"
"Ridurre l'anarchismo alla nozione di "autogoverno", significa depotenziarlo come critica sociale e come alternativa sociale, che consistono nella demistificazione della funzione di governo, individuata come fattore di disordine."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio : Commentario 2011 (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 05/05/2011 @ 01:36:34, in Commentario 2011, linkato 1748 volte)
Nonostante sia sempre occupato in "ben altri problemi", il presidente USA, Barack Obama, ha trovato il tempo di riconfermare ed inasprire le sanzioni economiche contro la Siria, spingendo inoltre l'Unione Europea ad accordarsi ed accodarsi a queste misure, che sono dei veri e propri atti di guerra. Il pretesto attuale per questa nuova ondata di sanzioni è la repressione delle rivolte interne alla Siria, ma in effetti la Siria è sotto sanzioni praticamente da sempre.
Il governo siriano aveva sperato che con l'elezione di Obama si aprisse una possibilità di ritiro delle sanzioni. Al contrario, Obama le ha riconfermate esattamente due anni fa, nel maggio 2009, motivandole con le consuete accuse, peraltro mai provate, di rapporti della Siria con organizzazioni terroristiche. Quindi, se la Siria è povera, non lo si deve soltanto alla malvagia dittatura degli Assad, ma anche ad un'aggressione coloniale degli Stati Uniti.(1)
Da anni la Siria sta cercando di ristabilire normali relazioni diplomatiche ed economiche con gli USA. A questo scopo nel 2007 il governo siriano aveva persino accettato di partecipare alla conferenza di Annapolis sul Medio Oriente, una kermesse diplomatica messa su dall'allora presidente Bush e da Condoleeza Rice al solo scopo di isolare l'Iran.(2)
Da oltre mezzo secolo la Siria costituisce un tiepido alleato della Unione Sovietica prima e della Russia poi, e lo strascico di questa lunga alleanza è costituito dalla presenza della marina militare russa nel porto siriano di Tartus. Tra il 2008 ed il 2009 si era parlato addirittura di un rafforzamento della presenza militare russa in Siria, ed anche del progetto di una serie di basi militari russe, che avrebbero dovuto interessare persino la Libia e lo Yemen.(3)
Di fatto nessuno di questi progetti di espansione della collaborazione militare russo-araba sembra avere avuto un particolare seguito. A poco meno di tre anni dal viaggio a Mosca di Gheddafi per discutere della possibilità della costruzione di una base navale russa a Bengasi, Putin ha infatti mollato senza scrupoli lo stesso Gheddafi, bollandolo come un "cadavere politico". In questi giorni lo stesso Putin si è fatto venire qualche ripensamento sulla legittimità del tentativo della NATO di assassinare Gheddafi e la sua famiglia, ma si è rimasti alle dichiarazioni di circostanza, senza alcuna richiesta di convocazione del Consiglio di Sicurezza dell'ONU.
In realtà il fatto nuovo che ha messo in crisi questo tiepido, ma storico, asse Russia-Siria, sembra essere l'accordo di cooperazione militare russo-israeliano del settembre 2010. La notizia dell'accordo militare russo-israeliano è stato lanciata con enfasi dall'agenzia russa Novosti, e confermata da fonti occidentali.(4)
Di questo inatteso accordo russo-israeliano si è parlato pochissimo, tanto più che esso costituiva, secondo il ministro della difesa israeliano Barak, la premessa per convincere Putin a rinunciare alla prevista vendita alla Siria di sistemi missilistici di ultima generazione. Ora appare davvero difficile evitare di contestualizzare l'attuale offensiva della NATO in Libia, e l'intensificarsi delle minacce verso la Siria, nella situazione determinata da questo ulteriore cedimento della strategia russa.
La propaganda ufficiale di questi giorni sta infatti già manipolando l'opinione pubblica per orientarla ad invocare un intervento NATO anche contro la Siria. I media lamentano, come già fecero per la Libia, la presunta "assenza" dell'Occidente di fronte alla repressione in Siria, e si sa che quando la propaganda comincia a dire che "l'Occidente è assente", allora vuol dire che la pioggia di bombe è in arrivo. Dato che pare che in Siria vi sia poco petrolio, i bombardamenti NATO potranno risultare ancora più altruistici e meritori davanti agli occhi della pubblica opinione.
Un ulteriore aspetto della propaganda riguarda quell'opinionismo di sinistra che sottolinea l'indifendibilità della dittatura di Assad, in base a quel consueto trucco retorico - ripreso di recente anche da Rossana Rossanda contro Gheddafi - secondo cui non basta essere nemico degli Stati Uniti per essere amico nostro. Con questi slogan confusionali, tutte le questioni si riducono alla alternativa tra filo-americanismo ed anti-americanismo, e magari tra dittatori e democrazia, consentendo così di cancellare l'evidenza delle aggressioni coloniali.
In realtà, come si è visto, né Gheddafi, né Assad, volevano essere nemici degli Stati Uniti; ma sono gli Stati Uniti ad aggredirli, ed hanno accentuato questa aggressione non appena la Russia ha lasciato aperto il varco. I teorici del "declino americano" fondano le loro valutazioni su un'idea astratta di imperialismo, basata su esperienze imperiali storiche che nulla hanno a che fare con il colonialismo commerciale statunitense. All'imperialismo commerciale non serve riuscire a conquistare definitivamente un territorio o detenerne l'assoluto controllo; non serve neppure conseguire vittorie militari. Al colonialismo commerciale è sufficiente destabilizzare, impedire cioè che certi Paesi giungano ad una loro autonomia economica.
Anche se il piano della NATO di una Cirenaica trasformata in un novello Kosovo dovesse fallire, una Libia ridotta in macerie sarà comunque costretta a rinunciare per decenni ai suoi piani di espansione economica, mentre anche l'ENI ne risulterà inevitabilmente ridimensionato. Come ha spiegato Noam Chomsky, il fatto che gli Stati Uniti non abbiano conseguito con la guerra in Vietnam tutti gli obiettivi che si prefiggevano, non vuol dire affatto che abbiano "perso" quella guerra, dato che le distruzioni belliche hanno ritardato di almeno mezzo secolo l'indipendenza economica dell'Indocina nei confronti del ricatto delle multinazionali.
Nel 1998 il presidente USA Clinton, con il solito pretesto di una rappresaglia per attentati terroristici, distrusse con un bombardamento missilistico una fabbrica farmaceutica in Sudan, annullando anche per il futuro la possibilità di una indipendenza del Sudan in campo sanitario.(5)
Non a caso, anche l'effetto pratico immediato della squallida messinscena della uccisione di Bin Laden, è stato quello di mettere sotto accusa il Pakistan, di tenerlo sotto costante minaccia di aggressione; ed un Pakistan destabilizzato risulta dipendente a livello economico e commerciale.
Ora a trovarsi sotto tiro, ed a rischio di frantumazione etnica, è la Siria, la quale, come Cuba, non dispone di grandi risorse petrolifere da saccheggiare, ma ha comunque risorse idriche, e soprattutto una posizione geografica che la rende un crocevia commerciale essenziale per il Medio Oriente. Dopo l'accordo militare russo-israeliano dello scorso settembre, basterà quel che rimane della base militare russa di Tartus a salvare la Siria dai bombardamenti della NATO?

(1) http://translate.google.it/translate?hl=it&langpair=en%7Cit&u=http://english.aljazeera.net/news/americas/2009/05/20095815106605431.html
(2) http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/esteri/200711articoli/27886girata.asp
(3) http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://af.reuters.com/article/topNews/idAFJOE50F0LO20090116&ei=cYC9TereK4bKtAaT4rzvBQ&sa=X&oi=translate&ct=result&resnum=4&ved=0CD8Q7gEwAzgK&prev=/search%3Fq%3Dsyria%2Brussian%2Bbase%26start%3D10%26hl%3Dit%26sa%3DN%26rlz%3D1R2ACAW_it%26prmd%3Divns
(4) http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://en.rian.ru/mlitary_news/20100906/160482544.html&ei=Udu_TcKKNMHFswb88cjCBQ&sa=X&oi=translate&ct=result&resnum=6&sqi=2&ved=0CFcQ7gEwBQ&prev=/search%3Fq%3Drussia%2B%2Bisrael%2Bagreement%26hl%3Dit%26rlz%3D1W1ACAW_itIT338%26prmd%3Divns http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.dailystar.com.lb/News/Middle-East/Sep/07/Russia-and-Israel-sign-military-cooperation-agreement.ashx&ei=Udu_TcKKNMHFswb88cjCBQ&sa=X&oi=translate&ct=result&resnum=4&sqi=2&ved=0CEYQ7gEwAw&prev=/search%3Fq%3Drussia%2B%2Bisrael%2Bagreement%26hl%3Dit%26rlz%3D1W1ACAW_itIT338%26prmd%3Divns
(5) http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:xeXE3zV-IX4J:www.namaste-ostiglia.it/lasthelp/show.asp%3FID%3D195+clinton+sudan+bombardamento+fabbrica+farmaceutica&cd=8&hl=it&ct=clnk&gl=it&source=www.google.it
 
Di comidad (del 28/04/2011 @ 01:19:10, in Commentario 2011, linkato 2529 volte)
La notizia dell'annuncio da parte del Congresso del Partito Comunista Cubano di una serie di riforme economiche in presunto senso privatizzatore, ha assunto un risvolto interessante a causa delle reazioni della propaganda "occidentale", che peraltro hanno ricalcato schemi già esibiti alla fine dello scorso anno, allorché Raul Castro anticipò l'ipotesi di questi provvedimenti. Non potevano mancare le solite denunce del "fallimento" del "modello" cubano, oltre che della violazione dei diritti umani a Cuba; una denuncia, quest'ultima, tanto più paradossale nel momento in cui il presidente Obama fa sapere che la chiusura del campo di concentramento nella base militare USA di Guantanamo - strappata dal 1903 al territorio dello Stato cubano - è stata rimandata sine die. L'atteggiamento più ricorrente da parte dei commentatori occidentalisti riguarda però la "constatazione" che Cuba non farebbe più notizia.(1)
Insomma, Obama avrebbe in questo momento ben altro a cui pensare che occuparsi di Cuba. Nulla però deve preoccupare di più della "indifferenza" statunitense, dato che sino a pochi mesi fa anche Gheddafi era, a detta dei media, circondato dalla stessa "noncuranza"; cosa che non ha potuto evitargli una aggressione militare in grande stile da parte della NATO, e ciò proprio quando il ministro della Difesa USA, Robert Gates, aveva fatto appena sapere che sarebbe stato da pazzi pensare ad una nuova guerra in Medio Oriente. In effetti tutte le aggressioni militari vengono spacciate come difesa di vite umane o emergenze umanitarie, ma in rari casi la guerra è stata venduta all'opinione pubblica con altrettanta astuzia propagandistica, tanto che stavolta la NATO è riuscita addirittura a farsi pregare di cominciare a bombardare.
Il discredito personale di Gheddafi è stato inoltre preparato per anni associando la sua immagine mediatica a quella di Berlusconi, cosa che ha contribuito notevolmente a disarticolare il fronte pacifista, presentandoci lo spettacolo, storicamente tutt'altro che inedito, di un interventismo di "sinistra". Prima di cantare vittoria per l'ennesima figuraccia dell'odiata "sinistra", gli antibellicisti di destra dovrebbero però riflettere sul come siano caduti a loro volta nell'illusione che il Calabrache di Arcore potesse costituire un argine al coinvolgimento dell'Italia nei bombardamenti, quando invece risulta ormai sfacciata la sua funzione di fantoccio della psicoguerra della NATO.
Da rilevare anche che, mentre i media ci intrattenevano sulla necessità di congelare i presunti beni personali di Gheddafi, presentato come un predatore del suo popolo, il Fondo Monetario Internazionale diffondeva una nota in cui paventava il pericolo che lo stesso Gheddafi avrebbe potuto sopravvivere alle sanzioni economiche dell'ONU, e ciò grazie alle riserve auree dello Stato libico, tra le più ingenti al mondo, che ammonterebbero alla metà circa di quelle di un Paese come la Gran Bretagna.(2)
Se la Libia è uno degli Stati più ricchi del mondo, allora risulta che il presunto ladro Gheddafi avrebbe dovuto darsi ben più da fare per adeguarsi agli standard delle ruberie occidentali. Quella apparentemente innocua notarella del FMI aveva in realtà lo scopo di far sapere agli ambienti militari occidentali che l'avventura coloniale in Libia poteva riservare parecchie occasioni di saccheggio, perciò non era il caso di opporre troppe difficoltà di fronte alle incognite dell'impresa.
Attuando un'analisi comparata della psicoguerra occidentale contro i due regimi, risulta che, sia a proposito del regime libico che di quello cubano, si è sostenuto che avrebbero perso la loro carica rivoluzionaria, e quindi non costituirebbero più una minaccia per gli Stati Uniti. Ci sono quindi tutte le condizioni propagandistiche per un nuovo e imminente tentativo di invasione militare statunitense a Cuba, dato che il "guerriero recalcitrante", Barack Obama, potrebbe ora presentare agevolmente l'aggressione coloniale come un atto totalmente disinteressato, dettato esclusivamente da preoccupazioni umanitarie.
Non sarebbe perciò una sorpresa se anche da Cuba giungessero da un momento all'altro "notizie" di manifestazioni di piazza contro il regime, con annesse sparatorie sulla folla a configurare un'emergenza umanitaria. Se poi quell'agenzia della NATO nota come Al Jazeera diffondesse di qui a poco "notizie" di ricchezze depositate dalla famiglia Castro in qualche banca di Dubai, allora non ci sarebbero dubbi che potremo vedere Ingrao e Rossanda supplicare Obama di bombardare Cuba.
Cuba non possiede le ricchezze naturali della Libia, però ha una posizione geografica che la rende ideale come mafialand, cioè come Stato fantoccio in cui allestire attività criminali e traffici illegali. Oggi i Balcani sono la principale area di questo tipo, con due Stati, il Kosovo ed il Montenegro, controllati e governati da organizzazioni malavitose, e che costituiscono due centrali del contrabbando di armi, droga, sigarette, petrolio ed organi umani, operanti sotto la paterna tutela della NATO. La quantità di prove che si sta accumulando su queste attività illegali nei Balcani, ha costretto di recente la NATO a discolparsi scaricando tutto su alcuni militari coinvolti.(3)
Sino alla rivoluzione del 1959, era però Cuba a costituire la più importante mafialand del mondo, e su questo dato vi è una notevole pubblicistica a cui fare riferimento.(4)
L'esperienza ed i contatti accumulati durante le passate attività illegali a Cuba, hanno consentito inoltre la formazione ed il consolidamento di una mafia cubana in esilio, che ha potuto assumere condizioni di vantaggio su altre organizzazioni criminali grazie alla collaborazione con la CIA, come risulta dalla pubblicistica specializzata. Una mafia che è oggi pronta a ritornare a Cuba per riportarla ai suoi passati splendori di mafialand prediletta dagli Stati Uniti.(5)
In base al pregiudizio elitario e classista, l'illegalità ed il contrabbando sarebbero roba da poveri, dato che i ricchi hanno invece le loro alchimie finanziarie, i loro paradisi fiscali e le loro società off-shore per rimanere comunque nell'ambito della legge. Lo schema propagandistico secondo cui i ricchi non avrebbero bisogno di rubare, si presenta spesso in versioni sofisticate ed apparentemente scientifiche, che però hanno una costante: ignorare i fatti e gli stessi dati ufficiali.
Uno dei documenti ufficiali più interessanti circa il coinvolgimento diretto ed attivo delle multinazionali nel contrabbando, è il Ricorso della Comunità Europea alla Corte Distrettuale degli Stati Uniti Distretto Orientale di New York contro le compagnie multinazionali del tabacco; un documento che è reperibile presso il sito della Camera, a riprova che su questi argomenti non vi sono segreti, ma solo autocensure e conformismi dell'informazione ufficiale.(6)
Le multinazionali del petrolio non contrabbandano solo petrolio, ma usano le loro posizioni ed i loro insediamenti per attivare circuiti di contrabbando a vasto raggio. Il governo nigeriano ha segnalato nel 2005 la presenza in Nigeria di centonovantatre aeroporti illegali, controllati da multinazionali come la Mobil, la Chevron e persino l'Agip.(7)
Sono dati che confermano il legame storico e consequenziale tra colonialismo e contrabbando, tra colonizzazione e sviluppo della criminalità organizzata. Si tratta di un legame affaristico-criminale che risultava già chiaro ed evidente agli inizi del '600, quando nascevano le Compagnie Commerciali, le antenate delle attuali multinazionali. Uno dei maggiori successi della propaganda ufficiale è aver convinto anche gran parte dell'opposizione che i concetti di imperialismo e colonialismo appartengano al repertorio marxista-leninista, quindi siano segni di un irriducibile pregiudizio ideologico. In realtà dal 1898 operò negli Stati Uniti una Anti-Imperialist League, di cui fecero parte esponenti di spicco della cultura americana dell'epoca, come, ad esempio, gli scrittori Mark Twain, Henry James ed Ambrose Bierce, il filosofo John Dewey e il poeta Edgar Lee Masters.(8)
Dopo la morte di Mark Twain e la misteriosa scomparsa di Ambrose Bierce, i due antimperialisti più incisivi, la Lega Anti-Imperialista americana andò progressivamente in crisi, sino a scomparire, ma lasciando una tradizione politica a cui si sono riallacciati personaggi come Noam Chomsky. Per le sue posizioni antimperialiste, Mark Twain si trovò a subire una vera e propria emarginazione negli ultimi anni di vita, tanto che i suoi scritti antimperialisti rimasero ignorati e non furono ripubblicati dopo la sua morte. Essere riusciti ad ammutolire e cancellare la memoria degli antimperialisti come Mark Twain, ha dato i suoi risultati. Oggi infatti per l'opinione pubblica non esistono più l'imperialismo ed il colonialismo, ma solo dittatori e questioni di diritti umani o di terrorismo.(9)

(1) http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/04/21/cuba-le-finte-riforme-in-attesa-dell%E2%80%99obama-bis/105954/
(2) http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.bbc.co.uk/news/business-12824137&ei=AJO1TYHjAZHIswaQzvTnCw&sa=X&oi=translate&ct=result&resnum=1&ved=0CB8Q7gEwAA&prev=/search%3Fq%3Dimf%2Blibya%2Bgold%26hl%3Dit%26sa%3DG%26rlz%3D1W1ACAW_itIT338%26prmd%3Divns
(3) http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.allvoices.com/contributed-news/6767707-kosovo-nato-peacekeepers-probed-for-organized-crime&ei=nky4TcJMypSzBonPzesD&sa=X&oi=translate&ct=result&resnum=2&ved=0CCsQ7gEwATgU&prev=/search%3Fq%3Dkosovo%2Bnato%2Bsmuggling%26start%3D20%26hl%3Dit%26sa%3DN%26rlz%3D1W1ACAW_itIT338%26prmd%3Divns
(4) http://www.archivio900.it/it/news/news.aspx?id=180
(5) http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.newcriminologist.com/article.asp%3Fnid%3D2177&ei=Npa1Td_AE9HBtAaC9fziCw&sa=X&oi=translate&ct=result&resnum=1&ved=0CCcQ7gEwAA&prev=/search%3Fq%3Dcuba%2Bmafia%2Bcriminologist%26hl%3Dit%26sa%3DG%26rlz%3D1W1ACAW_itIT338%26prmd%3Divnsb
(6) http://www.camera.it/_dati/leg13/lavori/doc/xxiii/056/d060.htm
(7) http://translate.googleusercontent.com/translate_c?hl=it&sl=en&u=http://allafrica.com/stories/200502170074.html&prev=/search%3Fq%3Dnigeria%2Billegal%2Baerodromes%26hl%3Dit%26sa%3DG%26rlz%3D1R2ACAW_it%26prmd%3Divns&rurl=translate.google.it&usg=ALkJrhg_4GrO0SJDM0JrdUSDkZE_cwIlWA
(8) http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://en.wikipedia.org/wiki/American_Anti-Imperialist_League&ei=cZW1TYXRC8_Xsgb1k5DgDA&sa=X&oi=translate&ct=result&resnum=1&ved=0CCkQ7gEwAA&prev=/search%3Fq%3Dmark%2Btwain%2Banti%2Bimperialist%2Bleague%26hl%3Dit%26sa%3DG%26rlz%3D1W1ACAW_itIT338%26prmd%3Divnso
(9) http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.suite101.com/content/mark-twain-and-the-antiimperialist-league-a185524&ei=qZS1TaDEL47DswaD5bngDA&sa=X&oi=translate&ct=result&resnum=2&ved=0CDIQ7gEwAQ&prev=/search%3Fq%3Dmark%2Btwain%2Banti%2Bimperialist%2Bleague%26hl%3Dit%26sa%3DX%26rlz%3D1R2ACAW_it%26prmd%3Divnso
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (29)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


19/07/2019 @ 16:51:43
script eseguito in 43 ms