"
""Napoli" è una di quelle parole chiave della comunicazione, in grado di attivare nel pubblico un'attenzione talmente malevola da congedare ogni senso critico, per cui tutto risulta credibile."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Articolo
MARONI E SAVIANO: UN GIOCO DELLE PARTI FRA SIONISTI
Di comidad (del 25/11/2010 @ 01:39:34, in Commentario 2010, linkato 3246 volte)
Il ministro degli Interni Maroni sta avanzando la sua candidatura per succedere a Berlusconi alla Presidenza del Consiglio e sta anche cominciando a raccogliere le prime significative adesioni. All'inizio di novembre Maroni è volato in Israele, nel rituale pellegrinaggio che tutti gli uomini politici italiani devono compiere per ricevere l'avallo sionista alle proprie aspirazioni di leadership. Al suo ritorno Maroni ha affermato di aver riscosso l'apprezzamento del governo israeliano per la sua politica nei confronti dell'immigrazione che, sempre a detta di Maroni, lo stesso governo israeliano vorrebbe imitare; e, una volta tanto, c'è da credergli.
Ma il vero colpo mediatico di Maroni è consistito nello scatenamento di una fittizia polemica con Roberto Saviano, per alcune presunte dichiarazioni rilasciate da quest'ultimo nella sua trasmissione televisiva "Vieni via con me". Maroni ha accusato Saviano di aver attribuito alla Lega Nord rapporti con la 'Ndrangheta. L'accusa non rispondeva al vero, dato che Saviano aveva soltanto detto che la 'Ndrangheta "cerca" la Lega, e che vi era la documentazione giudiziaria di un colloquio tra membri dell'organizzazione malavitosa ed un esponente politico leghista, che peraltro, sempre secondo Saviano, non risulterebbe neppure indagato. Insomma, si trattava di una di quelle "rivelazioni" innocue e decaffeinate che costituiscono il nerbo del metodo-Saviano.
Sono immediatamente arrivate le superflue precisazioni per rabbonire il ministro degli Interni, di cui Saviano ha riconosciuto la "operatività". Il direttore de "La Repubblica", Ezio Mauro, con il pretesto di difendere Saviano, ha lasciato invece intendere lo scopo vero di tutta l'operazione mediatica, affermando da "Repubblica Radio TV", che Maroni sarebbe un "buon" ministro degli Interni. Era quanto occorreva per rimuovere ogni possibile obiezione dell'opposizione parlamentare ad un'eventuale incarico a Maroni per la formazione di un nuovo governo. La notizia dell'arresto di un boss dei Clan dei Casalesi è servita a coronare, con un apparente dato di fatto, il mito della "operatività" di Maroni sul fronte della lotta alla criminalità organizzata, e quindi a far dimenticare tutte le losche vicende in cui Maroni risulta implicato: dal finanziamento illecito alla Lega, allo scioglimento di Consigli Comunali troppo solleciti ad attuare la raccolta differenziata dei rifiuti, come quello di Camigliano in provincia di Caserta.
La finta lite fra Maroni e Saviano si è avviata quindi verso un "chiarimento", in cui il pubblico potrà riconoscere che in fondo i due, al di là delle polemiche, stanno dalla stessa parte della barricata. Si tratterebbe di un dato indiscutibile, anche se per motivi diversi, poiché entrambi possono rivendicare ormai delle significative benemerenze nel campo del sionismo. L'ultima sortita di Saviano a riguardo è stata la sua adesione alla manifestazione pro Israele del 7 ottobre a Roma, in cui è stato trasmesso un suo video-messaggio con sperticati elogi ad Israele, presentato come un paradiso di "tolleranza".
http://www.youtube.com/watch?v=MnosImbj0GQ
Il mito di Saviano non è stato messo in crisi solo dalle ultime sortite sioniste dello scrittore, ma ha incontrato perplessità sin dall'inizio. Il fondatore dell'Osservatorio su Camorra e Illegalità, Amato Lamberti, già assessore del centrosinistra al Comune di Napoli e presidente della Provincia di Napoli, così si esprimeva testualmente in un'intervista al giornale "Il Napoli" dell'8 marzo 2007: "I Casalesi sono stati inventati da politici che hanno nomi e cognomi. E nel libro di Saviano quei nomi non ci sono." Nell'epoca della privatizzazione dei servizi pubblici, il presentare le organizzazioni criminali come soggetti autonomi che "cercano" i loro legami con la politica, costituisce una mistificazione utile a far credere che la criminalità organizzata sia una sorta di entità aliena che può invadere certi territori altrimenti sani. In realtà le privatizzazioni costituiscono un fenomeno criminale tout court, che non potrebbe realizzarsi senza una articolata stratificazione di illegalità, che coinvolge sia politica che imprenditoria, senza neppure dimenticare il ruolo della militarizzazione del territorio e del relativo segreto militare, alla cui ombra tutto diventa possibile.
Saviano è fatto spesso oggetto di attacchi squallidi, come il fargli una colpa di essere ancora vivo o di aver fatto i soldi; ma proprio il fragore di questi insulti scomposti consente allo stesso Saviano, ed ai suoi supporter, di far finta di non udire le obiezioni vere. Ad un pubblico abituato al nulla, le mezze informazioni di Saviano sullo smaltimento dei rifiuti tossici provenienti dal Nord in Campania possono apparire degli scoop eccezionali; ma, in effetti, il savianismo non costituisce neppure un "meglio che niente", dato che serve a deviare l'attenzione su falsi bersagli.
La stessa entità del traffico di rifiuti tossici segnalato da Saviano, rende inattendibile l'attribuzione del misfatto unicamente ad una organizzazione criminale come il Clan dei Casalesi, poichè non si può controllare tante discariche abusive senza andare ad invadere le innumerevoli aree soggette alla presenza di basi militari USA e NATO, con le relative servitù militari, che finiscono per coprire più della metà del territorio della Regione. Quindi, o i Casalesi sono più potenti della NATO e degli USA, oppure i Casalesi lavorano per la NATO e per gli USA.
Poi, perché non dirci dove finiscono i rifiuti di tutte queste basi militari? Non ce lo si può dire, perché è segreto militare. Appunto. E allora perché il segreto militare non potrebbe costituire la copertura anche per un business di smaltimento di rifiuti tossici di origine industriale? E perché la Legge 123/2008, all'articolo 2 commi 4 e 5, ha stabilito che tutte le discariche e i termovalorizzatori della Campania debbano essere considerati come "aree di interesse strategico nazionale", poste sotto segreto militare?
http://www.camera.it/parlam/leggi/08123l.htm
Inoltre dal 2005 in Italia non c'è soltanto la presenza militare statunitense, poiché, grazie all'iniziativa illuminata di Gianfranco Fini, ministro degli Esteri tra il 2004 ed il 2006, il governo italiano ha firmato un accordo di collaborazione militare con Israele, sancito dalla Legge 94/2005.
http://www.parlamento.it/parlam/leggi/05094l.htm
Questa Legge si limita ad approvare un memorandum di intesa tra Italia ed Israele, nel cui testo si fa riferimento a tutti i campi di collaborazione ed alle relative procedure. Tra i campi di collaborazione, previsti all'articolo 2 del memorandum, sono elencati l'esportazione ed il transito di materiali militari e la risoluzione di problemi ambientali e di inquinamento dovuti a strutture militari. Non sembra alludere ad un traffico di rifiuti tossici?
Il testo del protocollo è reperibile all'indirizzo di un sito antimilitarista.
http://www.juragentium.unifi.it/it/surveys/palestin/ItIsr.pdf
Il modo in cui invece Saviano prospetta la questione del traffico e smaltimento dei rifiuti tossici, risulta perfetto in termini di psicoguerra coloniale, per innescare una polemica infinita tra Nord e Sud, in cui i Meridionali possono recriminare sulla cattiveria degli industriali del Nord che hanno usato il Sud come discarica, mentre i Settentrionali possono sempre replicare che il traffico in definitiva è gestito da organizzazioni criminali del Sud, che ora minacciano di controllare anche il Nord-Italia.
Per avallare e alimentare il razzismo della Lega in effetti non serviva niente di meglio che presentare il Nord sotto la minaccia dell'invasione di orde di Calabresi criminali che vorrebbero infettare il sacro suolo della Padania. In fondo, prima che Maroni facesse finta di offendersi, Saviano non aveva fatto altro che avvertire i Settentrionali del pericolo calabrese.
Articolo Articolo  Storico Archivio Stampa Stampa

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (46)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (4)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


17/11/2019 @ 00:53:08
script eseguito in 66 ms