"
"L'abolizione dello Stato e del diritto giuridico avrà necessariamente per effetto l'abolizione della proprietà privata e della famiglia giuridica fondata su questa proprietà."

Programma della Federazione Slava, 1872
"
 
\\ Home Page : Archivio : Commentario 2006 (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 26/10/2006 @ 22:37:54, in Commentario 2006, linkato 1063 volte)
Per compensare l'ondata di indignazione dei commentatori ufficiali alla notizia dell'assunzione di ventimila nuovi insegnanti, il governo Prodi ha promesso di procedere nei prossimi anni alla cancellazione di almeno cinquantamila posti di lavoro nella Scuola, tramite misure come il taglio delle classi ed il riciclaggio del personale in esubero.
In realtà queste misure sono già state prese da tempo. Nel 1993 vi fu un altro taglio delle classi che fece annunciare trionfalmente ai media che i precari della Scuola non avrebbero più insegnato. Da allora le assunzioni nel settore Scuola sono state invece centinaia di migliaia, nonostante la persistenza di quote elevatissime di precariato. Il problema per il Dominio è che l'organizzazione del lavoro ha una sua rigidità oggettiva, che non si lascia piegare completamente all'utopia della precarizzazione assoluta.
Ma il sistema di dominio, anche quando non riesce ad imporre del tutto i suoi progetti nelle relazioni di lavoro reali, non rinuncia comunque a riaffermare la sua visione sul piano della propaganda o, per meglio dire, della guerra psicologica. Insomma, se non puoi licenziarli, cerca almeno di avvilirli e di criminalizzarli.
Il ruolo della guerra psicologica è regolarmente sottovalutato dall'opposizione sociale, la quale perde di vista anche che le tecniche di propaganda sono sempre le stesse, anche quando gli ambiti appaiono completamente diversi. » proprio in questi casi in cui la propaganda appare più fine a se stessa, che essa rivela la sua costante: il querulo vittimismo del potente nei confronti della minaccia costituita dai deboli. Il vittimismo è infatti un privilegio dei potenti, un lusso che i deboli non possono consentirsi.
Il lavoratore è sempre presentato come un parassita, e l'oppositore sempre come un fanatico, quindi come un terrorista effettivo o potenziale. La propaganda non rinuncia mai ad avvilire l'immagine del lavoratore o dell'oppositore, e quindi non perde occasione di metterli in ridicolo sottolineandone la debolezza. Ma, al tempo stesso, li presenta come una minaccia, come pericoli incombenti in grado di giustificare ogni emergenza.
Questa evidente contraddizione viene risolta sul piano moralistico: la cattiveria dei lavoratori e degli oppositori serve a spiegare tutto, il fanatismo ed il parassitismo sarebbero da soli in grado di compensare la posizione di debolezza, a fornire mezzi tecnici, a superare ostacoli e controlli. Ad esempio, sul forum di Contropotere si può consultare uno studio criminologico sulla figura dell'anarchico insurrezionalista, descritto come frustrato, disoccupato, mammone ed anche un po' scemo, però comunque in grado di tenere in scacco con i suoi pacchi bomba gli apparati delle polizie palesi o segrete, e tutto ciò soltanto grazie alla confusione mentale che gli deriva dalla sua visione distorta del mondo.
Per non far notare questo tipo di contraddizioni, è perciò necessario per il Dominio che la guerra psicologica non si prenda mai pause, che potrebbero diventare pericolosi varchi per il senso critico.
Comidad, 26 ottobre 2006
 
Di comidad (del 19/10/2006 @ 22:40:11, in Commentario 2006, linkato 1329 volte)
Il 17 ottobre le agenzie di stampa hanno diffuso le foto dei bambini nordcoreani colpiti dalla carestia provocata dal tirannico governo stalinista, il quale, mentre la popolazione muore di fame, impegna le sue risorse in costosissimi programmi nucleari. Nel 1991, durante la prima guerra del Golfo, le agenzie diffusero le immagini del cormorano inzaccherato dal petrolio fuoriuscito a causa dei bombardamenti iracheni, e, verso la fine della guerra, la scena del prigioniero iracheno che si inginocchiava davanti al soldato americano che gli portava da mangiare. A distanza di qualche anno abbiamo saputo che quelle immagini erano dei falsi. Come pure era falsa la notizia dei soldati iracheni che rubavano le incubatrici dagli ospedali del Kuwait, gettando via i neonati che ancora contenevano. » risultata poi falsa anche la notizia del genocidio da parte dei Serbi in Kossovo, che giustificò l'attacco della NATO alla Serbia.
A distanza di qualche anno, le stesse agenzie di stampa che diffondono le false notizie, poi riportano, anche se in modo molto meno eclatante, la smentita di quelle stesse notizie. Ciò dovrebbe indurre oggi ad una prudenza nell'accettare le notizie e le immagini sulla carestia in Corea del Nord, ma c'è poco da sperarci. Anche da parte di molti oppositori, ogni dubbio a riguardo verrebbe indicato come uno schierarsi con un governo tirannico, con il quale non si deve essere confusi. Ciò spiega anche perché non vi sia stata nessuna esitazione a prendere come oro colato i rapporti di un'organizzazione ambigua come Amnesty International a proposito delle presunte atrocità commesse dagli Hezbollah.
Ecco perché il Potere lascia che alla fine la verità venga alla luce. Coprire in ogni modo la verità sarebbe infatti inutilmente costoso. Cosa ha cambiato, infatti, la scoperta che le armi di distruzione di massa di Saddam non esistevano più? Nulla.
Il carabiniere saltato in aria nella sua caserma mentre confezionava una bomba, ha fatto poi dubitare qualche compagno in più sull'autenticità dei pacchi bomba "anarcoinsurrezionalisti"? Non risulta.
Cambierebbe qualcosa quando si accertasse che tutta la versione ufficiale sull'11 settembre è un falso? Probabilmente, no. Anzi, quasi tutti - oppositori compresi - sarebbero, almeno inizialmente, disposti a credere al prossimo 11 settembre.
Il problema è che, nel conflitto di classe la comunicazione non è nient'altro che un'arma. Due autori così diversi come Max Stirner ed Alessandro Manzoni (per bocca di fra Cristoforo, ne "I Promessi Sposi", cap. VII) hanno messo in evidenza come nel campo di battaglia della comunicazione non vi sia nulla di più irrilevante della verità.
Il sistema giuridico statunitense ha addirittura formalizzato l'irrilevanza della verità, perciò, anche se un condannato riesce a dimostrare la sua innocenza, il fatto di per sé non è un motivo sufficiente per scagionarlo, ma è condizionato a motivi di opportunità.
Non soltanto la verità è irrilevante, ma più la menzogna è sfacciata, più la notizia è palesemente assurda, più essa diviene un segnale di forza. La posizione di forza non serve soltanto a imporre le false notizie, ma anche a farne mancare di vere. » chiaro che nel momento in cui Putin ha dato il suo determinante voto nel Consiglio di Sicurezza dell'ONU alla risoluzione voluta da Bush, deve avere ottenuto qualcosa in cambio, magari l'omertà dei media europei e americani su quanto avverrà in Cecenia nei prossimi giorni.
Il vero messaggio della propaganda perciò non è la sofferenza del bambino o del cormorano, ma la posizione di forza di chi impone la notizia o la non notizia. Ed è esattamente questo il messaggio che viene recepito.
La comunicazione nasce da premesse gerarchiche e serve a creare gerarchie, e la stessa opposizione tende spesso a non sfidare queste gerarchie. Questo comportamento di alcuni oppositori non va ritenuto in sé contraddittorio o incoerente, dato che la stessa posizione di oppositore può essere da loro interpretata e vissuta come un ruolo subordinato nella gerarchia; un ruolo magari provvisorio in attesa di carriera e promozioni. Non è un caso quindi, e neppure semplice incoerenza, se molti propagandisti ufficiali provengono dalle file della sinistra o dell'estrema sinistra.
Le gerarchie della comunicazione sono dei contenitori i cui contenuti possono cambiare, solo lo schema rimane inalterato. Ad esempio, l'antisemitismo oggi è reato, ma lo schema propagandistico secondo cui un'organizzazione di privati possa permettersi di sfidare il mondo nasce proprio nell'ambito dell'antisemitismo. L'antenato di Al Qaeda è i Sette Savi di Sion. Oggi l'Occidente sarebbe minacciato dal fondamentalismo islamico, allo stesso modo in cui un secolo fa il mondo era minacciato dall'Ebreo Internazionale. Gli Ebrei costituiscono un soggetto labile ed indeterminato quanto gli Islamici, ma ciò non ha impedito ad Henry Ford di scrivere della minaccia ebraica ne " L'ebreo Internazionale", o a Oriana Fallaci di scrivere della minaccia islamica ne "La rabbia e l'orgoglio".
Molti si sono chiesti come si sia potuto dare credito ad un falso grossolano come i Protocolli dei Sette Savi di Sion. Ma perché, il video di Bin Laden che parla dei suoi sogni non è un falso altrettanto grossolano ?
Il problema è che l'attendibilità di una notizia viene valutata non in base alla sua veridicità, ma in base alla gerarchia che la esprime.
Comidad, 19 ottobre 2006
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (8)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (2)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


23/02/2019 @ 22:51:19
script eseguito in 50 ms