"
"Propaganda e guerra psicologica sono concetti distinti, anche se non separabili. La funzione della guerra psicologica è di far crollare il morale del nemico, provocargli uno stato confusionale tale da abbassare le sue difese e la sua volontà di resistenza all’aggressione. La guerra psicologica ha raggiunto il suo scopo, quando l’aggressore viene percepito come un salvatore."

Comidad (2009)
"
 
\\ Home Page : Articolo
IL FASCINO CRIMINALE DELL'UNIONE EUROPEA
Di comidad (del 01/05/2008 @ 10:52:58, in Commentario 2008, linkato 875 volte)

Il Trattato di Lisbona, che in questo periodo è all'approvazione dei vari Paesi dell'Unione Europea, reintroduce sia la pena di morte, sia la possibilità di esecuzione sommaria. Ovviamente ciò non viene ottenuto con una dichiarazione esplicita, ma attraverso quello che è il criterio fondamentale e caratterizzante di tutto il "Diritto" europeo, cioè la totale incertezza normativa. Dilatando all'infinito i concetti di guerra, insurrezione o terrorismo, vi si può comprendere qualsiasi comportamento sgradito, ed è appunto questa la strada perseguita dal Trattato di Lisbona.

Tutti coloro che si stanno impegnando per impedire l'approvazione di questo Trattato, svolgono un'azione veramente importante, ma, d'altra parte, occorre anche evitare di cadere nel paradosso del catastrofista, che si preoccupa di una catastrofe incombente senza accorgersi che, in realtà, la vera catastrofe è già avvenuta da tempo.

Il problema è che i trattati internazionali creano di per sé una situazione giuridica assolutamente anomala, non riconducibile a quelli che sono i consueti criteri di legalità e illegalità. Uno dei primi a denunciare questo fenomeno, fu Giovanni Giolitti, che si riferiva al Patto di Londra del 1915, in base al quale l'Italia si ritrovò coinvolta nella prima guerra mondiale contro la volontà della stragrande maggioranza del Parlamento.

Come Presidente del Consiglio e Ministro degli Interni, Giolitti era abituato a star dentro e fuori della legalità a seconda delle convenienze - per questo fu definito dallo storico Gaetano Salvemini come "Ministro della Mala Vita" -; ma lo stesso Giolitti rimase perplesso e indignato di fronte alla situazione di totale extralegalità determinata dai trattati internazionali. Come si fa a stare dentro o fuori della legge, se di fatto una legge non c'è?

È precisamente questa la condizione della Unione Europea, nella quale è pressoché impossibile rintracciare un edificio legislativo, e nella quale l'unica regola è l'arbitrio di gerarchie altrettanto arbitrarie. L'opinione pubblica è stata abituata a credere che l'Europa costituisca un edificio istituzionale in cui vi siano procedure e luoghi decisionali riconoscibili. Questa illusione è ottenuta attraverso una comunicazione suggestiva, analoga a quella pubblicitaria.

Giornali e telegiornali parlano spesso di decisioni e richiami della "Unione Europea" nei confronti dell'Italia. Ci si riferisce appunto a questa vaga entità, la "Unione Europea", senza quasi mai specificare di quale organo si tratti di volta in volta. Ma anche quelle rare volte che l'organo viene specificato, le cose non risultano affatto più chiare. Di recente i media ci hanno riferito di un richiamo della Banca Centrale Europea nei confronti del neoeletto Berlusconi, accusato di voler ledere la "autonomia" della stessa BCE poiché osa darle dei consigli (Berlusconi dà consigli a tutti, anche alle casalinghe). In realtà, non solo questa autonomia non è sancita da nessuna parte, ma oggi si assiste al paradosso di una Banca Centrale Europea che, pur priva di un preciso inquadramento giuridico, domina ugualmente sulle varie Banche centrali nazionali, nonostante che queste vedano garantita la loro autonomia dalle Costituzioni dei vari Paesi.

L'illusionismo europeo è basato su tecniche di suggestione pubblicitaria, tendenti a far credere all'esistenza di qualcosa che in realtà non c'è. La istituzione del cosiddetto "Parlamento" europeo risponde appunto a questa funzione illusionistica. Nonostante che questo "Parlamento" abbia ormai ventinove anni, svolge ancora funzioni "consultive", cioè non decide nulla.

I "parlamentari" europei sono degli eterni minorenni che, oltre ad essere strapagati, vivono in un guscio ovattato e dorato di privilegi. I media, che se la prendono sempre con i presunti fannulloni della pubblica amministrazione, poi non ci spiegano perché debbano esistere questi fannulloni del Parlamento europeo. A voler esser giusti, però i "parlamentari" europei, con la loro presenza, una funzione la svolgono, cioè quella di suggerire alla opinione pubblica che, dato che esiste una cosa detta "Parlamento", allora esista anche una normalità istituzionale in tutto il resto.

La gran parte della opinione pubblica ignora che il "Parlamento" europeo è solo consultivo, o perché non l'ha mai saputo, o perché l'ha dimenticato, dato che i media hanno cessato da tempo di ricordarglielo. Se un Parlamento puramente consultivo poteva avere un senso in via sperimentale per uno o due legislature, il fatto che si continui su questa strada dopo quasi trenta anni, è indice di una pervicace volontà di mistificazione.

Un'altra suggestione che ci viene imposta, è che esista una sorta di continuità istituzionale tra l'attuale Unione Europea e la comunità europea nata con il Trattato di Roma del 1957. Qui non si tratta di ritenere che in origine esistesse una comunità europea "buona", poi sostituita da una un'altra "cattiva", ma è solo questione di constatare che almeno dal 1973 l'aggregato europeo risponde ad una logica del tutto diversa. Se prima del 1973 l'identità europea era incerta, dopo quella data è divenuta inafferrabile. L'ingresso della Gran Bretagna nel 1973 ha infatti determinato una condizione che definire assurda è dir poco, dato che questo Paese determina le decisioni senza incorrere in nessuno degli obblighi che ne conseguono. La Gran Bretagna non ha dovuto sottoporsi alla forca caudina del Sistema Monetario Europeo, quando questo fu istituito nel 1979, e oggi conserva la sua autonomia monetaria in quanto non adotta l'Euro. Dal 1973 quindi la cosiddetta Europa non è altro che una propaggine della NATO e del colonialismo anglo-americano.

A voler definire l'Unione Europea, questa costituisce l'etichetta di un potere del tutto abusivo, incontrollato e incontrollabile, non individuato e non individuabile; cioè una cosca criminale, al cui confronto, peraltro, Cosa Nostra potrebbe apparire come un tempio della trasparenza e della certezza del diritto.

Per cercare di dare un volto a questo potere si parla spesso di una "Eurocrazia" espressione di logge massoniche internazionali. Qui però si rischia di confondere la causa con l'effetto: le massonerie sono uno strumento di corruzione e penetrazione utilizzato dalle cosche criminali, non viceversa.

1 maggio 2008

Articolo Articolo  Storico Archivio Stampa Stampa

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (21)
Commenti Flash (61)
Documenti (45)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (4)
Links (1)
Storia (6)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


27/05/2017 @ 06:15:41
script eseguito in 31 ms