"
"Il capitalismo non è altro che il rubare ai poveri per dare ai ricchi, e lo scopo della guerra psicologica è quello di far passare il vampiro per un donatore di sangue; perciò il circondarsi di folle di bisognosi da accarezzare, può risultare utile ad alimentare la mistificazione."

Comidad (2009)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 23/12/2010 @ 01:05:00, in Commentario 2010, linkato 1879 volte)
Il ministro dell'Economia Tremonti ha rilanciato i facili entusiasmi dei suoi supporter della "destra antagonista" ripresentando alla Germania la proposta degli "Eurobond", cioè di titoli emessi allo scopo di sostenere l'euro attraverso un impegno dell'Unione Europea nel suo complesso. La proposta si è qualificata da sé come un nonsenso, dato che è apparsa come andare da uno che ti abbia appena rifiutato di garantirti una cambiale per chiedergli di garantirti addirittura un mutuo.
Il governo tedesco ha avuto infatti facile gioco ad obiettare che il peso della responsabilità di garantire l'affidabilità di questi titoli europei ricadrebbe sui Paesi ad economia forte, come appunto la Germania; Paesi che adesso rivendicano nei media il rango di "virtuosi", dato che la potenza si ammanta di virtù, mentre i Paesi ad economia debole, in base a questo lessico moralistico, vengono etichettati con l'acronimo sprezzante di "P.I.G.S.", poiché la debolezza va considerata come una colpa.
La fiaba dei "virtuosi" parsimoniosi da una parte e dei "viziosi" che "vivono al di sopra dei propri mezzi" dall'altra, è smentita dal fatto in Europa la povertà viene scientemente trasformata in fonte di indebitamento delle masse tramite il finanziamento ai consumi. Se i governi europei volessero davvero far vivere i propri Paesi secondo i propri mezzi, porrebbero nei loro "patti di stabilità" la clausola di non favorire l'indebitamento delle masse. Non risulta invece che la Germania abbia mai posto condizioni di tal genere, forse perché tra i colossi bancari interessati al business del finanziamento ai consumi vi sono anche multinazionali tedesche.
In Italia un ente previdenziale pubblico come l'INPDAP è intanto diventato un'agenzia di intermediazione di prestiti erogati da ditte private, con il risultato che la proprietà immobiliare diffusa nel ceto medio italiano oggi si trova già in gran parte ipotecata e prossima a passare di mano. In Italia le case sono di cemento e mattoni, non baracche di legno e pannelli prefabbricati come negli USA, quindi si tratta di un passaggio di ricchezza reale nelle mani delle agenzie finanziarie, che fanno tutte capo, in un modo o nell'altro, a grandi gruppi bancari internazionali, come la Rothschild, la Goldman Sachs, la Morgan e la Deutsche Bank.
Se lo scopo di Tremonti fosse stato quello non di far recitare semplicemente alla Germania la parte del cattivo, ma di metterla sul serio di fronte alle proprie responsabilità, allora la sua arma avrebbe dovuto essere non la proposta patetica degli Eurobond, ma semplicemente di dire la verità sulla istituzione dell'euro. La moneta unica europea non era affatto nata per costituire la premessa di una improbabile unione politica: ciò faceva parte solo della propaganda e delle pubbliche relazioni, poiché, in base al costume americanistico, divenuto ora planetario, ogni business deve essere camuffato con pretesti idealistici ed "epocali".
Il vero motivo dell'istituzione dell'euro era che, in base agli accordi assunti nel 1995 con la istituzione della Organizzazione Mondiale per il Commercio (il WTO), avrebbe dovuto instaurarsi una concorrenza tra le monete di pagamento internazionale, con la conseguente fine del monopolio del dollaro statunitense. Gli USA si erano avvantaggiati per più di mezzo secolo della funzione del dollaro come moneta di pagamento internazionale, poiché ciò aveva consentito di stampare molti, ma molti, più dollari di quanti fosse necessario per i pagamenti interni. Nel 1995 si credeva che quel tipo di business monetario si aprisse anche per l'Europa.
All'inizio degli anni '90 sembrava essersi costituito un solido asse franco-tedesco, che si assunse il ruolo di leadership nel nuovo ed ipotetico business della moneta unica europea alternativa al dollaro. La sinergia tra la potenza nucleare francese e la potenza finanziaria tedesca avrebbe dovuto costituire la base di un nuovo equilibrio planetario del dopo-guerra fredda. Alla metà degli anni '90 circolava infatti, in parte della sinistra comunista, l'espressione "imperialismo europeo", a significare questo apparente ruolo di nuovo dominio finanziario della UE a guida franco-tedesca.
Il primo Paese ad adottare l'euro, al posto del dollaro, come moneta di pagamento del petrolio, era stato l'Iraq di Saddam Hussein, che però venne immediatamente invaso dagli Stati Uniti nel 2003. Gli USA avevano quindi lasciato istituire l'euro in base ad una semplice valutazione: i vincoli finanziari imposti dalla moneta unica avrebbero ostacolato lo sviluppo economico dell'Unione Europea, la quale, al momento di andare a riscuotere i vantaggi dell'euro come moneta di pagamento alternativa, si sarebbe trovata di fronte all'alt imposto di forza dagli stessi Stati Uniti.
Finché il presidente francese è stato Chirac, la Francia ha cercato di contrastare la pretesa statunitense di non rispettare gli accordi presi in sede WTO; e vi sono tracce di questo contrasto nella propaganda del cinema americano dei primi anni 2000, dove il personaggio del cattivo o dell'antipatico era spesso un francese. Con la presidenza Sarkozy invece il calo di brache nei confronti degli Stati Uniti è stato totale, al punto che la Francia ha accettato persino di farsi reintegrare a tutti gli effetti nella NATO.
Anche il governo tedesco della Merkel ha accondisceso a questa situazione di sudditanza, accompagnata peraltro da molti privilegi per le multinazionali tedesche; così che il mitico asse franco-tedesco si è praticamente spappolato. Oggi Paesi come l'Italia o la Spagna potrebbero anche chiedere conto a Germania e Francia di questa loro ignominiosa ritirata, e quindi dell'essere stati trascinati in un'impresa senza più vantaggi come l'euro, fonte soltanto di vincoli finanziari, che hanno di fatto trasformato l'Europa in una colonia del Fondo Monetario Internazionale; il quale, guarda caso, ha la sua sede centrale a Washington.
Si è verificato infatti negli anni un rovesciamento della funzione dell'euro: da business monetario che era, oggi è diventato un mero vincolo di "stabilità finanziaria", ricalcato sui moduli da sempre imposti al terzo mondo dal FMI. L'Europa viene cioè "terzomondizzata" tramite lo strumento dell'euro, e diventa una terra di conquista per i business della povertà come il finanziamento ai consumi, con la conseguente spoliazione del ceto medio. I Paesi europei ad economia più debole non possono più svalutare le loro monete per sostenere le esportazioni, mentre i titoli di Stato di questi stessi Paesi sono vittima delle speculazioni dei cosiddetti "Mercati", pseudonimo che indica in realtà le agenzie di rating, anch'esse, per pura coincidenza, tutte statunitensi. Le provocazioni delle agenzie di rating possono mettere in ginocchio la finanza pubblica degli Stati, e non in base a cause economiche oggettive, ma per i vincoli finanziari che gli stessi Stati hanno accettato di imporsi. Ma Italia e Spagna non possono chiedere conto a Francia e Germania della loro ignominiosa ritirata, perché quella stessa ritirata l'hanno iniziata proprio Italia e Spagna. Nel 2003 l'Italia del governo Berlusconi e la Spagna del governo Aznar furono infatti le prime a rompere la solidarietà europea, avallando l'invasione statunitense dell'Iraq. Quindi nessuno ha le carte in regola per poter criticare gli altri, a meno di non cominciare facendo autocritica seria sul proprio passato, qualcosa cioè che non è alla portata di un ceto politico colonizzato come il nostro.
Nessun commentatore dei media italiani ha poi sottolineato che, mentre Tremonti presentava la sua proposta degli Eurobond in sede europea, intanto il governatore della Banca d'Italia, Draghi, criticava e screditava pubblicamente la stessa proposta. In questo caso l'irritualità dell'intervento di Draghi è stata stridente. Un governatore della Banca d'Italia può rivendicare l'autonomia della propria posizione di fronte al governo quando si tratti di questioni interne; ma se lo stesso governo è impegnato in una trattativa internazionale, allora non c'è autonomia che tenga. Un governatore della Banca d'Italia non può dire agli altri governi che il suo ministro dell'Economia è uno che parla a vanvera; non lo può dire neppure se, come in questo caso, è palesemente vero. Se poi Tremonti stava cercando di scaricare le responsabilità per un'eventuale prossima liquidazione della moneta unica (in Francia ormai se ne discute apertamente), tanto più Draghi non poteva scaricare le colpe per intero sul proprio Paese, se non altro per non fornire altri pretesti speculativi alle agenzie di rating.
Draghi è il primo governatore della Banca d'Italia ad essere stato nominato dal governo invece che per nomina interna. Fu il precedente governo Berlusconi a metterlo lì cinque anni fa, dopo la misera caduta del governatore Fazio. Nemmeno per un attimo però l'attuale governo ha pensato di richiamare Draghi all'ordine, dato che Berlusconi ha ben altri pensieri, come quello di sopravvivere ogni giorno alle proprie stupidaggini del giorno prima.
Il presidente della Repubblica Napolitano, con il pretesto ridicolo della "ineludibilità" dell'approvazione della Legge di Stabilità finanziaria (ma non è già istituzionalmente previsto l'Esercizio Provvisorio in caso di mancata approvazione della Legge Finanziaria?), ha offerto a Berlusconi un mese di tempo per ricomprarsi i voti di maggioranza; voti che alla fine sono stati molti di meno di quanto fosse logico prevedere in base ai mezzi messi in campo. A quanto pare, anche come corruttore, Berlusconi risulta piuttosto incapace.
Adesso Napolitano difende Berlusconi persino dal pericolo di essere cacciato con elezioni anticipate. Qualcuno ricorderà un episodio del 1994, quando Berlusconi alla Camera scese dal suo scranno di Presidente del Consiglio per andare a scambiarsi con Napolitano una sorta di stretta di mano massonica davanti alle telecamere.
La scelta di Napolitano è in sintonia con gli interessi dei potentati finanziari internazionali, che sembrano preferire un'Italia con una leadership paralizzata, autodelegittimata e internazionalmente isolata, e perciò priva di qualsiasi potere contrattuale in sede europea. Nell'eventualità che Berlusconi cadesse, i partiti di "opposizione" avevano già in cantiere per il nuovo governo una manovra finanziaria di "lacrime e sangue", ma ciò non è bastato perché il FMI si fidasse di loro. Il fatto che oggi il FMI non si fidi neppure dei vari Fini, Bersani o Casini - forse perchè apparentemente capaci di intendere e di volere -, e preferisca ancora puntare su un palese inetto come Berlusconi, costituisce da parte dello stesso FMI un segnale di grave insicurezza, su cui si dovrebbe riflettere.
Nell'agosto ultimo scorso in Europa si è verificato un fatto nuovo e inaspettato, su cui i media tacciono rigorosamente. In Ungheria un governo di centro-destra, che era ritenuto di salda obbedienza al FMI, il governo Orban, è riuscito invece a cacciare dal proprio Paese il FMI senza colpo ferire. L'Ungheria ha ancora la sua moneta nazionale e ciò può averla favorita, ma è pur sempre occupata da basi militari NATO e USA. Il problema è vedere quanto queste basi militari siano oggi realmente operative dopo il processo di privatizzazione delle proprie forze armate attuato negli anni scorsi dagli USA.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 16/12/2010 @ 01:03:05, in Commentario 2010, linkato 1652 volte)
Il dirigente della FIOM Giorgio Cremaschi ha espresso la sua indignazione per la mancanza di dignità dimostrata da Confindustria di fronte all'operazione di delegittimazione della storica organizzazione degli industriali ad opera dell'amministratore delegato della FIAT, Sergio Marchionne. Cremaschi non è nuovo a commenti del genere, poiché già qualche mese fa aveva manifestato la sua delusione per la propensione degli imprenditori italiani ad inseguire modelli di sfruttamento terzomondistico, invece di competere con le grandi nazioni industriali. Insomma, ci si lamenta del fatto che gli imprenditori non corrispondano mai al loro ideale. Quattro anni fa Marchionne era entrato nelle grazie di Rifondazione Comunista, e della stessa FIOM, per alcune dichiarazioni estemporanee in cui si sottolineava l'inutilità di andare a vessare il lavoro, dato che il suo costo effettivo incide a stento per il 7% nel bilancio delle imprese. Poi anche Marchionne ha deluso le aspettative, dato che neppure lui si è dimostrato un capitalista "vero".
In realtà il "vero" capitalismo è una chimera, un'astrazione manualistica, poiché la coscienza di classe del padronato si concretizza sempre e solo nell'odio verso il lavoro. Mentre la coscienza di classe dei lavoratori segue vicende storiche alterne, che la vedono talora risvegliarsi e più spesso sopirsi, i padroni esprimono invece costantemente un eccesso di coscienza di classe e di odio di classe, che gli impedisce spesso di individuare il nemico quando questi non sia il mondo del lavoro. Marchionne ha avuto infatti buon gioco a sconcertare e confondere la base della Confindustria agitandole davanti il "richiamo della foresta" dell'odio antioperaio, in particolare additandole il bersaglio della detestata FIOM. In tal modo la massa degli imprenditori italiani si è compattata ed allineata sotto la bandiera anti-operaia, e non è quindi riuscita ad accorgersi di trovarsi essa stessa sotto il tiro di un agente coloniale delle multinazionali anglo-americane.
Tutta la propaganda di Marchionne contro il contratto collettivo si basa infatti su fumosi slogan "epocali" (modernità, innovazione, avanti Cristo e dopo Cristo, ecc.) e su pretestuosi espedienti retorici, che sinora non hanno consentito di capire in cosa lo stesso contratto collettivo danneggerebbe la produttività. La futilità delle motivazioni addotte contro il contratto collettivo è risultata ancora più plateale nelle parole dei supporter di Marchionne, come il solito Pietro "Inchino". Nessun commentatore ufficiale si è dato la pena di soppesare le pseudo-argomentazioni di Marchionne, il quale viene acriticamente celebrato in base ad una rappresentazione "machista", che ne mette in evidenza la presunta potenza travolgente: lo "tsunami" Marchionne. Tutto ciò in base al principio che il cosiddetto "capitalismo" non è altro che crimine organizzato con in più il supporto delle pubbliche relazioni.
In effetti il risultato raggiunto da Marchionne consiste soprattutto nella "disarticolazione" del ruolo storico di rappresentanza svolto da Confindustria, rendendo così di colpo "orfana" la massa dei piccoli/medi imprenditori. Di fronte a questa massa orfana, Marchionne si pone ora come il nuovo papà che le promette luminosi destini, ovviamente se si accoderà alla cordata delle delocalizzazioni nell'Europa dell'Est. Il business delle delocalizzazioni nell'Europa dell'Est è attualmente gestito soprattutto dalla multinazionale Philip Morris, del cui Consiglio di Amministrazione fa parte anche lo stesso Marchionne. http://www.theofficialboard.com/org-chart/philip-morris-international
A smentire le ipotesi di una presenza puramente onorifica di Marchionne nel Consiglio di Amministrazione della Philip Morris, basta la collocazione del suo nome nell'Official Board della multinazionale statunitense, che lo pone addirittura come il numero tre della gerarchia aziendale. Ciò conferma che, nella società sedicente occidentale, i segreti meglio custoditi sono le documentazioni ufficiali, documentazioni che il conformismo mediatico ignora sistematicamente. In base a queste documentazioni risulta particolarmente stridente la "serbian connenction" tra Marchionne, la FIAT, la Philip Morris e le delocalizzazioni in Serbia.
La Philip Morris infatti possiede quasi mezza Serbia, e pensa di far fruttare questo feudo utilizzandolo anche come specchietto per le allodole per le piccole e medie imprese italiane. http://www.balcanicaucaso.org/ita/aree/Serbia/Gli-USA-al-primo-posto-negli-investimenti-in-Serbia
Sino a qualche anno fa, il fenomeno delle delocalizzazioni riguardava soprattutto le grandi imprese multinazionali, mentre ora si concentra nella piccola e media impresa. In ciò vi è una grossa differenza con il pur recente passato, poiché in questa nuova vicenda la piccola/media impresa costituisce più un oggetto, o una preda, che un protagonista. La piccola/media impresa non detiene infatti un vero e proprio potere contrattuale che le consenta di gestirsi la delocalizzazione, perciò cade vittima dell'intermediazione delle multinazionali, con tutti i rischi del caso.
Si trasferiscono all'estero impianti e produzioni affidandosi alla "buona fede" di consumati criminali internazionali, che ti conducono nel Paese dei Balocchi solo per trasformarti in asinello. In altre parole, si parte ricchi e si arriva poveri e indebitati, oltretutto dipendenti dalla rete di relazioni sul luogo, che sono interamente controllate dalle multinazionali che hanno lì i loro feudi. Sono poi sempre le multinazionali a controllare i fondi dell'Unione Europea destinati a finanziare le delocalizzazioni, quindi la sudditanza delle piccole/medie imprese è totale. Si tratta perciò di un vero e proprio saccheggio di impianti e tecnologie ai danni di piccoli e medi imprenditori ingenui, pronti a bersi gli slogan della "globalizzazione".
Appare inoltre chiaro che la presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, non ha intenzione di muovere un dito per salvare la massa dei piccoli/medi imprenditori da questo misero destino, dato che anche la sua famiglia appartiene ad un giro affaristico che può permettersi ben altre ancore di salvezza (leggi: collettori di denaro pubblico).
Cremaschi ha dichiarato anche che ora con Marchionne è guerra totale. Benissimo, ma occorrerà tenere conto del fatto che Marchionne, oltre a ad essere un distributore automatico di slogan, in definitiva costituisce soprattutto un agente del saccheggio coloniale da parte delle multinazionali nei confronti dell'Italia. L'attacco al contratto collettivo e la precarizzazione del lavoro sono due aspetti di questa aggressione coloniale, in cui rientrano anche le privatizzazioni, le delocalizzazioni, il furto dei patrimoni immobiliari pubblici ed i "patti di stabilità finanziaria", cioè la miseria pianificata, funzionale a determinare le condizioni per un indebitamento di massa.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


13/12/2018 @ 18:31:45
script eseguito in 70 ms