"
"La nozione di imperialismo americano non si deve intendere come dominio tout court degli Stati Uniti, ma come la guerra mondiale dei ricchi contro i poveri, nella quale gli USA costituiscono il riferimento ed il supporto ideologico-militare per gli affaristi e i reazionari di tutto il pianeta."

Comidad (2012)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 13/10/2022 @ 00:20:30, in Commentario 2022, linkato 6133 volte)
Michel Foucault oggi non avrebbe nessuna difficoltà a spiegare che il potere non va affrontato con concetti antidiluviani come la sovranità o la legittimità, bensì analizzandolo in base alla rete dei cosiddetti “saperi” che regolano la società. Anzi, forse lo stesso Foucault sarebbe sconcertato dai toni troppo vistosi, di auto-parodia, che il fenomeno ha assunto. Ad esempio in Italia una Presidentessa del Consiglio in pectore prende a calci i propri collaboratori ed alleati, per andare a caccia di “competenti”, di “tecnici di alto profilo” da nominare ministri nel suo governo. Andando poi a vedere in cosa effettivamente consiste il crisma dei detentori di “saperi”, ci si accorge che si tratta di conflitti di interesse: sei “competente” perché hai le mani in pasta sia nel pubblico, sia nel privato. I “saperi” sono l’ideologia, la falsa coscienza, ma anche la mappa, di questo intreccio di interessi e di porte girevoli tra potere accademico, potere politico e potere finanziario. Insomma, la parola “tecnico” si traduce in linguaggio concreto come “lobbista”.
Certo, la Meloni è soggetta alla “democrazia del preside”, come i rappresentanti degli studenti nei Consigli di Istituto. Lo scrittore Kurt Vonnegut fu il primo a notare che la democrazia scolastica mostra risvolti inquietanti in grado di illustrarci i meccanismi della  democrazia tout court. Vediamo così il “preside” Mattarella che protegge la Meloni ed incarica il “vicepreside” (Bruno Vespa) di accreditarla e darle importanza davanti agli studenti/elettori. Ecco perciò una Meloni allevata dai potenti che, al tempo stesso, euforizza le masse con i suoi toni da esaltata. Ma, volendo essere realistici, siamo certi che un governo tutto politico cambierebbe qualcosa?
Il ruolo della politica dovrebbe essere quello di scongiurare le emergenze, evitando anzitutto di alimentarle e ponendo invece le basi di un riequilibrio sociale ed istituzionale. In termini pratici oggi ciò significherebbe non imporre razionamenti e nazionalizzare nuovamente l’ENI e l’ENEL. Le scelte da assumere non sono difficili da capire, anche se sarebbero difficilissime da attuare. Già si rischiano scie di cadaveri poiché si approssimano le nomine dei CEO e dei presidenti delle aziende a partecipazione statale, come ENI; ENEL e Finmeccanica/Leonardo; figuriamoci cosa potrebbe accadere se si ventilasse un’ipotesi di nazionalizzazione. D’altra parte ormai i rischi sono ovunque e lo stesso razionamento potrebbe rivelarsi un’avventura senza ritorno persino per chi se lo augura per specularci. Il problema è che negli anni scorsi abbiamo visto politici come Conte o Speranza assumere il ruolo di lobbisti, magari improvvisati e “amatoriali”, ma molto più attivi ed entusiasti dei lobbisti di mestiere. Nell’epoca della lobbycrazia predatoria (o cleptocrazia lobbistica) la politica non è un luogo decisionale autonomo, bensì una sponda ed un acceleratore del lobbying, ed in questa opera di rilancio e rimbalzo si dimostra persino più creativa e zelante dei lobbisti col regolare pedigree della carriera nel Fondo Monetario Internazionale.

Il punto è che il lobbying non è un’attività distinta e separata, il lobbying siamo noi, siamo lobbisti in quanto “occidentali”, per noi fare lobbying è come respirare, non ce ne rendiamo più nemmeno conto. Cos’è il Sacro Occidente? È una fabbrica di pericoli che ci minacciano, di dittatori che vogliono distruggerci, di catastrofi che incombono, cioè una macchina emergenziale, un grande “war business” basato su guerre reali o metaforiche, come la guerra ai virus. Dire che sei “occidentale” è come dire che sei un drogato di emergenza. Il mondo oscuro e mostruoso che alligna al di fuori del Sacro Occidente, è il luogo dove si generano le minacce. Ma anche all’interno del Sacro Occidente possono aprirsi oscure voragini da cui emergono mostruose creature come i no-vax o i tassisti. Invariabilmente però le minacce veicolano affari e gonfiano titoli in Borsa. Magari ci arriva su WhatsApp un video che narra della tale emergenza o della nefandezza di questo o quel regime, e subito lo rilanciamo; crediamo che il nostro sia impegno civile, mentre in effetti stiamo facendo lobbying anche noi. Federico Rampini ammonisce gli “occidentali” di non farsi venire sensi di colpa, ma in effetti qui non si tratta di sentirsi colpevoli, semmai di sentirsi presi per i fondelli da lobbisti che ti derubano e, al tempo stesso, ti fanno lavorare gratis per loro.
Lo status di “occidentali” ci fornisce però il privilegio di un piedistallo morale dall’alto del quale giudicare gli altri, ed anche questa è una droga a cui sarebbe arduo rinunciare. C’è poi l’imbecille professionista che cerca di ricondurre il miscredente al politicamente corretto, ed è pronto ad ammonirci di non essere indulgenti con i nemici del Sacro Occidente, di non cadere nella tentazione di considerare il nemico del mio nemico come nostro amico. Si tratta di capire però se questi nemici esistono davvero, cioè se la paranoia occidentalista abbia un riscontro oppure sia del tutto strumentale. Dove sarebbero infatti queste sfide ideologiche ed alternative di sistema nei confronti del Sacro Occidente?

Anche nei Paesi più oscurantisti splende infatti il lume del business, e questo lume è tenuto acceso dal Sacro Occidente. Tra gli azionisti della multinazionale russa Gazprom ci sono non soltanto i soliti Blackrock e Vanguard Group, ma anche il fondo di investimento del governo norvegese, Norges Bank. La Norvegia è il Paese che ha espresso l’attuale segretario della NATO Stoltenberg, quello che, secondo il generale Tricarico, straparla e butta benzina sul fuoco senza che ci siano state consultazioni o decisioni comuni tra gli “alleati”. La Norvegia è il Paese europeo che oggi trae i maggiori vantaggi dalla crisi del gas, ma non ha mai cessato di trarre profitti anche dai rapporti con la Russia, persino nel periodo dell’inasprimento delle sanzioni dal 2014 in poi.
Un altro “nemico” che è fatto oggetto di ossessiva narrativa mediatica è l’Iran. Ma davvero è un progresso credere ad Enrico Mentana invece che a Maometto? Potremmo pensare che gli eventi narrati ed i relativi tafferugli siano autentici, se davvero l’Iran fosse questo regime puro, duro e tradizionalista che ci viene presentato. Le “rivoluzioni arancioni” sono fabbricate dalle ONG, ed altre ONG dei diritti umani si fanno carico della narrativa a riguardo; ma l’Iran continua ad essere un paradiso di queste organizzazioni, che sono un notevole veicolo del traffico internazionale di capitali. ONG e fondazioni non profit sono un modo per fare business all’ombra degli ideali e, dovunque si insediano creano una rete di interessi; inoltre reclutano manovalanza e quindi creano dipendenza economica in settori poveri della popolazione. Secondo uno studio (peraltro dai toni entusiastici e promozionali) elaborato dall’Università di Teheran la crisi del Covid è stata affrontata attraverso la collaborazione del governo con le ONG. C’è persino tutta una “sinergia” tra ONG iraniane e straniere. Insomma, anche se i vaccini sono stati pochi in Iran, i business legati al Covid non sono mancati.
Le ONG occidentali sono presenti in Iran da decenni. Già all’inizio degli anni 2000 se ne calcolavano novantadue soltanto tra quelle del Regno Unito, un Paese che ufficialmente è uno dei più ostili all’Iran. In altri termini, il Sacro Occidente può permettersi di essere così aggressivo proprio perché non deve temere sfide ideologiche e modelli alternativi al sistema lobbistico/cleptocratico.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 11/10/2022 @ 11:05:04, in In evidenza, linkato 3780 volte)
(Da Sicilia libertaria n. 430, ottobre 2022)

Zitti zitti, quatti quatti, nel mese di aprile i partiti (tutti) hanno cancellata l’IVA sull’export di armi. La Commissione Finanze del Senato, dopo quella della Camera, ha dato il via libera al decreto legislativo varato dal governo, in attuazione di una direttiva europea del 2019. A onor del vero, “grazie” all’opposizione del Movimento 5 Stelle, che alla fine si è astenuto, la commissione anziché esprimere parere positivo ha espresso parere “non ostativo”, che poi vuol solo dire: “prego, fate come se foste a casa vostra”, o più volgarmente una lavata di mani. Ora la vendita di armi fra i paesi dell’Unione Europea è esente da IVA e accise, come auspicato da Ursula von der Leyen un anno fa.
Il governo ha preferito rinunciare ad un ingente gettito finanziario, pur di favorire un settore che da anni ha il vento in poppa e ingrassa come non mai. Il popolo invece continuerà a pagare l’IVA sul cibo che gli serve per alimentarsi, sulle bollette energetiche carissime, su tutti i generi di prima necessità, sui medicinali e la salute, sui trasporti, sulla cultura, ecc.
Ma le sorprese non finiscono qui; non bastava, infatti, questo “sforzo” volto a configurare una unione militare europea e a favorire la cosa agli armamenti in una fase difficile della nostra storia particolarmente critica per via della guerra in Ucraina; il governo - e quello che si va cucinando in questi giorni non sarà di meno - si prepara ad “allineare il trattamento dell’IVA applicabile agli sforzi di difesa nell’ambito dell’Unione con il quadro dell’Organizzazione del trattato atlantico del Nord – NATO”. La traduzione di questo punto della direttiva UE 2019/2235 del 16/12/2019 vuol solo dire: ampliare il mercato del commercio di armi esenti da IVA all’ambito NATO!
La “opposizione” parlamentare uscita dalle urne il 25 aprile, militarista e filo NATO fino al buco del culo, opporrà forse il proprio parere “non ostativo”, ma soprattutto si sforzerà di nascondere questa ennesima porcata al popolo tartassato.
Prima o poi, ricordiamocelo, dovranno pagare il conto delle loro malefatte, con tanto di IVA. Ma anche di IRA degli sfruttati.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (5)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (52)
Commentario 2020 (54)
Commentario 2021 (52)
Commentario 2022 (49)
Commenti Flash (61)
Documenti (30)
Emergenze Morali (1)
Falso Movimento (10)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (28)
Links (1)
Manuale del piccolo colonialista (18)
Riceviamo e pubblichiamo (1)
Storia (9)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


02/12/2022 @ 21:37:54
script eseguito in 82 ms