"
"Per la propaganda del Dominio, nulla può giustificare il terrorismo; in compenso la lotta al terrorismo può giustificare tutto."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 02/07/2009 @ 01:07:26, in Commentario 2009, linkato 1405 volte)
Nell’ultima settimana di giugno l’OCSE ha spedito il suo ennesimo siluro contro il sistema previdenziale italiano, accusato di gravare in modo spropositato sulla spesa pubblica.
L’accusa è priva di senso, poiché l’ente previdenziale italiano, l’INPS, non grava sulla spesa pubblica, ma vive dei contributi del lavoro dipendente e del lavoro autonomo, e inoltre copre una serie di spese assistenziali (dalla cassa integrazione agli assegni familiari), sgravando il bilancio dello Stato di questo onere.
I bilanci dell’INPS non sono in rosso, anzi questo ente è una vera miniera di soldi, tanto che è stato ammesso - unico ente pubblico - a far parte della proprietà della privatissima Banca d’Italia; una banca di diritto pubblico che appartiene a banche e compagnie assicurative private e fa, ovviamente, gli interessi dei privati, gravando - questa sì - in modo insopportabile sul bilancio dello Stato.
Come Mastro Don Gesualdo, ad onta delle sue origini umili e ignobili, l’INPS è stata ammessa, seppure in quota minoritaria, nella proprietà della esclusivissima banca centrale, poiché l’ente previdenziale, grazie ai contributi dei lavoratori, costituisce una fonte di denaro fresco, di “soldi veri”, di cui i privati hanno sempre un disperato bisogno. Quindi l’INPS è sotto attacco non perché sia in perdita, ma per le risorse finanziarie illimitate di cui dispone. Questo è il motivo per il quale si sta progettando da tempo non soltanto di privatizzare il sistema previdenziale, ma anzitutto di privatizzare la stessa INPS, per mettere le mani sulla sua cassaforte e sul suo patrimonio immobiliare.
È interessante però capire chi sia, e cosa sia, il mittente delle accuse contro il sistema previdenziale, cioè l’OCSE, la sedicente Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo, che ha la sua sede centrale a Parigi. L’antenato di quella che poi si sarebbe chiamata OCSE, fu fondato nel 1948 per volontà del Fondo Monetario Internazionale, la banca privata che gestisce l’economia mondiale per conto di quell’altra banca privata che gestisce l’economia statunitense, la Federal Reserve. Quali siano stati i compiti specifici dell’OCSE nell’economia europea e mondiale, nessuno l’ha mai capito, o, quantomeno, nessuno è mai riuscito a spiegarlo, se non con le solite arrampicate sugli specchi. In realtà l’OCSE non svolge alcuna funzione di carattere strettamente economico, ma è essenzialmente una agenzia di propaganda, o, per essere più precisi, di guerra psicologica, al servizio degli interessi del colonialismo statunitense.
Propaganda e guerra psicologica sono concetti distinti, anche se non separabili. La funzione della guerra psicologica è di far crollare il morale del nemico, provocargli uno stato confusionale tale da abbassare le sue difese e la sua volontà di resistenza all’aggressione. La guerra psicologica ha raggiunto il suo scopo, quando l’aggressore viene percepito come un salvatore. Da questa ultima formula, si comprende che gli Stati Uniti sono i maestri incontrastati della guerra psicologica.
La privatizzazione è un saccheggio delle risorse pubbliche, ma deve essere fatta passare come un salvataggio dell’economia, e i rapinati devono essere messi nello stato d’animo dei profughi a cui è stato offerto il conforto di una zuppa calda. Spesso la psico-guerra induce nelle vittime persino il timore di difendersi, come se per essere degni di resistere al rapinatore fosse necessario poter vantare una sorta di perfezione morale. Nel caso della privatizzazione dell’INPS, si può essere certi che basterà alla psico-guerra rinfacciare che l’ente previdenziale fu fondato a suo tempo da Mussolini, e che oggi è un feudo dei vertici sindacali, per indurre gran parte della sinistra a ritenere moralmente sconveniente difenderlo.
Non bisogna sopravvalutare le forze reali della “superpotenza” statunitense, che è molto meno “super” di quanto riesca a far credere. Lo strapotere coloniale dell’oligarchia statunitense si fonda soprattutto sul fatto di costituire un sicuro punto di riferimento per i reazionari di tutto il pianeta, un alleato a disposizione per tutti i cleptocrati - o aspiranti tali - del mondo. “Privatizzazione” è una di quelle parole che accendono cupidigie e speranze di partecipare al saccheggio, anche in una parte delle popolazioni sottoposte all’aggressione coloniale, quindi costituisce un indiretto appello al collaborazionismo.
Per la nostra Confindustria, la crisi costituisce infatti un ottimo pretesto per brandire la bandiera delle privatizzazioni, nella speranza di partecipare, anche se in funzione subordinata, al saccheggio organizzato dalle multinazionali statunitensi. Si progetta perciò di privatizzare non soltanto l’INPS, ma anche l’ENI e l’Enel (che sono SPA, ma controllate dallo Stato), e persino l’istruzione e i servizi del Pubblico Impiego. In questi progetti di rapina coloniale, le tecniche di guerra psicologica svolgono una funzione decisiva: anche quelli che ci appaiono come uomini di governo sono in realtà icone di guerra psicologica, la cui presenza fisica deve risultare talmente squallida da suscitare nei colonizzati uno stato d’animo di depressione, disperazione, vergogna.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 25/06/2009 @ 00:50:01, in Commentario 2009, linkato 1465 volte)
La sconfitta elettorale di Mousavi non comporta di per sé anche la sconfitta del programma di privatizzazioni per il quale egli era divenuto sia il paladino che il beniamino del Mondo Libero in Iran. Le ambiguità del gruppo dirigente iraniano sono ormai storiche ed entrambi i contendenti dell’attuale scontro in Iran hanno alle spalle una storia di compromissioni con gli Stati Uniti, dallo scandalo Iran-Contras negli anni ’80, sino alla collaborazione per le invasioni dell’Afghanistan nel 2001 e dell’Iraq nel 2003.
L’Iran baluardo dell’antiamericanismo e dell’antisionismo in Medio Oriente è una leggenda creata dalla propaganda occidentale, ed anche l’alone mitico attorno all’attuale presidente iraniano è in gran parte il risultato di notizie deformate, o addirittura false, da parte dei media americani ed europei, i quali disinvoltamente attribuiscono ad Ahmadinejad dichiarazioni da lui mai pronunciate.
Neppure sulle privatizzazioni Ahmadinejad ha assunto delle posizioni così precisamente ed inequivocabilmente contrarie da poterlo far ritenere un sicuro nemico del Fondo Monetario Internazionale. Gli elettori iraniani hanno comunque preferito le solite ambiguità di Ahmadinejad agli espliciti proclami di Mousavi, che si era pronunciato anche per lo smantellamento delle garanzie sociali per i più poveri.
È chiaro che, con un programma del genere, Mousavi non poteva credere realmente di conquistare la maggioranza dell’elettorato, ma pensava invece di potersi accattivare quella parte dell’oligarchia clericale che non si accontenta più dei privilegi derivanti dalla semplice gestione della ricchezza nazionale, e progetta di compiere il grande passo verso il privilegio assoluto, verso la proprietà privata. L’Iran non è soltanto uno dei maggiori produttori di petrolio, ma possiede circa la metà delle risorse di gas naturale del pianeta, ora di proprietà e gestione pubblica; ma, pur di appropriarsene, una parte del clero ora è disposta anche a chiedere il ritorno e la collaborazione dell’antico tiranno dell’Iran, cioè la British Petroleum (ora Beyond Petroleum).
Gridando ai brogli, Mousavi ha creato le condizioni per un colpo di Stato o, quantomeno, per una ulteriore serie di concessioni non solo sul versante delle privatizzazioni, ma anche della eliminazione delle garanzie sociali, che il vangelo del FMI ritiene responsabili di tenere troppo alto il costo del lavoro, e anche di chiudere la porta al business della finanziarizzazione, cioè del credito a interesse ai consumi poveri. Attualmente in Iran il credito ai bisognosi è gestito tramite le moschee, che, per questo servizio, non riscuotono interesse. Questo apparato assistenziale costituisce certamente un notevole fattore di consenso per la religione di Stato, eppure proprio una gran parte del clero sciita - che si raccoglie attorno all’ayatollah Rafsanjani - vorrebbe sbarazzarsene, poiché è stufo di vedersi passare per le mani tutto quel denaro senza ricavarne il guadagno che sarebbe possibile se invece si sfruttasse appieno il business della povertà.
Dovunque il business della finanziarizzazione abbia fatto breccia, è contestualmente scattato anche quello della emigrazione, che viene incentivata e organizzata proprio per permettere di pagare i debiti attraverso il lavoro all’estero. Se l’attuale tentativo di “rivoluzione colorata” in Iran dovesse avere successo, la prima conseguenza sarebbe perciò un afflusso di immigrati iraniani in Europa; in tal caso il razzismo occidentale verso gli Iraniani potrebbe esercitarsi finalmente dal vivo, e non più soltanto verso immagini proposte dai media.
Il legame diretto tra privatizzazione ed eversione è storico: la proprietà privata dei mezzi di produzione è sempre il risultato di un colpo di Stato, o, quantomeno, di una illegalità di Stato. Proudhon diceva che “la proprietà è un furto”, una formula tecnicamente ineccepibile, che è stata invece doppiamente fraintesa, sia in senso moralistico che metafisico, come se ci si riferisse all’origine remota della proprietà. In realtà quel furto denominato privatizzazione, è un fenomeno che avviene di continuo e sotto i nostri occhi: non c’è ricchezza che non venga prodotta attraverso risorse pubbliche e denaro pubblico, e non debba essere privatizzata volta per volta. Infatti, si privatizza instancabilmente, ma c’è sempre pronta una lista di altre privatizzazioni che secondo la propaganda ufficiale, sarebbero ogni volta indispensabili per salvare l’economia.
L’immagine della società viene imposta da organi di disinformazione che appartengono ai ricchi, e perciò la minaccia all’ordine costituito viene sempre attribuita allo scontento dei poveri. In realtà, non soltanto l’eversione, ma anche l’invidia sociale e l’odio di classe sono molto più atteggiamenti dei ricchi che non dei poveri.
Contrariamente al mito ufficiale, la ricchezza non è mai soddisfatta, ma sempre sospettosa e ombrosa. Le oligarchie cercano con qualsiasi mezzo di trasformare la propria condizione di privilegio parziale in privilegio assoluto, e vedono ogni minima garanzia per i poveri e per i lavoratori come una minaccia, o addirittura come un’aggressione o un sopruso.
Quando si dice “qualsiasi mezzo”, non si può escludere neppure la propaganda, la disinformazione e il falso; una falsificazione che può comprendere persino la manipolazione delle immagini; perciò anche i video che “documentano” quanto starebbe avvenendo in Iran, andrebbero presi con un po’ più di prudenza. In particolare suscitano perplessità i video della carica dei poliziotti in motocicletta, col successivo paventato tentativo di linciaggio, e quello della ragazza uccisa; dei video che, più che manipolati, sembrano addirittura costruiti dalla mano di un regista, abile sì, ma neanche tantissimo, dato che alcune forzature emotive appaiono piuttosto palesi. Questi video sembrano perciò rientrare nel novero dei grandi falsi storici della psychological war, come quelli del carrista russo assediato dai manifestanti durante l’invasione sovietica di Praga, o quello del duello tra il manifestante e il carro armato a Piazza Tien An Men, o ancora quello del cormorano inzaccherato di petrolio durante la prima guerra del Golfo. L’impatto psicologico di queste immagini può spiegare il fatto che da parte di alcuni movimenti vi sia stata una subitanea accettazione dello scenario proposto dai media, dato che nel repertorio teorico di gran parte dell’antagonismo è completamente assente la nozione di guerra psicologica. Detto questo, occorre anche stare attenti a non rovesciare semplicemente la propaganda occidentale, inventandosi un Ahmadinejad campione dell’anticolonialismo e dimenticandosi la sua complicità con gli Stati Uniti negli anni ’80 contro il Nicaragua, ed oggi contro l’Afghanistan e l’Iraq. Fatte le debite proporzioni fra i due personaggi, questa situazione ha delle analogie con la campagna lanciata dalla stampa straniera contro Berlusconi. Dando per scontato che questa campagna moralistica ha dei secondi fini (secondi “Fini”?) che si chiariranno tra qualche tempo, non si può neanche favoleggiare di un possibile ruolo anticoloniale dell’attuale Presidente del Consiglio o di un mitico quanto inesistente asse Berlusconi-Putin; un mito non a caso affidato ad un noto contaballe come Paolo Guzzanti. Non ci si deve dimenticare che Berlusconi è colui che nel 2008 ha regalato i beni culturali e persino l’acqua dell’Italia alle multinazionali anglo-americane (Legge 133/2008, articoli 16 e 23bis), e che inoltre ha regalato alla NATO una nuova base a Giugliano in Campania, e sempre in Campania ha concesso le discariche civili per le scorie tossiche della stessa NATO, coprendole con il segreto militare (Legge 123/2008, articolo 2).
Dato che invece esiste realmente un asse ENI-Gazprom, attivo già all’epoca di Prodi, è possibile che lo scopo di questa campagna sia quello di sostituire un Berlusconi, ormai troppo fradicio di amfetamine, con un vero “uomo forte”, cioè un sicario che abbia la determinazione per riuscire a regalare l’ENI alle multinazionali anglo-americane.
Va tenuto conto del fatto che la campagna della stampa estera non può aver avuto soltanto lo scopo di cacciare Berlusconi, che era un obiettivo realizzabile semplicemente e rapidamente, senza tanto strepito, data la intrinseca debolezza del personaggio. Il feeling tra Berlusconi e le masse è infatti una fiaba fabbricata da giornalisti dell’area del Partito Democratico, che intendeva così giustificare le sue intese col Popolo della Libertà in vista della costruzione di un bipartitismo perfetto all’americana.
Ciò che la stampa estera ha creato, è un clima catartico adatto a far passare sotto silenzio magagne ben più gravi. Non bisogna dimenticare che nei giorni in cui imperversava Mani Pulite, i governi “moralizzatori” di Amato e Ciampi legalizzavano nientemeno che il contrabbando di petrolio, eliminando per legge le procedure che avrebbero potuto farlo scoprire.
La privatizzazione dell’ENI non sarebbe una passeggiata, dato che questo ente ha sul suo libro-paga i vertici delle Forze Armate, dei Carabinieri, della Polizia, del SISDE e, soprattutto, del SISMI; perciò a condurre la privatizzazione dovrebbe essere un uomo politico che provenga da un partito che abbia legami storici con queste istituzioni militari e poliziesche, ed è questo il motivo per il quale si pensa a qualcuno della ex Alleanza Nazionale. Se questo scenario avesse dei riscontri nei prossimi mesi, allora vorrebbe dire che in questi ultimi anni le multinazionali anglo-americane hanno lasciato mano libera all’ENI nella prospettiva di appropriarsi successivamente dei suoi affari.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


15/12/2018 @ 11:20:16
script eseguito in 71 ms