"
"La distruzione di ogni potere politico è il primo dovere del proletariato. Ogni organizzazione di un potere politico cosiddetto provvisorio e rivoluzionario per portare questa distruzione non può essere che un inganno ulteriore e sarebbe per il proletariato altrettanto pericoloso quanto tutti i governi esistenti oggi."

Congresso Antiautoritario Internazionale di Saint Imier, 1872
"
 
\\ Home Page : Articolo
I NUOVI EROI DELLA SINISTRA SONO IMPRENDITORI E POLIZIOTTI
Di comidad (del 01/10/2008 @ 22:50:51, in Commentario 2008, linkato 1081 volte)
La messinscena poliziesco-mediatica degli episodi di “xenofobia” della scorsa settimana nel quartiere Pianura di Napoli, si è svolta secondo i canoni del “degennarismo” più puro: bande di provocatori non identificabili si sono aggirate per la zona senza essere minimamente disturbate dalla polizia, la quale però ha colto ogni occasione per caricare e picchiare persone estranee ai fatti, per lo più passanti. Se si prescinde dai titoli dei giornali e si legge nel corpo dell’articolo, ci si rende conto però che nessun fatto di rilievo è stato portato a sostegno della tesi ufficiale, che parla di “un quartiere in rivolta contro gli immigrati”.
La stessa tecnica ricorre per i nuovi “scontri” di Chiaiano dei giorni scorsi, dove la polizia, dopo aver aggredito passanti inermi e ignari, ha rivendicato e ottenuto dai media uno status di vittima di violenze.
È evidente ormai che la militarizzazione statunitense del territorio campano viene accompagnata da tecniche di guerra psicologica, che devono accreditare l’idea di una emergenza di ordine pubblico e criminalità in Campania.
A Castelvolturno, in provincia di Caserta, dove sei immigrati sono stati uccisi, la responsabilità del fatto è stata attribuita immediatamente al Clan dei Casalesi, ed una persona che si dice sia appartenente allo stesso Clan è stata arrestata. È significativo che da parte della sinistra ufficiale, non si sia andato a chiedere qualcosa che assomigliasse a prove o indizi per quell’arresto, ma tutta la polemica è stata spostata sulla circostanza che l’accusato beneficiasse degli arresti domiciliari. Al tutto è seguita poi un’operazione-spettacolo contro il Clan, con un centinaio di arresti; anche quest’operazione è stata accolta acriticamente, senza chiedersi come mai, già sapendo tutto degli affiliati al Clan, gli si sarebbe ugualmente consentito di commettere la strage di immigrati.
Questa campagna di guerra psicologica trova perciò una comoda sponda a “sinistra”, e ciò non a caso, e non per semplice degenerazione della sinistra stessa, ma a causa di un processo di colonizzazione ideologica che ha preso avvio molti decenni fa. Molti ricorderanno un film americano degli anni ‘50 che fu fatto oggetto di culto da parte della sinistra europea: “Fronte del Porto”, di Elia Kazan, con Marlon Brando come interprete.
In quel film - che a suo tempo solo Roland Barthes indicò come un modello di mistificazione -, il nemico di classe non era più individuato nel padronato, ma era sostituito con la criminalità organizzata che controllava i sindacati.
All’inizio degli anni ’60, il ministro della giustizia Robert Kennedy diede corpo a quella propaganda, mettendo sotto accusa il capo del sindacato americano degli autotrasportatori, Jimmy Hoffa, per i suoi presunti contatti con la mafia. Che il fratello di Robert, John, fosse stato eletto presidente anche con il contributo di voti mafiosi, divenne irrilevante: l’ipotesi di contatti con la criminalità organizzata costituiva scandalo solo se riguardava i sindacati dei lavoratori. Ancora una volta la sinistra europea plaudì, al punto che l’antimafia è diventato l’unico riferimento ideologico costante della stessa sinistra, e proprio Robert Kennedy oggi costituisce la sua principale icona.
La sostituzione del nemico di classe con il nemico mafioso, è stata oggi formalizzata con la campagna di lotta al racket delle estorsioni, definito giornalisticamente come il “pizzo”. Ora il nuovo eroe della sinistra non è più il sindacalista contadino che resiste alla mafia dei “campieri”, ma è l’imprenditore coraggioso che resiste al racket ed eroicamente lo denuncia.
Ecco che la Confindustria diventa il punto di riferimento morale, per cui la vediamo espellere con ribrezzo gli imprenditori che pagano il pizzo.
Visto che l’imprenditore antiracket è diventato il nuovo eroe, la collaborazione di classe diventa a sua volta il nuovo imperativo morale, mettendo così da parte ogni interrogativo dettato dal più elementare buonsenso, come, ad esempio, in che modo possa esistere un racket senza l’attiva complicità delle sedicenti forze dell’ordine.
Come mai dei poliziotti che usano spregiudicatamente la figura dell’agente provocatore quando si tratti di dare la caccia ai sovversivi, non hanno mai pensato di utilizzare questa figura per la lotta al racket?
Perché è necessario che tanti cittadini siano costretti a diventare degli eroi, quando basterebbe diffondere come esca sul territorio tanti finti imprenditori che dovrebbero solo aspettare che l’esattore del racket si presentasse da loro? Negli Stati Uniti, dove la figura dell’agente provocatore è utilizzata persino per incastrare i clienti delle prostitute, non è rintracciabile un solo caso in cui agenti provocatori siano stati invece adoperati per contrastare il racket delle estorsioni; e in Italia le cose vanno allo stesso modo: nessun questore ha mai avuto l’idea di mandare qualche agente ad aprire bancarelle al mercato per identificare ed arrestare qualche estorsore.
Il fatto in sé non ha nulla di strano, semmai è strano che nessun giornalista di sinistra ponga, o si ponga, questa domanda. Ma in una sinistra in cui gli eroi da imitare non sono più operai, rivoluzionari o sindacalisti, ma imprenditori e poliziotti, anche questa acquiescenza alla propaganda ufficiale, occorre ormai aspettarsela; perciò neppure il fascino che esercita su larghi settori della ex “sinistra radicale” lo sbirro Di Pietro, deve più stupire.
2 ottobre 2008
Articolo Articolo  Storico Archivio Stampa Stampa

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (37)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


19/09/2019 @ 00:26:24
script eseguito in 56 ms