretestuosamente un’emergenza no-vax che non esiste.
Nelle farmacie non arrivano i vaccini Johnson & Johnson, quelli “una botta e via”, su cui facevano affidamento coloro che vorrebbero vaccinarsi evitando le ansiogene forche caudine del ciclo vaccinale e dell'iscrizione alla piattaforma. Proprio perché il vaccino a dose unica vincerebbe tantissime remore alla vaccinazione, i media stanno già cominciando a metterne in dubbio l'efficacia, in modo da cronicizzare i cicli vaccinali e quindi la finta emergenza no-vax.
Occorre stare attenti a non cadere nella trappola emergenziale della comunicazione ufficiale e immaginarsi una grande resistenza no-vax. Il vero scopo della ennesima finta emergenza no-vax è un altro, e riguarda più i già vaccinati che i non vaccinati; è stata infatti la presenza di molti vaccinati a dare una consistenza di massa alle manifestazioni contro il green pass. La contrapposizione ideologica tra vaccinati e non vaccinati è un mito mediatico, come pure è una convenzione da talk show il credere alla corrispondenza tra opinioni e comportamenti. Molte persone che avrebbero preferito di gran lunga non vaccinarsi, sono state tra le prime a farlo in base al classico “togliamoci il pensiero”; ed ora si ritrovano non solo con la paura degli effetti collaterali, ma anche con la prospettiva che la loro vita dipenda da un pass, per cui si sentono particolarmente bidonate.

I vaccinati sono i più “bullizzati”, infatti dovranno esibire un pass costituito da un'app di controllo, un vero e proprio permesso di esistere. L'essere umano diventa l’appendice biologica di un’app. La beffa sta nel fatto che questa vessazione verso chi si è vaccinato, viene spacciata come un “premio”. L'efficacia di questa app deve essere ancora sperimentata su larga scala, proprio come i vaccini, perciò è probabile che i vaccinati vengano a trovarsi nella imbarazzante condizione di non riuscire sempre a dimostrare di aver compiuto il proprio “dovere”, anche perché il ciclo di vaccinazione potrebbe diventare infinito e sarà un problema tenere aggiornata l'app.
Il governo gestisce l'app in collaborazione con la SOGEI, la società di gestione dei servizi informatici, interamente di proprietà del Ministero dell’Economia. Sembrerebbe che tutto rimanga in famiglia, nell'ambito pubblico; sennonché si scopre che il fornitore di tecnologia della SOGEI è la multinazionale IBM. Anche ciò che si presenta come “pubblico” si dimostra un’articolazione del lobbying del privato.
Quando si va a vedere chi sono i maggiori azionisti di IBM, si scopre che si tratta dei soliti noti, società di investimenti come Capital Group, Vanguard Group, Blackrock, cioè gli stessi maggiori azionisti di multinazionali come Pfizer e Google. Il solito Pierino commenterà che non c’è complotto, dato che è normale che le più grandi società di investimenti detengano i pacchetti azionari delle maggiori multinazionali. Insomma, basta che non ci sia complotto e questo livello di concentrazione dei capitali, e quindi del potere reale, cessa di essere preoccupante. Tutta l'attenzione, le velleità di persecuzione e di controllo, possono quindi tornare ad indirizzarsi contro i soggetti deboli della società, che sono il vero bersaglio dei “moralisti”.
Ciò che rende da sempre l’Italia un laboratorio ideale per le lobby degli affari, è la storica presenza in questo Paese di un agguerrito settore di opinione pubblica forcaiolo, del tutto trasversale alle ideologie dichiarate, e pronto a fare da sponda alle sperimentazioni sociali per puro spirito di guerra civile. L'Italia è l’unico Paese dove esiste, e persiste, una corrente di pubblica opinione particolarmente attiva che, indifferente al dilagare della povertà e della disoccupazione, fa sfacciatamente il tifo per una perpetuazione all'infinito dell’emergenza Covid. Sebbene la mascherina all'aperto non sia più obbligatoria, ci sono quelli che continuano ad ostentarla come un segno di fedeltà all’emergenza, ed ottengono un effetto intimidatorio anche su coloro che vorrebbero togliersela.
Il business di turno (le privatizzazioni, la finanziarizzazione, la digitalizzazione) può essere veicolato presentandolo a questa parte di opinione pubblica come un regolamento di conti interno, trovando immancabilmente la sponda del facile moralismo, che si concretizza di fatto in sadismo sociale, perpetrato anche a costo dell’autolesionismo. L'imposizione dei business della campagna vaccinale, e delle relative app di controllo, sfida qualsiasi buonsenso, eppure trova tifosi entusiasti, “gasati” dall’odio contro i no-vax e, soprattutto, contro i ”boh!-vax”, questi esseri ripugnanti che, invece di ringraziare ogni giorno il dio-vaccino di essere vivi, lo ripagano con l’ingratitudine di un ignobile agnosticismo. La vaccinolatria si spaccia per religione di amore, mentre in effetti si nutre di odio verso gli infedeli. Il bullismo delle lobby va in sinergia col bullismo di una parte di opinione pubblica drogata di linciaggio e beatamente inconsapevole del suo ruolo decisivo di sponda nei processi di concentrazione dei capitali.

In quasi tutti i Paesi occidentali la corruzione dei sindacalisti rappresenta un “costo vivo” per le lobby. La Volkswagen ha dovuto comprarsi la collaborazione dei dirigenti sindacali con mazzette, posti di lavoro prestigiosi per mogli e altri parenti, e persino con turismo sessuale. In Italia per irreggimentare i sindacati basta invece la minaccia dell’esposizione al pubblico linciaggio. Il segretario della CGIL, Maurizio Landini, ha inizialmente liquidato come un’assurdità la proposta di Confindustria di applicare il green pass anche sui luoghi di lavoro. Ad un caffè o ad uno svago si può sempre rinunciare, ma il malfunzionamento di un’app diventa un dramma quando ti impedisce l'accesso al luogo di lavoro, con le possibili conseguenze disciplinari. Ma Landini ha già dovuto ammorbidire la sua posizione. Il quotidiano “Il Foglio” lo minaccia con un’ipocrita blandizie, dicendogli: hai fatto il bravo fino adesso, e vuoi rischiare di rovinarti facendoti la nomea di amico dei no-vax?
Articolo Articolo  Storico Archivio Stampa Stampa

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (5)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (52)
Commentario 2020 (54)
Commentario 2021 (38)
Commenti Flash (61)
Documenti (29)
Emergenze Morali (1)
Falso Movimento (10)
Fenętre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (23)
Links (1)
Manuale del piccolo colonialista (18)
Storia (9)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


25/09/2021 @ 16:40:40
script eseguito in 47 ms