"
"Un'idea che non sia pericolosa non merita affatto di essere chiamata idea."

Oscar Wilde
"
 
\\ Home Page : Articolo
MARIO DRAGHI LAVORA PER L'EVASIONE FISCALE FINGENDO DI CRITICARLA
Di comidad (del 30/06/2011 @ 01:16:58, in Commentario 2011, linkato 2088 volte)
Com'era prevedibile, e previsto, allorché si è trattato di dare il colpo definitivo al Fantoccio di Arcore, le opposizioni sono, ancora una volta, cadute in trance. Meno previsto era che il consueto sostegno indiretto al governo provenisse non dal segretario del Partito Democratico, ma proprio da colui che appariva come il più irriducibile avversario di Berlusconi, cioè Antonio Di Pietro. Non ci si riferisce tanto all'episodio del colloquio in Parlamento tra il leader di "Italia dei Valori" ed il Presidente del Consiglio, nel quale lo stesso Di Pietro potrebbe anche essere stato colto di sorpresa, ma alla sua presa di posizione nei confronti degli alleati circa la necessità di legittimare la propria candidatura al governo attraverso un programma alternativo. Chiunque abbia un minimo di dimestichezza con le dinamiche politiche, comprende che sostenere l'urgenza di una propria legittimazione a governare, si risolve praticamente nel riconfermare la legittimità del governo vigente.
La circostanza non sorprende più di tanto coloro che si ricordano il voto parlamentare di Di Pietro contro lo scioglimento di quella creatura berlusconiana che è la Società per il Ponte sullo Stretto di Messina, ed a favore di quell'altra creatura, stavolta tremontiana, che è il sedicente "federalismo demaniale".(1)
La persistente inamovibilità di Berlusconi può risultare incomprensibile in base alle dinamiche politiche interne, che vedono adesso il Fantoccio di Arcore elettoralmente abbandonato anche dalle tante "Conf" aduse a convogliare i loro milioni di voti nei confronti di soggetti politici in grado di gestire una pratica di scambio; cosa che un individuo psicofisicamente fradicio non può più essere, per forza di cose, capace di fare. Se la inamovibilità del Fantoccio di Arcore venisse riconfermata dalle vicende politiche delle prossime settimane, le tante "Conf" sarebbero quindi costrette a tornare all'ovile berlusconiano per riconsegnargli il loro voto organizzato in cambio della promessa di briciole.
A chiarire le dinamiche colonial/imperialistiche che sono dietro le nostre misere vicende italiane, giunge per fortuna la notizia della nomina dell'attuale Governatore della Banca d'Italia, Mario Draghi, al vertice della Banca Centrale Europea. La biografia ufficiale di Draghi, esibita sul sito della Banca d'Italia, ha un effetto raccapricciante, se si considera che il nostro eroe, dopo essere stato direttore esecutivo della Banca Mondiale, venne nominato direttore generale del Tesoro dal governo italiano, dove si trovò a gestire la fase delle privatizzazioni delle aziende pubbliche; ma poi lasciò il Tesoro per andare a dirigere una delle maggiori beneficiate dalle sue privatizzazioni, cioè la multinazionale finanziaria Goldman Sachs; questo sino al 2005, anno in cui il governo Berlusconi di allora consegnò a Draghi la nomina a Governatore della Banca d'Italia.(2)
Insomma, lo sventolio di bandiere tricolori per l'ascesa di Draghi al trono europeo, appare fuori luogo, dato che il nostro eroe non è più "italiano" di quanto lo sia Marchionne, poiché, come lui, è in realtà un cittadino delle multinazionali, un eroe del colonialismo; come risulta dall'entusiasmo con cui il sito della Goldman Sachs annunciava, nel gennaio 2002, di aver accolto nelle sue file il nostro eroe.(3)
Il nome di Draghi è legato per l'opinione pubblica alla storia, peraltro plausibile, della riunione sul Panfilo "Britannia" per decidere la privatizzazione/regalia delle aziende pubbliche. Questo aneddoto, reso popolare da Francesco Cossiga, ha appunto il torto di banalizzare nell'aneddotica la posizione del personaggio-Draghi, la cui funzione coloniale risulterebbe molto più chiara se si prestasse attenzione al percorso della sua carriera: Banca Mondiale, Tesoro, Goldman Sachs, Banca d'Italia, Banca Centrale Europea.
Il conflitto d' interessi che riguarda Berlusconi risulta utile a distrarre l'attenzione da conflitti di interessi di questa portata, in cui un alto dirigente della finanza internazionale, come è Draghi, viene chiamato a svolgere sia il ruolo di controllore che il ruolo di controllato. Chi poi ritenga di poter usare lo scandalo del conflitto di interessi targato Draghi per difendere Berlusconi, dovrebbe anche spiegarci perché proprio Berlusconi abbia ritenuto un vicepresidente di Goldman Sachs il più adatto a ricoprire il ruolo di Governatore della Banca d'Italia. Anzi, Draghi costituì nel 2005 il primo caso di nomina governativa del supremo dirigente della banca centrale italiana; e con tanto di entusiastico avallo da parte di Giulio Tremonti.(4)
Come si vede, c'è una triade che si ricompone: Draghi, dall'alto del suo scranno di controllore, fa gli interessi dei controllati, cioè le multinazionali del credito; Berlusconi intanto fornisce alle multinazionali l'alibi e la copertura del suo personale conflitto d'interessi, con la relativa distrazione mediatica; mentre Tremonti cura le Leggi di Stabilità Finanziaria, con cui recuperare, a spese dei contribuenti, i soldi necessari per coprire le voragini lasciate nelle casse dello Stato dalle stesse multinazionali.
Draghi si è reso anche popolare il mese scorso per alcune sue dichiarazioni contro l'evasione fiscale, riprese con molta enfasi dai media. Draghi ha accusato addirittura gli evasori di essere responsabili di una "macelleria sociale". (5)
C'è stato chi ha criticato queste dichiarazioni per la loro retorica ineffettualità; ma in effetti queste altisonanti, quanto generiche, dichiarazioni un effetto pratico l'hanno sortito, cioè quello di intasare i motori di ricerca sul web con una massa di informazioni/spazzatura che hanno confinato in un angolo le poche informazioni concrete che legano il nome di Draghi ad episodi specifici di frode fiscale. Ci si riferisce all'inchiesta della Procura di Pescara nei confronti della Goldman Sachs per frode nei confronti dell'erario italiano, per ottenere rimborsi non dovuti. Nella frode fiscale risultavano coinvolte, a vario titolo, anche altre multinazionali del credito, come la Lehman Brothers, la Deutsche Bank e la Jp Morgan. Manca solo Rothschild per ritrovarci tutta la cupola del crimine finanziario internazionale. Le notizie di stampa a riguardo sono state davvero poche: un articolo dettagliato, ma isolato, su "L'Espresso", e poche righe sul quotidiano "Il Tempo".(6)
La procura di Pescara non ha ravvisato sinora nessuna responsabilità penale che riguardi direttamente Draghi, nè, per il momento, i media si sono degnati di tenerci informati sugli sviluppi della vicenda, il che rappresenta già di per sé un indizio significativo. La responsabilità di un alto dirigente della Goldman Sachs nella politica della sua azienda va oltre l'aspetto strettamente penale, anche volendo ammettere che questo aspetto non ci sia. La presenza di tante multinazionali del credito all'interno di un unico disegno fraudolento di evasione fiscale, indica infatti che si è di fronte ad un metodo, ad una pratica diffusa e costante, di cui questo spiacevole episodio giudiziario costituisce soltanto un incidente di percorso.

(1) http://www.antoniodipietro.com/2010/05/federalismo_demaniale_una_scel.html
(2) http://www.bancaditalia.it/bancaditalia/direttorio/governatore
(3) http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www2.goldmansachs.com/our-firm/press/press-releases/archived/2002/2002-01-28.html&ei=qwQKTvm0GoGUOpvxmJsB&sa=X&oi=translate&ct=result&resnum=3&ved=0CDoQ7gEwAjgU&prev=/search%3Fq%3Dmario%2Bdraghi%2Bgoldman%2Bsachs%26start%3D20%26hl%3Dit%26sa%3DN%26rlz%3D1R2ACAW_it%26biw%3D960%26bih%3D487%26prmd%3Divnso
(4) http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2005/12_Dicembre/29/draghi.shtml
(5) http://www.ilsole24ore.com/art/economia/2010-05-31/sistema-produttivo-bisogno-aliquote-111300.shtml?uuid=AYnUriuB
(6) http://espresso.repubblica.it/dettaglio/banche-daffari-e-di-truffe/1629089//0 http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:ZVtINABuQVoJ:www.iltempo.it/politica/2006/07/14/286081-goldman_sachs_coinvolta_truffa.shtml+goldman+sachs+pescara&cd=16&hl=it&ct=clnk&gl=it&source=www.google.it
Articolo Articolo  Storico Archivio Stampa Stampa

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (29)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
Fenętre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


21/07/2019 @ 23:08:56
script eseguito in 44 ms