"
"Gli errori dei poveri sono sempre crimini, mentre i crimini dei ricchi sono al massimo 'contraddizioni'."

Comidad (2010)
"
 
\\ Home Page : Archivio (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di comidad (del 25/09/2016 @ 01:30:30, in Documenti, linkato 844 volte)
Le ultime ripugnanti vignette pubblicate da Charlie Hebdo, che sembrano prendersi gioco dei terremotati (italiani…mafiosi… mangia lasagne… tutto molto originale), ripropongono il tema del capovolgimento del ruolo degli elementi in gioco in occasione di un evento terroristico.
Il cantautore francese Renaud (alcune sue canzoni sono state riproposte in italiano dal nostro Alessio Lega con la solita bravura) – vera istituzione della canzone di protesta d’oltralpe, di dichiarate simpatie anarchiche, ma con qualche ambiguità di troppo – ha scritto centinaia di canzoni contro i conformismi del militarismo, dei nouveaux philosophes, dello show biz, dei dementi della Parigi-Dakar, delle guerre, dei nuovi ricchi; ha dichiarato di essere un po’ l’erede di Brassens e gli ha dedicato interi dischi, anche se lo stile è diversissimo, ma poi è stato spesso vicino al partito socialista, ha sostenuto le sue campagne elettorali (Ségolène Royale, 2007). Dopo un lungo silenzio, che avrebbe fatto bene a mantenere, ha pubblicato un disco di solidarietà con Charlie Hebdo dal titolo inequivocabile: J’ai embrassé un flic.
In realtà, il testo della canzone si riferisce alla manifestazione di solidarietà con Charlie Hebdo dopo gli attentati, e Renaud spiega nel testo che, disgustato dalla compagnia dei leader politici (alcuni noti banditi, presidenti, sottoministri, sovranucci senza gloria…), ha abbracciato uno sbirro dalla faccia simpatica. Vari secoli fa, Giorgio Gaber inveiva: “l’unica cosa che siete riusciti a ottenere è la stupida pietà per il carabiniere”.
A febbraio 2015, il filosofo marxista Slavoj Žižek scriveva un articolo con alcune (alcune) considerazioni sensate sulla strage di Charlie Hebdo. Lo spettacolo dell’11 gennaio, di tutti i leader politici del mondo (criminali noti e meno noti) che si tengono per mano in segno di solidarietà con le vittime del massacro di Parigi era quanto di più ipocrita si potesse immaginare. Perché Charlie non ha fatto una copertina su quella squallida passerella?
"… i momenti estatici delle manifestazioni parigine hanno dato corpo a un trionfo dell’ideologia: hanno unito il popolo contro un nemico che con la sua fascinosa presenza cancella momentaneamente ogni antagonismo. All’opinione pubblica è stata offerta una scelta triste e deprimente: o sei (parte dello stesso organismo) un flic o sei (solidale con) un terrorista (vedi Renaud)."
"Anche se in certe situazioni può apparire rigenerante, l’atteggiamento bête et méchant di Charlie Hebdo è chiaramente limitato dal fatto che la risata di per sé non è liberatoria, ma profondamente ambigua. (…) gli spartani, molto orgogliosi della loro severità, mettevano il riso al centro della loro ideologia e della loro prassi perché lo consideravano un potere che aiuta ad accrescere la gloria dello stato (…) Il tipo di risata degli spartani – l’irrisione di un nemico o di uno schiavo umiliato per schernire i suoi timori e la sua sofferenza da una posizione di potere – sopravvive ancora oggi (…) Il problema dell’umorismo di Charlie Hebdo non era che esagerava con l’irriverenza, ma che era un eccesso innocuo che si adattava perfettamente al cinico funzionamento egemonico dell’ideologia nelle nostre società."
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Di comidad (del 22/09/2016 @ 03:06:14, in Commentario 2016, linkato 1043 volte)
A volte l’astensionismo tende ad attribuire agli elettori un fideismo che, se mai c’è stato, è scomparso da tempo. Non è la fiducia in questa o quella lista, o questo o quel candidato, a muovere l’elettore ma, più spesso, un atteggiamento che si potrebbe definire “almenistico”. Nelle ultime elezioni amministrative gran parte del voto si è concentrato sul Movimento 5 Stelle nonostante il crescente scetticismo che lo circonda, per l’obiettivo modesto di evitarsi “almeno” di dover vedere la faccia soddisfatta di Renzi alla proclamazione dei risultati. Mentre un establishment sempre più autoreferenziale cerca di attribuire all’elettoralismo un ruolo esclusivamente plebiscitario, come reazione “dal basso” l’elettoralismo ha trovato nuovi fervori nutrendosi di un crescente minimalismo nei confronti delle attese.
In questa concezione minimalistica dell’elettoralismo alcuni si sono determinati a votare no al referendum costituzionale, che dovrebbe svolgersi nei prossimi mesi, pur riconoscendo che le Carte Costituzionali lasciano il tempo che trovano e che i meccanismi di regolazione del potere sono altrove. C’è persino chi dice che “almeno” non è il caso di farci ridere dietro da tutto il mondo presentando una nuova Costituzione irta di passaggi farneticanti e sgrammaticati. La Costituzione sarà studiata anche nelle Università estere, dove rischieremmo di esibire un testo talmente malfermo da risultare intraducibile. Per gli “almenisti” c’è in giro in questi giorni anche altro materiale tale da spingere a correre a votare no. L’ambasciatore USA in Italia, John Phillips, ha dichiarato che una vittoria del no allontanerebbe gli investimenti statunitensi, e questa sortita potrebbe costituire anch’essa un’ottima motivazione per votare, così “almeno” si respingerà al mittente tanta protervia.
Stranamente stavolta le esternazioni dell’ambasciatore USA hanno riscosso nel mondo politico una unanime mandata a quel Paese, persino da parte del mite Pier Luigi Bersani. L’ex segretario del PD appare oggi come un leader degli “almenisti”, tanto che si dichiara pronto anche a votare sì in cambio di una nuova legge elettorale che “almeno” eviti pasticci maggioritari e garantisca l’elezione, e non la nomina, di deputati e senatori. Il tanto bistrattato Bersani stavolta centra il nocciolo del problema: persino una legge elettorale è più decisiva di un testo costituzionale.

Nei giorni scorsi la morte di Carlo Azeglio Ciampi, oltre alle retoriche celebrazioni di rito, è stata l’occasione per rivangare quell’episodio del 1981, quello del famoso “divorzio” tra Tesoro e Banca d’Italia, consumato dal ministro Beniamino Andreatta e dallo stesso Ciampi, allora governatore della banca centrale. In un articolo di dieci anni dopo, pubblicato su “Il Sole-24 ore”. Andreatta definì quell’operazione come una “congiura aperta” compiuta da lui e da Ciampi per mettere il governo davanti al fatto compiuto. Un “complotto” in piena regola, ma alla luce del sole.
Il povero Andreatta evidentemente si sopravvalutava, perché avrebbe dovuto spiegarci come mai i suoi successori nella carica di ministro del tesoro non avessero “pensato bene” di annullare quel “divorzio” che stava mandando alle stelle il nostro debito pubblico in quanto non era più la banca centrale ad acquistare i titoli di Stato invenduti, bensì il “mercato”, che esigeva esosi tassi d’interesse. Il punto è che il “mercato” era composto da una lobby italiana di banchieri e imprenditori, anche di Stato, che avevano “pensato benissimo” di investire in titoli del debito pubblico, sicuri e remunerativi, invece che in rischiosi investimenti produttivi. La “narrazione” ufficiale ha spacciato la lievitazione del debito pubblico come un mezzo adottato dai nostri politici per consentire l’espansione del welfare (campioni di altruismo!); mentre il debito pubblico è stato invece uno strumento della prima grande deindustrializzazione, quella degli anni ‘80. Gli imprenditori pubblici e privati avevano ricevuto in quegli anni una pioggia di finanziamenti statali per la “riconversione industriale” (sessantamila miliardi di vecchie lire solo alla FIAT), e quasi tutti quei soldi statali finirono nell’acquisto di ... titoli di Stato!
Andreatta invocava a giustificazione del “divorzio” anche la tenuta dello SME, il sistema monetario europeo a cambi fissi, prodromo dell’unificazione monetaria. L’alibi europeo costituì un ottimo viatico anche per le nostre lobby bancarie e industriali, che però non avevano calcolato che sarebbero man mano rimaste avviluppate nelle spire di quello stesso alibi, al punto da perdere ogni autonomia e di condannarsi ad un tale declino e ad un tale grado di colonizzazione da non essere più libere nemmeno di salvare le proprie banche.

Le “borghesie nazionali” sono un mito (o una svista) del XIX secolo, dato che tutte le oligarchie tendono a coltivare il senso del proprio sradicamento verso i rispettivi contesti nazionali, ponendosi come “bolle” autoreferenziali che trovano nella relazione sovranazionale gli strumenti, gli appoggi e le scadenze per regolare all’interno i conti con le proprie classi subalterne. Il simbolo più clamoroso di questo orgoglio del proprio sradicamento è la City finanziaria di Londra, amministrativamente autonoma e, di fatto, uno Stato nello Stato, che, senza remore, attribuisce la cittadinanza onoraria a potenti di tutti Paesi, Putin compreso. Anche in Italia vi è un’oligarchia che si è riprodotta attraverso le generazioni tramite i propri riti, le proprie scuole e le proprie logge massoniche; un’oligarchia che ha usato il finto ideale - in realtà pretesto - europeistico per esasperare lo sfruttamento dei lavoratori e dei contribuenti. Anche se oggi i rapporti di forza sovranazionali condannano questi oligarchi nostrani ad un ruolo sempre più subalterno, ciò non può risvegliare in loro una “coscienza nazionale”, dato che è la lobby a conferirgli identità ed a riscuotere la loro fedeltà. Meno male che gli è rimasta la risorsa del collaborazionismo.
Articolo (p)Link   Storico Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (50)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
Fenêtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si é formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si é evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


13/12/2018 @ 19:14:01
script eseguito in 57 ms