"
"Il denaro gode di una sorta di privilegio morale che lo esenta dalla corvée delle legittimazioni e delle giustificazioni, mentre ogni altra motivazione non venale comporta il diritto/dovere di intasare la comunicazione con i propri dubbi e le proprie angosce esistenziali. Ma il denaro possiede anche un enorme potere illusionistico, per il quale a volte si crede di sostenere delle idee e delle istituzioni, mentre in realtà si sta seguendo il denaro che le foraggia."

Comidad (2013)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 24/10/2013 @ 06:23:35, in Commentario 2013, linkato 2660 volte)
La lugubre pagliacciata allestita attorno al cadavere di Priebke, ha sortito l'effetto di attribuire anche ad un personaggio del genere l'alone di vittima e di martire. Non era però questo l'obiettivo principale dell'operazione, dato che l'isterismo così generato ha fornito il pretesto per reintrodurre in grande stile nella legislazione la criminalizzazione delle opinioni; ciò attraverso il reato di "negazionismo" nei confronti del cosiddetto "Olocausto". In molti hanno notato che, rispetto allo scopo dichiarato, la legge contro il "negazionismo" appare del tutto incongruente; anzi, essa finisce per attribuire all'opinione che si dice di voler combattere una patente di anticonformismo culturale e persino di eroismo. Sono quindi altre le opinioni che si vogliono effettivamente colpire, perciò si vedranno ben presto una legislazione ed una giurisprudenza ad hoc, che magari dilateranno la categoria di "negazionismo" a ben altri scetticismi, come quello di chi non crede alla versione ufficiale sull'11 settembre, o nega l'esistenza di Bin Laden. Lo scopo non è esclusivamente repressivo, ma soprattutto di discredito nei confronti di opinioni che vedrebbero con imbarazzo il trovarsi accomunate a "quel" negazionismo.
L'aspetto paradossale di questa vicenda sta nel fatto che l'eredità del nazismo storico è stata raccolta proprio dal sistema di dominio vigente oggi in Europa, cioè da quella Unione Europea insignita del premio Nobel per la Pace. Molti storici hanno notato che l'aspetto pionieristico e sperimentale del nazismo è consistito nell'aver applicato all'Europa metodi che erano stati tipici del colonialismo in Africa, in America ed in Australia. Ammiratore incondizionato del colonialismo anglosassone, Hitler teorizzò nel suo "Mein Kampf" l'impiego di pratiche coloniali come la deportazione, la concentrazione e lo sterminio sulle popolazioni dell'Europa dell'Est. Sino ad allora si pensava che queste tecniche fossero possibili solo in società tribali, etniche e frammentate, e fossero invece impraticabili in un'Europa in cui le società erano ben strutturate ed esistevano nazioni dotate di lingue e storie comuni.
A guardar bene, il copyright del colonialismo nazista era ancora una volta di origine anglosassone, poiché il primo a resuscitare ed usare un mito etnico a fini di destabilizzazione interna agli Stati nazionali, era stato nel 1917 il ministro degli Esteri britannico Balfour, allorché aveva inviato al banchiere Rothschild una lettera in cui si concedeva ai sionisti la possibilità di stabilire in Palestina un loro "focolare" nazionale, e ciò in riconoscimento di quanto gli Ebrei stavano facendo per aiutare Gran Bretagna e Francia a vincere la guerra mondiale in corso contro la Germania. La lettera si basava su un falso, dato che in quel periodo la stragrande maggioranza degli Ebrei europei combatteva e moriva tra le file tedesche ed austro-ungariche, ma il falso funzionò al punto che in Germania molti imputarono la sconfitta nella prima guerra mondiale agli Ebrei. Ma nel "Mein Kampf" l'Ebreo diventa qualcosa di più di una razza o etnia perfida e ostile, dato che va a rappresentare un paradigma emergenziale che può essere riapplicato a chiunque ed in ogni situazione.
Il Trattato di Maastricht del 1992 - con la sua appendice del Trattato di Lisbona del 2007 - ha ereditato e continuato questo sperimentalismo nazista, poiché ancora una volta si è trattato di trapiantare in Europa un colonialismo brutale e sbrigativo, identico a quello che il Fondo Monetario Internazionale aveva praticato per decenni in Africa, e che, sino ad allora, si credeva applicabile soltanto a Stati e società fragili, privi di tradizione amministrativa. La redenzione dell'Europa dell'Est dal cancro dello statalismo economico dopo la caduta del Muro di Berlino, ha finito così per coinvolgere anche l'Europa occidentale, che si è dovuta piegare alle stesse forche caudine delle privatizzazioni e della liquidazione del welfare, come se anch'essa fosse parte sconfitta nel dopo-Guerra Fredda. Come l'antisemitismo, anche l'anticomunismo non si indirizzava solo contro un nemico definito, ma si rivelava un paradigma generale ed onnicomprensivo, a cui nessuno poteva sfuggire e che imponeva a tutti un percorso di redenzione. La colonizzazione dell'Europa dell'Est è diventata per il FMI uno strumento per colonizzare anche l'Europa dell'Ovest, ed i modelli di riferimento erano già stati tracciati dalle multinazionali tedesche durante la seconda guerra mondiale.
Nel secondo dopoguerra l'oligarchia industrial-finanziaria della Germania era riuscita a riciclarsi pressoché in blocco, scaricando per intero le responsabilità di quanto accaduto sul "tiranno" Hitler. Il ruolo fondamentale svolto dal lobbying delle multinazionali tedesche - e dei loro partner americani -, per quanto conosciuto e documentato, è rimasto invece in ombra. Come è noto, il campo di concentramento di Auschwitz "ospitò" il più grande stabilimento chimico d'Europa, appartenente alla multinazionale tedesca IG Farben, un cartello di imprese di cui faceva parte anche la Bayer. La IG Farben era a sua volta in partnership con la Standard Oil dei Rockefeller. Al finanziamento del campo di Auschwitz in Polonia partecipò, manco a dirlo, anche la onnipresente Deutsche Bank.
La IG Farben di Auschwitz rappresentò un esempio avveniristico di "relocation" aziendale, in cui lavoravano deportati, ma anche "volontari" fatti arrivare da tutta Europa, compresa la Francia; perciò lo schiavismo palese era integrato con altre forme di reclutamento del lavoro che già anticipavano aspetti del modello attuale. Che ancora oggi la Polonia costituisca una delle mete privilegiate delle relocation aziendali, costituisce una macabra ironia della Storia.
Data la logica aziendale che presiedeva ad Auschwitz, risulta persino irrealistico ritenere che un genocidio non vi sia stato, visto che questo era pienamente conseguente alle premesse. Se, grazie alle deportazioni di massa, la materia prima umana veniva a costare meno del pasto che l'avrebbe dovuta mantenere, ne derivava, per mere ragioni di budget, la sottoalimentazione dei lavoratori e la eliminazione sistematica degli inabili al lavoro.
Si è detto spesso, retoricamente, che Auschwitz ha rappresentato il "Male Assoluto", "il Male allo stato puro", e l'uso di un termine magniloquente ed esoterico come "Olocausto" contribuisce a perpetuare questa metafisica. In realtà non esiste il "Male Assoluto", ma esiste il male, che consiste nell'asimmetria delle relazioni umane. Se nella relazione economica il lavoro costituisce la variabile "flessibile" per eccellenza, certe conseguenze criminali sono ovvie e inevitabili. Al punto in cui sono arrivati attualmente i giochi, non è più necessario nemmeno un Hitler, basta un Marchionne qualsiasi. Erano invece le tanto vituperate "rigidità" a conferire qualche simmetria, e quindi anche quel po' di equilibrio, ai rapporti aziendali.
Il nazismo viene di solito fatto passare per un nazionalismo estremo; al contrario, il nazismo anticipò i tempi anche nello spezzare le rigidità nazionali, configurando il modello che il Trattato di Maastricht avrebbe poi pienamente realizzato. Tutto deve essere "flessibile" in Europa, tranne i Trattati, perché la loro rigidità esprime gli interessi del lobbying multinazionale. Chiaramente il contesto tecnologico attuale è molto diverso, quindi i parallelismi con il passato non devono prendere la mano. Rimane comunque il fatto che l'avvento di strumentazioni come il denaro elettronico apre nuove possibilità di spezzare le antiche rigidità sociali, nazionali e territoriali. Ciò rende possibile anche il controllo e lo sfruttamento della pseudo-migrazione, cioè la forma moderna di deportazione di massa.
La nuova frontiera del business è il microcredito, di cui una delle forme suscettibili di maggiore sviluppo è il "migrant banking". Grazie ai cellulari l'inclusione finanziaria può coinvolgere agevolmente persone senza fissa dimora. L'enorme attenzione dedicata al business del migrant banking è testimoniata da un progetto cofinanziato dall'Unione Europea ed dal Ministero degli Interni italiano, ed attuato in collaborazione con una delle più grandi aziende di servizi finanziari del mondo, la Deloitte, una società di origine svizzera che però oggi ha le sue principali sedi operative a New York e Londra. Ancora una volta le istituzioni pubbliche si piegano agli interessi del lobbying privato per costruire una nuova Auschwitz, stavolta diffusa sul territorio.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 20/10/2013 @ 15:17:51, in Documenti, linkato 1267 volte)
COLONIALISMO ED AUTOCOLONIALISMO

Da Marc Ferro "Le livre noir du colonialisme”. Laffont, Paris 2003
<< In India, l’Europeo non può fare a meno di intermediari locali. “Migliaia di schiavi, di servitori, di ausiliari, di associati, di collaboratori si danno da fare attorno a lui, cento mille volte più numerosi di coloro che non sono ancora i padroni.” Limitando il numero dei soldati europei esposti alle malattie e al fuoco nemico, l’incorporazione di autoctoni negli eserciti coloniali contribuisce a ridurre i costi dell’impero.
Il ricorso alle reclute indigene è una pratica antica. I Portoghesi l’adottano fin dai primi decenni del XVI secolo, poi essa si espande all’India dove nessuno la spingerà così lontano quanto i Britannici. L’esercito della Compagnia accoglie, alla vigilia della Grande Ribellione del 1857, più di 310.000 cipayes, ovvero quasi il 90% del totale degli effettivi. Questa percentuale diminuisce al 64% nel 1881, per risalire nella prima metà del XIX secolo. Le truppe indiane partecipano all’espansione britannica in Birmania (a diverse riprese dal 1824 al 1885), in Persia (1856-1857), diverse volte in Cina (1839-1842, 1857-1860), durante la rivolta dei Boxers nel 1900, in Afghanistan (1878-1880), in Egitto (1882-1885), in Africa orientale e centrale (1897-1898 e 1902-1904) e in Africa occidentale alla fine del XIX secolo. In nessun altro posto, nel XIX secolo, si ritrova una mobilitazione così massiccia. Nessun'altra potenza coloniale dispone, come la Gran Bretagna , di un serbatoio umano delle proporzioni dell’India. Il colonizzatore recluta tra le “razze guerriere”: Rajput, Jat, Sikh, Gurkha. La paga relativamente alta e soprattutto regolare, è un’attrattiva sufficiente per incitare i guerrieri autoctoni a mettersi al servizio della East India Company. Per la maggior parte dei colonizzati che si ingaggiano nell’esercito del conquistatore, l’ordine militare può apparire come meno ingiusto della società coloniale. Verso il 1913, 76.000 soldati inglesi “occupano” l’India popolata da 315 milioni di abitanti. Il costo finanziario della conquista e della difesa dell’impero è assicurato dalla metropoli (ovvero la madrepatria rispetto ai paesi colonizzati) solo nel caso dei dominions. Nelle colonie di sfruttamento*, dal 1860 al 1912, le spese militari rappresentano dal 35 al 40% del budget. In India, Londra riuscì a farne assumere una parte significativa. (…) >>
* L’autore distingue le colonie di popolamento da quelle di sfruttamento. In queste ultime non vengono insediati coloni dalla madrepatria, ma si lascia un contingente militare per mettere in atto la rapina e l’asservimento delle popolazioni colonizzate.

Le informazioni di Marc Ferro si prestano ad alcuni confronti con l'attualità. L'imperialismo continua ad usare truppe coloniali, ma questo uso viene oggi dissimulato in forme variegate. L'aggressione della NATO alla Libia ed alla Siria è stata condotta con l'uso di formazioni "jihadiste", finanziate, reclutate ed addestrate dalle petromonarchie del Golfo Persico, tutte coordinate con la NATO da appositi trattati di collaborazione militare; ma anche con l'ausilio dell'addestramento di compagnie di contractors come la ex Blackwater, che opera negli Emirati Arabi Uniti.
Ma la stessa NATO costituisce un meccanismo di reclutamento di truppe coloniali nei Paesi cosiddetti "alleati", come l'Italia. Lo dimostrano la presenza dei Marò italiani nell'Oceano Indiano, oltre che i contingenti di "pace" che i nostri governi hanno disseminato in Afghanistan, Kosovo, ecc. Gli "alleati" per di più finanziano il colonizzatore acquistando le sue armi.
A ciò si aggiunge l'autocolonialismo "creativo" dei vertici militari dei Paesi "alleati"/colonizzati, che si esprime in una produzione ideologica in proprio. In una performance televisiva a "Servizio Pubblico", il ministro della Difesa, Mario Mauro, che è di origini pugliesi, si è fatto notare per aver usato l'autorazzismo verso la propria regione, presentandola come esempio di quel tipo di furibonda litigiosità che richiederebbe l'intervento delle forze di interposizione e "pacificazione" della NATO. L'autorazzismo meridionale si pone così al servizio della mitologia della superiorità razziale dell'Occidente.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


16/12/2018 @ 19:51:53
script eseguito in 66 ms