"
"Per la propaganda del Dominio, nulla può giustificare il terrorismo; in compenso la lotta al terrorismo può giustificare tutto."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 01/03/2007 @ 23:23:56, in Commentario 2007, linkato 1019 volte)
Il cardinale vicario Ruini ha dato l'annuncio che verrà avviato il processo di beatificazione per il commissario Luigi Calabresi. Sarebbe riduttivo inquadrare questa notizia nell'attrazione fatale per il ridicolo di cui Ruini fornisce quotidianamente esempio.
Sebbene l'assassinio di Calabresi sia stato attribuito da sentenza definitiva agli ex di Lotta Continua Sofri, Bompressi e Pietrostefani, i sospetti che in realtà l'assassinio sia maturato nell'ambiente dello stesso commissario sono sorti subito, e si sono rafforzati nel corso degli anni. Nessuna prova materiale è ovviamente disponibile per suffragare questa tesi, né lo sarà mai, dato che in questo caso i colpevoli sarebbero fra gli stessi che dovrebbero fare le indagini.
D'altra parte vi sono una serie di indizi indiretti che vanno a rafforzare l'argomento del "cui prodest?", secondo il quale i maggiori interessati alla morte del commissario sarebbero stati proprio quelli che rischiavano di essere da lui coinvolti nelle responsabilità per l'assassinio di Giuseppe Pinelli negli uffici della questura di Milano.
L'accanimento dimostrato in questi anni contro Sofri costituisce uno di questi indizi indiretti. Nella campagna di aggressione morale contro Sofri si è distinto, da parecchi anni a questa parte, proprio il quotidiano vaticano "L'Osservatore romano", una campagna gestita da cattofascisti legati all'ambiente della Polizia.
Le accuse a Sofri hanno giocato in modo ambiguo sulla confusione tra le presunte responsabilità materiali di Sofri nell'assassinio del commissario, e le sue responsabilità morali, per aver egli creato le condizioni dell'attentato con gli articoli contro Calabresi sul giornale "Lotta continua", articoli in cui lo si indicava come responsabile della morte di Pinelli. Questa ambiguità è rivelatoria del fatto che gli accusatori di Sofri non hanno mai realmente creduto nella sua colpevolezza, ma volevano individuare in lui un capro espiatorio funzionale ad una mistificazione più vasta.
In quanto ad ambiguità anche Adriano Sofri non ha mai avuto nulla da imparare da nessuno. Già negli anni '70 i suoi toni da aristocratico prestato alla rivoluzione anticipavano la sua svolta in senso "neocons", di apologeta del colonialismo statunitense sul pianeta. Le ambiguità di Sofri sono poi risultate evidenti in sede processuale, dove alla protesta di innocenza per ciò che riguardava l'attentato, è corrisposta una sua ammissione di responsabilità rispetto alle accuse lottacontinuiste a Calabresi che avrebbero determinato il clima in cui è maturato l'assassinio del commissario. In definitiva, Sofri ha accettato il ruolo di colpevole morale che la campagna de "L'Osservatore romano" gli attribuiva. Eppure le accuse a Calabresi che Sofri lanciava dal quotidiano "Lotta Continua" erano sostenibili anche da un punto di vista strettamente legalitario, data l'evidenza di tutte le irregolarità commesse dalla Polizia nel corso del fermo di Pinelli. La santificazione della memoria di Calabresi, avallata da Sofri, è diventata quindi la santificazione di tutte le illegalità commesse da lui e/o dai suoi colleghi poliziotti.
La prossima beatificazione di Calabresi giunge quindi come ultimo atto di questa offensiva propagandistica che sancisce la superiorità della Polizia nei confronti della legge che dovrebbe far rispettare. Il sacrificio del singolo poliziotto Calabresi si è perciò risolto in una sorta di assunzione nell'alto dei cieli dell'Istituzione di cui faceva parte.
A proposito di un "servo della legge", così scriveva Kafka ne "Il processo": "… appartiene alla Legge e sfugge al nostro giudizio". Ma c'è da aggiungere che sfugge anche al giudizio della legge. I "servitori della legge" sono in effetti i padroni della legge.
1 marzo 2007
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 01/03/2007 @ 00:00:00, in Documenti, linkato 1008 volte)

Il colonialismo è una tecnica di dominio che si riproduce con precise costanti nel corso della Storia. Queste prime voci costituiscono l'avvio della stesura di un manuale a riguardo. Chi fosse interessato, può anche fornire il suo contributo. Comidad

6 - Droga e umanesimo

Uno degli strumenti più importanti cui l'Inghilterra fece ricorso per mantenere il suo dominio in India, fu, insieme all'alcolismo, l'oppiomania. Il papavero d'origine mediterranea fu introdotto in India come in Cina dagli Arabi. Ma furono gli Europei a dare un'ampiezza senza precedenti al commercio dell'oppio, che utilizzeranno come mezzo per finanziare i loro acquisti di spezie, di tessuti di cotone e seta, e ne faranno uno strumento di dominio decisivo. E' qui che si può parlare davvero per la prima volta di "denaro della droga" nel senso che il finanziamento di una politica imperiale è deliberatamente ricavato dalla droga, puntando sulla tossicomania dell'altro.

L'esportazione del narcotico indiano fu legalizzata dal trattato di T'ien-tsin. L'oppio della valle del Gange rappresentava almeno i due terzi del totale delle esportazioni indiane della droga, che era fabbricata, a partire dal prodotto consegnato dai contadini, in manifatture autorizzate e supervisionate dal governo. Gandhi diceva in proposito che: "Prima degli Inglesi non c'era in India nessun governo disposto a incoraggiare il male rappresentato dall'uso dell'oppio e ad organizzarne l'esportazione a fini fiscali come hanno fatto gli Inglesi."

Nel 1880, l'alto commissario della Birmania indirizzava al governo britannico un rapporto ufficiale in cui si poteva leggere: "L'uso abituale di queste droghe abbatte le forze fisiche e morali, demolisce i nervi, emacia il corpo, diminuisce la sua forza e la sua resistenza, rende le persone pigre, negligenti e poco pulite, annichilisce l'amor proprio costituisce una delle fonti più orribili di miseria, d'indigenza e di criminalità, popola le prigioni di ospiti molli e fiacchi, in breve vittime della dissenteria e del colera, impedisce l'estensione auspicabile dell'agricoltura e il progresso morale dell'imposta fondiaria, blocca l'aumento naturale della popolazione e indebolisce la costituzione della generazione successiva."

Ciononostante una commissione ufficiale invia nel 1895 a Londra un rapporto molto più ottimistico; ecco i passaggi principali: "Il consumo dell'oppio non è affatto un vizio nelle Indie [...]. Si fa ampiamente ricorso a quel prodotto a fini non terapeutici così come a fini semi-terapeutici, in alcuni casi con buoni risultati e nella maggior parte dei casi senza conseguenze nocive [...]. Non è necessario permettere in India la coltivazione del papavero così come la fabbricazione e l'uso dell'oppio soltanto a scopi medicinali. Un’esperienza tradizionale ha insegnato al popolo indiano a far uso di questo prodotto solo con circospezione e l'abuso che se ne fa è un tratto della vita del popolo indiano sul quale non è il caso di soffermarsi. La maggior parte degli oppiomani indiani non è asservita alla sua abitudine. Queste persone prendono le piccole dosi di cui hanno bisogno sul momento e possono rinunciare alla loro razione, passata l'appetenza.
L'oppio è il più comune e il più apprezzato tra i rimedi empirici che hanno a disposizione. Lo prendono per prevenire la stanchezza o attenuarla, come mezzo profilattico della malaria o ancora per ridurre la quantità di zucchero nel diabete, e, in modo più generale, è impiegato ad ogni età come sedativo. L'uso dell'oppio a piccole dosi è uno dei mezzi principali per trattare le malattie infantili [!]. Proibire la vendita dell'oppio senza prescrizione medica sarebbe una misura ridicola e decisamente disumana nei confronti di diversi milioni di esseri umani.[!]"

Questo rapporto è davvero esemplare sul funzionamento dell'ideologia coloniale. Il discorso dell'inferiorità razziale degli Indiani passa attraverso schemi ricorrenti nel colonialismo: il "rispetto" di presunte tradizioni del popolo colonizzato (cfr. "L'invenzione della tradizione" in mpc), il "rispetto" dell'identità culturale dei colonizzati, atteggiamento protettivo e paternalistico del colonizzatore, il "rispetto" di una medicina empirica e popolare che sottolinea il primitivismo dei colonizzati e, più in generale, l'umanesimo come base giustificativa dell'imposizione della droga a milioni di persone.
Com'è ovvio, il governo inglese sceglierà di continuare a drogare milioni d'Indiani proprio accentuando il discorso della diversità culturale; in altri termini, se la droga fa male agli Inglesi, fa invece molto bene agli Indiani.
Questi argomenti permetteranno di non tener conto di ciò che era già noto. In realtà, già nel 1892, cinquemila medici avevano dichiarato in Inghilterra che fumare o mangiare oppio era nocivo per il corpo e disastroso per la mente e che bisognava considerare l'oppio in India come un veleno e trattarlo lì come in patria. Con tutta la diffidenza che si deve avere verso una dichiarazione ufficiale dei medici, questo elemento toglie ogni alibi al colonialismo inglese, le cui scelte furono consapevolmente criminali.

Una commissione della Società delle Nazioni aveva stabilito in meno di 6 kg ogni 10.000 abitanti (0,6 gr per abitante), la quantità annuale necessaria per uso terapeutico. Ora, a Calcutta intorno al 1900, la media del consumo era di 144 kg ogni 10.000 abitanti, ovvero l'assunzione di quantità enormi per ogni oppiofago.

Secondo testimonianze dell'epoca (Liggins), erano gli stessi funzionari inglesi a distribuire gratuitamente l'oppio agli Indiani proprio per creare un mercato, e quando i sostenitori di Gandhi organizzarono una campagna contro l'alcol e l'oppio riuscendo, con la loro azione di propaganda, a far scendere il consumo del 50% nella provincia di Assam, il governo intervenne immediatamente per arrestare quarantaquattro dei sessantatre oratori che percorrevano il paese.

Comidad (marzo 2007)

Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
Fenętre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


16/12/2018 @ 18:10:59
script eseguito in 742 ms