"
"Le decisioni del Congresso Generale saranno obbligatorie solo per le federazioni che le accettano."

Congresso Antiautoritario Internazionale di Ginevra, 1873
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 15/08/2013 @ 00:00:46, in Commentario 2013, linkato 2171 volte)
Per i prossimi due anni pare che ci sia un copione già scritto. Nel 2015, settantennale della liberazione dell'Europa dal nazismo, gli USA arriveranno nuovamente a "liberare" l'Europa dall'attuale oppressione tedesca, grazie all'instaurazione del TTIP, il mercato transatlantico o "NATO economica", che comporterà probabilmente un aggancio delle valute europee al dollaro.
In un certo senso è vero che la Storia si ripete, poiché, dopo la caduta del Muro di Berlino, la Germania del cancelliere Helmut Kohl effettivamente riprese il sogno hitleriano - illustrato nel "Mein Kampf" - di un sub-imperialismo tedesco in Europa dell'Est all'ombra del super-imperialismo anglosassone. Ma è destino dei sub-imperialismi subire cicliche umiliazioni da parte della razza superiore.
In attesa della nuova "Liberazione" di marca USA, la politica interna ai Paesi europei può incaricarsi di gestire l'agonia dell'euro. Ciò, ovviamente con il concorso delle cosiddette "opposizioni". Il totalitarismo occidentale si basa da sempre sul controllo delle "opposizioni", opportunamente addomesticate ed etero-dirette per diventare altrettante riconferme del sistema e della propaganda vigente. Del resto sarebbe strano che uno Stato che ti organizza Guantanamo, Abu Ghraib, le "rendition", la "Kill List", i droni assassini e lo spionaggio a tappeto sui propri cittadini, poi permettesse ai suoi Paesi sudditi di regolarsi diversamente. Non c'è da stupirsi allora che nella sua recente intervista rilasciata a "Bloomberg Businessweek" il leader del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, ci informi che il problema principale non è l'euro, ma "il problema è il debito".
Si tratta dell'identico slogan che ci venne propinato dai media alla fine del 2011 per giustificare l'emergenza finanziaria da far gestire al governo Monti. La stessa frase fu ripetuta con molto sussiego da Vittorio Feltri in una trasmissione televisiva del novembre 2011, per tacitare le tesi dei soliti "complottisti".
Il feeling di Grillo con la stampa estera è già di per sé sospetto, poiché difficilmente gli si darebbe spazio per dire cose imbarazzanti per il dominio coloniale. A riconferma del ruolo dell'oppositore che non si oppone, Grillo infatti non ha avuto niente da obiettare neppure ad una considerazione del suo intervistatore, secondo il quale il debito pubblico italiano sarebbe stato contratto per pagare le pensioni. Anzi, Grillo ribadisce il concetto, rilanciando la fiaba dell'emergenza pensionistica causata da una popolazione che invecchia a fronte di giovani generazioni che non trovano lavoro. La costante di tutte le "fintopposizioni" sta in questo declinare all'infinito lo slogan del Fondo Monetario Internazionale del "Paese che ha vissuto al di sopra dei propri mezzi" per l'avidità dei poveri, talmente insaziabili da farsi la guerra anche fra loro. Meno male che ci sono i ricchi per rimettere i poveri in riga, ovviamente per il loro bene. Già negli insospettabili anni '70, alcune riviste "teoriche" della estrema sinistra ci raccontavano che la crisi del capitalismo era dovuta agli aumenti salariali ed all'espansione dello Stato sociale.
Mentre la fiaba ufficiale narra che lo Stato si è svenato per accontentare i pensionati, la cronaca dice invece che lo Stato ha sempre considerato la previdenza come una riserva fiscale. Tra l'altro come datore di lavoro lo Stato è il maggiore evasore contributivo; e se questo non è reato, è perchè il reato è stato depenalizzato da un'apposita legge.
Da quando ha assorbito l'INPDAP, l'INPS è diventato uno dei maggiori proprietari immobiliari in Italia, e la dismissione di questo patrimonio costituisce un business per agenzie private come la Romeo Gestioni. Ma nulla garantisce che il margine di guadagno che dovrebbe rimanere all'INPS non venga assorbito dal bilancio dello Stato.
Sebbene ci abbiano sempre detto che il problema era il debito e che non bisognava fare più debiti, pochi giorni fa il debito pubblico ha toccato un nuovo record. In questa crescita del debito c'è da valutare non il presunto costo delle pensioni, ma il sempre maggiore costo-Europa. L'Italia ha versato sinora quasi sessanta miliardi alle varie istituzioni europee, tra le quali il Meccanismo Europeo di Stabilità (ESM), una cupola finanziaria che ha preteso di garantirsi anche una completa immunità giudiziaria, segno che di reati ne vuole commettere parecchi. L'Italia contribuisce all'ESM per una quota di quasi il 18%, che corrisponde ad un capitale di oltre centoventicinque miliardi di euro. L'ultima tranche di pagamento della tangente all'ESM è stata di quasi tre miliardi.
Insomma, i pensionati non c'entrano. C'entra forse l'assistenzialismo per banchieri? Sì, eccome. Nel giugno scorso si è deciso che l'ESM contribuirà alla ricapitalizzazione delle banche europee con sessanta miliardi di euro. Si pagano sempre più tasse per versare sempre più elemosina ai ricchi.
La banca europea che presenta le maggiori perdite non è il Monte dei Paschi di Siena, ma Deutsche Bank, con un buco quantificato (per ora!) a dodici miliardi. Si è detto che Deutsche Bank avesse nascosto la perdita per evitare un salvataggio da parte del governo (la "virtù" tedesca!), ma ora il salvataggio appare inevitabile, e l'ESM esiste per questo.
Cifre del genere rendono marginali questioni come i rimborsi elettorali e fanno risultare futili i "Restitution Day". Ma ad una "opposizione di Sua Maestà" di un Paese colonizzato non è concesso di andare oltre l'evocazione di quel fantasma reazionario ed autorazzistico che è la "onestocrazia". Nel 1976 anche Enrico Berlinguer abbandonò il socialismo in nome dello slogan del "governo degli onesti". E, per quanto oggi possa sembrare assurdo, persino il Buffone di Arcore nel 1994 cavalcò un'ondata "moralizzatrice" che auspicava l'avvento al potere di un uomo ricco, che quindi non avesse bisogno di rubare. Ciò a riconferma del pregiudizio secondo cui la minaccia proviene sempre dai poveri, che quelle poche volte che non sono avidi poi si dimostrano pericolosi fanatici.
In un altro punto dell'intervista Grillo si spinge sino ad ammettere che se l'Italia avesse una sovranità monetaria potrebbe gestire meglio la questione del debito, ma poi rimanda ogni decisione sull'euro ad un referendum, rispetto al quale non darebbe indicazioni di voto, poiché, secondo lui non è compito di un politico dare indicazioni. E di chi allora?
Grillo è fatto spesso oggetto di attacchi pretestuosi per la mancanza di "democrazia" interna al suo movimento. Le critiche provengono magari dagli stessi commentatori che non avevano nulla da eccepire sulle autocrazie della Lega e del PdL; però, nonostante la sua inconsistenza, questo tipo di critiche costituisce per Grillo una sorta di ombrello protettivo contro le obiezioni più pertinenti al suo comportamento, che vengono oscurate dalla confusione mediatica. Quindi ci vorrà ancora parecchio tempo prima che si cominci ad ammettere che Beppe Grillo non è più quello che conoscevamo dieci anni fa, ma un uomo intimidito, ricattato e minacciato.
Che queste minacce esistano vi è qualche indizio. In un'intervista del marzo scorso al quotidiano "Live Sicilia", il governatore Rosario Crocetta dichiarava che attorno all'impianto MUOS di Sigonella si muovevano gli stessi interessi che avevano portato all'eliminazione di Enrico Mattei. In pratica Crocetta faceva sapere di temere per la propria vita.
Forse Crocetta si illudeva di riscuotere un moto di solidarietà attorno alla sua persona minacciata per la difesa del suolo siciliano dall'invasione USA. Invece niente. Crocetta riscosse soltanto le irrisioni della stampa di destra, mentre dalla "opposizione" nessuno rilanciò la notizia dei timori del governatore per la propria vita. Come sorprendersi allora che Crocetta sia diventato un sostenitore entusiasta del MUOS, e che in un'intervista ai media statunitensi ci abbia ricordato che sono stati gli Americani a "liberarci"?
Nel suo nuovo entusiasmo filoamericano, Crocetta non si è ricordato della strage di prigionieri italiani avvenuta nel 1943 in Sicilia, a Biscari, da parte delle truppe statunitensi del generale Patton. Oppure se n'è ricordato sin troppo, visto il suo comportamento attuale?
Ora Crocetta dice che il MUOS serve alla pace, e accusa persino il movimento No-MUOS di essere infiltrato dalla mafia. Insomma, il MUOS non inquina (anzi, fa bene alla salute), non è affatto un'arma ambientale ad onde elettromagnetiche (lo HAARP italiano), ma serve solo per difenderci dalla "invasione islamica". Il fisico Antonino Zichichi ha dichiarato che il MUOS servirà persino a difenderci da impatti di asteroidi, e magari pure dalle astronavi aliene. Però non è servito a difendere Crocetta dalla prospettiva di ricevere la visita di un drone di Obama.
Certo, oggi è facile dare del traditore e del buffone a Crocetta, però a marzo si sarebbe anche potuto dare più risonanza ai suoi timori di essere eliminato dagli USA. Allora ci si sarebbe presi l'epiteto di "complottista", ma sarebbe stato comunque meglio che prendersi l'etichetta di mafioso adesso.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 08/08/2013 @ 01:45:27, in Commentario 2013, linkato 1448 volte)
La caduta del Muro di Berlino e la fine dell'Unione Sovietica furono presentate dalla propaganda ufficiale come l'alba di una nuova era di pace, democrazia e sviluppo economico. Di fatto la fine del comunismo internazionale fu segnata in Italia da una delle più gravi ondate di terrorismo, catalogata dall'informazione ufficiale come "terrorismo mafioso". Su scala europea invece fu una nuova destabilizzazione dei Balcani a concludere un secolo che si era aperto proprio con una guerra balcanica, che era stata uno dei fattori che avevano contribuito allo scoppio della prima guerra mondiale. Grazie alla fine della Guerra Fredda, nel 1999 la NATO poté persino permettersi una diretta aggressione militare contro la Serbia, che sarebbe stata solo la prima di una lunga serie di aggressioni su scala globale.
Ciò potrebbe apparire persino ovvio, dato che categorie come "democrazia", "legittimità", "consenso", se applicate al potere diventano del tutto mitologiche. Ogni potere ha in sé un carattere abusivo e mistificatorio, in quanto tende a spacciare il fatto compiuto come uno stato di necessità. Da un punto di vista generale non ci sarebbe quindi da sorprendersi se un potere mantiene una vocazione golpista latente, e se cerca di riprodursi e giustificarsi attraverso un'emergenzialismo cronico, poiché ciò appartiene alla sua logica interna.
Ma la questione storica più contingente è che la cosiddetta "Guerra Fredda" costituiva solo un aspetto di una generale guerra coloniale, che ovviamente è proseguita anche dopo la fine dell'Unione Sovietica. L'esperienza del "socialismo reale" non aveva mai costituito la base di una vera controffensiva anticoloniale ed antimperialista. Anzi, l'Unione Sovietica - sebbene vittima essa stessa di dirette aggressioni colonialistiche dal 1917 in poi -, aveva dato vita ad una sorta di contro-imperialismo straccione, impegnato soprattutto in una frenetica trattativa di "coesistenza pacifica" con l'imperialismo USA, la cui aggressività venne spesso sottovalutata. In questo ambito vi furono persino scelte sovietiche in senso favorevole al colonialismo, come il sostenere con le forniture di armi e con il riconoscimento diplomatico la nascita dello Stato d'Israele nel 1948.
Ciò non toglie che l'equilibrio di potenza determinato dal contro-imperialismo sovietico, abbia comunque consentito progressi nella decolonizzazione sia in Africa che in Asia, ed inoltre abbia determinato le condizioni per le quali l'Europa occidentale è stata in grado di ritagliarsi per decenni un'autonomia economica nei confronti degli USA. Un'autonomia economica dell'Europa che nel 2015 dovrebbe definitivamente cessare con l'avvento del TTIP, il mercato transatlantico, detto anche "NATO economica".
La guerra coloniale non è mai cessata. In base a quanto era stato già illustrato in un aforisma di Georges Clemenceau ("la pace non è altro che la guerra condotta con altri mezzi"), alle fasi di conflitto più aperto e virulento sono seguite fasi di "conflitto a bassa intensità", indicato dall'acronimo inglese LIC:"Low Intensity Conflict".
Il conflitto a bassa intensità prevede l'impiego di metodi di terrorismo, di destabilizzazione politica, di sabotaggio economico, di guerra psicologica, il tutto opportunamente graduato; perciò, anche nell'ambito della "bassa intensità", possono attuarsi livelli diversi di conflitto, a seconda dei periodi di tempo e delle aree geografiche, persino all'interno di uno stesso Paese che sia bersaglio di un'aggressione. Da oltre cinquanta anni Cuba viene fatta bersaglio di questo tipo di guerra da parte degli USA. Il punto è che - ad eccezione di Yoani Sanchez -, i Cubani sanno di essere oggetto di un LIC, mentre in Europa, e soprattutto in Italia, una tale consapevolezza è del tutto assente nell'opinione pubblica.
Tra le principali armi del conflitto a bassa intensità, Clemenceau poneva i trattati internazionali. Clemenceau si riferiva soprattutto ai trattati di pace, anche se l'esperienza del colonialismo britannico in Cina nel XIX secolo dimostrava che i trattati in genere, sia commerciali che militari, costituiscono non soltanto strumenti di asservimento ad hoc, ma anche modi di distruggere per il futuro la possibilità di iniziativa di un Paese. Il trattato Nord-Atlantico, con i suoi numerosi protocolli riservati, costituisce non soltanto uno strumento di occupazione militare, ma anche un modo per continuare il conflitto in altre forme. Anche il personale politico può essere selezionato dalla potenza occupante in funzione dell'umiliazione e dell'infantilizzazione del Paese colonizzato.
Infatti la stampa internazionale non ha mai smesso di ridicolizzare il Buffone di Arcore, ma se ne è servito anche per accreditare l'immagine di un'Italia eternamente minorenne. Governi che per anni hanno sfornato decreti-legge ricalcati sui protocolli del Fondo Monetario Internazionale, sono stati pretestuosamente etichettati come "populisti" dai commentatori ufficiali; e, mentre il Buffone cadeva travolto da un referendum contro la privatizzazione dell'acqua, i media insistevano a presentarlo come inviso ai "poteri forti" sovranazionali. In questi anni la persona del Buffone è stata essa stessa adoperata dai media come un'arma di guerra psicologica nel conflitto a bassa intensità contro l'Italia. La condanna penale definitiva per evasione fiscale inflitta al Buffone, ha recentemente innescato un contenzioso tra il PdL da una parte ed il PD e la presidenza della Repubblica dall'altra, allo scopo di estorcere un provvedimento di grazia. Non sono mancate le minacce di "guerra civile" da parte di alcuni esponenti del PdL, cosa che ha portato alcuni a reagire con accuse di irresponsabilità, ed invece altri con pesanti sarcasmi circa l'effettiva capacità da parte del sedicente "Esercito di Silvio" di sfidare l'ordine costituito. Ma ciò che rende insidioso il ricatto del PdL, non è certo il potenziale militare di questo partito, bensì il fatto che la destabilizzazione permanente costituisce il terreno per gli apparati del conflitto a bassa intensità, di cui la NATO è largamente provvista. L'imperialismo infatti rappresenta un processo interattivo, in cui la potenza coloniale egemone si pone come punto di riferimento dei gruppi più reazionari presenti in un dato Paese. Il colonialismo ed i suoi apparati di guerra agiscono per schemi e non per lucide e lungimiranti strategie, perciò ogni fase di destabilizzazione apre un'ulteriore serie di variabili circa il funzionamento e le scelte di questi apparati, che spesso agiscono in concorrenza tra loro.
Tra la fine degli anni '60 e l'inizio degli anni '70, in Italia il golpismo atlantico ha costituito una minaccia più che concreta, sebbene il pericolo rappresentato dal Partito Comunista andasse a scemare, dato che il PCI si configurava sempre più come un comitato d'affari della Lega delle Cooperative. I quadri dirigenti, sia nazionali che regionali, del PCI venivano gradualmente soppiantati da un personale massonico, affascinato non dal "mito sovietico", ma dalla possibilità di fare affari con l'URSS. Mentre i "finanziamenti sovietici" al PCI costituivano una delle tante intossicazioni informative, le relazioni d'affari tra Regioni "rosse" e Unione Sovietica erano un dato di fatto, che conduceva però ad esiti del tutto opposti a quelli rivoluzionari.
La minaccia del PCI non esisteva più, ma il suo fantasma costituiva un ottimo pretesto per un'offensiva reazionaria che aveva come principale bersaglio le rivendicazioni salariali operaie della fine degli anni '60. La compressione salariale non corrispondeva soltanto ad un interesse degli industriali italiani, ma ad una generale politica coloniale. Non esistono un capitalismo ed un colonialismo che possano fare a meno della povertà e dell'avvilimento del lavoro. La formula "meno salario, più orario" infatti riassume da sempre la linea del Fondo Monetario Internazionale sul mercato del lavoro.
In quegli anni il golpismo, aperto o strisciante, fu alimentato persino da una competizione furiosa tra le forze anticomuniste per cercare di conquistarsi il ruolo di referente privilegiato degli USA. Alla fine degli anni '60 il più accanito nel fomentare odio e tensione fu il presidente della Repubblica Giuseppe Saragat - un socialdemocratico che era stato un esponente prestigioso dell'antifascismo -, il quale brandì tutta la tipica retorica della destra neofascista. Fu significativo anche il modo in cui Saragat enfatizzò e strumentalizzò la circostanza della morte dell'agente di polizia Antonio Annarumma, avvenuta nel novembre del 1969 durante dei tafferugli provocati dalla stessa polizia.
Nel 1975 l'attuale capogruppo parlamentare del Pdl, Fabrizio Cicchitto, era ancora un esponente della "sinistra lombardiana", una corrente minoritaria del Partito Socialista. In quella veste Cicchitto scrisse la prefazione di un libro di Marco Sassano incentrato sulle trame golpistiche che percorrevano l'Italia in quel periodo. Cicchitto usava a riguardo l'espressione "avventurismo dei moderati", un apparente ossimoro utile a definire questo atteggiamento eversivo delle destre e dei ceti privilegiati, mirante ad utilizzare il potenziale aggressivo della NATO a fini di destabilizzazione/restaurazione interna.
Cicchitto in realtà non faceva altro che riprendere delle tesi già lucidamente esposte da Riccardo Lombardi in varie interviste ed interventi al Comitato Centrale del PSI. Lombardi non era affatto il "Pietro Ingrao" del Partito Socialista; anzi, era un intellettuale autentico ed un critico disincantato dei meccanismi del capitalismo e dell'imperialismo. Lo stesso Lombardi fu uno dei pochissimi esponenti del ceto politico a denunciare il ruolo diretto della NATO e della CIA nelle manovre golpiste, e la loro infiltrazione nelle più alte istituzioni repubblicane.
Ma nei rapporti personali Lombardi era spesso accecato dalla sua generosità, tanto da tenersi accanto come principale collaboratore un camaleonte carrierista come Fabrizio Cicchitto, rivelatosi poi un iscritto alla Loggia P2. I meccanismi interni ai partiti, con le quote di rappresentanza delle varie correnti, facevano sì che l'aderire ad una corrente minoritaria offrisse maggiori opportunità di carriera rispetto alle affollate correnti di maggioranza; accadde così che la corrente lombardiana venisse usata come trampolino dagli arrivisti più spregiudicati.
Oggi lo stesso Cicchitto si serve di quel know-how lombardiano a scopi esplicitamente reazionari, forse sperando che una liquidazione definitiva del Buffone possa dispiacere a quegli ambienti NATO che non se la sentono di rinunciare ad un'arma di psicoguerra coloniale tanto efficace. Ma, soprattutto, Cicchitto sa che sfidare Napolitano ed il PD ad una gara di anticomunismo e di servilismo atlantico aprirebbe un ulteriore scenario di destabilizzazione irto di incognite per i suoi avversari. Oggi Napolitano sembra essere l'indiscusso uomo di fiducia della NATO in Italia; ma la stessa NATO in passato ha "bruciato" molti dei suoi servitori, come dimostra l'umiliazione inflitta ad un ex advisor del Consiglio Atlantico come Mario Monti.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


16/12/2018 @ 18:26:27
script eseguito in 68 ms