"
"Il denaro gode di una sorta di privilegio morale che lo esenta dalla corvée delle legittimazioni e delle giustificazioni, mentre ogni altra motivazione non venale comporta il diritto/dovere di intasare la comunicazione con i propri dubbi e le proprie angosce esistenziali. Ma il denaro possiede anche un enorme potere illusionistico, per il quale a volte si crede di sostenere delle idee e delle istituzioni, mentre in realtà si sta seguendo il denaro che le foraggia."

Comidad (2013)
"
 
\\ Home Page : Articolo
IL SOGNO DELLE PRIVATIZZAZIONI GENERA MOSTRI
Di comidad (del 31/12/2009 @ 01:35:45, in Commentario 2009, linkato 2265 volte)
È difficile stabilire cosa stia effettivamente avvenendo in Iran in queste ore, ma risulta invece molto facile accorgersi di quale sia il “target” a cui oggi è indirizzata la propaganda dei media del sedicente Occidente. Questo target, da influenzare e fagocitare, è costituito chiaramente dalla opinione pubblica di sinistra.
In questi ultimi anni il nome “Iran” è stato associato dalla propaganda dello pseudo-Occidente al nucleare, quindi ad un’immagine negativa per l’opinione progressista. Parlare continuamente del pericolo del “nucleare iraniano” è servito a far perdere di vista il vero oggetto del contendere, cioè il gas iraniano.
L’Iran, da solo, detiene circa la metà delle risorse mondiali di metano, quindi più della Russia e dell’Algeria messe assieme. Proprio pensando al business del gas iraniano, la multinazionale British Petroleum ha cambiato il suo nome - pur conservando lo stesso acronimo, BP - in Beyond Petroleum, cioè “oltre il petrolio”, dato che l’energia economica e relativamente pulita del metano costituisce la maggiore risorsa industriale e commerciale del presente e del prossimo futuro.
La privatizzazione del gas iraniano rappresenterebbe quindi uno dei maggiori business di tutti i tempi, e si tratta di un business che non affascina soltanto le multinazionali del sedicente Occidente, ma anche gran parte della oligarchia clericale iraniana, quella stessa ala clepto-clericale capitanata dagli ayatollah Mousavi e Rafsanjani, che ha imposto al governo iraniano l’affare del nucleare, con il suo annesso giro gigantesco di appalti e tangenti. Mousavi e Rafsanjani sono anche i referenti in Iran della BP, nonostante che questa multinazionale sia stata responsabile di ottanta anni di tirannia in Iran, ed abbia anche condotto, insieme con la CIA e i servizi segreti britannici, il colpo di Stato del 1953 contro il primo ministro conservatore Mossadeq, colpevole soltanto di voler porre dei limiti alla rapina del petrolio iraniano. Va sottolineato che, anche nella vicenda di Mossadeq, gran parte del clero sciita, composto già allora di numerosi affaristi e latifondisti, si rese complice del colpo di Stato. La figura dell'ayatollah Khomeini, guida della rivoluzione anticolonialista in Iran nel 1979, ha costituito in questo senso una rilevante eccezione rispetto ad una tradizione storica che ha visto invece il clero sciita troppo spesso in una posizione collaborazionistica nei confronti del colonialismo.
Chiunque sarebbe in grado di verificare, attraverso una rapida inchiesta personale, quante persone siano a conoscenza della questione del gas iraniano: pochissimi, anche comprendendovi i “fruitori” di Internet, che pure è considerato il “canale” alternativo per eccellenza. Ancor meno sanno che l’ayatollah Rafsanjani, l’uomo più ricco dell’Iran, possiede numerose università private, le stesse università da cui provengono quegli studenti che nei mesi scorsi sono stati visti manifestare per le vie di Teheran. Ancor meno ricordano che sono solo di pochi mesi fa le notizie di inchieste giudiziarie sul coinvolgimento della CIA, ed anche dell’italiano SISMI, in una serie di sanguinosi attentati in Iran; un dato che il presidente USA Barack Obama non ha smentito, anche se ne ha attribuito la responsabilità esclusivamente all’amministrazione Bush. Tutte notizie che sono circolate anche su Internet, ma che sullo stesso Internet risultano attualmente marginalizzate a favore di altre.
I media “occidentali” oggi ci “informano” invece sulla circostanza che il principale strumento di comunicazione della “opposizione” iraniana sarebbe proprio Internet, uno strumento che il regime iraniano cercherebbe invece di limitare e soffocare. Anche in Italia c’è un governo nuclearizzato che criminalizza Internet, perciò per la sinistra italiana può risultare inevitabile e automatico il meccanismo di identificazione con la presunta "ribellione" in Iran; senza accorgersi che la solita coreografia di "rivoluzione colorata" copre probabilmente un tentativo di colpo di Stato da parte di settori dell'oligarchia clericale e, ovviamente, delle multinazionali.
Grande strumento commerciale e di intrattenimento, Internet è diventato anche un importante canale della comunicazione di opposizione, ma questo canale alternativo si è rivelato di agevole intossicazione, come proprio il caso iraniano ha dimostrato, allorché è stato lanciato su YouTube del materiale audiovisivo a forte contenuto emotivo, tale da spiazzare ogni riflessione critica sulla effettiva composizione dell'opposizione iraniana. In tal modo è stato messo in ombra per settimane il fatto che i leader dell'opposizione iraniana appartengono proprio alla componente più affaristica e corrotta del clero sciita, mentre il più "laico" di tutti risulta alla fine essere proprio il mostro mediatico Ahmadinejad. Il mito di YouTube ne è uscito perciò parecchio ridimensionato, e si è cominciato a chiedersi quale tipo di controllo subisca, ed eserciti, questo canale "alternativo", troppo funzionale a lanciare ed accreditare dei falsi.
Il materiale audiovisivo circolato su Internet durante la precedente rivolta in Iran quindi appariva chiaramente confezionato in funzione della manipolazione dell'opinione pubblica "occidentale", educata da sempre a valutare gli avvenimenti sulla base di valori astratti o ad inseguire concetti mitologici e fumosi come il "mercato", ed a non domandarsi quali operazioni affaristiche siano in gioco.
Un esempio di questa perdita di contatto con la realtà, lo fornì Fausto Bertinotti in occasione del suo discorso di insediamento alla presidenza della Camera, quando affermò che nella lotta politica non si dovevano più individuare dei nemici, ma solo avversari. Bertinotti non valutava che il rapporto di inimicizia comporta comunque il riconoscere all’altro una qualche dignità; e infatti l’affarismo non riconosce mai di avere dei nemici, anzi, la sua propaganda non fa altro che presentarci dei mostri da esecrare. Chiunque si opponga all’affarismo viene triturato in questo processo propagandistico di “despecizzazione”, che lo estromette dalla comunità umana. Chi si oppone alle privatizzazioni, non è individuato semplicemente come un nemico dei privatizzatori, ma come un nemico dell’umanità tout-court, cioè un mostro.
L’attuale mostruosità del regime iraniano deriva quindi dal fatto che esso risulta un ostacolo - soggettivo o oggettivo - alla privatizzazione del gas. Ciò non assolverebbe il regime iraniano dai suoi eventuali crimini, ma porrebbe la questione in termini più concreti, e farebbe anche meglio capire a quali violazioni di diritti umani oggi alluda il governo statunitense quando denuncia ciò che avviene in Iran, e cioè i diritti umani delle multinazionali: il diritto di privatizzare, il diritto di far pagare le privatizzazioni ai contribuenti, ecc.
Articolo Articolo  Storico Archivio Stampa Stampa

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (46)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (4)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


20/11/2019 @ 13:50:06
script eseguito in 156 ms