"
"La privatizzazione è un saccheggio delle risorse pubbliche, ma deve essere fatta passare come un salvataggio dellíeconomia, e i rapinati devono essere messi nello stato díanimo dei profughi a cui è stato offerto il conforto di una zuppa calda. Spesso la psico-guerra induce nelle vittime persino il timore di difendersi, come se per essere degni di resistere al rapinatore fosse necessario poter vantare una sorta di perfezione morale."

Comidad (2009)
"
 
\\ Home Page : Archivio : Commentario 2008 (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 03/04/2008 @ 10:54:57, in Commentario 2008, linkato 978 volte)
Nelle discussioni di questi ultimi giorni circa il rischio di chiusura corso dall'aeroporto di Malpensa, è mancata l'osservazione della prossimità dell'aeroporto stesso alla base NATO di Solbiate Olona. Questa base è in piena espansione, anche per la costruzione di alloggi per i militari, perciò tende ormai a sconfinare nella zona dell'aeroporto civile. Che l'operazione colonialistica di Air France sia stata in realtà preparata e favorita dal colonialismo statunitense, è un sospetto che poggia su dati concreti.

Il precedente costituito dagli ostacoli che la base di Sigonella in Sicilia sta creando da anni al traffico aereo civile e ad un aeroporto relativamente piccolo come quello di Fontanarossa, avrebbe dovuto avvisare sul fatto che la presenza nel Nord-Italia di tre basi delle dimensioni di Aviano, Vicenza e Solbiate Olona sarebbe andata inevitabilmente a chiudere lo spazio aereo al traffico civile, considerando che Malpensa ha invece il volume di traffico di un aeroporto intercontinentale.

» chiaro però che, nella cosiddetta "sinistra radicale", nessuno si è sentito di subire l'aggressione che il manifestare questi cattivi pensieri su Malpensa avrebbe comportato da parte dei sedicenti "filo-americani" - in realtà feticisti razziali delle oligarchie anglosassoni -, le cui argomentazioni sono di per sé qualificanti: intimidazione, ridicolizzazione, psichiatrizzazione, insulti personali. Eppure tra queste argomentazioni ce n'è anche una interessante: la minimizzazione. Si sottolinea spesso da parte dei "filo-americani" che delle oltre cento basi USA e NATO che sono sul territorio ex-italiano, meno della metà possiede una vera operatività sul piano militare, anzi si tratta a volte di siti in cui si trova un'antenna radar o poco più.

In effetti è vero che anche una superpotenza super-militarizzata come gli Stati Uniti, non potrebbe coprire con installazioni militari funzionanti tutto questo territorio. Ma allora perché occuparlo?

Un discorso che avrebbe dovuto ridimensionare il problema, in realtà è quello che apre il vero problema. Tutta questa presenza capillare di basi USA e NATO ottiene infatti il risultato di sottoporre l'intero territorio ex-italiano a servitù militare ed al segreto militare. I "filo-americani" si dicono convinti che, nonostante tutto questo territorio a disposizione e nonostante la garanzia di tanta impunità, gli americani siano esseri talmente superiori, sovrumani, puri ed angelici che non ne approfitterebbero mai per contrabbandare in Italia l'oppio afgano e il petrolio iracheno.

Con la sua solita impudenza, l'ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga, disse in un'intervista televisiva di due anni fa di aver impedito una campagna di stampa che si stava profilando contro di lui negli Stati Uniti, semplicemente minacciando di rivelare il ruolo che aveva svolto la mafia per conto degli USA nell'esproprio dei terreni agricoli utilizzati per la base di Comiso in Sicilia. Comiso costituisce un paradigma interessante dei rapporti che gli USA e la NATO intrattengono con la criminalità organizzata. Anche la base di Comiso non è più realmente operativa, eppure gli Stati Uniti si guardano bene dal mollarla.

Il paradigma-Comiso potrebbe risultare utile anche per analizzare la questione della camorra in Campania e, sino a quattro o cinque anni fa, persino un giornale come "il Manifesto" qualche articoletto sul nesso NATO-criminalità organizzata se lo lasciava ancora sfuggire. Oggi, invece, dopo il ciclone-Roberto Saviano, un argomento del genere è diventato un tabù. Ormai è proibito parlare di criminalità organizzata se non in termini strettamente autorazzistici.

Il fenomeno di divismo che è stato costruito su Roberto Saviano è indice del rilievo che la "Psycological war" gli attribuisce. Saviano è diventato un simbolo di successo da offrire alle giovani generazioni e, non a caso, viene spesso difeso dalle critiche con lo stesso argomento a cui ricorrono i vertici confindustriali, cioè l'accusa di invidia che colpisce ormai ogni manifestazione di dissenso.

Oggi c'è troppo scontento, perciò la "Psycological war" deve cercare di deviarlo su bersagli fittizi, meglio ancora se il colpevole viene individuato fra le stesse vittime. Che "la colpa è nostra" è uno di quegli argomenti che funzionano sempre, dato che non possono essere mai del tutto smentiti per quanto sono generici.

Spostare dissensi e discussioni su un piano astratto è quanto di meglio possa ottenere la "Psycological War", perciò non è un caso che lo stesso editore di Saviano - Mondadori -, abbia pubblicato anche il libro in cui Giulio Tremonti esponeva le sue tesi di "no global" di destra. Sono risultate già indicative alcune delle critiche che sono state rivolte a Tremonti, critiche secondo cui l'attuale crisi economico-finanziaria non sarebbe dovuta, come invece sostiene Tremonti, ad eccesso di "mercatismo", ma, al contrario, al fatto che vi è troppo poco Mercato.

In realtà, si può affermare con altrettanta attendibilità che la crisi sia dovuta ad eccesso di Mercato oppure a mancanza di Mercato, poiché il "Mercato" non esiste: nel migliore dei casi è un'astrazione funzionale alle ipotesi economiche; nel caso peggiore - e più frequente - è un mito della propaganda che serve a mascherare le vere responsabilità, creando l'illusione di un'entità superiore e impersonale che sovrintende alle umane vicende.

Anche la "globalizzazione" costituisce un'astrazione ed uno slogan, perciò si può anche essere "no global" senza accorgersi che il colonialismo e l'affarismo passano per cose concrete come l'occupazione militare di un territorio.

3 aprile 2008
 
Di comidad (del 27/03/2008 @ 12:05:19, in Commentario 2008, linkato 964 volte)

Poco più di due settimane fa, nell'oleodotto che rifornisce le basi di Aviano e Vicenza si è verificata una perdita che ha inquinato i fiumi Astichello e Bacchiglione, con le falde acquifere ed i terreni agricoli connessi a questi fiumi. Sul fatto è stata anche aperta un'inchiesta dalla Procura di Vicenza, che però ha  immediatamente precisato che non ci sono indagati. L'anno scorso lo stesso oleodotto era stato oggetto di lavori di ampliamento che ne hanno rafforzato la portata, e nessuna spiegazione è stata fornita ai sindaci dei Comuni interessati, in quanto il tutto è coperto dal segreto militare.

Appena un mese fa, il comando USA aveva comunicato che non sarebbero più stati assunti lavoratori italiani nella base aerea di Aviano. Di fronte alle proteste delle autorità regionali e comunali, il comando Usa ha detto che il comunicato in questione non era stato sufficientemente chiaro, ma ad oggi non risultano altre disposizioni che smentiscano in concreto quella discriminazione.

È da notare che lo scorso anno vi erano state  proteste da parte della CGIL per la discriminazione di cui erano fatti oggetto i suoi iscritti nell'assunzione nelle basi USA e NATO. Quanto siano state efficaci quelle proteste è indicato dal fatto che, a distanza di meno di un anno, la discriminazione nelle assunzioni si è estesa a tutti i lavoratori italiani.

L'unica iniziativa concreta contro queste decisioni discriminatorie è quella del sindaco di Pordenone, che ha annunciato che non parteciperà più a cerimonie ufficiali che riguardino la base di Aviano. L'entità della ritorsione annunciata dal sindaco può far sorridere, ma le cose stanno esattamente così: non c'è null'altro che egli possa fare.

Le  basi militari USA e NATO sono del tutto extraterritoriali, sfuggono alla legislazione civile e penale del Paese che deve subirne la presenza, non sono tenute inoltre a dare nessuna informazione o spiegazione sulle loro attività.

I trattati internazionali creano quindi una zona di extraterritorialità e di extralegalità, che non riguarda soltanto l'area delle basi militari, ma l'intero territorio nazionale nel momento in cui sia attraversato da infrastrutture o da operazioni che riguardino le basi stesse. l'oleodotto dislocato dal molo militare di Livorno sino alle basi di Vicenza e di Aviano, attraversa varie Regioni e innumerevoli Comuni, non solo terreni demaniali, ma anche terreni privati di aziende agricole. Tutti i territori limitrofi all'oleodotto possono quindi considerarsi fuori della giurisdizione italiana.

Se si tiene conto del fatto che le basi NATO e USA in Italia sono centotredici e che ognuna di esse è servita da una rete di infrastrutture, si può capire che in pratica non esiste più in Italia un solo territorio che si possa dire italiano. 

Dato che questa occupazione militare riguarda l'italia e non un Paese straniero, la stampa italiana non ce ne dà nessuna notizia.

Nel dopoguerra divenne famosa una vignetta dello scrittore Giovannino Guareschi, in cui due comunisti facevano questo scambio di battute: uno diceva "Piove.", e l'altro rispondeva: "No, compagno, l'Unità non lo dice". Quindi Guareschi attribuiva ai comunisti quella che è invece un'attitudine al conformismo tipica di ogni opinione pubblica. A causa dell'anticomunismo mediatico, l'opinione pubblica ha finito per attribuire solo al comunismo quelli che sono i crimini e i disastri riconoscibili in ogni forma di potere. Anzi, nell'attitudine mistificatoria, la democrazia ha dimostrato di eccellere anche nei confronti del comunismo.

Se la perdita dalle condutture ed il relativo inquinamento, avessero avuto origini diverse da quelle dell'oleodotto statunitense, a quest'ora i giornali e telegiornali sarebbero pieni di titoli sul disastro ecologico, ma, visto che i responsabili sono gli USA, allora si può far finta di nulla, anche considerando che la Procura di Vicenza non ha nulla su cui indagare, a causa del segreto militare.

Il problema è che le già incredibili dimensioni dell'oleodotto, e gli ulteriori ampliamenti di cui viene fatto oggetto, non sono spiegabili con esigenze di carattere puramente militare. La versione ufficiale secondo cui l'oleodotto trasporterebbe il cherosene che servirebbe da carburante per gli aerei militari è  perciò diventata insostenibile, ecco perché ufficialmente il fatto non può esistere.

L'importazione ed il traffico in Italia della merce più strategica di tutte - il petrolio -, sono affari gestiti direttamente dagli Stati Uniti, che aggirano qualsiasi normativa commerciale e fiscale tramite l'extraterritorialità ed il segreto loro garantiti dai trattati di "alleanza" militare.  Espulsa dai media, questa verità non potrà diffondersi neanche per voce di popolo, dato che non vi saranno nemmeno più lavoratori italiani che possano in qualche modo farla trapelare dalle basi USA.

27 marzo 2008

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (21)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


25/05/2019 @ 17:14:56
script eseguito in 47 ms