"
"Il vincolo statale funziona come un pastore che tiene unito il gregge, ma solo per metterlo a disposizione del predatore."

Comidad (2014)
"
 
\\ Home Page : Articolo
UN AVVISO DELLA NATO A DI MAIO E SALVINI
Di comidad (del 22/03/2018 @ 01:02:18, in Commentario 2018, linkato 1533 volte)
L’affermazione in Italia di due movimenti, Lega e 5 Stelle, percepiti all’estero come filorussi, con l’eventualità di un loro possibile accordo di governo, è probabilmente alla base dell’ennesima provocazione antirussa allestita dal governo britannico.
Tutta la narrazione britannica, secondo cui una ex spia russa rifugiatasi nel Regno Unito sarebbe stata eliminata da Putin con un agente nervino, assume contorni fiabeschi, addirittura da nonsense. Già anni fa vi fu una vicenda analoga, il caso Litvinenko, un dissidente russo che anche lui sarebbe stato eliminato da Putin, quella volta con del polonio radioattivo.
Alcuni hanno sarcasticamente commentato l’atteggiamento britannico trattandolo come una recriminazione sul fatto che i servizi segreti russi sarebbero ricorsi a metodi di assassinio iper-tecnologici e macchinosi, invece di adottare il pulitissimo metodo di eliminazione che da un secolo costituisce il marchio di fabbrica dei servizi segreti inglesi, cioè il finto incidente stradale. Si tratta dello stesso metodo “pulito” con il quale sono stati eliminati sia il colonnello Lawrence nel 1935 che Diana Spencer nel 1997.
Al di là degli ovvi (quanto doverosi) sarcasmi, c’è da considerare che, anche nell’irrealistica ipotesi di omicidi al polonio o al nervino, il comportamento del governo britannico appare non congruente. Se si riscontra una falla nei propri sistemi di sicurezza e le spie straniere la fanno da padrone, non lo si strombazza ai quattro venti, ma si va silenziosamente a turare la falla. Putin infatti non è una controparte debole e inerme come fu a suo tempo Gheddafi, incolpato di un attentato aereo non commesso da lui, la strage di Lockerbie, ma ugualmente costretto a versare un risarcimento miliardario, dandogli in cambio l’illusione di essere in tal modo riammesso nel consesso internazionale. Si è visto poi come è andata a finire.
Anche il cialtrone Trump non ha perso un attimo per assumere un atteggiamento colpevolista verso il suo “amico” Putin, ma CialTrump non ha potuto far ricorso alla solita formula minacciosa cara agli USA in queste situazioni, cioè che “tutte le opzioni sono sul tavolo”. Stavolta le opzioni sono le solite sanzioni economiche e diplomatiche che, come si è visto, rafforzano Putin sia nei confronti dell’opinione pubblica interna che internazionale; quest’ultima sempre meno disposta ad assecondare l’avventurismo “occidentale”.

Ciò che costituisce un nonsenso nel contesto dei rapporti con la Russia, assume però un significato se lo si riferisce alla questione della disciplina interna alla NATO. Non a caso il Presidente del Consiglio Gentiloni non ha esitato ad allinearsi al fronte antirusso adottando in tutto e per tutto la fiaba propinata dalla premier britannica May.
Lega e 5 Stelle affermano di voler aprire un negoziato con l’Unione Europea per allentarne i vincoli sull’economia italiana. Ma dietro l’impalcatura fragile e inconsistente della UE, si staglia ora la vera controparte, anzi il vero padrone della baracca europea, cioè la NATO. Insomma, il messaggio è chiaro: la Russia è il nemico e chi pensasse di privilegiare i propri interessi a quelli dell’assetto imperialistico, farà bene a guardarsi le spalle. La timida e ambigua russofilia di Salvini e Di Maio deve fare i conti con questa realtà.
A parte la pavidità e l’opportunismo dei leader, la questione è più profonda. La russofilia italiana non nasce per una visione strategica di riequilibrio dei rapporti di forza internazionali che consenta all’Italia una maggiore indipendenza e possibilità di manovra. In Italia si è russofili per motivi commerciali, poiché si spera di importare dalla Russia materie prime a buon mercato e poi esportarvi prodotti finiti. Per le imprese italiane l’optimum sarebbe poter stare sotto l’ombrello americano, che garantisce l’inamovibilità dei rapporti di classe sfavorevoli al lavoro, ed al tempo stesso poter commerciare con la Russia. Ma ormai somiglia alla quadratura del cerchio.

Nella vicenda coreana il tentativo statunitense di esasperare i rapporti con la Corea del Nord per riallineare la Corea del Sud, ha condotto addirittura al risultato opposto, cioè al disgelo tra le due Coree ed alla proposta di una loro partecipazione in comune alle Olimpiadi invernali. Per dissuadere la Corea del Sud da questa scelta, CialTrump a gennaio ha cercato di intimorirla sul piano commerciale con dei dazi, ma nemmeno questi hanno sortito risultati, visto che il mese dopo le squadre delle due Coree hanno sfilato assieme alla cerimonia di apertura dei Giochi invernali. (3)
Ma forse la Corea del Sud è una colonia americana suo malgrado. Non è sicuro che si possa dire altrettanto dell’Italia.
Articolo Articolo  Storico Archivio Stampa Stampa

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (29)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (5)
Links (1)
Storia (6)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


21/07/2018 @ 08:04:29
script eseguito in 43 ms