"
"La condanna morale della violenza è sempre imposta in modo ambiguo, tale da suggerire che l'immoralità della violenza costituisca una garanzia della sua assoluta necessità pratica."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio : Commentario 2007 (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 15/02/2007 @ 21:04:58, in Commentario 2007, linkato 866 volte)
» tipico delle potenze coloniali determinare situazioni di caos fra i cosiddetti "alleati", ma poche hanno dimostrato a riguardo la creatività degli Stati Uniti. In questi giorni la cronaca ci fornisce, tra gli altri, tre esempi di questa creatività caotica del colonialismo statunitense.
Nel nord dell'Iraq sembra ormai scontata la formazione di uno Stato indipendente dei Curdi, uno Stato che diverrebbe una spina nel fianco della vicina Turchia, che al suo interno ha la più numerosa minoranza curda. Sino a qualche anno fa, in quanto membro della NATO, il governo turco beneficiava automaticamente da parte della propaganda americana del diritto di etichettare come terroristi i suoi oppositori, come dimostrò nel 1999 il caso diplomatico del guerrigliero curdo Ocalan, che aveva cercato inutilmente rifugio in Italia e fu scaricato dall'allora governo D'Alema. Oggi per la propaganda americana i Curdi sono invece eroi e martiri della resistenza contro Saddam e, inoltre, la divisione definitiva dell'Iraq appare alla amministrazione americana l'unica soluzione per continuare a gestire l'occupazione dell'Iraq. Come troppo spesso capita agli alleati più fedeli degli Stati Uniti, oggi anche la Turchia si trova messa sotto accusa, sospettata di non essere una "vera" democrazia (come se esistessero le vere democrazie), ed anche di essere rimasta troppo islamica dopo quasi un secolo di governo laicista.
Un altro fronte di possibile conflitto riguarda oggi la questione delle foibe tra Italia e Croazia. La propaganda sugli Italiani dell'Istria e della Dalmazia gettati nei crepacci dai partigiani comunisti di Tito, iniziò già alla fine degli anni '40 e costituì un cavallo di battaglia della destra fascista. La questione delle foibe è sempre rimasta controversa dal punto di vista storico, poiché se da un lato dei casi sicuramente vi furono, dall'altro lato nessun riscontro anagrafico ha mai consentito sinora di provare che gli "infoibati" furono davvero migliaia, cioè che si trattò davvero di scelte politiche di pulizia etnica e non di episodi criminali dovuti a iniziative isolate.
Prestigiosi opinionisti di sinistra, come Claudio Magris, oggi danno la vicenda delle foibe per storicamente acquisita, ma questo in sé non dimostra nulla, perché le autocritiche sul passato sono spesso per la sinistra l'effetto di un conformismo culturale automatico, effetto ritardato dell'antica disciplina staliniana.
L'aspetto paradossale dell'attuale conflitto tra Italia e Croazia, riguarda però il fatto che anche l'attuale governo croato - oggi messo in allarme dalla propaganda sulle foibe - è ideologicamente fascistoide, erede degli storici oppositori di Tito, gli Ustascia. Gli attuali avversari dialettici del governo croato, Napolitano e D'Alema, sono invece degli ex comunisti ansiosi di acquisire patenti di affidabilità anticomunista da parte della NATO. Anche la Croazia fa oggi parte dell'orbita NATO, ma scorge negli eccessi di zelo della propaganda sulle foibe la fonte della riapertura di un possibile contenzioso sui confini da parte del governo italiano.
Un altro paradosso propagandistico viene determinato oggi dalla notizia secondo cui Pietro Ichino, il fustigatore degli statali, sarebbe nel mirino delle Brigate Rosse. Che le tesi di Ichino - funzionali al colonialismo economico ed alla precarizzazione del lavoro - venissero santificate dalla propaganda attraverso questi trucchi, era previsto e scontato. Il caso ha delle analogie con la vicenda Biagi, ma occorre ricordare che quest'ultimo divenne per la propaganda un profeta ed un martire della precarizzazione del lavoro solo dopo la sua uccisione, e infatti il ministro degli Interni dell'epoca, Scajola, si lasciò sfuggire quale fosse la realtà dei rapporti fra la vittima ed il governo Berlusconi, definendo Biagi un "rompicoglioni".
Ichino pare invece che avrà l'aureola del martire - e quindi il privilegio dell'immunità dalle critiche - praticamente a costo zero. Ciò non toglie che questa forzatura propagandistica crei comunque dei problemi, dato che il lavoratori ministeriali sono in gran parte una componente importante del sostegno all'establishment. La maggioranza dei lavoratori statali è sotto la tutela sindacale della CISL. Ma anche il sindacato fascista ex CISNAL ha storicamente la sua roccaforte fra i ministeriali, che sono anche la base della forza elettorale di Alleanza Nazionale a Roma.
Una propaganda ufficiale che si dimostra pronta ad appiccicare l'etichetta di brigatista ai ministeriali che non volessero sottostare agli umilianti slogan di Ichino, determina di fatto delle situazioni di tensione all'interno di un'area pericolosamente vicina all'establishment.
15 febbraio 2007
 
Di comidad (del 08/02/2007 @ 21:02:58, in Commentario 2007, linkato 944 volte)
L'episodio dell'uccisione di un poliziotto da parte di presunti tifosi ultras catanesi assume in sé molti paradossi del sistema poliziesco. Come sempre, anche in questi giorni l'indignazione ha svolto nella comunicazione la funzione di impedire al buon senso - o per meglio dire al senso delle proporzioni - di accedere. Non ci si è potuti chiedere come mai, data la sproporzione di mezzi fra tifosi e poliziotti, questi ultimi facciano troppo spesso un'improbabile parte delle vittime, e non ci si è chiesto neppure per quale motivo i poliziotti siano messi lì a far le vittime.
La stazione di Scampia della metropolitana collinare di Napoli ha avuto per anni l'insegna di "Commissariato di Polizia" a segnalare un vano che avrebbe appunto dovuto ospitare un Commissariato, che in realtà non è mai stato attivato. La vigilanza della linea metropolitana è infatti affidata da anni ad una agenzia privata. Dopo l'uccisione del poliziotto da parte dei presunti ultras, è possibile che il business della privatizzazione della sicurezza - che è gestito da ex poliziotti -, andrà ad investire anche gli stadi, tanto non saranno le società di calcio a finanziarlo, ma la spesa pubblica.
Sino ad oggi però lo Stato, che non ha ritenuto di impiegare i suoi poliziotti per garantire la sicurezza di un servizio essenziale come la metropolitana, allo stesso tempo ne ha utilizzati migliaia per la "sicurezza" degli stadi durante le partite di calcio. Ma quale sicurezza, visto che ormai da anni sono proprio i poliziotti il principale bersaglio degli ultras?
Tra l'altro questi ultras dovrebbero essere arcinoti alla polizia, dato che questa li controlla con centinaia di confidenti e infiltrati, che sono spesso fra gli stessi capi delle organizzazioni dei tifosi d'assalto. Questi infiltrati e confidenti hanno inoltre un ruolo determinante nella gestione delle attività collaterali del tifo ultras, come il traffico e lo spaccio di hashish e amfetamine. Al contrario di quanto si potrebbe credere, infiltrati e confidenti non sono degli improvvisati reclutati in modo estemporaneo, ma sono selezionati e coltivati all'interno dell'area della devianza minorile, e addestrati per anni a svolgere con disinvoltura il doppio ruolo di criminale e di provocatore/informatore al servizio della polizia.
Le commistioni tra sistema poliziesco e sistema criminale possono essere illustrate con vari precedenti storici. Dopo la seconda guerra mondiale, in Sicilia, il bandito Salvatore Giuliano uccise molti carabinieri. l'allora Ministro degli Interni, Scelba - divenuto celebre per l'uso brutale della Celere contro i manifestanti comunisti e contro gli operai in genere -, si lasciò andare una volta ad una confessione, affermando che quando gli Stati Uniti volevano inviare un avviso al Presidente del Consiglio De Gasperi gli facevano uccidere qualche carabiniere dal bandito Giuliano. Scelba però dimenticava di aggiungere che, mentre venivano uccisi carabinieri della truppa, alcuni colonnelli dell'arma intrattenevano rapporti con Giuliano. Quindi, una volta tanto, non si poteva attribuire tutta la colpa agli Stati Uniti. Quando Giuliano fu ucciso in modo misterioso dai carabinieri, Indro Montanelli - che allora non era stato ancora santificato dalla sinistra per il suo antiberlusconismo - si incaricò dalle colonne del "Corriere della Sera" di ridicolizzare e diffamare tutti coloro che chiedevano chiarezza sulla morte di Giuliano e sui suoi rapporti con le gerarchie poliziesche e militari.
Il sistema poliziesco ha sempre avuto i suoi giochi oscuri e inconfessabili, che prevedono spesso il sacrificio di qualche tutore dell'ordine per finalità di perpetuazione e riproduzione dello stesso sistema. » chiaro che non c'è nessuna prova che l'assassinio del poliziotto da parte dei presunti ultras sia stato voluto e fatto commettere a bella posta. Quel che è certo riguarda però le ambiguità del sistema poliziesco, ambiguità tali che si può affermare che questo delitto, se non è stato pianificato, è stato comunque messo in conto.
8 febbraio 2007
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (42)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (4)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


18/10/2019 @ 03:23:46
script eseguito in 49 ms