"
"Feuerbach aveva in parte ragione quando diceva che l'Uomo proietta nel fantasma divino i suoi propri fantasmi, attribuendogli la sua ansia di dominio, la sua invadenza camuffata di bontà, la sua ondivaga morale. Anche quando dubita dell'esistenza di Dio, in realtà l'Uomo non fa altro che dubitare della propria stessa esistenza."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio : Commentario 2012 (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 09/02/2012 @ 01:58:33, in Commentario 2012, linkato 1362 volte)
La settimana scorsa il parlamento ha celebrato una sorta di vendetta simbolica contro la magistratura approvando la legge sulla responsabilità civile dei giudici. Quanto sia puramente simbolica questa vendetta, è indicato dal fatto che i politici inquisiti facciano molto più affidamento sulla prescrizione, che non sulla dimostrazione della propria innocenza. In effetti negli scorsi anni, i casi di inchieste giudiziarie ai danni di esponenti della politica, rivelatisi poi inconsistenti, si sono potuti contare sulle dita di mezza mano. Chi potrebbe invece far valere questa legge sulla responsabilità dei giudici, è l'esule Cesare Battisti, che i magistrati sono riusciti a far assurgere al rango di un Padre Pio del terrorismo, dotato del dono dell'ubiquità. Come già il suo illustre omonimo impiccato dagli Austriaci durante la prima guerra mondiale, anche l'attuale Cesare Battisti è diventato un simbolo di unità nazionale, dato che politica e magistratura trovano il loro unico momento di armonia quando si tratta di dargli addosso e di pretenderne l'estradizione dal Brasile.
Deve essere proprio il fatto che Cesare Battisti sia oggi l'unico e vero garante dell'unità nazionale, ad avere suscitato le ire e le invidie del presidente Giorgio Napolitano, il quale si è particolarmente distinto per zelo nella caccia all'esule. Quando Battisti ha reagito verbalmente a queste attenzioni di Napolitano, ancora una volta il mondo istituzionale si è stretto a coorte attorno al presidente. Persino il Popolo delle Libertà, per una volta, ha trovato parole di solidarietà per il presidente della Repubblica, dato che in questi anni a nulla erano valse tutte le occasioni in cui Napolitano ha salvato il governo Berlusconi. Per le destre Napolitano rimane il comunista che nel 1956 approvò l'invasione sovietica dell'Ungheria.
Nessuna invasione è giustificabile, ma almeno in quel caso la paranoia sovietica aveva un qualche fondamento oggettivo, dato che appena quindici anni prima, nel 1941, l'Ungheria aveva partecipato massicciamente con le sue truppe all'Operazione Barbarossa, cioè l'invasione dell'Unione Sovietica. Ancora nel 1945 l'Ungheria aveva un partito nazista di massa, le Croci Frecciate, che per consistenza politica e numerica era in grado di far concorrenza persino al partito nazista tedesco.
Napolitano si è però redento da quel suo crimine del 1956 diventando un alfiere dell'invasione dell'Afghanistan prima, e del bombardamento della Libia poi. Ma cos'è che rende esecrabile un'invasione ed invece giusta e santa un'altra invasione?
Nel caso dell'invasione dell'Afghanistan, a suo tempo Bush non si scomodò neppure a fabbricare prove o slogan circa una partecipazione dei Talebani al terrorismo anti-USA. Invadere l'Afghanistan era giusto e basta.
Ciò che fa la differenza tra un'esecrabile invasione sovietica ed una santa invasione della NATO, è l'attività di business e di lobbying che la NATO si porta dietro. Nel caso dell'Afghanistan infatti sono ancora in piena attività i lobbisti del bomb-business, facenti capo all'azienda americana Boeing ed all'italiana Oto Melara, che producono assieme l'ultimo grido del progresso: economicissime bombe di piccolo diametro che consentono di armare maggiormente gli aerei. Insomma, bombe che ammazzano di più spendendo di meno. Sul sito del ministero delle Difesa c'è una vera e propria pagina pubblicitaria che reclamizza l'innovativo prodotto (a proposito di lobbying istituzionalizzato).[1]
Il Consiglio Supremo di Difesa di ieri mattina, 8 febbraio - presieduto proprio da Napolitano -, ha prodotto un comunicato sibillino, che sembra però fare riferimento proprio a queste economiche bombe, dato che vi si parla di garantire le missioni militari contenendone i costi.[2]
Pare perciò che il neo-ministro della Difesa, Giampaolo Di Paola, stia per riuscire laddove aveva fallito il ministro La Russa, cioè appunto dotare di bombe i velivoli militari italiani in Afghanistan.[3]
L'ammiraglio Di Paola è un lobbista di lusso, dato che riveste il ruolo di presidente del Comitato Militare della NATO. Anche Di Paola, come Mario Monti, è un pezzo grosso della NATO, quindi proviene dal tempio del lobbying militar-finanzario. [4]
La differenza di stile di Di Paola rispetto al naif Ignazio La Russa, la si è potuta apprezzare immediatamente; infatti l'ammiraglio ha preparato il terreno per il bomb-business scatenando nei giorni scorsi una mega-offensiva delle truppe italiane in Afghanistan. A causa di questa offensiva voluta da Di Paola, adesso gli orridi talebani stanno bombardando il nostro glorioso battaglione San Marco; e bisognerà vedere chi in parlamento avrà l'ardire di negare protezione aerea alle nostre truppe eroicamente impegnate sul terreno.[5]
Di Paola è anche colui che, nella sua funzione di direttore nazionale degli Armamenti, firmò nel 2002 con la Lockheed il contratto per la fornitura dei caccia F-35; un affare stimato, per ora, attorno ai quindici miliardi, e che si sta rivelando un grosso bidone tecnologico, una circostanza a cui la Lockheed non è affatto nuova nella sua lunga storia.[6]
L'arte del lobbista di alto livello si nota però nel momento della difficoltà. Di Paola ha infatti annunciato un "taglio" di tre miliardi rispetto alla spesa prevista per i caccia, in modo da sedare gli animi. Peccato che la cifra di quindici miliardi sia solo un preventivo, e l'effettiva portata della spesa sia tutta da verificare.[7]
[1] http://www.difesanews.it/archives/boeing-e-oto-melara-assieme-per-la-produzione-delle-small-diameter-bomb
[2] http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-02-08/consiglio-supremo-difesa-garantire-144536.shtml?uuid=AaM4XsoE
[3] http://www.repubblica.it/politica/2012/01/28/news/caccia_bombe-28933503/
[4] http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.nato.int/cv/milcom/dipaola-e.htm&ei=TsMuT5f0BKLb4QTR0e3EDg&sa=X&oi=translate&ct=result&resnum=6&ved=0CF4Q7gEwBQ&prev=/search%3Fq%3Ddi%2Bpaola%2Bnato%26hl%3Dit%26rlz%3D1R2ACAW_it%26prmd%3Dimvns
[5] http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-02-04/afghanistan-offensiva-italiana-farah-103846.shtml?uuid=AawYyzmE
[6] http://www.blitzquotidiano.it/politica-italiana/caccia-f35-lockheed-giampaolo-di-paola-1071430/
[7] http://tg.la7.it/politica/video-i497374
 
Di comidad (del 02/02/2012 @ 01:44:31, in Commentario 2012, linkato 1523 volte)
La commemorazione della strage di Piazza Fontana è il pretesto per una ciclica riproposizione della "pista anarchica" da parte dei media. Due anni e mezzo fa il libro di Paolo Cucchiarelli sulla strage del 12 dicembre 1969 costituì l'occasione per una campagna mediatica tesa a riproporre la responsabilità di Valpreda e Pinelli. Da sottolineare che il libro di Cucchiarelli si serviva soprattutto di fonti del SISDE e della NATO.[1]
Se si inquadra la strage di Piazza Fontana nell'ambito della psywar della NATO, e la si individua come un tipico attentato "false flag", questa insistenza mediatica a distanza di decenni sulla matrice anarchica risulta del tutto ovvia, poiché serve ad accreditare anche gli attuali attentati "false flag". Un interessante documentario del 2010, prodotto dalla BBC, a proposito della guerra psicologica e degli attentati con falsa attribuzione, propone forse un 10% della verità, ma risulta sufficiente per farsi un'idea sulla vastità ed importanza di questo aspetto della psywar nell'assetto di potere militare e finanziario che fa capo alla NATO.[2]
Ma ci sono anche fonti più dirette per acquisire informazioni sul ruolo della psywar. Nel numero del 29 luglio 2010 della pubblicazione ufficiale del servizio segreto interno, l'ex SISDE ed oggi AISI, cioè la rivista "Gnosis", si trova un interessante articolo di Marco Giaconi sul ruolo della psywar nella "governance" dell'economia occidentale. Marco Giaconi è il direttore di ricerca del Centro Militare di Studi Strategici di Roma, ente autonomo del Ministero della Difesa.[3]
Il titolo dell'articolo di Giaconi è "Il mercato come luogo di confronto: l'intelligence economica dalle strategie di difesa alle tattiche di attacco". Vi si sostiene che: "La funzione di base dell'intelligence economica - in senso ampio - è stata ed è la protezione dei sistemi produttivi e delle potenzialità di competizione dei settori commerciali/finanziari di ogni Paese."
Ma il discorso dell'articolista si fa immediatamente più esplicito: "Ai nostri giorni, in epoca di globalizzazione delle informazioni, non si può ignorare uno specifico ruolo più attivo - precipuo dell'aspetto dell'intelligence - a tutela della propria governance economico-finanziaria e dell'intero sistema Paese: una sorta di economic warfare o di psywar geoeconomica estremamente attenta a costruire percorsi di solidità sulle piazze mondiali del mercato.".
Chi desidera una confessione più completa di questa, se la vada a cercare nei telefilm di Perry Mason. Che i servizi segreti parlino tra loro di psywar senza più preoccupazioni di riservatezza, non ha nulla di strano, dato che nell'epoca di internet la segretezza sarebbe un'illusione, e persino la legislazione sul Segreto di Stato svolge una mera funzione di garanzia d'impunità nei confronti delle inchieste giudiziarie. Tanto c'è il controllo della potenza mediatica ad impedire che queste informazioni possano fare opinione pubblica. Quindi, se da parte dei servizi segreti NATO si teorizza esplicitamente la necessità della psywar come strumento di governance economica, non c'è neppure niente di strano nel fatto che la grande lotta operaia dell'autunno del 1969 sia stata stroncata con un attentato "false flag" attribuito ad una scheggia impazzita della sinistra. Sarebbe stato strano il contrario.
C'è da osservare che anche il megadirettore di Agenzia delle Entrate ed Equitalia, Attilio Befera, scrive sulla rivista dell'AISI, e questo può suggerire qualcosa circa gli attentati di "matrice anarchica" subiti di recente da Equitalia, visto che proprio "Gnosis" ci fa sapere che la psywar è uno strumento di "governance" economica.[4]
Quando si tratti di stragi però si va ben oltre la competenza dei servizi segreti nostrani, che possono al massimo occuparsi delle operazioni di copertura e depistaggio; in quanto, per i veri e propri atti di guerra, le decisioni possono essere prese solo a livello degli alti comandi NATO. Bisognerebbe perciò correggere la formula "strage di Stato", in "strage di NATO".
Le tesi sulla psywar economica esposte da "Gnosis" sono infatti del tutto inquadrate nella funzione storica dell'Alleanza Atlantica, dato che la "governance" economica fa parte dei compiti istituzionali della NATO sin dalla sua fondazione, ed a riguardo vi sono vari organi dell'alleanza che svolgono specifici incarichi. Uno di questi è il "Committee on Economic and Security", che si occupa di integrazione tra le economie degli alleati, quindi di interventi diretti della NATO nelle questioni economiche dei vari Paesi.
L'articolo 2 del Trattato Nord Atlantico, infatti afferma chiaramente che i paesi membri "cercheranno di eliminare ogni contrasto nelle loro politiche economiche internazionali e incoraggeranno la cooperazione economica tra alcuni o tutti loro."
Ce ne parlano i documenti reperibili sui siti della stessa NATO, da cui risulta che l'Alleanza Atlantica ha tra i suoi scopi quello di agire in concerto con le altre organizzazioni internazionali: FMI, WTO, OCSE, Banca Mondiale, UE, istituzioni che costituiscono un'orchestra con un unico direttore. La NATO, appunto.[5]

[1] http://www.corriere.it/cronache/09_maggio_28/mistero_piazza_fontana_Guastella_860a0548-4b4c-11de-a6f4-00144f02aabc.shtml
[2] http://www.bbc5.tv/video/psywar
[3] http://gnosis.aisi.gov.it/News/News.nsf/9313809689dbdb38c125754a0037b128/879c28c476557a77c125776f003a9b88!OpenDocument
[4] http://www.sisde.it/gnosis/Rivista19.nsf/ServNavig/13
[5] http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.nato-pa.int/Default.asp%3FSHORTCUT%3D146&ei=f4ElT_OELciH4gTb6fn5DA&sa=X&oi=translate&ct=result&resnum=1&ved=0CC4Q7gEwAA&prev=/search%3Fq%3Dnato%2Beconomics%2Band%2Bsecurity%2Bcommittee%26hl%3Dit%26rlz%3D1R2ACAW_it%26prmd%3Dimvns
http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.nato.int/cps/en/SID-52DEE429-33DBC706/natolive/topics_76400.htm&ei=9SQoT_PmO-rl4QSM9MnUAw&sa=X&oi=translate&ct=result&resnum=4&ved=0CEIQ7gEwAw&prev=/search%3Fq%3Dnato%2Beconomics%26hl%3Dit%26rlz%3D1W1ACAW_itIT338%26prmd%3Dimvns
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (46)
Commenti Flash (61)
Documenti (46)
Falso Movimento (1)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


19/11/2018 @ 19:01:43
script eseguito in 600 ms