"
"Ridurre l'anarchismo alla nozione di "autogoverno", significa depotenziarlo come critica sociale e come alternativa sociale, che consistono nella demistificazione della funzione di governo, individuata come fattore di disordine."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Articolo
MATTEO'S GARAGE: DALLA FABBRICA DELLE IDEE ALL'IDEA DEL MANGANELLO
Di comidad (del 06/11/2014 @ 01:10:32, in Commentario 2014, linkato 1612 volte)
Era il 1979, e Frank Zappa pubblicava un disco triplo, la cui copertina lo ritraeva con la faccia sporca di grasso di auto: "Joe's Garage". Anche Zappa versava così il suo tributo alla fiaba americana secondo cui si può conquistare un grande futuro armeggiando in un garage; ma almeno c'erano la musica ed una spassosa parodia di Scientology.
Matteo Renzi si è ispirato piuttosto al mitico garage di Steve Jobs, quello che costringeva le ragazzine cinesi a lavorare per Apple con turni così massacranti da spingerle al suicidio. Il mito americano racconta che puoi anche partire da un umile garage, ma se hai l'idea giusta, diventerai ricco e creerai lavoro; così Matteo, col patetico provincialismo che lo caratterizza, ha riunito alla Leopolda, squallidamente decorata da officina, una banda di cialtroni e malviventi, con il pretesto di "produrre idee per il lavoro". Come premio del suo pedissequo provincialismo, pare che Renzi abbia incassato nientemeno che il plauso di un certo Mike Moffo, spacciato da "la Repubblica" per uno stretto collaboratore di Obama.
Alla fine l'idea più originale che si è riuscita a fabbricare nel Renzi's Garage, è sembrata quella di un losco figuro, un certo Davide Serra, delinquente della finanza con sede sociale alle isole Cayman. La grande idea di Serra consisterebbe nella cancellazione del diritto di sciopero nel Pubblico Impiego. Soltanto uno che aveva battezzato con il nome di "Algebris" la propria associazione a delinquere di stampo finanziario, poteva essere in grado di produrre un tale sforzo di inventiva.
Al di là delle sue esteriori schermaglie dialettiche con la Commissione Europea, Renzi rimane il più ligio in Europa alle direttive della stessa Commissione, che sono in effetti le direttive del Fondo Monetario Internazionale. Le "idee" di Renzi possono ricordare quelle di una famosa metafora di Giorgio Gaber: sono come quei legnetti che il FMI lancia al proprio cane Matteo, che gliele riporta tutte biascicate. Ma forse il paragone è ingeneroso per i cani, e troppo generoso per Matteo e per il FMI. In fondo non si tratta neppure di idee, ma di slogan di pubblicità ingannevole, che servono a mascherare la prassi criminale delle multinazionali: arrivare in un posto e fare terra bruciata (le "riforme strutturali") in modo da tenere tutti per il collo. Il giornalismo celebrativo nei confronti di Renzi cerca di spacciarlo come un "liberale" a capo della sinistra, uno che vorrebbe coniugare equità ed efficienza. Queste litanie propagandistiche si fondano sul luogo comune dell'arretratezza italiana nei confronti delle economie più aduse alle regole del mitico "mercato".
Ma il mito del capitalismo come rischio d'impresa ha dovuto subire negli ultimi tempi smentite clamorose, e note a buona parte dell'opinione pubblica, e ciò proprio nei templi del "vero" capitalismo, a cominciare dal finanziamento statale di ottocento miliardi di dollari per le banche americane. Per ringraziare i contribuenti di tanto sacrificio, gli istituti di credito statunitensi non hanno esitato a mettere sul lastrico milioni di loro piccoli debitori; e l'amministrazione Obama non ha avuto niente da obiettare. L'assistenzialismo è sempre e solo a favore dei ricchi. Guidata da esempi così luminosi, la cancelliera Merkel ha stanziato duecentocinquanta miliardi di euro per "salvare le banche tedesche". Sarebbe stato forse più utile spendere quei miliardi per "salvarci dalle banche tedesche"; ma tant'è. Fra tre giorni la Germania festeggerà solennemente il venticinquennale della caduta del Muro di Berlino, ma solo per scoprire che in piedi è rimasto di peggio.
Ultimo baluardo del capitalismo imprenditoriale, indipendente ed individualista sembrava quello dei creatori di Internet, di Apple, di Facebook e degli altri social network. Ma anche questa bella fiaba rimane appannaggio dei creduloni più integralisti. Il cosiddetto "libero mercato" è un'imposizione per le colonie come l'Italia, ma negli Stati Uniti vige il sistema delle partecipazioni statali. Il Pentagono e la National Security Agency finanziano, a spese del contribuente, le ricerche e le innovazioni tecnologiche, che poi vengono attribuite a santini/icone di facciata alla Steve Jobs o alla Mark Zuckerberg. La finta diatriba tra stato e privato è puramente propagandistica, e serve a coprire l'operato di lobby trasversali tra istituzioni e multinazionali, vere e proprie cosche che finanziano gli investimenti con denaro pubblico, ma poi fanno intascare i profitti a compagnie private. Che poi i vari Google, Apple o Amazon non paghino assolutamente tasse congrue rispetto a ciò che sono precedentemente costati al contribuente - anzi, spesso grazie ai paradisi fiscali non le pagano affatto -, rappresenta il dettaglio che aggiunge la beffa al danno.
La regola vuole che quanto più alto sia il grado di menzogna sociale, tanto più intensa debba essere da parte del sistema di potere l'attività di criminalizzazione dell'opposizione e del dissenso, anche quando questi provengano da ambiti istituzionali o semi-istituzionali. Il sindacalismo confederale non può essere certo catalogato come opposizione, eppure ciò non gli ha evitato di incorrere nei manganelli della polizia, come è successo pochi giorni fa a Roma, durante la manifestazione degli operai delle acciaierie di Terni. Un governo che manganella i propri operai per difendere una multinazionale come la Thyssenkrupp, costituisce un'immagine molto rappresentativa della situazione attuale. Ma il pestaggio di Roma aveva anche un precedente di circa una settimana prima, a Torino, quando cariche poliziesche al corteo FIOM erano state attribuite ad intemperanze studentesche. In quell'occasione il segretario generale della FIOM, Maurizio Landini, aveva preso le distanze dalle violenze, sottolineando il ruolo di unità sociale rivendicato dal sindacalismo confederale; come a dire: a noi queste cose non possono capitare perché facciamo i bravi. Invece sono successe appena una settimana dopo.
In questi mesi, anche in seguito alla delusione determinata dalle ambiguità e dal dilettantismo del Movimento 5 Stelle, si sono affacciate varie ipotesi di un ruolo di leadership politica da attribuire a Landini. Ma la eccessiva rapidità e la poca dignità con cui lo stesso Landini ha "fatto pace" con Renzi, dimostrano che il segretario FIOM, come persona, è ricattabile come chiunque, se non per magagne presenti o passate, per l'ovvia fragilità umana di chi ha famiglia e affetti. Il punto non è Landini, ma la FIOM. Una resistenza sindacale, per quanto simbolica, contro la liquidazione dei contratti nazionali potrebbe diventare un momento di catalizzazione per i ceti medi, e non solo quelli impiegatizi, ma anche piccolo-medio imprenditoriali, che con il Jobs Act si troverebbero di colpo senza relazioni industriali trasparenti, quindi ancora più esposti all'ingerenza delle multinazionali e ad una serie di indebite pressioni per delocalizzare le proprie aziende. A Renzi forse non basterebbe l'aver arruolato nelle proprie file il presidente di Confindustria, Squinzi, per poter continuare a prendere in giro la massa dei piccoli imprenditori.
Sul "Jobs Act" Renzi non può accettare nemmeno un finto tavolo di trattativa con le parti sociali, perché anche una minima scossa potrebbe far crollare il castello degli slogan. Che dal "garage" di Renzi non siano piovute idee, ma manganellate, è del tutto consequenziale, dato che gli slogan non hanno altre gambe su cui camminare, ed oggi l'emergenza di ordine pubblico appare l'unica risorsa per la sopravvivenza del governo. Intanto si cominciano a stabilire anche dei precedenti giudiziari, colpendo, per ora, i soggetti più deboli. A Piacenza un sindacalista di base è stato condannato per aver indetto uno sciopero, che il tribunale ha voluto considerare come una manifestazione non autorizzata. Un'altra lezione per i creduloni della fiaba dell'indipendenza della magistratura.
Articolo Articolo  Storico Archivio Stampa Stampa

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (33)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


21/08/2019 @ 11:22:33
script eseguito in 43 ms