"
"La privatizzazione è un saccheggio delle risorse pubbliche, ma deve essere fatta passare come un salvataggio dell’economia, e i rapinati devono essere messi nello stato d’animo dei profughi a cui è stato offerto il conforto di una zuppa calda. Spesso la psico-guerra induce nelle vittime persino il timore di difendersi, come se per essere degni di resistere al rapinatore fosse necessario poter vantare una sorta di perfezione morale."

Comidad (2009)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 20/01/2011 @ 01:38:13, in Commentario 2011, linkato 1698 volte)
La dignità dei poveri risulta molto più irritante dell'arroganza dei ricchi. E così il rifiuto della stragrande maggioranza degli operai di subire il ricatto di Marchionne, per i media e per i politici, non deve essere considerato come manifestazione di dignità, ma va catalogato come espressione di "disagio". Ecco la nuova parola d'ordine antioperaia lanciata dal sindaco di Torino, Chiamparino, per minimizzare e umiliare: "disagio".
Un Marchionne sempre più berlusconizzato ha dovuto addirittura ricorrere nelle ultime ore alla compravendita dei voti dei colletti bianchi per evitare un tracollo al referendum e poter realizzare la sua "svolta storica"; espressione che, nel lessico della propaganda, indicava il suo obiettivo di seppellire il contratto collettivo. In realtà la "svolta storica" non c'è stata, poiché, dato il risultato referendario si è dimostrato non solo che la FIOM possiede una tenuta imprevista, ma che gli operai sono in grado di capire quando vengono presentate carte truccate.
L'effetto a valanga paventato dal segretario del Partito Democratico, Bersani, in seguito al cosiddetto "accordo" di Mirafiori, per il momento, non ci sarà, e quindi la destabilizzazione del quadro delle relazioni industriali, voluta da Marchionne, sembra rimandata a data da destinarsi. A differenza degli incompetenti Fassino, D'Alema e Veltroni, invece Bersani ha dato segno di essersi accorto che l'abolizione del contratto collettivo avrebbe penalizzato le piccole e medie imprese, consegnandole alle pressioni illecite dei sindacati gialli e malavitosi controllati dalle multinazionali. Dove non ci sia la contrattazione collettiva, non è possibile l'esistenza di una piccola/media impresa autonoma dalle multinazionali; perciò per la Lega delle Cooperative sarebbe stato un disastro, e quindi anche per la base economico/finanziaria del PD.
Se non altro Bersani poteva esprimere, se non gratitudine, almeno rispetto per gli operai di Mirafiori che avevano indirettamente salvato anche i suoi personali interessi dal saccheggio coloniale delle multinazionali. Macché! L'antioperaismo costituisce un dogma ideologico che non consente pentimenti o ripensamenti.
Passato il referendum, Bersani ha abbandonato il suo finto "equidistantismo" e si è messo a plaudire servilmente al presunto rilancio dello stabilimento di Mirafiori, di cui invece la sola cosa sicura che si sa, è che sarà utilizzato solo per il mero assemblaggio di pezzi prodotti dalla Chrysler, con gli ovvi costi del trasporto. Si tratta di un dato che fa pensare più ad un destino di chiusura per Mirafiori che ad un suo rilancio. Sembra proprio che Marchionne non solo non abbia rinunciato alla delocalizzazione in Serbia degli impianti italiani della FIAT, ma che pensi di portarsi dietro in cordata anche una serie di piccole/medie imprese italiane rimaste orfane dell'ombrello confindustriale.
Nelle sue dichiarazioni del dopo-referendum, Bersani non ha esitato poi a contraddirsi senza ritegno. Da un lato il segretario PD ha contestato al governo di non aver mai convocato Marchionne per prendere finalmente visione del suo fantomatico piano industriale; dall'altro lato ha espresso soddisfazione per l'arrivo del leggendario investimento di un miliardo di euro da parte dello stesso Marchionne. Ma se il piano industriale di Marchionne non l'ha ancora visto nessuno, chi ci assicura che il miliardo di investimenti esista realmente? Se veramente la posta in gioco fosse stata un investimento del genere, allora come mai tutto il cosiddetto "accordo" risulta calibrato esattamente sugli impianti di Mirafiori così come sono attualmente?
Un "accordo" per il pieno utilizzo nei prossimi anni degli impianti già esistenti, non può preludere ad un rilevante investimento, semmai lo esclude del tutto. Certo, se Marchionne non mostra mai i piani, allora anche la sostituzione di qualche bullone potrà essere spacciata per investimento, tanto i media sono dalla sua parte. Marchionne mesi fa suscitò scalpore con la sua proterva esibizione alla trasmissione "Che tempo che fa?", ma adesso la storia del suo miliardo potrebbe finire a "Chi l'ha visto?".
Mentre il miliardo di investimenti rimane avvolto nei miti e nelle nebbie della propaganda mediatica, gli stessi media tengono ai margini la notizia concreta e reale della cassa integrazione straordinaria a Mirafiori per tutto il prossimo anno. Non si tratta solo dell'effetto di distrazione di massa dovuto alle ultime vicissitudini giudiziarie del Sardanapalo di Arcore, ma di una strategia mediatica che pone in evidenza esclusivamente ciò che fa comodo a Marchionne. Che poi Marchionne si atteggi anche a vittima ed attribuisca a sua volta il risultato della FIOM ad "una accorta strategia mediatica" contro di lui, conferma appunto il berlusconismo del personaggio, che non si accontenta di monopolizzare la scena, ma pretende un unanimismo assoluto. Ora Marchionne minaccia di estendere il cosiddetto "accordo" di Mirafiori anche a Melfi e Pomigliano, il che, se i dati hanno un senso, vorrà dire cassa integrazione anche lì. A smentita di quanto falsamente dichiarato al TG La-7 dal sindaco di Firenze, il massoncino carrierista Matteo Renzi, infatti Marchionne non soltanto non sta tirando fuori un soldo, ma continua tranquillamente ad incassare fondi pubblici dall'INPS, che è diventato l'ente assistenziale per i padroni, poiché la cassa integrazione consente loro di risparmiare sul costo del lavoro sfruttando maggiormente i lavoratori rimasti in fabbrica. Marchionne, nella sua smisurata arroganza, contava sul fatto che la sua sfacciata malafede contribuisse a terrorizzare ancora di più gli operai, ma così non è stato, poiché fa parte della dignità del lavoro il dimostrare di capire il proprio lavoro, per quanto organizzato in modo brutale esso sia. La psicoguerra di Marchionne e dei suoi accoliti ha fatto un buco nell'acqua, in quanto è servita solo a mettere in evidenza le loro menzogne e la loro totale inaffidabilità. Più Marchionne straparla, più i commentatori ufficiali gli dedicano pensose esegesi, meno gli operai gli credono. L'ultima amenità di Marchionne, poche ore prima del referendum, è stata quella di prospettare un trasferimento della FIAT in Canada. Forse al canadese Marchionne manca la mamma, o forse, semplicemente, parla a vanvera per confondere le acque. Se si tratta solo di assemblare pezzi Chrysler, tanto vale farlo a Detroit; e se invece si vogliono costruire nuovi stabilimenti, lo si può fare meglio in Serbia, con i soldi della Unione Europea per lo Sviluppo Regionale e con gli sgravi fiscali del governo serbo: altro che basso costo del lavoro in Serbia!
Il segretario generale della CGIL, Susanna Camusso, continua intanto a far finta di credere che si tratti soltanto di un problema di autoritarismo da parte di Marchionne, un dettaglio che potrebbe essere, almeno in parte, sanato attraverso un negoziato che permetta il rientro della FIOM in fabbrica. Si sarebbe profilato un "asse" fra la Camusso e nientemeno che la presidente di Confindustria, Marcegaglia, cioè la stessa persona che non si è potuta permettere neppure di accennare una vaga perplessità quando la FIAT ha mollato e delegittimato Confindustria. L'organo di stampa ufficiale della Confindustria, "Il Sole-24 ore", in questi mesi ha tenuto infatti una linea editoriale di questo tenore: "Marchionne ci considera una merda, viva Marchionne". E questi sarebbero gli interlocutori per i quali la Camusso sarebbe disposta a sacrificare il rapporto con la FIOM, e inoltre non ha esitato ad ingannare per giorni i dirigenti delle altre federazioni CGIL che avrebbero voluto sostenere Landini.
Dieci giorni fa l'annuncio dello sciopero generale di tutte le categorie da parte della CGIL appariva infatti imminente e scontato, ma la Camusso ha dilazionato l'atteso annuncio per far passare la scadenza del referendum; e per fortuna che lo sciopero generale di tutte le categorie l'hanno proclamato i sindacati di base, altrimenti tanti lavoratori non potrebbero testimoniare la loro solidarietà agli operai di Mirafiori. La Camusso ha contato sul fatto che, dopo il referendum, i media avrebbero messo in atto le tattiche di pseudo-pacificazione che seguono le loro ondate di ferocia propagandistica. In questi giorni si sta creando un finto clima da "e vissero tutti felici e contenti": Marchionne ha ottenuto il sì, la FIOM ha vinto fra gli operai e Mirafiori avrà l'investimento, quindi adesso si possono trovare le basi per riaprire una trattativa. Sembra quasi di risentire gli slogan di Piero Fassino nel 2003, dopo l'annuncio da parte di Bush della "fine" della guerra in Iraq: gli USA hanno vinto la guerra, gli Iracheni hanno avuto la democrazia, i pacifisti hanno riavuto la loro pace e perciò possono smettere di lamentarsi. In realtà in Iraq continua il genocidio, ed alla FIAT idem.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 13/01/2011 @ 01:57:46, in Commentario 2011, linkato 1369 volte)
E così anche Marchionne è stato costretto a ricorrere all'espediente vittimistico della minaccia terroristica nella speranza di riguadagnare legittimazione, esattamente come un qualsiasi esponente del ceto politico italiano. Si tratta di un gravissimo segnale di debolezza, che segue intere settimane in cui, mentre l'informazione ufficiale e gli esponenti dei principali partiti osannavano Marchionne, è andato invece crescendo il sostegno verso la FIOM.
Gli appelli che numerosi intellettuali hanno scritto e firmato in segno di solidarietà alla FIOM, si sono basati su argomenti reali ma insufficienti, come la difesa dei diritti del lavoro e della rappresentatività sindacale, senza che venisse posto in evidenza il contesto, cioè lo strangolamento coloniale a cui l'Italia è attualmente sottoposta da parte del Fondo Monetario Internazionale e delle multinazionali. Ciononostante la mobilitazione degli intellettuali, promossa dalla rivista "Micromega", non può essere considerata con disprezzo o sufficienza, poiché risulta indicativa del potenziale di coinvolgimento sociale che può suscitare un sindacato non appena esca dalle ambiguità e dai cedimenti. Non a caso la CGIL ed il suo segretario Camusso, dopo settimane in cui sembravano sprofondare nelle sabbie mobili del Partito Democratico, hanno dovuto rompere gli indugi e accettare di sostenere lo sciopero generale indetto dalla FIOM per il 28 gennaio.
Paradossalmente il tramonto del fascino divistico di Marchionne, è stato messo in evidenza proprio dagli ultimi interventi di opinionisti al suo seguito, come quello dell'ex commissario europeo Mario Monti sul "Corriere della Sera". Per esaltare le virtù di riformatore dell'Amministratore Delegato della FIAT, Monti gli ha fatto addirittura l'onore di paragonarlo alla ... Gelmini!
L'abbraccio di un personaggio come la Gelmini, in termini di immagine, risulta più mortale di una sventagliata di mitra. Durante i giorni del ricatto di Pomigliano, Marchionne si esibì in ridicole imitazioni del ministro Brunetta, lanciando inconsistenti e pretestuose accuse di assenteismo ai lavoratori della FIAT del Meridione d'Italia. Nessuno però nell'informazione ufficiale si sognò allora di osare un accostamento fra Marchionne e Brunetta, sebbene lo stesso Brunetta in quel periodo si desse da fare per rivendicare il copyright di quello stile comunicativo a base di insulti gratuiti. Oggi invece a Marchionne tocca persino di essere appaiato col ministro Gelmini, e questo capita in un articolo apologetico sul "Corriere della Sera". La caduta degli dei!
Da segnalare il tentativo dell'ex segretario del Partito Democratico, Walter Veltroni, di rilanciare l'asse con Marchionne, un asse che nel giugno ultimo scorso appariva in auge. Il tentativo però si è arenato in un documento, del quale anche i più affezionati supporter di Veltroni hanno dovuto confessare di non aver capito quasi nulla. Le sole due cose comprensibili del documento sono risultate di una puerilità sconcertante. C'è il solito slogan che non bisognerebbe difendere, ma "cambiare", come se il cambiamento fosse un valore in sé. In tal caso anche l'essere ammazzati sarebbe meglio che rimanere vivi, dato che comunque la morte rappresenterebbe un "cambiamento".
Del resto "cambiare" le regole del mercato del lavoro non ha portato bene: le statistiche ufficiali ci hanno appena rivelato che, a sette anni dalla Legge 30/2003 (la cosiddetta Legge Biagi), la disoccupazione giovanile ha toccato il livello record. Quindi lo slogan "meglio un lavoro precario che nessun lavoro" costituiva l'ennesima falsa alternativa. La precarizzazione non ha aumentato i posti di lavoro, però ha determinato un crollo degli investimenti in innovazione tecnologica e formazione del personale, con il risultato di far regredire tutto il sistema industriale. Nel centrosinistra Veltroni è stato il maggiore difensore della Legge 30, anzi proprio colui che ne ha impedito l'abolizione da parte dell'ultimo governo Prodi. "Cambiamento" è diventato in effetti sinonimo di colonizzazione, perciò Veltroni avrebbe bisogno di cambiare vocabolario.
Altrettanto puerile è che Veltroni rinfacci alla FIOM il fatto che Marchionne la stia escludendo dalla rappresentanza di fabbrica in base alle stesse norme che la FIOM aveva voluto per tagliare fuori il sindacalismo di base. In realtà questa esigenza di salvare a tutti i costi la rappresentanza di fabbrica sta ossessionando la Camusso, ma non Landini. Il problema non riguarda la rappresentanza a Mirafiori o di riuscire ad arraffare il prelievo della quota sindacale sulle buste-paga, ma la rappresentatività in generale. Non si tratta di tutelare le minoranze, come minimizza D'Alema, ma di tutelare le maggioranze. In base al diktat di Mirafiori nulla più impedirà che un padrone possa firmarsi gli accordi che vuole con il suo sindacato d'azienda, anche se questo sindacato non avesse nessun iscritto, per poi imporre ai lavoratori un sì, con il ricatto del "se no, me ne vado". A questo punto neanche più niente impedirebbe al padrone di imporre l'iscrizione al sindacato aziendale ai lavoratori per poter loro estorcere anche la quota dalla busta-paga; ciò in base al ricatto velato che chi non si iscrivesse diventerebbe automaticamente sospetto di velleità ribellistiche.
Tra l'altro il sindacalismo di base non si è dimostrato affatto vincolato a puntigli di ripicca e rivalsa sulla FIOM, tanto che la scelta dei COBAS di convocare lo sciopero generale per il 28 gennaio ha contribuito in modo decisivo a smuovere la CGIL dalle sue ambiguità ed a convocare a sua volta lo sciopero generale, ciò a causa del timore di trovarsi scavalcata. Anche nell'impedire che il referendum di Pomigliano divenisse una resa o una disfatta operaia, l'attivismo dei COBAS si è rivelato determinante, quindi oltre venti anni di sindacalismo di base non sono passati invano.(1)
Il Partito Democratico sta condizionando tutta la sua linea all'esito del referendum di Mirafiori, ma se quello è un referendum, lo sarebbe anche quello del rapinatore che ti intima "o la borsa o la vita". Invece la FIOM ha già stabilito il calendario delle sue iniziative di lotta indipendentemente dal referendum, tanto è vero che lo sciopero generale è già fissato per il 28 gennaio. Una vittoria dei sì al referendum non costituirebbe una sconfitta per la FIOM, mentre sarebbe una disfatta/figuraccia per il PD nella eventualità che vincessero i no. La vittoria dei sì però si qualificherebbe come un mero successo della prepotenza, della quale il PD sarebbe visto come complice. E in questa situazione assurda il vertice del PD ci si è ficcato tutto da solo.
Veltroni si è arrampicato inutilmente sugli specchi, dato che la improponibilità del "Veltracchionne" è risultata evidente dopo il golpe natalizio di Marchionne, cioè quello pseudo-"accordo" di Mirafiori che metteva tutti davanti al fatto compiuto e disarticolava il sistema delle relazioni industriali in Italia, scavalcando del tutto il ruolo istituzionale di governo e parlamento. Il contratto collettivo ha sempre tutelato poco il lavoro, in compenso ha tutelato le piccole e medie imprese dal pericolo del sindacalismo giallo/malavitoso gestito dalle multinazionali. I sindacati gialli e malavitosi non servono alle multinazionali soltanto per garantirsi la disciplina interna alle proprie fabbriche, ma anche come arma per intimidire e ricattare i piccoli concorrenti. In base ai discorsi di Pietro Ichino (anche lui "vittima del terrorismo" ad honorem), si capisce che è proprio questo il risultato che si sta perseguendo. Ma Ichino ammette esplicitamente che il benessere delle multinazionali costituisce la sua unica preoccupazione. L'Authority dell'Antitrust ovviamente non ha niente da obiettare riguardo alle forme di concorrenza sleale che si potranno verificare in assenza del contratto collettivo; ma non c'è da stupirsene, dato che, ad onta del suo nome, l'Antitrust è stata inventata da Giuliano Amato appunto per favorire le concentrazioni, non certo per contrastarle.
Il più sollecito a dare man forte alla recita di Marchionne/vittima del terrorismo ad honorem, è stato il segretario della CISL Bonanni, cioè un altro personaggio che ormai regge la sua immagine pubblica soltanto sul vittimismo. In tutti questi mesi di piagnistei anti-FIOM, Bonanni non si è nemmeno scomodato a spiegare cosa ci stia più a fare un sindacato confederale come la CISL se si abolisce il contratto collettivo di lavoro. CISL e UIL avevano presentato come una grande vittoria il contratto collettivo firmato senza la FIOM appena un anno fa con Federmeccanica; ma oggi quel contratto sarebbe già da cestinare, perché a Marchionne non piace. Anzi, persino Federmeccanica non serve più a niente, così la piccola/media impresa allo sbando avrà Marchionne come unico duce e condottiero. Ma allora, se tutto si riduce a obbedire ciecamente a Marchionne, a che serve firmare "accordi"? Perché non sostituirli direttamente con un giuramento di fedeltà al padrone? La messinscena sindacale serve solo per continuare ad estorcere le quote sindacali ai lavoratori?
Il fatto è che i vertici di CISL e UIL sanno benissimo che, se passa il diktat di Mirafiori, il sindacalismo confederale verrebbe cancellato, quindi stanno già pensando ad una propria sistemazione altrove, e devono essergli state fatte parecchie promesse e rassicurazioni a riguardo. La burocrazia della FIOM invece continua ad affidare la propria sorte personale alla sopravvivenza dell'organizzazione. Se si tratta solo di un calcolo per salvare le proprie carriere sindacali, comunque ciò implica una base di serietà. Può aver contribuito a questa ritrovata serietà il fatto che la liquidazione elettorale di Rifondazione Comunista abbia sortito indirettamente l'effetto di preservare negli ultimi due anni il gruppo dirigente della FIOM dalle infezioni parlamentaristiche. Probabilmente Veltroni non aveva pensato a questo possibile effetto indiretto di radicalizzazione della FIOM, quando nel 2008 ha messo in atto la liquidazione elettorale di RC.
Le sorti mediatiche di Marchionne sono ora in gran parte legate al sostegno che gli provenga dalle "Forze dell'Ordine" nell'avallare la messinscena della minaccia terroristica. Ma per il momento i segnali non sono incoraggianti per Marchionne, poiché la polizia ha già ridimensionato l'entità della presunta minaccia.
I commenti immediati dei giornalisti televisivi agli slogan corredati di stella a cinque punte, sono stati impagabili: secondo loro gli inquirenti stavano analizzando chi potesse aver concepito e scritto una frase arguta come "Marchionne fottiti!"; oppure quale gruppo potesse aver sviluppato un' analisi così profonda :"non siamo noi a dover diventare come i lavoratori cinesi, ma i lavoratori cinesi a diventare come noi". Con queste premesse persino gli inquirenti avranno rinunciato a fare l'ennesima figura patetica, magari col rischio di scoprire che non si trattava di una stella a cinque punte delle Brigate Rosse, ma di un pentagono massonico dipinto personalmente dal massone Piero Fassino. Forse gli inquirenti sarebbero stati persino costretti a rivelare al mondo che l'autore di questi improbabili raffronti razzistici con la Cina era nientemeno che Pierluigi Bersani, a cui forse nessuno ha mai detto che gli operai cinesi non sono affatto più remissivi di quelli europei, anzi sono impegnati in dure lotte salariali.(2)
Bersani sembra ignorare anche che, nel sedicente "mercato globale", la Cina compete facendosi forte di un sistema economico basato sulle partecipazioni statali e sulle banche pubbliche; perciò non si capisce perché gli operai italiani debbano invece rimanere disoccupati se i padroni privati se ne vanno. (3)
Inoltre non è un buon momento per le relazioni tra il governo e le cosiddette Forze dell'Ordine, poiché i tagli e le privatizzazioni nella pubblica amministrazione stanno colpendo duramente poliziotti, carabinieri e finanzieri. In queste ultime settimane i sindacati di polizia hanno già inscenato tre manifestazioni di piazza contro Berlusconi, il quale si è ormai così sfacciatamente identificato con la causa di Marchionne da rischiare di tirargli addosso il suo discredito.
Anche il feeling di due anni fa tra le Forze Armate ed il ministro della Difesa La Russa appare un pallido ricordo, poiché si è scoperto che lo stesso La Russa, da bravo figlioccio dell'affarista Salvatore Ligresti, pensa solo a privatizzare. Dopo la pagliacciata dell'esibizione del ministro della Difesa in tuta mimetica, La Russa è stato costretto a rimangiarsi con la coda tra le gambe le sue sfuriate contro lo Stato Maggiore, da lui accusato di aver mentito sulla morte dell'alpino in Afghanistan. Come se non fosse compito istituzionale dei vertici militari il mentire sistematicamente sulle operazioni militari. Sembra ormai che, per uno come La Russa, la propria personale pavidità sia rimasto l'ultimo, disperato, aggancio con la realtà.
Che un governo di destra si trovasse così isolato e screditato rispetto al contesto sbirresco/militare che avrebbe dovuto essergli consono e familiare, costituisce uno dei dati inediti di questo periodo. Senza l'appoggio delle burocrazie in uniforme, la riedizione di una nuova pseudo-emergenza terroristica risulterebbe molto problematica, perciò Marchionne rischia di ridursi anche lui a lanciarsi da solo in faccia delle statuette della Mole Antonelliana.

(1) http://www.cobas.it/
(2) http://archiviostorico.corriere.it/2010/luglio/10/Cina_Toyota_apre_agli_aumenti_co_9_100710048.shtml
(3) http://www.cattolicanews.it/3356.html
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
Fenętre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


13/12/2018 @ 20:01:29
script eseguito in 84 ms