"
"Il denaro gode†di una sorta di privilegio morale che lo esenta dalla corvée delle legittimazioni e delle giustificazioni, mentre ogni altra motivazione non venale comporta il diritto/dovere di intasare la comunicazione con i propri dubbi e le proprie angosce esistenziali. Ma il denaro possiede anche un enorme potere illusionistico, per il quale a volte si crede di sostenere delle idee e delle istituzioni, mentre in realtà si sta seguendo il denaro che le foraggia."

Comidad (2013)
"
 
\\ Home Page : Articolo
ALBE DORATE ED ALTRI FASCISMI IN PROVETTA
Di comidad (del 23/07/2015 @ 11:02:52, in Commentario 2015, linkato 1374 volte)
In questi giorni gli spettatori (pardon, i cittadini) italiani hanno potuto assistere ad ulteriori prove tecniche di Mat-teocrazia, cioè ad un'operazione di auto-divinizzazione analoga a quella condotta dal Buffone di Arcore alla vigilia delle elezioni del 2008. Anche Renzi è infatti entrato nel ruolo del padreterno che può adottarsi il suo Abramo. Invece che dal salottino di Bruno Vespa, Renzi ha lanciato il nuovo "patto" con gli Italiani, da Facebook: un Nuovo Testamento, stavolta su materia fiscale.
Gli scettici hanno ovviamente osservato l'assurdità di "patti" di riduzione fiscale a fronte di un persistente Patto di Stabilità Finanziaria con i Comuni, ed in presenza di una crisi finanziaria europea di cui non si intravede l'esito. Ma, in tal modo, gli scettici sono entrati esattamente nel roleplay che gli "spin doctor" di Renzi avevano allestito. Renzi può così, ancora una volta, proporsi come l'uomo del "fare", della fiducia e dell'ottimismo, circondato dai "gufi" che gli remano contro. Renzi si appella a quella parte dell'opinione pubblica che Ivano Fossati chiamava le "casalinghe sempre d'accordo", cioè coloro che vedono come una colpa ogni atteggiamento di sospetto e diffidenza verso i potenti.
In effetti la vera obiezione nei confronti di Renzi riguarda non tanto la sostanza, quanto il metodo. Se si ritiene che vi siano le condizioni e l'opportunità per diminuire il carico fiscale, lo si fa e basta. La formula "se accetti le riforme, ti abbasso le tasse", non solo fa il paio con il "se sei promosso, ti compro la bicicletta", non comporta soltanto un'infantilizzazione dell'uditorio, ma determina addirittura una vera e propria uscita dalla concezione rappresentativa del potere, per configurare una sorta di alleanza tra il capo e il popolo. Una concezione del potere che sarebbe stata considerata barbarica ed arcaica persino nel medioevo. Il carattere buffonesco di certe rappresentazioni non è un loro limite, poiché la stupidità serve a veicolare ed a far sembrare innocui degli atti che comportano invece un vero e proprio colpo di Stato strisciante.
E ciò non avviene solo in Italia. Gli atteggiamenti ridanciani e confidenziali, da amiconi al bar, che esibiscono i capi di governo negli incontri ufficiali, configurano un potere che aggira il principio di rappresentanza dei popoli, restituendo l'immagine di una cerchia oligarchica, esclusiva ed autoreferenziale.
In termini tecnici, tutto ciò si chiama guerra psicologica. L'artificiosità e la pretestuosità delle rappresentazioni di un finto dibattito politico sono quindi funzionali ad un contesto coloniale, nel quale l'aggressore deve confondere le idee all'aggredito. Sul campo di battaglia la confusione è un'arma, anzi, una delle armi principali. Ad esempio: la categoria politico-mediatica di "populismi" consente di inserire in un unico calderone indistinto istanze diverse ed addirittura opposte, come Syriza e Alba Dorata.
Il discredito in cui si è gettato il governo di Syriza in Grecia pare abbia rilanciato l'immagine della formazione neofascista di Alba Dorata. Come tutti i gruppi fascisti, Alba Dorata risponde ad un codice di comportamento abbastanza preciso. Ci si sceglie un bel nome rassicurante, da villaggio turistico, ed ai giornali ufficiali si rilasciano interviste cariche di buonsenso e di proposte ragionevoli: un pianificato ritorno alla dracma e accordi finanziari e commerciali con la Russia.
Allo stesso tempo si scatena la violenza interna contro bersagli deboli che non hanno nulla a che fare con i nemici dichiarati. Dici che ce l'hai con gli usurai, però ammazzi i rapper. Ti proclami nazionalista, ma poi crei scontri usando l'esaltazione del nazismo come provocazione. Un po' strano, visto che quando Mussolini si era impantanato, aveva provveduto proprio Hitler a massacrare i Greci. Tanto vale allora inneggiare alla Merkel.
Tutto il meccanismo delle provocazioni e delle violenze viene inoltre messo in atto beneficiando di comportamenti dilatori e iper-garantistici da parte di una magistratura in altri casi ben più sbrigativa. Al leader di Alba Dorata, Michaloliakos, è stata concesso giusto quel po' di galera per prendersi la patente di eroe e di perseguitato, esattamente come fecero con Hitler nel 1923.
Mentre ai media ufficiali i neofascisti riservano il volto pacato, alle testate affini di altri Paesi Michaloliakos può rilasciare invece i proclami del fascismo più tipicamente farneticatorio, con richiami ai miti del lontano passato, e persino all'Impero Romano. Ma il vero piatto forte di questa comunicazione per iniziati è sempre l'anticomunismo. La motivazione addotta per questo anticomunismo esibisce una logica davvero stringente: Syriza infatti è composto da ex (sic!) comunisti, che si sarebbero già messi d'accordo con il capitalismo mondiale. Si riconosce da un lato che oggi il comunismo come soggetto politico non esiste più, ma si spinge ugualmente sull'anticomunismo preventivo.
Un vero nazionalismo non potrebbe permettersi eccessi di anticomunismo neanche in astratto, poiché una difesa dal colonialismo comporta la necessità di una nazionalizzazione dell'economia. Quel che ha passato e sta passando il Venezuela per aver cercato di difendere la propria indipendenza nazionale, costituisce un paradigma valido anche per i Paesi europei che volessero sfuggire alla sudditanza FMI-NATO.
Il punto è che i fascismi non sono nazionalismi, ma costituiscono un espediente coloniale per occupare preventivamente la nicchia politica del nazionalismo. Si crea un finto nazionalismo per impedirne uno vero.
Allo stesso modo, per evitare un'autentica demistificazione del dominio sovranazionale della finanza, se ne fornisce una versione fuorviante. Anche il nazismo si fondò su un "sillogismo" di questo tipo: siamo sotto il dominio mondiale dell'usura e molti banchieri sono ebrei; ergo: sterminiamo i sarti ed i rosticceri ebrei.
I media ufficiali paventano il pericolo fascista in Europa, ma non sottolineano i comportamenti paradossali dei governi "democratici", come quello danese, che nel 2011 ha sospeso il Trattato di Schengen in materia di immigrazione, e ciò in base alla trattativa con una formazione minoritaria di estrema destra. Nel giugno scorso i neofascisti danesi hanno riscosso un successo elettorale, ma quasi nessuno oggi lo collega al fatto che il governo danese quattro anni fa ha legittimato ed inserito a forza il fascismo nel gioco politico.
Attribuire un carattere di autenticità e spontaneità ai movimenti fascisti non è un riconoscimento da poco; anzi, è esattamente tutto ciò che gli serve. Che alcuni Paesi rispondano alla crisi con la fascistizzazione, ed altri no, configura già un quadro di separazione razziale tra popoli inferiori e popoli superiori. Si tratta di una legittimazione del colonialismo mondialista chiamato a disciplinare le intemperanze nazionalistiche. Si tratta del solito luogo comune storiografico secondo cui la crisi economica degli anni '30 ha colpito sia in Germania che negli USA, ma in Germania ha generato la barbarie fascista e negli USA invece la solidarietà del New Deal.
In America Latina circola questa battuta. Perché a Washington non ci sono mai colpi di Stato? Perché a Washington non c'è l'ambasciata americana. Allo stesso modo si potrebbe pensare che la psicoguerra coloniale cerchi di indebolire le resistenze nazionali con degli pseudo-nazionalismi che rivolgano l'aggressività verso l'interno. Il "Mein Kampf" di Adolf Hitler è infatti tutto un inno al colonialismo anglosassone ed al segregazionismo statunitense. L'industriale Henry Ford, ideologo dell'antisemitismo, era considerato da Hitler come un maestro ed un eroe, e fu insignito della massima onorificenza nazista. La multinazionale Ford fu determinante nel consentire il riarmo tedesco, ed inoltre anche multinazionali statunitensi come Standard Oil e General Motors (e persino Coca Cola) si dimostrarono sempre sollecite nell'aiutare il regime hitleriano, anche a guerra in corso. In una recente intervista a "l'Espresso" Romano Prodi ha dichiarato che la sua nomina a presidente della Commissione Europea fu dovuta alle pressioni di Tony Blair. Sempre secondo Prodi, la preminenza del Regno Unito nell'Unione Europea è dovuta al fatto che lo stesso Regno Unito costituisce il referente degli USA in Europa. Con molta disinvoltura, Prodi ha delegittimato la sua intera carriera politica, riconoscendo che l'UE è una colonia USA.
Articolo Articolo  Storico Archivio Stampa Stampa

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (46)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (4)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


17/11/2019 @ 11:08:42
script eseguito in 38 ms