"
"Il vincolo statale funziona come un pastore che tiene unito il gregge, ma solo per metterlo a disposizione del predatore."

Comidad (2014)
"
 
\\ Home Page : Archivio : Commentario 2013 (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 14/11/2013 @ 03:00:24, in Commentario 2013, linkato 1627 volte)
Il 7 novembre ultimo scorso si è svolta al Quirinale una riunione del Consiglio Supremo di Difesa, presieduta da Giorgio Napolitano. Gli organi d'informazione si sono adoperati per non farcene sapere assolutamente nulla, cercando anzi di attirare l'attenzione su vicende veramente decisive per le sorti dell'umanità, come le telefonate della ministra Cancellieri o le persecuzioni antisemite contro i figli del Buffone di Arcore.
Perché tanto mistero? Quali terribili decisioni erano state prese dal Consiglio Supremo di Difesa a nostra insaputa? La soluzione dell'arcano per fortuna si poteva trovare su quei siti nei quali a nessuno viene in mente di cercare, come, ad esempio, quello del ministero della Difesa.
In parte la soluzione del mistero era scontata, poiché all'ordine del giorno della riunione c'era la questione del rifinanziamento delle missioni militari all'estero, dato che in questo settore non ci sono spending review che tengano ed i soldi si trovano sempre. Poi il Consiglio Supremo di Difesa (già il nome incute timore) ha elaborato un comunicato a sua volta reperibile sul sito della Presidenza della Repubblica.
Dal comunicato si apprende che occorrerà prepararsi ad un'altra di quelle svolte epocali a cui l'Europa ci ha assuefatto, cioè starebbe per concretizzarsi quella politica militare comune dell'Unione Europea, che va sotto il nome di Common Security Defense Policy, e che sarebbe comunque integrata nella NATO.
I supremi difensori della Patria si sono quindi riuniti per celebrare i riti del culto di Maastricht, pregando i colonizzatori di colonizzarci un po' di più. Un Consiglio Supremo di Collaborazione con l'Occupante. Dal comunicato si capisce infatti che a Roma non si decide nulla e che lo zelo andrà profuso solo per mettersi a disposizione. Per mostrarsi preparati, si dovrà però elaborare un bel "libro bianco" sulle forze armate, giusto per far vedere che l'attesa viene vissuta con compunta trepidazione.
Che progresso dai tempi in cui Alessandro Manzoni scriveva che la nostra parte era "servire e tacer"! Adesso invece bisogna servire riversandoci sopra un cumulo di chiacchiere e scartoffie.
Si può tranquillamente scommettere che l'avvio della Common Security Defence Policy verrebbe spacciato all'opinione pubblica come un'occasione di risparmio, come un modo per evitare sprechi ed inutili doppioni in campo militare. Ma altrettanto certo è che lo slogan ricattatorio del "ce lo chiede l'Europa" verrebbe poi usato nei fatti per aumentare a dismisura le spese militari. Intanto su organi di stampa insospettabili come "Il Fatto Quotidiano" appare qualche anticipazione di quelle fallaci promesse di risparmio che l'integrazione della difesa europea sarebbe in grado di consentire.
L'alone di silenzio delle prime pagine di giornali e telegiornali di fronte alla prospettiva concreta di integrazione europea delle forze armate, però attualmente continua; e potrebbe apparire persino eccessivo, dato che sono già in atto da tempo ben altre integrazioni, come quella con la NATO. Ma una notizia del genere arriverebbe al vasto uditorio nel momento in cui ci si rende conto di aver un po' esagerato mettendo sullo scranno di Presidente del Consiglio uno come Enrico Letta, una tale nullità che non si fa scrupolo di farci sapere di annoverare come suo massimo ideologo nientemeno che il pesce Nemo.
Cominciano perciò ad affacciarsi commentatori come Curzio Maltese, il quale, sul "Venerdì di Repubblica" del primo novembre, ammette che ormai la politica è soltanto una vuota rappresentazione ad uso dei talk-show per colonizzati, e che è in realtà la Troika FMI-UE-BCE a costituire il vero governo. In queste ammissioni però c'è ancora il trucco di far apparire la colonizzazione come effetto inevitabile delle nostre passate marachelle, in particolare il folle ventennio del Buffone di Arcore. L'autorazzismo di queste conclusioni serve quindi a riconfermare il destino di subordinazione coloniale, e rimane in linea con il culto di Maastricht.
I commenti forse si faranno più interessanti quando si comincerà a considerare anche il regime del Buffone come una conseguenza logica del Trattato di Maastricht. Forse sarebbe persino il caso di cominciare ad affrancare il nome del Comune di Arcore dal peso del suo più famigerato residente, cominciando a chiamarlo "Buffone di Maastricht". Nel 1992 Maastricht aveva infatti liquidato il ruolo tradizionale di mediazione che era assegnato alle politiche nazionali. Maastricht non ha eliminato una sovranità che già non c'era più; ha invece congedato, insieme con gli ammortizzatori sociali del welfare, anche gli ammortizzatori politici, per passare ad un colonialismo diretto, in cui la "politica" è solo distrazione.
 
Di comidad (del 07/11/2013 @ 03:04:14, in Commentario 2013, linkato 1489 volte)
Prima che le peripezie della ministra Cancellieri distraessero l'opinione pubblica, nella scorsa settimana aveva suscitato molta attenzione la sortita del Tesoro statunitense, che imputava l'attuale debolezza della zona euro alla politica economica imposta dalla Germania. Il governo tedesco si è preso la strigliata senza obiettare più di tanto, anche se avrebbe potuto facilmente far notare che, se l'amministrazione statunitense davvero non gradisse l'attuale conduzione della zona euro, le basterebbe far pressione sul Fondo Monetario Internazionale per cambiare le cose, dato che questo fa parte della famosa Troika che impone il "rigore" all'Europa.
In fondo, il fatto che il FMI abbia la sua sede centrale a Washington, non è da considerarsi proprio un caso. L'Italia ricopre dal 2011 lo status di sorvegliata speciale del FMI e, se si volesse farle recuperare un po' di competitività, basterebbe non imporle il raggiungimento del pareggio di bilancio. Sarebbe sufficiente questo per cominciare ad attenuare gli esagerati attivi della bilancia commerciale tedesca. Il FMI invece asseconda ogni tanto la retorica americana sulla "crescita" lanciando un'analoga retorica sugli effetti deleteri dell'austerità, ma la sua politica di imposizione della "austerità" - cioè di guerra contro le classi lavoratrici - rimane la stessa.
Oggi la Germania si ritaglia un enorme vantaggio commerciale, ma ciò avviene per una politica dettata da un organismo internazionale come il FMI; un organismo che Washington ha spesso dimostrato di poter controllare, anche liquidando all'occorrenza, con opportuni scandali, i dirigenti sgraditi come Strauss-Kahn. La Germania è detentrice di una posizione sub-imperialistica, ma il super-imperialismo rimane quello di marca FMI/NATO, cioè USA. Il FMI ha imparato dall'esperienza nazista che si può trattare anche l'Europa come una qualsiasi colonia africana, ma lo stesso nazismo aveva imparato molto dall'imperialismo anglosassone; perciò gli imperialismi, nel loro conflitto, tendono anche ad integrarsi.
Il punto di forza dell'imperialismo statunitense in Europa è infatti costituito dal collaborazionismo degli stessi gruppi dirigenti europei, più intenti al conflitto di classe che al conflitto nazionalistico. Il mito del declino statunitense poggia su un errore di fondo, in quanto si prende sul serio la fiaba circa l'esistenza di una "concorrenza" internazionale. Gli imperialismi maggiori e quelli minori competono tra di loro, ma più spesso si accordano a spese di altri. Il Trattato di Maastricht del 1992 fu il risultato di un accordo tra la Germania ed il FMI a danno dell'Europa del Sud; allo stesso modo adesso è tra Washington e Berlino che si stanno decidendo gli esiti del negoziato che nel 2015 avvierà il mercato transatlantico euro-americano, il TTIP, detto anche la "NATO Economica".
Persino l'Organizzazione Mondiale per il Commercio (WTO) rappresentò l'effetto di un'intesa finanziaria e commerciale tra gli USA e la Cina, con gli USA che costringevano tutte le frontiere ad aprirsi ai prodotti cinesi, in cambio dell'acquisto di titoli del Tesoro statunitense da parte della Cina. Il blocco dei negoziati di Doha dal 2001 e le dispute cino-americane sul pollame hanno determinato l'impressione giornalistica che il WTO sia in crisi. Sarà anche così, ma sta di fatto che il sistema di scambi finanziari e commerciali vigente è ancora quello determinato dagli accordi WTO detti "Uruguay Round" e che hanno generato i loro effetti dal 1995.
Il "declino" rappresenta il perenne marchio di fabbrica del dominio USA. I soli periodi storici di incontrastata supremazia economica statunitense sono coincisi con i due dopoguerra del secolo scorso, e per il resto l'economia americana è sempre stata in affanno, anche prima dell'ascesa dei cosiddetti BRICS. Dopo la prima guerra mondiale gli USA godevano di un predominio economico che sembrava insormontabile, ma riuscirono a bruciarlo in soli nove anni a causa del loro avventurismo.
Il punto fondamentale della questione non consiste neppure nella forza militare degli USA, dato che questi hanno più volte dimostrato di non saper vincere una guerra da soli, se non a Grenada. La vittoria sul Giappone nella seconda guerra mondiale viene presentata come una vittoria americana, e tanti film ci hanno mostrato gli eroici marines mentre stanavano i giapponesi da innumerevoli isolette per porvi le basi per l'attacco aero-navale al Giappone. Ma i film si dimenticano di precisare che quelle isole erano presidiate da poche migliaia di soldati giapponesi, dato che i milioni di soldati giapponesi intanto erano impegnati nella guerra in Cina.
Il pericoloso mito del declino statunitense si alimenta di cifre e statistiche che non considerano che Washington deve il suo ascendente planetario non ai successi economici o militari, ma al fatto di costituire la bestia nera delle classi lavoratrici, il sicuro alleato dei privilegiati di ogni parte del mondo nella guerra contro i loro poveri. Grazie alla mitologia del declino, gli USA possono rigenerare e perpetuare la loro aggressività, dissimulandosi sotto un "understatement" ed un basso profilo che non fanno altro che riconfermare la loro indispensabilità per risolvere i presunti "problemi" del mondo.
In un campo il predominio statunitense è sempre stato incontrastato, e continua ad esserlo, ed è quello ideologico, cioè la rappresentazione e narrazione del mondo. A differenza dei Tedeschi, gli Anglosassoni "portano" il razzismo con una tale disinvoltura che viene percepito come paterna sollecitudine. C'è sempre qualcosa o qualcuno da salvare, e la sopraffazione viene agevolmente spacciata come missione di salvataggio. E non ci sono soltanto i pazzi dittatori da tenere a bada. Ad esempio, l'ex vicepresidente USA Al Gore è diventato l'alfiere internazionale dell'emergenza "riscaldamento globale". Gore manipola per l'opinione pubblica temi che possono facilmente essere fraintesi come di "sinistra" (la minaccia ambientale, la finitezza delle risorse, il pericolo della guerra), per tracciare uno scenario apocalittico di conflitti globali in cui ci si scanna per accaparrarsi l'energia, il cibo e persino l'acqua.
In realtà, guerre come quelle contro l'Iraq e la Libia sono andate non ad accaparrare, ma a distruggere sistemi di approvvigionamento idrico costruiti in decenni di sforzi, e ciò a causa dello stesso intreccio tra militarismo e affari che ha innescato sinora tutte le guerre, e che presiede ad organismi internazionali come la NATO. Il lobbying delle multinazionali ha infatti trovato nella NATO il principale tempio in cui celebrare i propri riti e curare i propri affari. Il mito di un'emergenza ambientale a livello planetario serve ancora una volta a rafforzare l'idea dell'esigenza di un governo mondiale, quindi nuovi trattati, nuovi accordi per il commercio, altro potere alle organizzazioni internazionali come il FMI, la NATO, il WTO ed il TTIP. Insomma, qualcosa che assomiglia molto a ciò che già accade attualmente.
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (8)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (2)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (6)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


23/02/2019 @ 22:03:22
script eseguito in 53 ms