"
"Per la propaganda del Dominio, nulla può giustificare il terrorismo; in compenso la lotta al terrorismo può giustificare tutto."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 03/03/2006 @ 00:00:00, in Testi di riferimento, linkato 1978 volte)

Il testo che presentiamo, Lo spionaggio fascista all'estero, è inedito in Italia. Fu scritto e pubblicato da Camillo Berneri nel 1928, mentre era esule in Francia. Il testo ci proietta di colpo in un contesto difficile da comprendere immediatamente, perché, persino a chi possieda una buona cultura storica, potrebbero mancare i punti di riferimento.

Scarica il file "Lo spionaggio fascista" in formato [.rtf] | [.pdf]

Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 02/03/2006 @ 17:43:16, in Commentario 2006, linkato 789 volte)
Questa è la trama della storia. A Sassuolo dei carabinieri pestano a sangue un immigrato marocchino ormai inerme, ma un altro immigrato riprende il fatto con la videocamera del suo telefonino e la scena finisce su internet. Ma c'è un colpo di scena: ecco che, invece della prevista indignazione, i carabinieri ricevono il sostegno ed il plauso del governo ed anche dell'opinione pubblica, che si pronuncia a favore dell'Arma con lettere e telefonate alle redazioni dei giornali. Come in un reality show, al pubblico è stata data l'occasione di partecipare e di esprimere il suo voto. Peccato che tutta la rappresentazione appaia rigorosamente falsa, proprio come avviene nei reality show.
Che le immagini del pestaggio siano state riprese per caso e siano poi trapelate clandestinamente, è del tutto improbabile. La vicenda ricorda, in scala ridotta, la campagna mediatica sulle "rivelazioni" delle torture nel carcere di Abu Ghraib. Anche in quel caso la comunicazione fu all'insegna dell'ambiguità, del doppio messaggio: un'indignazione di maniera che sottintendeva uno smaccato compiacimento.
In tal modo il Potere può giocare su due tavoli: da un lato pretende di essere umanitario e legalitario, perciò migliore dei suoi avversari, dall'altro lato però rivendica di potersi lasciare completamente le mani libere, irridendo l'ipocrisia dei "buonisti" che non accettano di "sporcarsi le mani". » una debolezza tipicamente occidentale quella di considerare l'impudenza e la mancanza di scrupoli come una sorta di condizione morale superiore, il che consente di poter fare agli altri la morale, rivendicando però per se stessi la libertà da ogni vincolo morale.
Ma la vera ambiguità di questo tipo di messaggi, sta nella loro capacità di trascinare gli spettatori in una dimensione che supera la distinzione tra il vero ed il falso, cioè la dimensione del gioco. In fondo molti spettatori sanno, o sospettano, che i reality show siano finti, ma fanno finta di niente, cioè stanno al gioco.
Allo stesso modo, sono oggi molti di più di quelli che sembrano, a dubitare dell'autenticità della rappresentazione del terrorismo e dello scontro di civiltà tra Occidente e Islam, e magari in tanti sospettano che sia stato proprio Bush a far saltare ieri i grattacieli e oggi le cupole delle moschee; però accettano lo stesso di partecipare al gioco, recitandovi le battute prestabilite.
Non che nel sistema della comunicazione la verità sia completamente assente, ma è confinata in "nicchie". Se invece si vuole accedere - o sperare di accedere - ai vertici della comunicazione, allora bisogna partecipare alla finzione.
Comidad, 2 marzo 2006
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


13/12/2018 @ 18:48:30
script eseguito in 98 ms