"
"La condanna morale della violenza è sempre imposta in modo ambiguo, tale da suggerire che l'immoralità della violenza costituisca una garanzia della sua assoluta necessità pratica."

Comidad
"
 
\\ Home Page : Archivio : Commentario 2013 (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 04/04/2013 @ 00:01:30, in Commentario 2013, linkato 1613 volte)
Ogni volta che rimane ucciso qualche componente dei Navy Seals, si viene immancabilmente a sapere che avrebbe fatto parte del commando spedito ad eliminare Bin Laden. Così è nata anche la leggenda giornalistica della maledizione di Bin Laden; ma l'importante è ribadire il solito messaggio-fiaba, cioè che sarebbe esistito un super-terrorista chiamato Bin Laden, e che gli USA in qualche modo lo avrebbero eliminato. Non fa nulla che non esistano riscontri, poiché basta occupare la memoria con l'invadenza del sentito dire.
Due ex Navy Seals sarebbero morti anche nell'attacco contro il consolato di Bengasi in cui rimase ucciso l'ambasciatore USA in Libia. Su quell'attacco ancora non si sa nulla di preciso, e non esiste neppure uno straccio di versione ufficiale a cui fare riferimento. Per mantenere il segreto è quindi utile parlare di Navy Seals, poichè ciò costituisce un espediente subliminale per depistare le coscienze ed indurle ad inseguire il fantasma di Bin Laden, invece di domandare cosa stia davvero succedendo in Libia.
Ci sono poi cose militari che non sono affatto segrete, eppure, misteriosamente, non pervengono mai all'opinione pubblica. Una di queste è la funzione mega-affaristica della NATO, che si incarica addirittura di promuovere ed organizzare il modello di "sviluppo" (?) di intere aree del mondo.
Ad esempio, durante l'Energy and Economic Summit del novembre del 2012, al centro degli interessi del Consiglio Atlantico è stata l'area del Mar Nero con le sue prospettive di sviluppo commerciale. Curiosamente nella stessa pagina del sito del Consiglio Atlantico nel quale ci si intrattiene su questi temi apparentemente pacifici, c'è anche una comunicazione sul come passare dal livello tattico a quello strategico nell'attuale aggressione della NATO contro l'Iran. L'Iran non ha sbocco sul Mar Nero, ma c'è parecchio vicino, perciò l'affinità dei due argomenti trattati sulla pagina del sito del Consiglio Atlantico risulta abbastanza evidente.
Per l'opinione pubblica, la NATO costituisce essenzialmente un'alleanza militare, ed i suoi risvolti affaristici riguarderebbero esclusivamente la vendita di armi. In realtà la NATO agisce come un'agenzia di business e di lobbying per multinazionali di ogni genere, a cui ci si iscrive diventando sponsor del Consiglio Atlantico. Sul sito del Consiglio Atlantico si trovano pagine dedicate all'autopresentazione dei vari sponsor, come, ad esempio, la Corporate Commercial Bank AD, una banca bulgara.
Nell'articolo 2 del Trattato Nord Atlantico del 1949, a proposito delle relazioni tra gli Stati contraenti, si afferma che: "Essi cercheranno di eliminare i conflitti nelle rispettive politiche economiche internazionali ed incoraggeranno le reciproche relazioni economiche." Ciò vuol dire che la NATO si riserva di scavalcare e soppiantare i governi nazionali nelle loro prerogative fondamentali, come la politica economica, che va resa omogenea agli obiettivi dell'alleanza. Si comprende quindi che anche l'Unione Europea non è altro che un'emanazione della NATO. Ciò ha comportato, ovviamente, la selezione di un personale politico sempre più pavido, servile ed inetto. Nulla di strano, a questo punto, che persino una decisione scontata, come il pagamento dei debiti della Pubblica Amministrazione, diventi un problema insormontabile.
Affari, commercio, finanza, energia sono quindi armi fondamentali della strategia di aggressione globale della NATO. Trarre da questa constatazione la solita banalità secondo la quale la guerra avrebbe cause "economiche", diventerebbe un modo di giustificare la guerra con un concetto nobile e troppo onnicomprensivo come l'economia. Il problema va in effetti circoscritto ad osservazioni più concrete, e cioè che l'intreccio tra militarismo e affari è inestricabile, e che non soltanto le armi sono affari, ma anche tutti gli affari non legati direttamente al business bellico, diventano comunque armi. Tra gli sponsor del Consiglio Atlantico figurano ovviamente tutte le principali multinazionali, con grandi banche come JP Morgan, Deutsche Bank e Barclays ai posti d'onore. Il lobbying di queste multinazionali del credito trova quindi una base potente nella stessa NATO. Sarebbe un'informazione utile per tutti coloro che si lamentano delle tasse, dei tagli e degli abusi delle banche, poiché potrebbe costituire una remora a scattare sull'attenti ogni qual volta si evoca la minaccia di qualche dittatore.
Nel lessico colonialistico la parola "dittatore" svolge oggi un ruolo fondamentale, poiché esenta dal fornire qualsiasi prova delle proprie affermazioni. Basta attribuire al "dittatore" dei propositi aggressivi per ottenere l'alibi per attuare contro il suo Paese un'aggressione a tutti gli effetti. I bombardieri B-2 statunitensi infatti hanno operato pochi giorni fa un sorvolo della Corea del Nord in risposta alle presunte "minacce" del dittatore Kim Jong Un.
Le minacce del dittatore non le abbiamo potute sentire, in compenso ce le hanno riferite proprio quelli che gli mandano contro i minacciosi bombardieri B-2. Più che la minaccia nucleare del dittatore, ad irritare gli USA pare che sia l'attivismo degli affaristi cinesi nella Corea del Nord, ricca di materie prime e di manodopera, e che sta diventando un paradiso del business asiatico, però con l' esclusione delle multinazionali statunitensi e canadesi.
 
Di comidad (del 28/03/2013 @ 01:13:16, in Commentario 2013, linkato 2156 volte)
Il mistero della candidatura di Antonio Ingroia, a distanza di qualche settimana dalle elezioni, si è in parte risolto, ora che è stata definitivamente formalizzata la sua rinuncia all'incarico ONU in Guatemala. Che questo incarico costituisse un bidone particolarmente insidioso, tale da spiegare la scelta di sottrarvisi accettando un'assurda candidatura, è stato ulteriormente confermato dalla recente dichiarazione di un funzionario governativo dello Stato messicano del Chihuahua, un tale Guillermo Terrazas Villanueva. Questi ha accusato la CIA di non combattere affatto il traffico di droga in Centro-America, bensì di esserne addirittura il manager.
Certo, si tratta di una scoperta dell'acqua calda, e inoltre Villanueva ha edulcorato le sue dichiarazioni attribuendo alla CIA semplicemente l'obiettivo di voler evitare di stroncare il traffico per non perdere potere e finanziamenti; ma il tutto risulta comunque utile a far capire in che guai si sarebbe andato a cacciare Ingroia, una volta assunto il "prestigioso incarico internazionale". Tanto più che le organizzazioni internazionali, così celeri e solenni nell'affidare missioni salvifiche, si dimostrano poi prontissime ad abbandonare al loro destino i malcapitati che si siano lasciati irretire.
Viene spontaneo il paragone con quanto avvenuto ai due marò italiani, in missione "anti-pirateria" nell'Oceano Indiano per conto della NATO. Il quotidiano "il Foglio", noto per essere condotto da giornalisti col doppio passaporto - americano ed israeliano -, ha sgridato il governo per non aver immediatamente coinvolto la NATO nella vicenda dei marò.
In realtà la NATO è sempre stata coinvolta, sin dall'inizio, se si considera che il ministro della Difesa ancora in carica, Di Paola, è un funzionario della stessa NATO. Anche dal punto di vista del diritto internazionale, la NATO avrebbe dovuto essere il primo interlocutore ufficiale dell'India nella questione dei pescatori uccisi. Inoltre, a tutt'oggi i marò italiani costituiscono la truppa da sbarco che si assume il maggiore onere nella missione NATO nell'Oceano Indiano. Ce lo fa sapere il sito della stessa NATO, nell'ambito di una comunicazione su manovre congiunte nell'Oceano Indiano con la Marina militare russa (per la serie: continuiamo a farci illusioni sull'anti-imperialismo di Putin).
In astratto ciò avrebbe potuto significare che il nostro governo deteneva un potere contrattuale nei confronti della NATO, da far valere per riscuotere sostegno nella vicenda dei due marò. In concreto significa l'esatto opposto, e cioè che i nostri obbediscono e basta.
Infatti i due marò sono stati restituiti al governo indiano non appena la NATO ha avuto le garanzie che al loro processo non potrà uscire nulla che sveli le vere magagne che stanno dietro alla missione nell'Oceano Indiano. Tanto è vero che i due militari italiani saranno giudicati da un tribunale speciale. Anche la Marina indiana collabora con la NATO per le sedicenti missioni anti-pirateria, e questo suo potere contrattuale il governo indiano l'ha fatto valere. Gli USA hanno accondisceso all'accordo, poiché a pagarne il prezzo per intero era uno Stato-zerbino come l'Italia.
La stampa che ha criticato il governo e reclamato le dimissioni del ministro Terzi per il suo disastro diplomatico, però non ha fatto nulla per informarci sui veri termini della questione. La storia del semi-sequestro dell'ambasciatore da parte delle autorità indiane non sta in piedi, perché, se così fosse stato, il governo italiano avrebbe avuto un'occasione d'oro per fare la parte della vittima accusando l'India di una plateale violazione del diritto internazionale.
Che Ingroia non abbia voluto andare anche lui allo sbaraglio, ed abbia pensato soprattutto a salvare se stesso dalla trappola internazionale in cui era stato cacciato, può essere anche oggetto di comprensione, dato che è troppo comodo predicare l'eroismo sulla pelle degli altri. C'è anche da considerare che Ingroia si sarebbe trovato alle spalle una stampa italiana ostile, che si sarebbe affrettata a far passare qualsiasi problema che lui avesse incontrato come un mero effetto del suo protagonismo. Un Ingroia caduto sul campo non avrebbe avuto perciò nemmeno l'alone dell'eroe; anzi, si sarebbe detto che se l'era cercata.
Rimane però da chiarire l'altra parte del mistero, e cioè perché i due partiti comunisti abbiano deciso di gettarsi nell'avventura suicida della lista "arancione", accettando per di più che a capeggiare la lista fosse un candidato così chiaramente abulico e demotivato. Nel gennaio scorso, il segretario dei Comunisti Italiani, Diliberto, ha rilasciato un'intervista in cui tuonava: "Basta con la sinistra che si vergogna di se stessa".
Ma, se i due partiti comunisti non si vergognavano di se stessi, perché non presentarsi con una lista comunista? Perché Diliberto e Ferrero non hanno ritenuto affidarsi a quella frazione di elettorato di opinione ancora desiderosa di poter votare "falce e martello"? In una fase in cui il capitalismo ha gettato tutte le sue maschere, non avrebbe avuto più senso cercare un rapporto con quei settori sindacali che vorrebbero una copertura politica più convinta?
In questo momento l'euforia per l'elezione di De Magistris a Napoli si è del tutto spenta, e non solo a causa della sua gestione pedissequa e burocratica del Comune, ma anche per le sue continue esibizioni di servilismo nei confronti della NATO. In occasione del trasferimento in Gran Bretagna del comando NATO di Nisida, il sindaco De Magistris si è affrettato a rassicurare la popolazione circa il fatto che ciò non comporterà assolutamente un abbandono di Napoli da parte della NATO. Ma chi si era mai illuso?
Con l'offuscamento del suo uomo simbolo, il movimento "arancione" poteva considerarsi un capitolo chiuso, perciò la presentazione di una lista comunista avrebbe dovuto considerarsi scontata; e forse avrebbe creato a Bersani timori tali da indurlo persino ad allargare la coalizione di centrosinistra a Diliberto e Ferrero. Abbiamo quindi, ancora una volta, il caso clamoroso di un elettoralismo che smentisce se stesso, che getta improbabili ponti con la "società civile" (ma cos'è?), e rinuncia a galvanizzare i propri potenziali elettori. Sarebbe il caso di dire che i brogli elettorali cominciano addirittura prima delle elezioni, quando si preparano liste, candidature e simboli.
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (16)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (7)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


22/04/2019 @ 12:37:22
script eseguito in 52 ms