"
"La ricerca scientifica è una attività umana, perciò merita, come ogni attività umana, tutto lo scetticismo possibile; altrimenti cesserebbe di essere ricerca per costituirsi come religione inquisitoria."

Comidad (2005)
"
 
\\ Home Page : Articolo
A CHE SERVE REALMENTE IL RECOVERY FUND?
Di comidad (del 18/06/2020 @ 00:11:09, in Commentario 2020, linkato 5651 volte)
Nonostante la grancassa mediatica abbia portato al parossismo i toni celebrativi, comincia a farsi strada la consapevolezza che il Recovery Fund, proposto da Francia e Germania e adottato dalla Commissione Europea, sia in effetti una presa per i “fundelli”. In cambio di promesse di futuri aiuti, l’Italia dovrebbe immediatamente contribuire per l’ampliamento del bilancio europeo. Insomma, il dato concreto è che il governo italiano dovrebbe sborsare subito una novantina di miliardi, mentre il resto è fumo. I finanziamenti “promessi” dovrebbero poi giungere nell’arco di tre anni a partire dal 2021 e, ammesso che si riesca a superare le condizioni poste, la differenza tra quanto versato e quanto eventualmente riscosso non comporterebbe una copertura dei rischi del proprio debito pubblico.
C’è chi sollecita il governo ad affidarsi al finanziamento interno del debito pubblico invogliando i risparmiatori italiani ad acquistare i BTP. Ma dopo il successo del BTP “Italia”, il Tesoro non appare intenzionato a ripetere la performance, tanto che ha elaborato un BTP “Futura” dal meccanismo oscuro, aleatorio e complicato, fatto apposta per scoraggiare il piccolo risparmiatore. I “Mercati”, cioè i grandi investitori istituzionali, hanno subito accolto la notizia del BTP "Futura" provocando un aumento dello spread, per festeggiare lo scampato pericolo del vedersi soppiantati dal piccolo risparmio, che in Italia potrebbe assicurare una copertura del debito per centinaia di miliardi. Non c’è ora più nessun timore per gli “investitori istituzionali”, che hanno potuto riscontrare che il loro lobbying all’interno del Tesoro controlla pienamente la situazione.
Il governo italiano quindi continuerà la recita del povero bisognoso, per poi spacciare all’opinione pubblica l’istituzione del Recovery Fund come una vittoria. Esattamente otto anni fa, nel giugno del 2012, il governo Monti fece altrettanto nell’occasione dell’istituzione del Fondo Salva Stati, il MES. Non soltanto il quotidiano “La Repubblica”, aedo ufficiale del governo Monti, presentò il Fondo Salva Stati come un grande risultato, ma anche giornali critici verso quel governo, come il “Fatto Quotidiano”, narrarono di una “sconfitta” della Merkel e propinarono ai loro lettori la fiaba di un inesistente scudo anti spread.
La “vittoria” di Monti consistette nel versamento di decine di miliardi da parte dell’Italia nelle casse del MES per tappare i buchi di bilancio delle banche tedesche, francesi ed anche spagnole. La mistificazione sul MES continuò anche dopo, infatti quella filodrammatica che va sotto il nome di Corte Costituzionale tedesca, tenne sulla corda l’opinione pubblica per altri tre mesi, partorendo con fatica una sentenza che apparve come una concessione. Lo stesso Monti, con felice incoerenza, dimostrò di non credere per niente alla propria “vittoria”, decidendo di non chiedere i finanziamenti del MES poiché l’Italia, per farsi prestare a strozzo una parte dei propri soldi già versati, avrebbe dovuto accettare, come la Grecia, un commissariamento da parte della Troika UE-BCE-FMI. Rappresentata all’opinione pubblica come un Paese in eterno dissesto, l’Italia continua in realtà a svolgere il ruolo di vacca da mungere o da pollo da spennare. Tra i Paesi che dovrebbero ricevere i maggiori finanziamenti da parte del Recovery Fund c’è infatti la Polonia, che pure non presenta alcun particolare segnale di sofferenza economica o finanziaria. Il punto è però che la Polonia è il Paese di confine della NATO e, come tale, ha diritto ad un trattamento di riguardo da parte di quell’organizzazione di supporto alla NATO che è l’Unione Europea.
La propaganda ufficiale, compreso il mitico Report, ci intrattiene da anni sul come siano bravi i governi polacchi a spendere i fondi europei, mentre noi non lo sappiamo fare. Il quotidiano confindustriale “Il Sole 24 Ore” ha pubblicato un’intervista ad un eurocrate gestore dei fondi per sapere come mai in Polonia i finanziamenti europei producano tali mirabilie mentre nel Mezzogiorno d’Italia non c’è nulla del genere. Le risposte dell’intervistato si sono basate sui consueti schemi razzistici, a conferma che i Polacchi, a causa dei loro meriti anti-russi, sono stati ormai integrati a tutti gli effetti nella mitologia della razza nordica.

A distanza di qualche mese lo stesso quotidiano confindustriale ci spiegava in altro modo l’arcano: il governo italiano semplicemente non distribuisce i fondi europei destinati al Mezzogiorno per mantenere intatto l’attivo del bilancio primario, cioè quello al netto degli interessi sul debito pubblico. Una volta tanto il quotidiano confindustriale forniva un esempio concreto del ruolo del Mezzogiorno come colonia deflazionistica, cioè un’area del Paese in cui la spesa corrente viene costantemente bloccata per preservare i residui di bilancio.
C’è un caso però in cui il governo sblocca i fondi europei per il Sud con una certa celerità, ed è quando occorre finanziare le infrastrutture per le basi NATO. “Grazie” alla nuova base NATO l’area di Giugliano in Campania si è vista finanziare vari progetti, tra cui un piano di riassetto idrogeologico, in modo da poter sistemare le infrastrutture idriche e fognarie per i nuovi stabilimenti militari.
Pare che le basi militari c’entrino anche nel caso dei fondi europei destinati alla Polonia. Il governo polacco ha infatti invitato gli USA ad allestire una base militare sul suolo polacco in funzione anti-russa; una struttura che dovrebbe essere battezzata come “Fort Trump”. I due miliardi di dollari che il governo polacco vorrebbe stanziare per la base non sono stati ritenuti ancora sufficienti dall’Amministrazione USA, perciò l’iniziativa è in stallo. Con i nuovi fondi europei la Polonia potrebbe convincere gli USA che, di certo, hanno tutta l’intenzione di farsi convincere.

Nella narrazione mediatica il regime polacco viene incasellato tra i nazionalisti e i sovranisti. Sarebbe sin troppo ovvio chiedersi che nazionalismo sia quello che sollecita l’occupazione del proprio territorio da parte di una potenza straniera, cercando di persuaderla pagando persino di tasca propria. Il problema vero riguarda però la stessa categoria di nazionalismo, che si rivela inconsistente ogni qual volta si esce dalla narrativa astratta e si entra nei dettagli. Secondo i commentatori ufficiali, uno dei maggiori indizi del nazionalismo polacco consisterebbe nel rifiuto del suo governo di accogliere quote di migranti. In realtà la Polonia non può diventare in nessun caso una meta di migrazione poiché ha una moneta troppo debole, lo zloty, che in questi anni ha già svalutato molte volte. L’unica possibilità per i migranti di trasformare i loro magri guadagni in qualcosa di più sostanzioso, sta invece nel cambio da una moneta forte ad una moneta debole. Anche se la Polonia accogliesse i migranti, questi per far sopravvivere con le loro rimesse le proprie famiglie rimaste in patria, sarebbero comunque costretti a cercare di passare in Germania. La “xenofobia” polacca rientra quindi nel solito gioco delle parti, mentre il vero obbiettivo è evitare una pressione migratoria alla frontiera tedesca.
I nazionalismi non esistono come soggetti politici e gli attori in campo sono sempre gli imperialismi oppure i sub-imperialismi, cioè gli imperialismi minori a base regionale sotto la tutela di un altro imperialismo. Il regime polacco quindi aspira a svolgere un ruolo sub-imperialistico nell’area dell’Europa Orientale, sotto l’ombrello dell’imperialismo planetario degli USA. Anche in questa circostanza i contribuenti italiani potrebbero svolgere la loro utile funzione di bancomat per finanziare le velleità imperialistiche dei partner europei.
Articolo Articolo  Storico Archivio Stampa Stampa

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (52)
Commentario 2020 (28)
Commenti Flash (61)
Documenti (45)
Falso Movimento (6)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (13)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


08/07/2020 @ 12:56:54
script eseguito in 48 ms