"
"Politically correct" è l'etichetta sarcastica che la destra americana riserva a coloro che evitano gli eccessi del razzismo verbale. "Politicamente corretto" è diventata la locuzione spregiativa preferita ovunque dalla destra. In un periodo in cui non c'è più differenza pratica tra destra e "sinistra", la destra rivendica almeno la sguaiataggine come proprio tratto distintivo."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Articolo
LO STATO HA SCOPERTO DI NON ESISTERE
Di comidad (del 10/08/2017 @ 01:36:50, in Commentario 2017, linkato 3817 volte)
Sebbene i media lo abbiano detto solo incidentalmente, si è immediatamente notato che il nocciolo “hard” del recentissimo Decreto del governo Gentiloni presentato come un provvedimento per il Sud, era costituito in realtà dal via libera alla multinazionale tedesca Flixbus. Il caporalato digitale rappresenta uno dei business multinazionali del futuro e Flixbus ha superato Uber, poiché ha allargato la nozione di caporalato digitale dai semplici autisti addirittura alle aziende di trasporti. Dalla pauperizzazione del lavoro si è passati alla pauperizzazione del ceto medio.
La retorica meridionalista è servita quindi ad una pura operazione di lobbying a favore di una multinazionale. Per quanto riguarda la parte del Decreto che incentiva la formazione di nuove aziende al Meridione, il trucco sottostante è sempre lo stesso: si prevedono certi incentivi ma questi possono essere prontamente ritirati se i progetti non partono in tempo. In base ai dati, mai smentiti, di un’agenzia ufficiale come lo Svimez, i tagli di spesa pubblica sono stati storicamente più intensi al Meridione e gli ultimi governi hanno confermato la tendenza. Storicamente la pauperizzazione del Sud ha quindi svolto la funzione di strumento deflattivo a vantaggio della finanza. La deflazione preserva il valore dei crediti e rende impagabili i debiti, incentivando la spirale dell’indebitamento.
Ci sarebbero gli estremi per parlare di colonialismo, ma la vigente parodia del politicamente corretto non lo consente poiché il denunciare la colonizzazione rende sospetti di “nazionalismo”. Il “politicamente corretto” era nato negli anni ’80 come tentativo di bon ton comunicativo in chiave soprattutto antirazzistica, in modo da evitare tutti i giudizi e gli epiteti a carattere liquidatorio che non riconoscessero i punti di vista diversi. La metamorfosi del “politicamente corretto” data agli anni ‘90, che si sono conclusi con la prima guerra “politicamente corretta”: l’aggressione della NATO alla Serbia per il Kosovo. Da anni il “politicamente corretto” è diventato tutt’altro rispetto alle origini, cioè si è trasformato in una rappresentazione del mondo caricaturale, nella quale da una parte ci sono la democrazia, i diritti umani e la cooperazione internazionale, dall’altra ci sono il fanatismo religioso, il nazionalismo e le dittature. In questo quadro non sono contemplati il colonialismo e l’imperialismo, anzi il citarli fa rischiare non solo di essere annoverati come nazionalisti, ma anche come “complottisti”.

Č avvenuto così che la parodia del politicamente corretto sia diventata l’ideologia mistificatoria a supporto del colonialismo della finanza globale. In questa ideologia c’è anche spazio per i razzismi politicamente corretti, come quello antimeridionale e quello antirusso. Sono razzismi necessari per mascherare la pauperizzazione di certi popoli; una pauperizzazione attuata all’interno con taciti tagli di spesa ed all’esterno con plateali sanzioni economiche. Roberto Saviano è un propagandista-icona sia dell’autorazzismo meridionale che del razzismo antirusso, ossessionato com’è sia dalla camorra che dalla mafia russa. La pauperizzazione richiede una criminalizzazione, ovviamente a turno, dei popoli.
Da più parti si è sottolineato che l’inasprimento delle sanzioni economiche contro la Russia è stato deciso dalle camere USA in base ad un’ipotesi di “hackeraggio” che non ha trovato sinora alcun riscontro di prova. Il problema è che, seppure queste prove fossero esistite, la decisione del Congresso e del senato USA sarebbe stata comunque illegittima ed eversiva. Nei rapporti internazionali tra gli Stati vi sarebbero infatti delle procedure da rispettare allorché uno Stato pensi che un altro Stato lo abbia danneggiato: si convoca l’ambasciatore per chiedere chiarimenti e, se questi non sono ritenuti sufficienti, si procede prima per sanzioni diplomatiche. C’era quindi un ruolo del governo che doveva poi relazionare alle camere per eventuali altre decisioni. In questa circostanza invece l’ambasciatore russo è stato considerato una sorta di paria la cui frequentazione da parte del presidente e del suo entourage andava evitata ad ogni costo, come se si rischiasse una specie di contaminazione razziale. In più la decisione quasi unanime del Congresso e del senato USA ha posto le sanzioni anti-russe sotto una specie di clausola di protezione contro il proprio stesso capo dell’esecutivo. Si è trattato di un atto eversivo sia verso l’interno che verso l’esterno, a cui la stragrande maggioranza dei parlamentari si è adeguata nel timore di diventare sospettabile di atteggiamenti filorussi. Stato e governo sono concetti distinti, ma un parlamento che delegittima preventivamente un governo, delegittima lo Stato nel suo complesso.

Probabilmente almeno una parte della cordata che aveva spinto CialTrump alla presidenza si era illusa di poter recuperare un margine di manovra dello Stato per la trattativa diretta con altri Stati, in particolare la Russia. Ma già l’affidarsi ad uno come CialTrump doveva indicare che il tentativo era disperato. Quando si è andati a cercare lo Stato, si è scoperto che non c’era. Il concetto di “deep State” è una suggestione consolatoria per non ammettere che le lobby finanziare detengono poteri di veto.
Secondo alcuni lo Stato costituirebbe una formalizzazione dei rapporti di forza sociali. Si tratta di una di quelle affermazioni che possono apparire come critiche, ma che in effetti si risolvono in mere cortine di fumo in quanto non dicono nulla. Lo Stato non va considerato una veste giuridica dei rapporti sociali, bensì come una mera astrazione giuridica, che può assumere, di volta in volta, valenze mitologiche o superstiziose. In questo senso lo Stato non è affatto una formalizzazione del rapporto di forza, bensì una componente del rapporto di forza in funzione di espediente illusionistico di distrazione, inganno e manipolazione. Sottrarsi a questa suggestione ingannevole comporterebbe quindi un piccolo riequilibrio del rapporto di forza a proprio favore.
Un formalismo infatti non potrebbe essere abbandonato a piacimento, poiché ciò avrebbe appunto delle conseguenze sul piano formale. Quando il governo Gentiloni rifiuta di riconoscere la validità delle ultime elezioni venezuelane, dovrebbe motivare la sua decisione in base a procedure precise, previste da trattati sottoscritti sia da Italia che Venezuela. Senza questo “formalismo” nulla impedirebbe a Maduro di considerare a sua volta Gentiloni come un abusivo di passaggio (cosa, peraltro, non molto lontana dal vero) .

Nel 2012 il Presidente francese Hollande attribuì un riconoscimento diplomatico alle “opposizioni moderate e democratiche” al regime siriano di Hassad. Ma uno Stato che ne delegittima un altro, delegittima anche se stesso. Se non avesse avuto in quel periodo impegni più urgenti, Hassad avrebbe potuto benissimo rivendicare gli stessi titoli per offrire il proprio riconoscimento diplomatico ad un qualsiasi oppositore di Hollande. Il punto è che i rapporti tra gli Stati rappresentano l’apparenza e invece sono i movimenti di capitale a dare il via alle destabilizzazioni ed alle macchine belliche, e i governi e i parlamenti si adeguano.
Lo Stato quindi non è una formalizzazione o un formalismo, bensì una pantomima e, come tale, può essere messa da parte a piacimento, a seconda delle convenienze dei movimenti di capitali. I primi a non dar troppo credito a questa pantomima sono coloro che la mettono in scena e che escono troppo spesso dalla parte.
Articolo Articolo  Storico Archivio Stampa Stampa

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (46)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Fenętre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (5)
Links (1)
Storia (6)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


20/11/2017 @ 08:33:44
script eseguito in 197 ms