"
"Il denaro gode†di una sorta di privilegio morale che lo esenta dalla corvée delle legittimazioni e delle giustificazioni, mentre ogni altra motivazione non venale comporta il diritto/dovere di intasare la comunicazione con i propri dubbi e le proprie angosce esistenziali. Ma il denaro possiede anche un enorme potere illusionistico, per il quale a volte si crede di sostenere delle idee e delle istituzioni, mentre in realtà si sta seguendo il denaro che le foraggia."

Comidad (2013)
"
 
\\ Home Page : Archivio : Commentario 2014 (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di comidad (del 04/09/2014 @ 01:40:47, in Commentario 2014, linkato 1726 volte)
Renzi aveva promesso di stupire per il 29 agosto con una nuova "riforma" della Scuola. Nessuno si è stupito invece per il fatto che la promessa sia stata mancata. La prematura anticipazione da parte di Renzi era in effetti funzionale a fare un po' di guerra psicologica contro gli insegnanti. Mentre li si tratta da bersaglio, si cerca allo stesso tempo di alimentare la loro mitomania, già ampiamente coltivata nei famigerati corsi di "formazione" e di "aggiornamento".
Renzi lancia affermazioni assurde, come quella secondo cui tra dieci anni l'Italia sarà come l'avranno fatta oggi gli insegnanti. Non come l'avrà fatta la Scuola, il che sarebbe potuto passare come una semplice iperbole retorica, ma proprio gli insegnanti. Si umilia una categoria, ed allo stesso tempo si alimentano i suoi deliri di onnipotenza. Sembra un esperimento di Asch, con messaggi atti a determinare confusione mentale per indurre artificialmente uno stato di schizofrenia. La dichiarazione di Renzi non è stata deformata dai giornalisti, ma deriva da un suo post su Twitter, a dimostrazione di un uso spregiudicato dei media a fini di psywar. Creare gerarchie ed innescare competizione sfrenata tra i docenti costituisce sicuramente il modo migliore per affossare definitivamente l'istruzione pubblica, in modo che la Scuola serva solo come luogo di merchandising di prodotti finanziari.
Renzi rappresenta un vero e proprio strumento di guerra psicologica, utile in certi casi anche a distrarre e deviare l'attenzione, sempre verso futili questioni di ego. La copertina di "The Economist" dedicata alla barca dell'euro che affonda, è così diventata per i media la questione del gelato di Renzi. Nella barca della vignetta ci sono però anche la Merkel e Hollande, che, insieme con Renzi rappresentano una sorta di famigliola ignara, avviata verso il naufragio. Più in basso nella vignetta c'è il presidente della BCE, Draghi, rappresentato come l'unico consapevole, ma impegnato a cercare di salvare la barca con strumenti inadeguati.
Nella famigliola europea raffigurata da "The Economist", Renzi viene visto come il figlioletto, il nuovo arrivato, e questo era il senso del gelato collocatogli in mano.
Evidentemente non era lui il bersaglio principale della satira, eppure i media italiani hanno fatto finta che così fosse, mettendo sù una pretestuosa questione di orgoglio nazionale. Per rafforzare questa interpretazione, alcuni giornali non hanno esitato a tagliare la parte bassa della vignetta.
In soccorso della versione "gelataia", sono arrivate anche alcune dichiarazioni un po' troppo sconclusionate di Sergio Marchionne, che riesce a dimostrare ancora una volta di essere stupido esattamente come sembra. L'opinione pubblica italiana deve così essere tenuta all'oscuro della vera questione, che riguarda direttamente le sorti dell'euro. La consapevolezza che il tempo dell'euro stia scadendo, è consentita alle opinioni pubbliche di Paesi come la Francia, la Germania o la Gran Bretagna, ma non a quella italiana, poiché qui nei prossimi mesi ci sono le famose "riforme" di marca FMI da varare. Che le "riforme" e le "spreming review" non avranno alcun effetto sulla sopravvivenza o meno della moneta unica, questo oggi in Italia è il vero segreto di Stato.
Il settimanale britannico "The Economist" infatti non è un giornale qualsiasi: è una voce delle lobby finanziarie più potenti. Non a caso sullo stesso numero del settimanale si trova una querelle del vittimismo padronale, a proposito di una presunta criminalizzazione del business americano, fatto oggetto dal governo federale USA di inchieste giudiziarie che poi finiscono in accordi riservati e multe. Secondo il settimanale ciò andrebbe a danno dei poveri azionisti, che si vedono sottrarre una parte dei loro dividendi. Il privilegio di poter sfuggire con qualche elargizione ai rigori della legge, viene così fatto passare per una vessazione. Il solito piagnisteo dei ricchi, che non si accontentano di cavarsela con multe, ma chiedono persino lo sconto.
Nello stesso numero del settimanale si dedica un'altro articolo alla "minaccia-Putin". Lo scopo è di dare man forte alla lobby delle sanzioni finanziarie contro la Russia. Un tal genere di sanzioni si risolverebbe in un mega-business di riciclaggio finanziario, dato che l'oligarchia russa avrebbe bisogno dei vari Soros per gestire i suoi soldi all'estero, per cui è del tutto ovvio che "The Economist" alimenti lo stato di tensione con la Russia e la criminalizzazione di Putin.
Il settimanale britannico ci fa sapere che il lobbying finanziario si prepara alla fine dell'euro, ed ovviamente ci sono già pronte altre soluzioni. L'anno prossimo dovrebbe essere avviato il mercato transatlantico tra UE ed USA (il TTIP o "NATO economica"), e chiaramente ciò avrà ripercussioni anche sul piano monetario. Se la recessione tedesca dovesse cronicizzarsi nei prossimi mesi, la già fittizia leadership tedesca in Europa sarebbe ulteriormente screditata e indebolita, perciò la dollarizzazione dell'Europa si presenterebbe come una prospettiva credibile, e sarebbe resa persino desiderabile per l'opinione pubblica. Gli USA potrebbero facilmente spacciarsi come i salvatori della barca europea che affonda, tanto più che ci sarebbe la "minaccia-Putin" da tenere a bada.
Risulta sempre più evidente che la realizzazione del TTIP richiede che l'Europa ci arrivi in pessima salute, non come un partner degli USA, ma svolgendo la parte del paziente da strappare dal coma. Una delle regole auree dell'imperialismo è che ci si inventi dei nemici, in modo da poter fregare soprattutto gli "alleati".
 
Di comidad (del 11/09/2014 @ 01:40:59, in Commentario 2014, linkato 2444 volte)
L'ex ministro dell'Istruzione Gelmini ha rivendicato il copyright sulle proposte di "riforma" della Scuola avanzate in questi giorni da Matteo Renzi. La Gelmini ha fatto riferimento a quelli che, secondo lei, sarebbero i capisaldi della "riforma" che porta il suo nome: "il superamento del '68", il "merito", ecc.
Il ricordo del '68 ha sempre un notevole potenziale di distrazione, ed infatti la Gelmini si è dimenticata di ricordare l'effetto principale di quella "riforma" a lei attribuita, e cioè l'abolizione dell'istruzione tecnica. Col '68 l'istruzione tecnica non c'entrava nulla, dato che risaliva addirittura ai governi post-unitari. Se in Italia sono potuti nascere un ENI o un ENEL praticamente da un giorno all'altro, è stato perché era possibile attingere ai diplomati degli Istituti Tecnici. Quell'istruzione tecnica che prima lo Stato garantiva pressoché gratuitamente, oggi gli studenti sono costretti a comprarsela, spesso a credito, indebitandosi con banche e finanziarie; e poi magari iscrivendosi a quei corsi di laurea triennale che avrebbero dovuto sostituire la tradizionale figura del diplomato-perito. In realtà la figura del laureato triennale (l'ingegnere di serie B) interessa oggi alle aziende molto meno del diplomato del tipo pre-riforma Gelmini.
Con maggiore probabilità, però la Gelmini non ha dimenticato, ma semplicemente non ne ha mai saputo nulla, poiché la sua funzione di "ministro" consisteva appunto nel confondere le acque, mentre dietro di lei le lobby curavano i propri affari. Altrettanto probabilmente, ciò vale anche per Renzi, che forse non sa neppure di cosa parla, ma recita il copione che gli hanno affidato, composto inesorabilmente dai soliti luoghi comuni. Un altro slogan con specifica funzione fumogena e diversiva, è infatti quello del "merito". Per quanto possa essere relativo questo concetto (in ambito lavorativo significa servilismo verso i dirigenti e spionaggio verso i colleghi), fa sorridere la prospettiva di una valutazione del "merito", comunque concepito, affidata a personalità "borderline" come gli attuali dirigenti scolastici, reclutati nella feccia della categoria docente, fra i soggetti più affini alla criminalità comune.
Come oggi Renzi, a suo tempo anche la Gelmini tenne i media impegnati a parlare di aspetti astratti o marginali, mentre le vere modifiche al sistema passavano sotto silenzio. Probabilmente tra un mese Renzi tirerà fuori come un coniglio dal cilindro il provvedimento che davvero gli interessa (cioè interessa al Fondo Monetario Internazionale), cioè lo spostamento dell'ultimo anno del liceo verso l'università, a configurare un sistema analogo a quello statunitense, che distingue College (un doppione del Liceo) e University.
Più generoso della Gelmini, è stato invece l'ex ministro Brunetta, che non ha rivendicato copyright nei confronti di Renzi, sebbene lo stesso Brunetta possa considerarsi l'antesignano ed il precursore delle polemiche scomposte verso le cosiddette "forze dell'ordine". Qualcuno ancora si ricorda dell'epiteto di "panzoni" lanciato ai poliziotti dal ministro nel 2009. Lo stesso Brunetta qualche giorno dopo presentò delle "scuse" che di fatto rincaravano la dose, poiché il ministro continuava ad accusare la gran parte dei poliziotti di svolgere un lavoro da "passacarte".
Con altrettanta insolenza, oggi Renzi accusa poliziotti e carabinieri di essere dei "ricattatori" per aver prospettato un'ipotesi di sciopero. Come si vede, poliziotti e carabinieri sono garantiti e protetti solo quando ammazzano persone inermi ai posti di blocco. Lì se la cavano sempre con accuse di "omicidio colposo" che poi svaniscono per strada. Nell'omicidio a Rione Traiano di una settimana fa, i media si sono lanciati in pseudo-analisi sociologiche sul "degrado" napoletano, mentre richiedere un'analisi del sangue dei carabinieri coinvolti nella vicenda sarebbe stato più consono ai dati di fatto. La diffusione dell'alcolismo e delle tossicodipendenze fra i "tutori dell'ordine", costituisce infatti uno di quei capitoli su cui non è lecito far domande. A proposito di distrazione, il razzismo antimeridionale può vantare un potenziale praticamente illimitato. Nonostante i narco-Stati e le Mafialand disseminate dalla NATO nei Balcani, persino tra le "opposizioni" c'è ancora chi è disposto a bersi le "Gomorre" e le "Terre dei Fuochi".
Polizia e carabinieri non sfuggono però al "trend" europeo, che vede le lobby interessarsi al lucroso business della privatizzazione delle forze di polizia. Nel Regno Unito il processo di privatizzazione delle cosiddette forze dell'ordine è già in fase avanzata.
La privatizzazione dei corpi di polizia comporterà inevitabilmente un certo grado di dissacrazione mediatica di quelle "forze dell'ordine" che una volta non potevano neppure essere sfiorate dalla critica. Sarebbe stato invece interessante, ad esempio, capire quanto incidano le "forze dell'ordine" nella quota dei reati commessi, cioè quante "Uno Bianca" esistano ancora.
Può apparire inoltre paradossale la posizione di poliziotti e carabinieri, impegnati a criminalizzare e reprimere proprio i movimenti che lottano contro quelle privatizzazioni che oggi vanno a colpire persino le cosiddette forze dell'ordine. Anche la smilitarizzazione e l'accorpamento dell'Arma dei carabinieri alla polizia di Stato (come è già avvenuto in Francia con la Gendarmerie), servirebbe appunto a porre le basi giuridiche per privatizzazioni a tappeto. Infatti, nonostante la presunta "buona amministrazione" francese, nessun risparmio è derivato dalla privatizzazione della Gendarmerie.
D'altra parte le lobby delle privatizzazioni non sono solo esterne alle istituzioni, ma coinvolgono anche i funzionari interni. Come è già accaduto per l'industria di Stato, una gran parte della nomenklatura poliziesca si prepara a riciclarsi nei panni di "imprenditoria privata", anche se ovviamente sarà sempre il contribuente a pagare. La contrapposizione tra Stato e "privato" rimane infatti sul piano meramente astratto, dato che molti funzionari pubblici militano nella lobby delle privatizzazioni.
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Aforismi (2)
Bollettino (7)
Commentario 2005 (25)
Commentario 2006 (52)
Commentario 2007 (53)
Commentario 2008 (53)
Commentario 2009 (53)
Commentario 2010 (52)
Commentario 2011 (52)
Commentario 2012 (52)
Commentario 2013 (53)
Commentario 2014 (54)
Commentario 2015 (52)
Commentario 2016 (52)
Commentario 2017 (52)
Commentario 2018 (52)
Commentario 2019 (28)
Commenti Flash (61)
Documenti (44)
Falso Movimento (3)
FenÍtre Francophone (6)
Finestra anglofona (1)
In evidenza (8)
Links (1)
Storia (7)
Testi di riferimento (9)



Titolo
Icone (13)


Titolo
FEDERALISTI ANARCHICI:
il gruppo ed il relativo bollettino di collegamento nazionale si ť formato a Napoli nel 1978, nell'ambito di una esperienza anarco-sindacalista.
Successivamente si ť evoluto nel senso di gruppo di discussione in una linea di demistificazione ideologica.
Aderisce alla Federazione Anarchica Italiana dal 1984.


17/07/2019 @ 06:19:31
script eseguito in 48 ms