"
"Il capitalismo non è altro che il rubare ai poveri per dare ai ricchi, e lo scopo della guerra psicologica è quello di far passare il vampiro per un donatore di sangue; perciò il circondarsi di folle di bisognosi da accarezzare, può risultare utile ad alimentare la mistificazione."

Comidad (2009)
"
 
\\ Home Page : Archivio : Commentario 2006 (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 08/06/2006 @ 22:10:43, in Commentario 2006, linkato 971 volte)
Le recenti dichiarazioni a proposito dell'immigrazione rilasciate da Gennaro Migliore, capogruppo alla Camera di Rifondazione Comunista, confermano quanto si pensava da anni, e cioè che il PRC svolge ormai la funzione istituzionale di fare da sponda alla propaganda dominante.
Nel 2001 la campagna referendaria di Rifondazione sull'estensione dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori alle imprese con meno di quindici dipendenti, fornì un avallo al vittimismo dei padroni, facendo il gioco della loro propaganda, secondo la quale in Italia non vi sarebbe la libertà di licenziare. In realtà la copertura offerta ai lavoratori dall'articolo 18 riguarda solo i casi di licenziamenti per discriminazione sindacale, politica o religiosa. Questo è il motivo per il quale l'articolo è inapplicabile nelle imprese con pochi dipendenti, dato che in questi casi il padrone può sempre accampare la giustificazione di aver licenziato un dipendente solo per risparmiare, cosa che la legge gli ha sempre consentito.
Ma non è tutto. Ancora adesso che si è dimostrato che Saddam non possedeva più nessuna arma di distruzione di massa, e che l'Iraq è stato aggredito e occupato proprio perché inerme, Rifondazione insiste con la retorica pacifista della Costituzione che ripudia la guerra come strumento per la risoluzione delle controversie internazionali (tra l'altro questo è uno slogan della propaganda statunitense degli anni '40, recepito acriticamente dai nostri costituenti). In tal modo Rifondazione dà un sostegno al vittimismo del cosiddetto "Occidente", al quale i pacifisti negherebbero il diritto di difendersi dalla presunta aggressione islamica.
Tutta la propaganda degli Stati cosiddetti occidentali è basata sul vittimismo: l' "Occidente" sarebbe vittima di ondate migratorie degli islamici, i quali - ingrati -, dopo essersi installati in massa, si darebbero al terrorismo kamikaze ed alle rivolte. Ma anche nei confronti del mondo arabo/islamico il cosiddetto "Occidente" ha già pronta una giustificazione, secondo la quale il governo statunitense sarebbe vittima delle cattivissime "lobby ebraiche", che lo costringerebbero ad aggredire i Paesi islamici ed a rimanere insensibile alle istanze dei Palestinesi. In realtà Israele è solo un'appendice territoriale degli Stati Uniti almeno dal 1973 (anno della sconfitta israeliana nella guerra del Kippur), il sionismo è ormai una mera propaggine della CIA, mentre ogni politico israeliano che cercasse di muoversi in proprio sarebbe subito ammazzato, come è successo a Rabin.
Adesso, grazie a Migliore, il cosiddetto "Occidente" può ancora additare i terzomondisti come i colpevoli della eccessiva immigrazione, dato che gli impedirebbero di difendere le frontiere e di far rispettare la legalità. Insomma, stavolta è proprio sembrato che invece di avanzare seriamente la proposta di chiudere i centri di "accoglienza" e di regolarizzare subito i clandestini, Migliore stesse lì a screditare la proposta stessa, per porgere la battuta agli Alberto Ronchey e Sergio Romano che, dalle colonne del "Corriere della sera" si fanno carico di sostenere le ragioni della difesa dell'Occidente, vittima degli eccessi del terzomondismo. Infatti Migliore come ha motivato la proposta? Dicendo che ogni immigrato ha una storia individuale. Ma che c'entra?
Il problema è che oggi l'emigrazione non riguarda dei singoli che arrivano con passaporto con visto turistico e poi si danno alla clandestinità, ma è un fenomeno di persone che arrivano senza passaporto, cioè sono sotto il controllo assoluto di chi le ha fatte emigrare. E non si tratta solo di islamici, dato che la maggiore corrente migratoria è quella cinese.
Stando così le cose, la regolarizzazione immediata sarebbe un modo di far sfuggire subito gli immigrati al controllo dei trafficanti e dei gestori del lavoro nero, perciò costituirebbe anche un contrasto al traffico di esseri umani. In altre parole, regolarizzare subito è necessario, dato che è proprio la clandestinità a rendere l'emigrazione un business, perché è la clandestinità a rendere ricattabile il lavoratore emigrato. » come con gli stupefacenti: è solo il proibizionismo a renderli un affare.
Perché allora Migliore, invece di interpretare la parte del terzomondista col cuore in mano, non ha spiegato queste cose?
Speriamo che anche all'interno di Rifondazione ci si cominci a fare di queste domande.
Comidad, 8 giugno 2006
 
Di comidad (del 01/06/2006 @ 22:08:47, in Commentario 2006, linkato 1026 volte)
In questi giorni gran parte dei commenti sulla Polonia erano incentrati sul fare gli esami di antisemitismo o filosemitismo a questo Paese, trascurando invece degli aspetti che avrebbero dovuto far riflettere. La messa del 26 maggio, celebrata dal papa a Varsavia davanti a circa mezzo milione di persone, si è svolta nella grande piazza intitolata al maresciallo Pilsudski, l'altro eroe ufficiale della Polonia, accanto a Woityila.
Pilsudski! Chi era costui?
In sintesi, è l'uomo che ha condotto il proprio Paese al macello, inducendolo a fidarsi degli Stati Uniti. La rivalutazione di questo personaggio è l'effetto di una rivalutazione acritica del passato pre-comunista della Polonia. La grande Polonia, tra la fine della prima e l'inizio della seconda guerra mondiale, era un Paese dai confini irrealistici, che comprendeva al suo interno quasi la metà di cittadini di altre nazionalità. Questa Polonia era la creatura del presidente degli Stati Uniti, Wilson, che così l'aveva imposta nel 1918 a Versailles.
Fu Pilsudski a guidare questa Polonia come dittatore sino al 1935, anno della sua scomparsa. Era un personaggio ambiguo, che aveva parecchi tratti in comune con Mussolini. Tra l'altro anche Pilsudski aveva un passato da dirigente socialista, diventando poi un campione della guerra al comunismo sovietico. Questa Polonia imperialistica e velleitaria degli anni '20 e '30 era stata voluta dagli Stati Uniti ed aveva formalmente l'appoggio di Francia e Gran Bretagna, eppure nel settembre del 1939 l'esercito polacco andò a cavallo al massacro contro i carri armati e gli aerei di cui Hitler aveva potuto dotarsi anche grazie alla General Motors e alla Ford.
Come è noto, la Polonia fu "liberata" dalle truppe sovietiche nel 1945, il che permise, se non altro, la cessazione del genocidio. I tanti volontari polacchi che volevano combattere il nazismo non poterono aver parte nella liberazione del proprio Paese, perché nel frattempo, insieme agli indiani ed ai mercenari marocchini, venivano impegnati dagli Stati Uniti nelle battaglie più sanguinose per la "liberazione" dell'Italia.
Questa è la storia ufficiale, mentre la cronaca di questi ultimi giorni aveva appena visto un timido tentativo del governo polacco di prendere le distanze dagli Stati Uniti circa l'impegno militare in Iraq. » bastato questo perché iniziasse una campagna propagandistica mondiale sull'antisemitismo in Polonia. Così la Polonia, santificata sino a poco tempo fa dalla propaganda, si è trovata improvvisamente sotto processo, e persino la sua ammissione all'Unione Europea appare in questione.
Certo, la Polonia non ha un passato limpido circa l'antisemitismo. Ma chi è che ce l'ha?
Ogni popolo è ricattabile e strumentalizzabile anche attraverso i suoi falsi miti ed i suoi falsi eroi, che costituiscono altrettanti vincoli di sudditanza coloniale, poiché impediscono di fare i conti col proprio passato. In questo senso, la Polonia può costituire un utile specchio per tutti.
Comidad, 1 giugno 2006
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (8)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (2)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


23/02/2019 @ 22:06:56
script eseguito in 54 ms