"
"L'abolizione dello Stato e del diritto giuridico avrà necessariamente per effetto l'abolizione della proprietà privata e della famiglia giuridica fondata su questa proprietà."

Programma della Federazione Slava, 1872
"
 
\\ Home Page : Archivio : Commentario 2006 (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 13/04/2006 @ 21:53:58, in Commentario 2006, linkato 811 volte)
A poche ore dalla chiusura delle urne, l'elettore di sinistra si è trovato precipitato dal ricatto dell'emergenza Berlusconi al ricatto dell'emergenza ingovernabilità. Nel corso del pomeriggio e della notte di lunedì, l'elettore di sinistra è stato indotto a credere che se prima doveva essere disposto ad accontentarsi di un governo borghese - purché senza Berlusconi -, ora doveva cominciare ad accettare la prospettiva di un governo come che sia - anche con Berlusconi -, purché venga assicurata la governabilità del Paese. La legge delle aspettative decrescenti (vedi news precedenti) ha colpito ancora una volta, e inesorabilmente.
In Italia i brogli elettorali di tipo materiale hanno dei limiti precisi. Non è come negli Stati Uniti, dove non esiste nessuna anagrafe elettorale, e quindi i poteri locali hanno praticamente la possibilità di "fabbricare" il risultato elettorale desiderato. In Italia gli elettori sono ben identificati e catalogati, perciò si può manipolare qualcosa, si possono orientare tendenziosamente i dati man mano che escono, grazie ai software di conteggio dell'apparato informatico del Ministero degli Interni, ma poco più di questo. Dove, però, sono carenti i mezzi materiali, suppliscono gli illimitati mezzi della guerra psicologica, perciò è stato possibile far passare una vittoria elettorale del centrosinistra come una sconfitta.
Dapprima si è fatta intravedere all'elettore di sinistra una vittoria in termini esagerati ed irrealistici, addirittura trionfali. Man mano gli si è fatta sgretolare questa vittoria sotto gli occhi, sino a prospettargli nella tarda serata una vittoria della destra, così che il povero elettore di sinistra è caduto nella più nera depressione. Martedì mattina molti elettori di sinistra si sono svegliati convinti di aver perso le elezioni.
Che la maggior parte dell'opinione di sinistra abbia abboccato non è sorprendente. L'elettoralismo funziona soprattutto come un'ideologia astratta, che prescinde persino dai suoi reali meccanismi pratici.
In realtà, rispetto alla situazione data, il centrosinistra ha ottenuto il massimo che poteva ottenere, stante l'attuale legge elettorale e la prospettiva di ingresso dei comunisti al governo. Dall'altra parte, Berlusconi, che ha raschiato anche il fondo del voto anticomunista e di compravendita, non è riuscito a superare la soglia del cinquanta per cento. Eppure lo sconfitto è stato fatto passare dai media come il vincitore morale delle elezioni.
Oggi Berlusconi può usare il riconteggio delle schede nulle - peraltro già previsto dalla normativa in atto, e che sarebbe stato comunque attuato -, come un'arma di ricatto politico per premere i DS e la Margherita nel senso di un'ipotesi di governo megacentrista alla tedesca.
Tutta questa manipolazione risulta possibile appunto perché l'elettoralismo costituisce un'ideologia astratta, che non mette in discussione lo scenario delle scelte a disposizione e la loro effettiva consistenza. In tal modo tutte le emergenze, anche le più pretestuose e fittizie, riscuotono sempre credito. L'elettore è perciò una vittima ideale della guerra psicologica del Dominio. Anzi, si può dire che sia proprio l'elettoralismo ad educarlo a diventarne vittima.
Comidad, 13 aprile 2006
 
Di comidad (del 06/04/2006 @ 21:51:53, in Commentario 2006, linkato 1532 volte)
Berlusconi appare strano, persino assurdo, soltanto se lo si considera un politico o un imprenditore, mentre risulta del tutto normale se lo si inquadra nel suo autentico ruolo, quello di provocatore di professione. Dato che la guerra psicologica non ha uno status di ufficialità, anche la figura professionale del provocatore non è ufficialmente riconosciuta, il che, però, è essenziale perché la strategia provocatoria possa funzionare.
In questi giorni milioni di elettori vanno a votare senza aver nulla da chiedere allo schieramento di centrosinistra, se non di liberarli da Berlusconi. Quindi la provocazione ha ottenuto in questi anni il suo obiettivo strategico, dato che le pretese dell'elettorato di sinistra si sono sempre più abbassate, sino a giungere ad un punto minimo, cioè quello di poter avere un Presidente del Consiglio meno indecente e imbarazzante di quello attuale.
Una teoria sociologica che andava di moda alla fine degli anni '70, affermava che la società tende ad esprimere "aspettative crescenti". I fatti di questi ultimi decenni hanno rovesciato questa "legge delle aspettative crescenti", dato che oggi le aspettative risultano palesemente decrescenti, ed ormai l'elettore di sinistra è disposto ad andare ogni volta disciplinatamente alle urne accontentandosi di sempre meno.
Ad una destra sempre più oscena ed impresentabile, corrisponde perciò una sinistra sempre più minimalista. L'emergenza antropologica costituita da Berlusconi, consente infatti alla sinistra di legittimarsi sempre più al ribasso, senza dover mettere in questione nessun assetto di potere e nessuna posizione di privilegio. Ma un governo borghese viene considerato, anche dall'estrema sinistra, preferibile ad un governo di mafiosi e fascisti.
Questa legge delle aspettative decrescenti è la stessa per la quale viene estorto consenso sociale alla precarizzazione. "Un lavoro precario non è meglio di nessun lavoro?", è la domanda capziosa che caratterizza la propaganda su questo tema.
Nello stesso fenomeno può essere inquadrata anche la tendenza di una parte della pubblicistica anarchica a considerare il dominio americano come male minore nei confronti del pericolo rappresentato dall'oscurantismo islamico.
La legge delle aspettative decrescenti si presenta come atteggiamento realistico e persino come rifiuto del "tanto peggio, tanto meglio", ma è soltanto guerra psicologica.
Comidad, 6 aprile 2006
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (46)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (4)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


20/11/2019 @ 12:37:07
script eseguito in 45 ms