"
"La condanna morale della violenza è sempre imposta in modo ambiguo, tale da suggerire che l'immoralità della violenza costituisca una garanzia della sua assoluta necessità pratica."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Articolo
LE ELEZIONI, LA GUERRA PSICOLOGICA, L'OCCIDENTE E L'AUTORAZZISMO
Di comidad (del 20/04/2006 @ 21:55:48, in Commentario 2006, linkato 1016 volte)
Non sarebbe la prima volta che un risultato elettorale viene rovesciato in base a meccanismi di guerra psicologica. Nel novembre del 1932 in Germania, il partito nazista subì una brusca flessione elettorale, ma pochi mesi dopo Hitler ricevette ugualmente l'incarico di Cancelliere, anche in base all'argomento che la sconfitta lo avrebbe reso più adatto a tentare una mediazione parlamentare.
Non si tratta di ritenere che Berlusconi sia un altro Hitler o un nuovo Hitler, perché la Storia non si ripete secondo le stesse scadenze. Ciò che non cambia, però, è il modo di funzionare del cosiddetto "Occidente". L'ascesa del nazismo in Germania avvenne anche sotto la pressione delle capitali occidentali, che, attraverso la loro libera stampa, esprimevano l'opinione che Hitler fosse "l'uomo adatto alla Germania". Questo è il motivo per cui oggi il "Financial Times" rimpiange Berlusconi, non perché il personaggio sia ritenuto valido in sé, ma in quanto, nella sua ridicolaggine, è considerato confacente alla posizione di inferiorità razziale dell'Italia nella gerarchia delle nazioni.
Anche negli anni '20 e '30, la propaganda angloamericana, pur considerando gli Hitler e i Mussolini non degni di governare in nazioni evolute come la Gran Bretagna o gli Stati Uniti, li accreditava però come adeguate soluzioni per l'Italia e la Germania. Sotto l'effetto di questa guerra psicologica, anche in Italia e Germania si era arrivati a pensarla così: la democrazia è roba per popoli superiori, non per noi.
» astratta e inconsistente, perciò, la contrapposizione tra democrazia/liberalismo da un lato e dittatura/fascismo dall'altro, perché questi non sono modelli in competizione, ma corrispondono a gradi diversi della gerarchia tra le nazioni del cosiddetto Occidente. La stessa categoria di "Occidente" non corrisponde ad un reale soggetto storico/culturale, bensì ad un quadro propagandistico con dei contenuti costanti: il razzismo e l'autorazzismo.
La propaganda berlusconiana sui presunti brogli elettorali perpetrati dalla sinistra, rientra appunto in questo quadro autorazzistico. » ormai acquisito che negli Stati Uniti i brogli facciano parte normale del gioco politico, perciò non si può ammettere che l'Italia sia un Paese un po' meno barbaro e illegalitario degli Stati Uniti. Dove finirebbe il senso di inferiorità autorazzistico che l'Occidente assegna come ruolo all'Italia?
Si è assistito in queste settimane ad un'offensiva propagandistica contro l'astensionismo anarchico, spesso accusato di costituire una complicità con i fascisti. In realtà l'astensionismo dà fastidio agli occidentalisti, non per la sua capacità di mobilitazione numerica, ma perché rappresenta uno dei pochi momenti in cui viene messa in dubbio l'autenticità di quel quadro di false opzioni detto "Occidente".
Infatti, chi è che si sta incaricando di riabilitare storicamente il fascismo, se non degli opinionisti democratici? Cos'hanno in comune democrazia e fascismo?
Il razzismo e l'autorazzismo.
Quando uno come Giampaolo Pansa prende per buona la tesi secondo cui i "ragazzi di Salò" avrebbero voluto salvare l'onore italiano dopo il tradimento nei confronti dell'alleato tedesco, sta in effetti avallando il loro autorazzismo. In realtà l'Italia non poteva aver tradito l'alleato tedesco, perché non era mai stata trattata da alleato dalla Germania. Non si può tradire chi non si è mai fidato di te. Quei mezzi militari che erano sempre stati negati al cosiddetto alleato italiano, vennero fatti affluire in Italia solo dopo l'8 settembre del'43 per occuparla. Insomma, senza avallare facili retoriche resistenziali, se c'erano dei traditori, erano proprio quelli della Repubblica di Salò.
La propaganda occidentale, però, si incarica di riabilitarli, perché il loro autorazzismo comunque fa brodo nella guerra psicologica. Del resto i fascisti possono darsi tutte le arie da antiamericani che vogliono, ma quando squilla la tromba della superiorità occidentale, li vedi sempre tornare all'ovile.
Comidad, 20 aprile 2006
Articolo Articolo  Storico Archivio Stampa Stampa

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (46)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (4)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


19/11/2019 @ 14:34:53
script eseguito in 50 ms