"
"Se la pace fosse un valore in sé, allora chi resistesse all'aggressore, anche opponendosi in modo non violento, sarebbe colpevole di lesa pace quanto l'aggressore stesso. Perciò il pacifismo è impotente contro la prepotenza colonialistica che consiste nel fomentare conflitti locali, per poi presentarsi come pacificatrice."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio : Commentario 2007 (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 12/04/2007 @ 23:05:51, in Commentario 2007, linkato 889 volte)
In vista dell'inizio del processo che lo vede imputato in contumacia per l'uccisione di Nicola Calipari, l'ex soldato della Guardia Nazionale statunitense Mario Lozano ha rilasciato un'intervista al "New York Post", intervista nella quale sono riprodotti i consueti schemi narrativi della propaganda, così come li possiamo abitualmente riconoscere nei telefilm americani. Ingiustamente perseguitato per aver fatto solo il suo dovere in condizioni estreme, il povero Lozano è stato abbandonato dalla moglie, ha dovuto rinunciare a fare il poliziotto e magari beve per dimenticare. Lozano è la vittima sacrificale di una concezione astratta e burocratica della giustizia, che non tiene conto delle difficoltà concrete che si vivono in zona di guerra.
Il personaggio interpretato da Lozano nell'intervista ricalca quelli di solito interpretati da Erik Estrada, un personaggio che si basa sui consueti luoghi comuni razzistico/paternalistici dell'ispanico un po' deficiente, ma che, se inserito in un sistema, può svolgervi con buona volontà la sua parte. Per il telefilm che si produrrà sulla vicenda di Lozano, Erik Estrada non potrà essere utilizzato per raggiunti limiti di età, ma già c'è sicuramente pronto qualche attore dello stesso tipo, magari lo stesso Lozano, che forse non è neppure mai stato un soldato, ma semplicemente un attore. Nulla di più facile che Lozano non abbia mai nemmeno messo piede sul posto dove Calipari è stato ucciso. Per accorgersi subito che il nome di Lozano era solo un'esca, i nostri magistrati avrebbero potuto considerare il modo in cui è venuto fuori questo nome nel 2005. Il suo nome si troverebbe in un rapporto scaricato dal sito della forza di occupazione statunitense in Iraq, un rapporto pieno di cancellature. Ciononostante però un esperto informatico sarebbe riuscito a ricostruirne il testo integrale. Certo, quelli che gestiscono il sito della forza di occupazione sembrano un po' troppo ingenui e pasticcioni, ma probabilmente ci verrà spiegato che anche loro sono degli ispanici.
Il processo che la magistratura italiana inizierà il 17 aprile contro Lozano si basa su accuse assolutamente generiche e fumose. Nell'accusa si parla di omicidio volontario, di dolo: ma allora con quale movente? I magistrati non ne indicano nessuno, e compensano tale carenza con un uso disinvolto del termine "oggettivo". Giuliano Ferrara e gli altri americanofili di professione troveranno quindi la strada spianata per diffondere le loro consuete lamentele vittimistiche sull'ingratitudine nei confronti dei poveri americani. Certo, ci verrà fatto intendere che se al posto di Lozano ci fosse stato un anglosassone dai nervi d'acciaio, tutto questo non sarebbe accaduto, ma non si potrà rimproverare il governo statunitense per il fatto che concede generosamente anche alle razze inferiori di servire il proprio Paese.
Dopo aver permesso a Lozano la possibilità di interpretare a distanza la parte della vittima, il nostro tribunale probabilmente lo condannerà per un reato minore come l'omicidio colposo, forse concedendogli anche la condizionale.
Questi sarebbero gli eroici magistrati che riscuotono l'ammirazione ed il sostegno incondizionati di Marco Travaglio e degli altri cantori della pubblica moralità: dei magistrati che si lasciano abbindolare dal primo falso documento che gli viene sventolato davanti, e che si prestano a subire qualsiasi depistaggio come se si trattasse di un evento naturale a cui non ci si può sottrarre.
All'inizio degli anni '90, una parte in commedia di questo genere fu svolta dal magistrato Felice Casson, lo scopritore della "Gladio", il quale dopo mesi di indagini e di battibecchi con Cossiga, non fece altro che confermarci nei soliti luoghi comuni della propaganda ufficiale, e cioè che, nella loro ben nota paranoia antisovietica, gli americani avevano messo su un altro apparato di difesa dalle invasioni dall'Est, e si sa che quando gli apparati sono tanti, anche le "deviazioni" sono più possibili. Anche nella ricostruzione della vicenda del sequestro di Abu Omar, la magistratura non è andata oltre questa consueta riconferma dei tanto pubblicizzati - quanto fasulli - motivi ideologici delle operazioni statunitensi: l'islamofobia oggi, così come l'anticomunismo ieri.
In tal modo i magistrati possono passare da eroi della legalità che non hanno timore di scontrarsi con il potere statunitense, senza peraltro mai mettere in evidenza gli effettivi moventi affaristico/criminali di questo potere.
12 aprile 2007
 
Di comidad (del 05/04/2007 @ 23:52:37, in Commentario 2007, linkato 1094 volte)
Mentre la comunicazione di massa del cosiddetto Occidente dava alla vicenda dei marinai britannici in Iran il minor rilievo possibile, è stata improvvisamente la televisione iraniana a rilanciare l'attenzione mandando in onda le pubbliche confessioni dei prigionieri. I nostri giornalisti si sono sprecati in aggettivi iperbolici per commentare le immagini. C'è stato chi ha usato il termine "raccapriccianti", il che è apparso un po' sproporzionato, specialmente se si considera che tale aggettivo non era stato adoperato neppure per le immagini di Abu Ghraib, per le quali l'aggettivo più ricorrente fu "disgustose". Persino il Presidente Ciampi in quella occasione espresse il suo personale "disgusto", senza mai adoperare la parola "indignazione".
In realtà ogni esibizione di prigionieri - anche se non soggetti a maltrattamenti -, ed il loro uso per la propaganda, costituisce una inaccettabile forma di umiliazione, e i media "occidentali" avrebbero dovuto ricordarsene anche quando riguardava i soldati irakeni, sia in questa guerra che in quella del 1991.
Ma l'aspetto più interessante è che i giornalisti abbiano dato per scontato che le confessioni dei prigionieri siano state estorte con la forza, quando risulta evidente dalla condizione dei prigionieri che non vi sono state coercizioni fisiche, mentre i tempi sono troppo brevi perché potessero attuarsi pressioni di carattere psicologico.
I prigionieri britannici non sono dei comuni cittadini, ma dei militari selezionati e addestrati, che quindi in una circostanza del genere avrebbero dovuto mantenere la lucidità per valutare gli effettivi rischi che correvano, considerando di non trovarsi prigionieri di guerriglieri irregolari, ma di un governo i cui atti sarebbero stati controllati da agenzie internazionali tutt'altro che ben disposte nei suoi confronti.
Durante la guerra di Corea, tra il 1950 ed il 1953, vi furono vari casi di prigionieri americani che collaborarono con la propaganda nord-coreana. Gli Stati Uniti risolsero quella imbarazzante situazione parlando di "lavaggio del cervello", una espressione che divenne abituale nella propaganda anticomunista. Il problema rimase però scottante per molti anni e ancora nel 1956 Hollywood se ne occupava con vari film, come ad esempio "The rack", con Paul Newman. Il film - che venne distribuito in Italia con il titolo "Il supplizio"- metteva in campo una serie di complesse cause familiari e psicologiche per scusare il comportamento del giovane ufficiale traditore, interpretato da Paul Newman, e lo faceva penare parecchio prima di accordargli il perdono paterno.
Nel 1991 invece la propaganda occidentale accolse subito come eroi i piloti prigionieri che si erano prestati alla propaganda irakena. Emilio Fede dedicò una puntata del suo telegiornale alle nozze del pilota italiano Cocciolone, che si era reso popolare con la sua pubblica confessione in perfetto inglese alla televisione irakena. Quando Cocciolone non fu decorato per i suoi bombardamenti sull'Iraq, Emilio Fede prese persino le sue parti. Lo stesso sta avvenendo adesso: è normale per i nostri media che un militare catturato collabori immediatamente con la propaganda nemica, invece di pronunciare disciplinatamente solo nome, grado e numero di matricola, tanto la cattiveria dei nemici dell'Occidente è in grado di spiegare e giustificare tutto.
Oggi quindi i militari occidentali che cadono prigionieri devono sbrigarsi a collaborare con il nemico, proprio perché ciò possa confermare il suo pericoloso fanatismo. Del resto, se i militari britannici avessero resistito alla tentazione di collaborare, avrebbero rischiato essi stessi di offrire un'immagine di fanatismo, e l'eccessivo sacrificio di sé sarebbe stato sospetto nell'epoca della criminalizzazione e del disprezzo verso i "kamikaze islamici". Attualmente l'opinione pubblica non ha più bisogno di molti dettagli narrativi per essere ingannata, bastano poche parole magiche, come "fanatismo islamico". Chi poi esprima dubbi e sospetti sulle versioni ufficiali dei fatti, può essere liquidato a sua volta con qualche altra parola magica, come "complottista" o "cospirazionista".
In realtà, mentre il complottismo presuppone un'unica mente direttiva, oggi ci troviamo di fronte a tecniche di guerra psicologica che vengono utilizzate da centri diversi, per diversi interessi affaristico/criminali. Ad esempio, ha riscosso molto successo la denuncia del "fanatismo islamico" di casa nostra da parte della trasmissione di Michele Santoro, il quale si è guadagnato il plauso degli islamofobi professionisti come Magdi Allam e Giuliano Ferrara.
In realtà il povero Santoro voleva soltanto portare un po' di sostegno al governo, giustificando indirettamente la presenza dei nostri soldati in Afghanistan per combattere il terrorismo islamico. Santoro è stato invece vittima di un vero e proprio raggiro, facendosi tramite di un materiale propagandistico che aveva tutt'altre finalità, dato che si basava sulla evocazione del pericolo di un terrorismo islamico a carattere interno, che quindi non serve a giustificare missioni italiane all'estero, ma missioni della CIA in Italia.
» molto facile falsificare e manipolare del materiale televisivo: combinando autentiche riprese ambientali con primissimi piani di persone che parlano senza un preciso sfondo dietro di loro, è possibile dare l'impressione che certi discorsi davvero appartengano a determinati ambienti. Ma tutto questo a quale scopo?
Non certo soltanto per consentire alla CIA di effettuare i suoi voli per sequestrare ora questo ora quello fra i tanti mullah etichettabili come terroristi. Anche questa è solo una copertura. In realtà anche la CIA vuole fare il suo traffico di armi e stupefacenti senza dipendere dai capricci e dalle tangenti dei militari statunitensi, perciò ha bisogno delle proprie basi e della propria rete aerea in Europa.
5 aprile 2007
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (3)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


20/01/2019 @ 01:34:25
script eseguito in 39 ms