"
"La distruzione di ogni potere politico è il primo dovere del proletariato. Ogni organizzazione di un potere politico cosiddetto provvisorio e rivoluzionario per portare questa distruzione non può essere che un inganno ulteriore e sarebbe per il proletariato altrettanto pericoloso quanto tutti i governi esistenti oggi."

Congresso Antiautoritario Internazionale di Saint Imier, 1872
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 11/06/2009 @ 01:18:59, in Commentario 2009, linkato 1220 volte)
La giornata mondiale per l’ambiente, proclamata dall’ONU per il 5 giugno, è diventata un’occasione di propaganda, mondiale e in grande stile, sul tema del riscaldamento globale del pianeta che sarebbe dovuto all’emissioni di carbonio. La questione del riscaldamento globale è già diventata piuttosto popolare a causa del film dell’ex vicepresidente USA, Al Gore, che è stato praticamente santificato dai riconoscimenti ufficiali sinora ottenuti.
La questione del riscaldamento globale è scientificamente controversa, poiché si fa notare, da parte di alcuni climatologi e alcuni storici, che nel corso degli ultimi secoli si sono succeduti e alternati nel clima terrestre sia brevi periodi di riscaldamento che di glaciazione. Questo tipo di discussione scientifica è interessante, ma in sé non può togliere assolutamente nulla all’allarme mediatico che si sta consolidando sulla questione, poiché per determinare un’emergenza è sufficiente agitare il dubbio.
Da parte di molti ambientalisti si fa inoltre un’affermazione che può apparire di buon senso, e che consiste nell’osservare che l’ambiente subisce sicuramente e ogni giorno una serie di aggressioni e di danni che risultano di immediata e certa evidenza; perciò anche allarmi scientificamente non ancora provati, come l’effetto-serra e il buco dell’ozono, possono contribuire ad aumentare la sensibilità dell’opinione pubblica nei confronti del problema ambientale ed a far cessare lo sfruttamento eccessivo delle risorse del pianeta. A questo riguardo si parla perciò di “decrescita”, presentata come una necessità di fronte agli obiettivi limiti dello sviluppo umano.
Il problema è che però la decrescita, in se stessa, non comporta affatto un minore inquinamento ed una minore aggressione all’ambiente. Oggi esistono business che comportano una diminuzione dello sviluppo e un aumento della povertà, ma non una diminuzione dei danni ambientali. È il caso della privatizzazione dell’acqua.
Dovunque l’acqua sia stata privatizzata, ciò ha comportato un tale aumento del prezzo di questa risorsa, che il risultato è stato il ricorso delle popolazioni a falde idriche inquinate, sia per l’uso potabile che per l’irrigazione in agricoltura. In altri termini, la privatizzazione dell’acqua non diminuisce affatto l’inquinamento delle risorse idriche, ma, al contrario, rende merce appetibile, preziosa e competitiva persino le acque più inquinate.
Ovunque la privatizzazione dell’acqua sia stata imposta, ciò ha inoltre determinato un ulteriore decadimento delle infrastrutture idriche, con un crescente spreco ed un minore igiene sia nel trasporto, sia nel deposito dell’acqua nei serbatoi. Questa conseguenza era prevedibile e ovvia, dato che i privati non dispongono assolutamente delle risorse finanziarie per adeguare le infrastrutture idriche, e, seppure ne disponessero, comunque non le adeguerebbero, poiché non ci sarebbe da ricavare alcun profitto in più. Si è potuto infatti constatare che più le risorse idriche sono scarse e scadenti, più il business dell’acqua se ne avvantaggia.
La privatizzazione dell’acqua viene imposta da ormai più di dieci anni in tutti i Paesi del mondo dal Fondo Monetario Internazionale, un’istituzione creata nel 1946, che a sua volta è non è altro che un’emanazione della Federal Reserve, la banca privata che negli USA svolge dal 1913 la funzione di banca centrale. Non è quindi un caso che a gestire il business dell’acqua a livello mondiale siano soprattutto delle aziende multinazionali statunitensi.
Il FMI, sebbene anch’esso sia una banca privata, ha ricevuto però un inquadramento giuridico in ambito ONU, e quindi può considerarsi la banca centrale planetaria a tutti gli effetti. Se davvero si prevede un riscaldamento globale, con una conseguente e inevitabile diminuzione delle risorse idriche, allora come mai l’ONU favorisce - anzi impone - la privatizzazione dell’acqua attraverso una delle sue istituzioni?
Al Gore ne ha dette tante, ma non risulta che abbia mai preso posizione contro la privatizzazione dell’acqua, e questo avrebbe potuto essere un ottimo riscontro della sua buona fede; un riscontro che invece non abbiamo. La privatizzazione dell’acqua è già in sé un crimine spaventevole, ma se davvero è in atto un riscaldamento globale, allora una privatizzazione dell’acqua, in presenza di una diminuzione delle risorse idriche, diventa un crimine addirittura assurdo, ed il non denunciarlo, anzi il continuare a tenerlo celato, costituisce un indizio di malafede.
Il tutto infatti suona meno assurdo, se si considera che l’allarme-riscaldamento lanciato da Gore ha posto le condizioni per un’emergenza idrica e per un aumento crescente del prezzo dell’acqua, lanciando così il business della privatizzazione dell’acqua ai livelli dei business del petrolio o del gas.
Sinora l’altro sviluppo pratico delle tesi di Gore pare sia quello di aumentare le tasse sui consumi energetici per trovare i soldi per soccorrere le banche; ed infatti in questo senso si sta muovendo anche l’altro santino dei media, il presidente USA Barak Obama, il quale, a sua volta, non ha fatto alcun cenno ad un ritorno al controllo pubblico delle risorse idriche, che pure sarebbe strategico in vista di un eventuale riscaldamento globale.
Grazie ai media abbiamo conosciuto tutte le meschine vicende personali di Berlusconi; ma nell’agosto del 2008 lo stesso Berlusconi aveva commesso un crimine ben più efferato, di cui invece non si è quasi parlato: la privatizzazione dell’acqua, sancita dall’articolo 23bis della Legge 133/2008, stilata dal ministro Tremonti.
Non soltanto di questo crimine non si è quasi parlato, ma addirittura in questi mesi si è scatenato un finto anti-berlusconismo di copertura, in cui si sono distinti non solo i soliti giornalisti, ma anche intellettuali insospettabili. È il caso di Paolo Flores d’Arcais, il quale in una recente intervista al quotidiano spagnolo “El Pais”, ha definito Berlusconi un pericolo per la democrazia, e lo ha anche paragonato a Putin, paventando addirittura una “putinizzazione” dell’Italia.
In realtà Putin è sì un pessimo soggetto, ma è anche colui che ha sottratto alle multinazionali anglo-americane il petrolio, il gas e tutte le altre risorse della Russia; invece Berlusconi, oltre ad essere uno squallido soggetto, è soprattutto colui che ha regalato alle multinazionali anglo-americane l’acqua dell’Italia e, sempre tramite la Legge 133/2008, all’articolo 16, anche gran parte dei suoi beni culturali che appartenevano al Demanio dello Stato. Berlusconi, inoltre, sta spalancando le porte del territorio ex-italiano alle multinazionali anglo-americane ed alla NATO, assicurando loro non solo il business dell’acqua, ma anche quello dello smaltimento dei rifiuti tossici, al quale ha offerto la copertura di un’altra legge, la 123/2008, che all’articolo 2 comma 4 prevede persino il segreto militare sulle discariche civili in Campania.
Con la sua faccia nobile, Gore ha creato le premesse dell’emergenza idrica planetaria e dell’aumento del prezzo dell’acqua, mentre, con la sua faccia da degenerato, Berlusconi l’acqua ce l’ha privatizzata. Al di là delle facce, il tutto sembra un gioco di squadra per lo stesso committente: il FMI.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 04/06/2009 @ 01:42:34, in Commentario 2009, linkato 1963 volte)
Da tempo alla RAI fervono i preparativi per la puntata speciale di “Porta a Porta” in occasione della ricorrenza della strage di Piazza Fontana del 12 dicembre 1969. Con i preparativi cresce però anche la preoccupazione per l’evento; una preoccupazione che nei giorni scorsi pare abbia preso addirittura le caratteristiche dell’attacco di panico.
Sui loro teleschermi gli Italiani vedranno infatti scorrere le immagini d’epoca, prima tra tutte quella in cui Bruno Vespa al telegiornale annunciava trionfalmente il nome del colpevole della strage alla Banca dell’Agricoltura: l’anarchico Pietro Valpreda.
Per i giovani telespettatori potrebbe essere un trauma. Ma come? Quaranta anni fa il presentatore di “Porta a Porta” era già lì! E proprio a lui era conferito l’onore di diffondere la versione ufficiale che poi si sarebbe rivelata clamorosamente falsa!
Bruno Vespa: colui che viene fatto passare per il testimone imparziale, per il notaio nel cui salottino/studiolo Berlusconi è andato a firmare il contratto con gli Italiani. Bruno Vespa apparirà improvvisamente non come un cronista, per quanto servile, ma come uno coinvolto nei fatti, il più coinvolto di tutti, data la sua anzianità di servizio nel depistaggio. Quaranta anni di onorato servizio? E se il vero capo - il Capo dei Capi - fosse proprio lui? Altro che Totò Riina.
A quel punto potrebbe essere la fine. Tutta la carriera di Bruno Vespa potrebbe essere riveduta sotto questa nuova luce. Una volta crollata la diga della credulità, i sospetti dilagheranno e scoperchieranno tutto.
Se Bruno Vespa è coinvolto nel depistaggio sulla strage, perché non anche nella strage? E poi: perché tante puntate di “Porta a Porta” sul delitto di Cogne? I sospetti diverranno certezze: il vero assassino di Cogne è Bruno Vespa.
Bisognava correre ai ripari, per prevenire la catastrofe, per fare in modo che le parole pronunciate da Bruno Vespa quaranta anni fa davanti a milioni e milioni di Italiani non apparissero per delle sfacciate menzogne. Valpreda deve assolutamente essere presentato come colpevole, almeno in parte.
Che si fa? Si prende un giornalista de “l’Unità”, così si può far credere che sia imparziale, e lo si sceglie fra quelli che abbiano la fama di giornalisti “investigativi”, cioè si fanno imbeccare dai servizi segreti. Poi gli si fa scrivere un libro/rivelazione su Piazza Fontana e gli si fa fare tanta pubblicità preventiva dal “Corriere della Sera”. Per dicembre il libro sarà uscito e l’autore, Paolo Cucchiarelli, potrà essere invitato a parlarne a “Porta a Porta”, per dimostrarci la colpevolezza di Valpreda.
Tutto è già previsto: Cucchiarelli prenderà la parola per spiegare ai telespettatori ciò che ha già esposto nel libro. A Piazza Fontana le bombe furono due, anche le borse furono due, persino i Valpreda furono due, uno vero e uno finto.
Cucchiarelli ci spiegherà poi dove ha preso queste informazioni così attendibili: la sua prima fonte è un funzionario del SISDE, i servizi segreti civili; poi ci sono alcuni documenti dell’Ufficio Affari Riservati del Ministero degli Interni, che era proprio quella struttura che poi si sarebbe chiamata SISDE.
Ma a questo punto a qualche telespettatore non potrebbe venire in mente che anche Cucchiarelli sia un agente del SISDE? E l’Ufficio Affari Riservati - il protoSISDE - non è risultato coinvolto anch’esso nella strage?
Giusto. Allora a Cucchiarelli si farà citare anche due fonti libere e imparziali: il magistrato che per primo ha avviato le indagini sulla falsa pista anarchica, ed un generale esperto di esplosivi, uno legato al segreto militare e alla disciplina NATO. Più imparziali di cosi!?
E poi c’è l’asso nella manica. Cucchiarelli potrà svelarci anche che gli anarchici non mettevano le bombe solo nel 1969. Continuano anche adesso. In base alle informative del solito SISDE, si sa che si fanno chiamare Federazione Anarchica Informale, e, secondo la ricostruzione di un Pubblico Ministero, questa FAI informale non è altro che il braccio armato della Federazione Anarchica Italiana, quella storica, fondata nel 1945.
I telespettatori si immagineranno la scena: gli anarchici della FAI segretamente riuniti per dare vita ad una organizzazione armata segreta e parallela. Si immagineranno - o vedranno ricostruita in un’apposita fiction - la loro discussione: che nome dare a questa organizzazione armata in modo che nessuno sospetti un suo legame con la FAI? Ovvio: la chiameremo FAI!
Geniale. Purtroppo per loro, gli anarchici non avevano tenuto conto delle facoltà mentali superiori - quasi medianiche - dei Pubblici Ministeri italiani, perciò il segretissimo legame tra la FAI e la FAI informale è stato scoperto. Peccato. Da parte degli anarchici sarebbe bastato un po’ più di fantasia nella ricerca del nome. Ad esempio: SISDE informale.
Cucchiarelli potrà concludere la trasmissione dichiarando che gli anarchici erano bombaroli nel 1969 e bombaroli adesso. Quindi Bruno Vespa aveva ragione ad additare Valpreda come il colpevole. Un applauso.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (49)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


11/12/2018 @ 11:49:37
script eseguito in 89 ms